Dmitrij L'vovič Naryškin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Dmitrij L'vovič Naryškin, di Ludwig Guttenbrunn, Ermitage.

Dmitrij L'vovič Naryškin (in russo: Дмитрий Львович Нарышкин?; 30 maggio 176431 marzo 1838) è stato un nobile russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Lev Aleksandrovič Naryškin, e di sua moglie, Marija Osipovna Zakrevskaja. Ricevette un'educazione a casa.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò il suo servizio alla corte di Caterina II, il 1º gennaio 1793 come ciambellano.

Nel novembre 1836 inviò a Aleksandr Sergeevič Puškin un anonimo "diploma" della sua elezione a vice maestro del cornuto. Profondamente offeso da questa presa in giro, il poeta ha cercato di capire chi c'era dietro. Il risultato è stato l'ultimo duello e la morte di Aleksandr Sergeevič Puškin.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1795 sposò la principessa Marija Antonovna Światopełk-Czetwertynski. Ebbero sei figli, tre dei quali morirono in tenera età. Tutti i bambini erano ufficialmente di Dmitrij anche se è di opinione diffusa che il padre dei cinque bambini più piccoli fosse l'imperatore Alessandro I:

  • Marija Dmitrievna (1798-11 agosto 1871), sposò il conte Nikolaj Dmitrievič Gur'ev, ebbero tre figli;
  • Elizaveta Dmitrievna (1803);
  • Elizaveta Dmitrievna (28 agosto 1804);
  • Sof'ja Dmitrievna (1808-18 giugno 1824);
  • Zinaida Dmitrievna (18 luglio 1810);
  • Ėmmanuel Dmitrievič (30 luglio 1813-31 dicembre 1901).

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 31 marzo 1838. Fu sepolto nel Monastero di Aleksandr Nevskij.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie