Disturbo disintegrativo dell'infanzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disturbo disintegrativo dell'infanzia
Specialitàpsichiatria, psicologia e psicoterapia
Eziologiapsichiatrica
Classificazione e risorse esterne (EN)
MedlinePlus001535

Il disturbo disintegrativo dell'infanzia (anche chiamato sindrome di Heller, demenza infantile o psicosi disintegrativa) è un disturbo pervasivo dello sviluppo raro ed estremamente grave. È anche noto come "autismo regressivo" e causa spesso la perdita di capacità fisiche o cognitive precedentemente acquisite dal bambino oltre a bloccarne il progresso.

Colpisce circa 17 nati su un milione[1] ed è considerato il più debilitante tra i DPS.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Il bambino colpito da questa sindrome va incontro, dopo i primi due anni di vita, ma sempre prima dei 10, ad una perdita significativa di capacità acquisite in precedenza in almeno due delle seguenti aree:

Il disturbo disintegrativo dell'infanzia spesso è associato al ritardo mentale grave.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Il disturbo disintegrativo dell'infanzia può essere trattato con una terapia psichiatrica, tramite farmaci che tengono sotto controllo alcuni sintomi, ad esempio acting out di vario genere. Tuttavia allo stato attuale non esiste una cura per questo disturbo, così come per il resto dei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fombone E (June 2002). "Prevalence of childhood disintegrative disorder". Autism

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina