Diversity Media Awards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diversity Media Awards
LuogoUnicredit Pavillion, Milano, Italia
Anni2016 - oggi
Frequenzaannuale
Fondato daDiversity
DateMaggio
GenereMedia
OrganizzazioneFrancesca Vecchioni (Presidente)
Sito ufficialewww.diversitylab.it/dma/

I Diversity Media Awards sono un riconoscimento annuale, ispirato ai Glaad Media Awards, basato su una ricerca (il Diversity Media Report)[1] che coinvolge nove università italiane e l'Osservatorio di Pavia. Il premio Media Young viene invece assegnato dagli studenti delle scuole superiori coinvolti da Diversity nel progetto omonimo.[2]

I Diversity Media Awards sono assegnati da Diversity, una associazione no profit fondata da Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto Vecchioni, allo scopo di combattere le discriminazioni legate all'orientamento sessuale e all'identità di genere.[3]

I riconoscimenti sono consegnati nel corso di una cerimonia (con cena di gala, sul modello dei Golden Globes) che si tiene presso l'UniCredit Pavilion di Milano.

La prima edizione dei Diversity Media Awards è stata condotta da Fabio Canino e Syria e ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Malika Ayane.

L'edizione 2017 dei Diversity Media Awards, condotta da Fabio Canino e Carolina Di Domenico, è andata in onda in prima TV il 7 giugno 2017 su Real Time. Gli ospiti musicali sono stati Ermal Meta, Paola Turci, Syria e Roberto Vecchioni.

Nominati e vincitori 2016[4][modifica | modifica wikitesto]

Cinema - Miglior film italiano[modifica | modifica wikitesto]

Radio - Miglior programma radio[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità - Miglior campagna[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie italiana[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie straniera[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior programma[modifica | modifica wikitesto]

Web - Miglior produzione video[modifica | modifica wikitesto]

  • 10percento (Badhole Video)
  • Fuori!
  • The JackaL

People - Personaggio dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Premio Media Young[modifica | modifica wikitesto]

Miglior servizio TG[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrizia Senatore, Famiglie Arcobaleno a Salerno, TG3

Miglior articolo d'informazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior articolo di costume[modifica | modifica wikitesto]

Nominati e vincitori 2017[modifica | modifica wikitesto]

Cinema - Miglior film italiano[modifica | modifica wikitesto]

Radio - Miglior programma radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Il ruggito del coniglio (Rai Radio 2)
  • Bianco e Nero (Rai Radio 1)
  • Fahrenheit (Rai Radio 3)
  • Lateral (Radio Capital)
  • Melog (Radio24)
  • Pinocchio (Radio Deejay)

Pubblicità - Miglior campagna[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie italiana[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie straniera[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior programma[modifica | modifica wikitesto]

People - Personaggio dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

People - Influencer dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Premio Media Young[modifica | modifica wikitesto]

Miglior servizio TG[modifica | modifica wikitesto]

  • Isabella Schiavone, Da oggi le unioni civili sono legge dello Stato, le reazioni a caldo del mondo Arcobaleno, TG3

Miglior articolo d'informazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior articolo di costume[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Alberti, Vi sembra possibile essere adottati dalla mamma?, Marie Claire

Nominati e vincitori 2018[modifica | modifica wikitesto]

Cinema - Miglior film italiano[modifica | modifica wikitesto]

Radio - Miglior programma radio[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità - Miglior campagna[modifica | modifica wikitesto]

  • Amati per come sei (Coconuda)
  • A modo nostro l’amore (Brosway)
  • Fuori luogo (Gibbo&Lori e Idealista)
  • Pool Boy (Santo e Coca-Cola)
  • #PowertoKisses (Red Team e Vodafone)

TV - Miglior serie italiana[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie straniera[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior programma[modifica | modifica wikitesto]

People - Personaggio dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

People - Influencer dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

  • Loretta Grace
  • Shanti Lives
  • Iconize
  • Willwosh
  • Gnambox
  • Martina Dell'Ombra

Premio Media Young[modifica | modifica wikitesto]

Nominati e vincitori 2019[modifica | modifica wikitesto]

Cinema - Miglior film italiano[modifica | modifica wikitesto]

Radio - Miglior programma radio[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità - Miglior campagna[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie italiana[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior serie straniera[modifica | modifica wikitesto]

TV - Miglior programma[modifica | modifica wikitesto]

People - Personaggio dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

People - Influencer dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Miglior prodotto digitale[modifica | modifica wikitesto]

  • Intervista a Fiorenza de Bernardi - Freeda
  • Luca Trapanese adotta Alba, bambina down rifiutata da 30 famiglie - Fanpage.it
  • La prima volta - Vice
  • Giovani italiani seconda generazione - The Vision

Nominati e vincitori 2020[modifica | modifica wikitesto]

People - Personaggio dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ritorna Diversity Media Awards: il meglio dei media sui temi Lgbt, su gaypost.it. URL consultato il 10 giugno 2017.
  2. ^ Media Young - Diversity Lab, in Diversity Lab. URL consultato il 10 giugno 2017.
  3. ^ Giovanna Pezzuoli, Il mondo lgbt in 10 anni di telegiornali Scandali e unioni civili tra le top news. URL consultato il 10 giugno 2017.
  4. ^ Chi ha vinto i #DMA2016 | Diversity, su Diversity. URL consultato il 10 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]