Dolce di Barcellona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dolce d'Aragona
2- Rainha D. Dulce.jpg
Regina Dolce d'Aragona
Regina consorte del Portogallo
Stemma
In carica 1185-1198
Predecessore Mafalda di Savoia
Erede Alfonso II del Portogallo
Successore Urraca di Castiglia
Nome completo Dolce Raimundez Berengaria d'Aragona
Altri titoli signora di Alenquer
Nascita 1160
Morte Coimbra, 1º settembre 1198
Luogo di sepoltura Monastero della Santa Croce
Dinastia Casa di Navarra
Padre Raimondo Berengario IV di Barcellona
Madre Petronilla di Aragona
Consorte Sancho I del Portogallo
Figli 11 figli

Dolce Raimundez, chiamata anche Dolce Berengaria d'Aragona. Dulce in spagnolo, in asturiano, in aragonese, in portoghese e in galiziano, Dolça, in catalano e Dulze in basco (1160Coimbra, 1º settembre 1198), fu regina consorte di Portogallo, dal 1185 al 1198.

Regno d'Aragona
Casa di Navarra
Blason Royaume d'Aragon ancien.svg

Ramiro I
Figli
Sancho I
Pietro I
Figli
  • Pietro
  • Isabella
Alfonso I
Ramiro II
Petronilla con Raimondo Berengario IV di Barcellona
Modifica

Origine[1][2][modifica | modifica wikitesto]

Figlia del conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV e della regina di Aragona, Petronilla (figlia del re di Aragona, Ramiro II e Inés di Poitou o Agnese di Poitiers), e quindi sorella del sovrano della corona d'Aragona, Alfonso II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1175 (secondo le Cronache Lusitane[3], il matrimonio avvenne nel 1174), Dolce sposò l'erede al trono del Portogallo[4], il figlio del re del Portogallo Alfonso I e della principessa Mafalda di Savoia (1125-1158, figlia secondogenita del conte di Savoia Amedeo III e di Mafalda d'Albon), Sancho, che, nel 1185, alla morte del padre, Alfonso il Conquistatore, divenne re del Portogallo e Dolce divenne regina consorte.

A Dolce spettò la signoria di Alenquer, con le relative rendite.

Dolce morì a Coimbra il 1º settembre del 1198 e a Coimbra fu tumulata nel monastero della Santa Croce[4] dove erano già stati tumulati i suoi suoceri.

Discendenza[5][4][6][modifica | modifica wikitesto]

Dolce diede undici figli a Sancho:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 865-896
  • Edgar Prestage, "Il Portogallo nel medioevo", in Storia del mondo medievale', vol. VII, 1999, pp. 576-610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Armoiries Portugal 1180.svg
regina consorte del Portogallo
Successore Flag of Portugal.svg
Mafalda di Savoia 1185 - 1198 Urraca di Castiglia
Controllo di autorità VIAF: (EN305365063 · LCCN: (ENnb2013020915