Distanza angolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La distanza angolare (nota anche come separazione angolare o separazione apparente) è l'angolo tra le due linee di visuale o tra due oggetti puntiformi visti da un osservatore.

La distanza angolare compare in matematica (in particolare in trigonometria) e in tutte le scienze naturali, come astronomia e geofisica. Nella meccanica classica degli oggetti rotanti, compare accanto a velocità angolare, accelerazione angolare, momento angolare, momento di inerzia e momento meccanico.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Il termine distanza angolare è usato per esprimere la distanza lineare tra gli oggetti, in campo astronomico ad esempio tra un paio di stelle osservate dalla Terra.

Misura[modifica | modifica wikitesto]

Poiché la distanza angolare è concettualmente identica a un angolo, viene misurata nelle stesse unità, come gradi o radianti, utilizzando strumenti come goniometri o strumenti ottici appositamente progettati per puntare in direzioni ben definite e misurare i corrispondenti angoli (come i telescopi).

Equazione[modifica | modifica wikitesto]

Per calcolare la separazione angolare in secondi d'arco per sistemi stellari binari, pianeti extrasolari, oggetti del sistema solare e altri oggetti astronomici, viene utilizzata la distanza orbitale (semiasse maggiore) in UA, diviso per la distanza stellare , in parsec, e l'approssimazione di piccoli angoli per :

Per calcolare la separazione angolare di due punti situati sulla superficie di una sfera vista dal suo centro, utilizziamo l'esempio di due oggetti astronomici definiti dalle loro coordinate celesti, vale a dire da ascensione retta (RA) e declinazione (dec) ; la separazione angolare tra i due punti può essere calcolata come segue:

Stima approssimativa[modifica | modifica wikitesto]

Stima del diametro angolare con la mano

Per calcolare grossolanamente la distanza angolare con approssimazioni dell'ordine di un grado d'arco è possibile usare la mano e le dita come strumento di misura durante l'osservazione visuale. Grosso modo a braccio disteso in direzione degli oggetti da osservare le distanze angolari risulteranno essere:[1]

  • L'estremità del mignolo copre circa 1°
  • Il pollice copre circa 2°
  • L'indice, il medio e l'anulare uniti, 5°
  • Il pugno chiuso, 10°
  • La mano con le dita aperte, da pollice a mignolo, circa 20°

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Distanza angolare, su eratostene.vialattea.net.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4189964-7