Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Distretto di Rolpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Distretto di Rolpa
distretto
रोल्पा
Localizzazione
Stato Nepal Nepal
Regione Medio Occidente
Zona Rapti
Amministrazione
Capoluogo Livang
Territorio
Coordinate
del capoluogo
28°18′N 82°38′E / 28.3°N 82.633333°E28.3; 82.633333 (Distretto di Rolpa)Coordinate: 28°18′N 82°38′E / 28.3°N 82.633333°E28.3; 82.633333 (Distretto di Rolpa)
Superficie 1 879 km²
Abitanti 210 004 (2001)
Densità 111,76 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+5:45
Cartografia

Distretto di Rolpa – Localizzazione

Sito istituzionale

Il distretto di Rolpa è uno dei 75 distretti in cui è diviso amministrativamente il Nepal e si trova nell'area sudoccidentale del Paese.

Confina con il distretto di Dang a sud, con il distretto di Pyuthan a est, con il distretto di Salyan a ovest e con il distretto di Rukum a nord.

Copre un'area di 1,879 km² e ha una popolazione di 210.004 abitanti.[1] Il suo capoluogo è il centro abitato di Livang. Il territorio è suddiviso in 51 Comitati per lo sviluppo dei villaggi (VDC).

Geograficamente il distretto appartiene alla zona collinare delle Mahabharat Lekh. La zona, montuosa e percorsa da pochissime strade (non asfaltate), è tra le più arretrate del Nepal, con un'aspettativa di vita di 52 anni e un reddito medio inferiore ai 100 dollari annui pro capite.

La popolazione è prevalentemente di etnia Kham Magar e vive in larghissima maggioranza grazie alla coltivazione del riso. Quasi tutti i villaggi sono privi di energia elettrica e di acqua corrente.

Il distretto di Rolpa è noto anche per essere stato la culla dell'insurrezione proclamata nel 1996 dal Partito Comunista Maoista Nepalese di Prachanda, durata fino al 2006.

Mappa del distretto di Rolpa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da sito GeoHive (censimento 2001-06-22). URL consultato il 05-12-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Gilioli, "Premiata macelleria delle Indie", ed. Rizzoli, 2007, ISBN 88-17-01871-6