Dmitrij Grigor'evič Pavlov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dmitrij Grigor'evič Pavlov
D. G. Pavlov.jpg
23 ottobre 1897 - 22 luglio 1941
(43 anni)
Nato a Kologrivskij rajon
Morto a Mosca
Cause della morte Condanna a morte
Dati militari
Paese servito Flag of the Soviet Union (1923-1955).svg Unione Sovietica
Forza armata Red Army flag.svg Armata Rossa
Anni di servizio 1914-1941
Grado Generale d'armata
Guerre Prima guerra mondiale
Guerra civile russa
Guerra civile spagnola
Guerre di confine sovietico-giapponesi
Guerra d'inverno
Seconda guerra mondiale
Decorazioni Eroe dell'Unione Sovietica

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Dmitrij Grigor'evič Pavlov in russo: Дмитрий Григорьевич Павлов? (Kologrivskij rajon, 23 ottobre 1897Mosca, 22 luglio 1941) è stato un generale sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Veterano del primo conflitto mondiale, partecipò alla guerra civile russa servendo l'Armata Rossa fin dal 1919. Fino al 1936 fu al comando di una unità tattica corazzata. Nel 1936-1937 prese parte anche alla guerra civile spagnola e fu a capo delle forze corazzate sovietiche che sostenevano l'esercito repubblicano; ebbe il nome di battaglia di Pablo e ricevette per meriti bellici l'onorificenza di Eroe dell'Unione Sovietica. Rientrato in patria, divenne comandante di tutte le forze corazzate e motorizzate sovietiche, con il grado di direttore della sezione veicoli corazzati del commissariato del popolo della difesa. Presente sul campo anche durante la guerra d'inverno contro la Finlandia; nel giugno 1940 cedette la sua carica alla loro generale d'armata Fedorenko. Venne innalzato al grado di generale il 22 febbraio 1941.

Fu al comando del teatro d'operazioni occidentale dell'Armata Rossa durante i primi giorni dell'Operazione Barbarossa, nel giugno del 1941. L'attacco tedesco colse di sorpresa Pavlov e la linea del fronte a lui affidata cedette. Come immediata conseguenza Pavlov venne sollevato dal suo incarico e il 28 giugno il suo posto venne preso dal maresciallo Andrej Ivanovič Erëmenko. Venne quindi arrestato, accusato di tradimento e di incompetenza militare e condannato a morte per fucilazione. Insieme a lui vennero giustiziati il capo di Stato Maggiore del distretto, generale Klimovscic, anche capo del servizio segreto, e alcuni alti ufficiali dello Stato Maggiore.

Venne riabilitato nel 1956.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Parrish, The Lesser Terror: Soviet State Security, 1939-1953, Praeger/Greenwood, 1996. Relevant pages available from Google Book Search: The Lesser Terror: Soviet State ... - Google Book Search at books.google.ca The Lesser Terror: Soviet State ... - Google Book Search at books.google.ca, The Lesser Terror: Soviet State ... - Google Book Search at books.google.ca

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B. Palmiro Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale, vol. 2, Milano, Mondadori Editore, 1975, p. 92, SBN IT\ICCU\TO0\0604602.
Controllo di autorità VIAF: (EN84244071 · GND: (DE130384380
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie