Dmitrij Bilozerčev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dmitrij Bilozerčev
Dmitry Bilozerchev 1987.jpg
Nazionalità URSS URSS
Altezza 169 cm
Peso 70 kg
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Specialità tutte
Palmarès
Giochi olimpici 3 0 1
Mondiali 8 4 0
Europei 10 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Dmitrij Bilozerčev, nome completo: Dmitrij Vladimirovič Bilozerčev (rus. Дмитрий Владимирович Билозерчев; Mosca, 22 dicembre 1966), è un ex ginnasta sovietico, uno degli atleti più completi della storia ginnastica; vincitore di tre medaglie d'oro olimpiche e otto mondiali. La sua carriera è stata condizionata dal boicottaggio sovietico alle Olimpiadi di Los Angeles (1984) e da un terribile incidente automobilistico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dmitrij Bilozerčev è cresciuto nella CSKA di Mosca[1]; ammirato per la sua figura impeccabile, lo stile e la tecnica, nel 1983 Bilozerčev divenne il più giovane campione mondiale assoluto della storia. A soli sedici anni, infatti, vinse quattro medaglie d'oro nel concorso generale individuale, al cavallo con maniglie, agli anelli e alla sbarra ai Mondiali di Budapest[2]. Lo stesso anno si laureò quattro volte Campione europeo (individuale, anelli, sbarra e volteggio) a Varna (Bulgaria).

L'anno successivo non ha potuto partecipare alle Olimpiadi di Los Angeles, per il boicottaggio del suo paese alla competizione. Vinse, tuttavia, cinque medaglie d'oro ai Giochi dell'amicizia del 1984, allestiti come Giochi olimpici alternativi dalle nazioni comuniste boicottanti[3].

Nel 1985, ebbro per aver bevuto troppo champagne dopo aver vinto i campionati europei (sei ori e un argento), lasciò il campo di allenamento senza autorizzazione e, soltanto dieci giorni dopo aver preso la patente, si schiantò con l'auto di suo padre[3]. Nell'incidente riportò la frattura della gamba in quarantadue punti, tanto da farne temere l'amputazione[3]. Dopo aver subito un intervento chirurgico alla caviglia, Bilozerčev riuscì a recuperare, tornando a vincere la medaglia d'oro ai Campionati del Mondo del 1987 nel concorso generale individuale, in quello a squadre, alla sbarra e alle parallele[2].

Alle Olimpiadi di Seul vinse tre medaglie d'oro, al cavallo con maniglie, agli anelli (in entrambi i casi a pari merito) e nella gara a squadre. Nel concorso generale individuale una caduta dalla sbarra, che gli costò 0,500 punti di penalità, lo ha relegò al terzo posto a soli 0,150 punti dal suo compagno di squadra Vladimir Artëmov, vincitore della medaglia d'oro[3]. Nel 1989 Bilozerčev, ubriaco da due giorni, fu espulso dalla squadra nazionale "per la sua influenza corruttrice su altri membri del team"[3].

Nel 1993 si è trasferito negli Stati Uniti. Insieme alla moglie, è proprietario della "United Sports Academy" a Beaverton, nell'Oregon, dove è istruttore di ginnastica.[4] Suo figlio Aleksey e la figlia Alice sono anch'essi ginnasti.[5]

Nel 2003 è stato inserito nella hall of fame internazionale della ginnastica (International Gymnastics Hall of Fame) [2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato
1988 Giochi della XXIV Olimpiade Corea del Sud Seul Concorso a squadre Oro
Anelli Oro
Cavallo con maniglie Oro
Concorso Individuale Bronzo
Mondiali
Europei

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Great Olympic Encyclopedia, vol.1–2, Olympia Press Publisher, Mosca, 2006, consultabile alla voce: "Билозерчев" online
  2. ^ a b c Profilo Hall of Fame
  3. ^ a b c d e Dmitry Bilozerchev sports-reference.com Archiviato il 22 maggio 2009 in Internet Archive.
  4. ^ unitedsportsacademy.tripod.com
  5. ^ Bilozertchev: The U.S.'s new secret agent? gymblog. wordpress.com (2007-08-28)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]