Disfunzione sessuale post-SSRI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La disfunzione sessuale post-SSRI[1] (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSSD) è una patologia iatrogena (→ dovuta ad un farmaco) causata dagli inibitori del reuptake della serotonina (SSRI) e inibitori del reuptake di serotonina-noradrenalina (SNRI) caratterizzata da disfunzioni sessuali ed emotive che insorgono durante l'assunzione del farmaco e che persistono per un tempo indefinito dopo la sospensione degli SSRI\SNRI. Può altresì comparire alla sospensione del trattamento, rappresentando uno specifico sottotipo di sindrome da sospensione degli SSRI\SNRI. Questa condizione non è stata ancora ben definita e studiata.[2]

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Al di là del nome, la patologia non consiste solo in un insieme di sintomi che colpiscono la sfera sessuale ma è spesso caratterizzata da una più ampia difficoltà a provare esperienze edoniche ed emotive in genere, di cui i disturbi sulla sessualità sono solo i riflessi più evidenti.[2]

I sintomi più comuni, che possono essere presenti contemporaneamente o meno, consistono in:[2][3]

  • assenza\riduzione libido: incapacità di provare attrazione sessuale; può venire meno il piacere legato alla sessualità, la necessità di esprimere bisogni fisici legati alla sessualità (come la masturbazione o la ricerca di materiale pornografico), il desiderio di ricercare un rapporto e le fantasie erotiche; possono essere assenti sogni erotici;[2]
  • perdita o diminuzione della risposta fisica agli stimoli sessuali;
  • anestesia tattile o riduzione della sensibilità ai genitali: può essere diminuita o venire meno la sensibilità tattile e alla temperatura delle aree genitali (pene, vagina e talvolta anche capezzoli);[4]
  • disfunzione erettile, diminuita lubrificazione vaginale: negli uomini raggiungere e mantenere una erezione risulta difficoltoso sia per via psicogena (pensieri a sfondo sessuale, visione di immagini erotiche) sia che per stimolazione fisica; nelle donne può venire meno la congestione genitale. Riduzione o assenza delle erezioni notturne e mattutine (la cui presenza è usata come indicatore per distinguere una disfunzione sessuale di origine psicogena da una fisiologica);[2]
  • incapacità o difficoltà a raggiungere l'orgasmo (anorgasmia) o eiaculazione precoce, sindrome da eccitazione sessuale persistente nelle donne (PGAD);[3]
  • anedonia orgasmica: può permanere la sensazione dell'orgasmo associata alle contrazioni muscolari ma queste non trasmettono più piacere;
  • ottundimento emotivo ed anedonia: può essere diminuita la capacità di provare emozioni (sia positive che negative, può risultare ad esempio difficile piangere o provare "sensazioni forti"), sensazioni edoniche in genere e di legame emotivo, può venire meno il desiderio di intimità di coppia;[2] possono essere presenti apatia, mancanza di motivazione e di stimolo di fare, diminuita la capacità creativa. Musica, hobby o attività prima coinvolgenti possono non risultare più particolarmente attraenti o gratificanti;[5] i pazienti potrebbero essere in grado di discernere questi sintomi da quelli causati da eventuali patologie depressive di fondo.[6]
  • riduzione della viscosità e del volume dello sperma;[7]

Generalmente non sembrerebbero essere presenti sintomi psicologici residui di depressione ed ansia mentre è spesso descritto in senso generale di "distacco" e alienazione.[8][3][9]

Tali sintomi possono comparire durante l'assunzione e persistere dopo l'interruzione, oppure peggiorare o comparire con la sospensione del trattamento.[2]

Prevalenza[modifica | modifica wikitesto]

La prevalenza della PSSD deve ancora essere determinata, anche se sono stati pubblicati inviti per studi epidemiologici post-marketing.[10][11][2]

Sembra che la maggior parte delle persone ritrovino la loro normale funzione sessuale dopo l'arresto del SSRI\SNRI.[10] Alcuni studi sembrano però indicare che una significativa parte di assuntori possa sperimentare, almeno in forma leggera, una qualche forma di disfunzione persistente.[1][12]

In 3 ampi studi vs. placebo effettuati secondo il metodo del doppio cieco, con lo scopo di evidenziare gli effetti benefici degli SSRI nel trattamento dell'eiaculazione precoce, è stato rilevato che l'effetto ritardante sull'eiaculazione persisteva nel tempo (per oltre 6 mesi) dopo l'interruzione del farmaco su un'ampia percentuale dei pazienti trattati (oltre il 60%), segno che forse il farmaco ha indotto dei cambiamenti persistenti nella funzionalità sessuale.[13][14][15]

In altri studi si è misurata la sensibilità tattile della cute genitale mediante delle stimolazioni elettriche e si è visto che questa era significativamente diminuita durante la somministrazione di SSRI e ciò non era spiegabile con cause psicologiche.[16]

In uno studio del 1999 ad un gruppo di pazienti in cura per depressione con un SSRI che stavano sperimentando qualche genere di disfunzione sessuale dovuto al farmaco è stato chiesto di passare all'antidepressivo "amineptina", noto per avere una bassissima incidenza di effetti collaterali sulla sfera sessuale. Dopo 6 mesi, il 55% di questi pazienti aveva ancora qualche tipo di disfunzione sessuale, mentre nei pazienti depressi trattati da subito con amineptina e non esposti ad un SSRI la percentuale di disfunzioni sessuali era solo del 4%.[17]

Disfunzioni in corso di trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Accade molto comunemente che chi assume antidepressivi SSRI (e anche SNRI) lamenti effetti collaterali sulla sfera sessuale che si configurano in disfunzione erettile nell'uomo e difficoltà nella lubrificazione nella donna, incapacità di raggiungere l'orgasmo, calo della libido e del piacere legato alla sessualità e più raramente diminuzione della sensibilità genitale.[18][19]

La percentuale di persone che sperimenta questo tipo di effetti collaterali varia molto in base agli studi: i primi ne stimavano una prevalenza attorno al 8-14%[20] (ma ciò si è rivelato un dato sottostimato perché i pazienti non erano propensi a riportare spontaneamente tali effetti ed i medici evitavano di chiederlo a causa dello stigma sociale legato alle disfunzioni sessuali[21]) mentre le attuali indagini post-marketing portano tale percentuale al 70%[22]. Alcuni studi arrivano ad una prevalenza del 100%[23].

Uno studio del 2009 condotto da un team di ricercatori dell'università di Oxford ha trovato che gli SSRI causano nella maggior parte dei pazienti trattati ottundimento emotivo, espresso come apatia e una minore capacità di provare empatia ed emozioni positive in genere. A causa di ciò alcuni pazienti hanno sviluppato ideazioni suicidarie ed uno è arrivato ad azioni di autolesionismo nella speranza di provare "emozioni". In questo studio è risultato che i pazienti erano in grado di distinguere tra i deficit emozionali causati dal trattamento e quelli dovuti alla loro patologia depressiva.[6][24] In un altro studio pubblicato nel 2014 si è evidenziato come gli SSRI (ed anche i TCA anche se in misura minore) abbiano un impatto negativo significativo sui sentimenti di "amore" e "attaccamento" verso la partner, in particolare negli uomini.[25]

La diminuzione della pulsione, la disfunzione erettile e il diminuito interesse per le attività piacevoli e quotidiane sono un sintomo tipico anche di diverse patologie ansioso-depressive specie di grado severo, tuttavia la perdita della libido, delle reazioni automiche (quali erezioni spontanee), la difficoltà a raggiungere l'orgasmo, l'anestesia genitale, l'ottundimento emotivo sembrano invece essere speciale caratteristica degli antidepressivi serotoninergici.[18]

Farmaci SSRI\SNRI[modifica | modifica wikitesto]

Sembra che a provocare questa sindrome siano solo gli Inibitori selettivi del Reuptake della Serotonina (SSRI) e della serotonina-noradrenalina (SNRI). Per la similarità con il meccanismo d'azione, si potrebbe supporre che anche alcuni triciclici possano essere in grado di indurre tale sindrome ma ad oggi non sono presenti rapporti che lo indicano.[12]

In Italia i farmaci SSRI in commercio sono:

  • fluoxetina (Prozac, Fluoxeren, Azur, Clexiclor, Cloriflox, Diesan, Flotina, Ipsumor, Xeredien)
  • sertralina (Zoloft, Tatig, Tralisen)
  • citalopram (Seropram, Elopram, Felipram, Frimaind, Feliximir, Frimaind, Kaidor, Marpram, Percitale, Return, Ricap, Sintopram, Verisan)
  • escitalopram (Cipralex, Entact)
  • fluvoxamina (Dumirox, Fevarin, Maveral)
  • paroxetina (Daparox, Dapagut, Dropaxin, Eutimil, Sereupin, Seroxat, Stiliden)
  • dapoxetina (Priligy)

mentre gli SNRI

Possono essere prescritti sia dagli specialisti che dai medici di medicina generale e sono tutti totalmente rimborsati dal SSN[26], anche ciò ne spiega la loro elevata diffusione e la prolungata assunzione: capita spesso che chi comincia un trattamento con antidepressivo lo porti avanti anche per anni nell'ottica di una terapia di mantenimento e di prevenzione delle ricadute. Negli USA il 60% delle persone che inizia un trattamento antidepressivo lo continua per almeno 2 anni, il 14% per 10 anni[27] (anche se secondo alcuni studi l’uso a lungo termine di antidepressivi SSRI\SNRI può avere un effetto pro depressivo).[28]

Rapporti pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Tre casi di disfunzione sessuale persistente seguente all'uso di SSRI[29] e un quarto caso che descrive un caso di anestesia genitale persistente da oltre 6 anni seguito dell'uso di un SSRI sono stati descritti nel 2006.[30]

Un case-report, pubblicato alla fine del 2007, descrive un caso di PSSD insorto dopo sole 4 settimane di assunzione di un SSRI, indicando che la sindrome si potrebbe sviluppare anche dopo un trattamento molto breve con gli SSRI.[4]

Nel 2008 è stata pubblicata una review in cui si discutono le allora emergenti prove dell'esistenza della PSSD ed in cui si afferma come medici e pazienti possano non attribuire le disfunzioni ad un farmaco che non assumono più e che queste possono essere erroneamente attribuite a cause psicologiche.[31] Sempre nel 2008 altri tre casi sono stati pubblicati sul Journal of Sexual Medicine, selezionati da un gruppo Yahoo dedicato alla PSSD con oltre 3500 membri.[32]

Un altro articolo è stato pubblicato nel 2009.[33]

Nel 2012, l'agenzia per la farmacovigilanza olandese (LAREB) ha pubblicato un rapporto sulla base di 19 segnalazioni pervenute al loro ufficio riguardanti disfunzioni sessuali persistenti a seguito dell'assunzione di SSRI\SNRI evidenziando come tali sintomi potessero essere conseguenza del trattamento farmacologico ed invitando ad approfondire il fenomeno, riconoscendo di fatto ufficialmente l’esistenza della sindrome[34]. Dallo stesso anno nella versione americana del foglietto illustrativo del Prozac è riportato che "sintomi di disfunzione sessuale possono occasionalmente persistere dopo l'interruzione del trattamento con Fluoxetina".[35]

Nel 2013 è stato pubblicato uno studio qualitativo su 9 soggetti affetti da PSSD in cui si esaminava l'impatto della sindrome sulla loro qualità di vita.[8] L'ultima versione del "Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali" (DSM5), pubblicata nello stesso anno, riporta che "sintomi di disfunzione sessuale possono occasionalmente persistere dopo l'interruzione del trattamento con SSRI\SNRI".

Nel 2014 Hogan et al. (tra cui il noto psichiatra britannico David Healy) hanno descritto 120 casi di disfunzione sessuale persistente a seguito dell'uso di un farmaco (di cui 91 a seguito dell'uso di un SSRI\SNRI) dimostrando per la prima volta la similarità tra i sintomi descritti da un ampio numero di soggetti pur se esposti a diversi tipi di SSRI\SNRI, la similarità dei sintomi tra la PSSD, la Sindrome Post-Finasteride e la Sindrome Post-Isotretinoina ed invocando lo studio ed il riconoscimento della sindrome.[7] E' dello stesso anno un rapporto che descrive un caso di disfunzione persistente in cui si ipotizza il ruolo dei canali ionici nella genesi dell'anestesia genitale che è stata trattata con tecniche di irradiazione laser a bassa potenza.[36]

Nel 2015 Ben-Sheetrit ha condotto un ampio studio (pubblicato sull’importante rivista Journal of Clinical Psychopharmacology) in cui si descrivono 532 casi di sospetta disfunzione sessuale persistente raccolti tramite questionari e selezionandone in particolare 183 come molto probabili. In questo studio si conferma come non sembra esserci una correlazione tra sviluppo della sindrome e dose di farmaco assunta e come i classici parametri ormonali la cui alterazione è associata a disfunzioni sessuali (testosterone, prolattina, estrogeni) risultino nella norma.[37]

Nel 2016 è stata pubblicata una review di studi su animali sull’effetto della somministrazione neonatale di SSRI, nota per causare disfunzioni sessuali persistenti, ed in cui si evidenzia come simili osservazioni sono state fatte su pazienti.[38]

Nel corso del 2017 sono state pubblicate due differenti review degli studi pubblicati fino a quel momento: in entrambe si riporta come sia una condizione sotto segnalata e studiata e vengono discusse le ipotesi sulle cause e i trattamenti, giungendo a simili conclusioni.[2][12] In particolare in una di queste review si sottolinea come questa condizione spesso comprenda anche delle difficoltà emotive, non solo sulla sfera sessuale, che vanno ulteriormente a ledere la qualità di vita dei pazienti e del rapporto di coppia, tant'è che viene ridefinita come una più generale "Sindrome Post-SSRI"; sottolinea inoltre come sia sorprendentemente poco studiata e caratterizzata attraverso studi dedicati.[2]

Sono stati pubblicati anche diversi casi di Disturbo da Eccitazione Sessuale Persistente (PGAD, un disturbo che non deve essere confuso con l'ipersessualità)[39][40][41] e di eiaculazione precoce[42] che iniziano e durano a lungo dopo la sospensione di farmaci che inibiscono la ricaptazione della serotonina. Sandra Leiblum ha descritto i disturbi sessuali di eccitazione persistente in un caso in cui era stata confermata la PSSD.[43]

Si giunge quindi ad un totale di oltre 300 casi descritti (attraverso pubblicazioni scientifiche). Per confronto, l’antidepressivo nefazodone è stato ritirato dal commercio in Canada nel 2003 perché dalla sua commercializzazione, avvenuta nel 1994, ha causato 51 casi di epatotossicità (cioè 1 su 250-300mila pazienti/anno trattati) di cui 2 risultati in trapianto.

Indagine e segnalazione[modifica | modifica wikitesto]

La possibilità della comparsa di disfunzioni sessuali persistenti a seguito dell'uso di un SSRI\SNRI non è ufficialmente riconosciuta dalle autorità della farmacovigilanza (AIFA) perciò non è riportata nei foglietti illustrativi, nelle linee guida e non sono stati diramati bollettini volti ad informare specialisti e medici di famiglia di tale eventualità. Ciò contribuisce a generare erronee diagnosi di disfunzioni sessuali con causa psicologica, che vengono perciò affrontate in maniera inadeguata,[12] e alla mancata segnalazione alle autorità di farmacovigilanza dei casi con grave sottostima del fenomeno (è per questo importante che in caso di sospetta presenza della sindrome venga inviata l'apposita segnalazione di sospetta reazione avversa alla autorità di farmacovigilanza).

Non è stato attualmente individuato un fattore diagnostico (test di laboratorio) in grado di confermare la presenza della patologia: i classici parametri ormonali ematici comunemente associati alla comparsa di disfunzioni sessuali (abbassamento testosterone, innalzamento prolattina) risultano nella norma. Report anedottici sembrano indicare valori anormalmente alti di progesterone, iperalgesia genitale con diminuzione\assenza di riflesso cremasterico e bulbocavernoso, una assenza o notevole riduzione di erezioni spontanee e notturne.

Per stabilire la presenza, controllare e regolare la causalità della PSSD nei singoli pazienti, un approccio utilizzabile è la consultazione medica e psicologica atta a testare parametri misurabili della salute del paziente (livelli ormonali, funzionamento sessuale) con sondaggi o test di laboratorio prima e dopo la somministrazione di un farmaco psichiatrico, escludendo eventuali fattori patologici o concause psicologiche.[12]

Negli studi è invocato un miglioramento della comunicazione delle informazioni tra medico e paziente circa la possibilità di effetti collaterali sulla sfera sessuale (consenso informato).[44]

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Non è attualmente noto ciò che provoca la PSSD. Essendo generata (sembra) esclusivamente dalle molecole che bloccano il reuptake della serotonina, la sindrome sembra essere meccanismo d'azione specifica. Non sono stati però svolti molti studi per valutare quanto e quali delle numerose modificazioni nella chimica neuronale e nella struttura cerebrale indotta dagli SSRI\SNRI siano reversibili con la sospensione del trattamento.[45][12]

La Fluoxetina (Prozac), il prototipo di SSRI, è stata classificata come una tossina riproduttiva[46] dal Centro per la Valutazione dei Rischi sulla Riproduzione Umana (CERHR), un gruppo di esperti presso il National Institute of Environmental Health Sciences del National Institutes of Health.

Dato che c'è una parziale riduzione dei sintomi con l'uso di metilfenidato si ipotizza una disfunzione del sistema dopaminergico e\o noradrenergico.[47][48] Si ipotizza poi una alterazione del bilancio serotonina-dopamina, della sensibilità recettoriale, della sintesi dell'ossido nitrico e del sistema melanocortinico.[12]

Vista la capacità degli SSRI di alterare la neurosteroidogenesi,[49] si ipotizza che nella PSSD, così come la Sindrome Post Finasteride (PFS) con cui la PSSD condivide un'ampia gamma sintomatologica, siano coinvolte modificazioni nella sintesi e nella sensibilità a particolari neurormoni steroidei.[2] Il professor Healy sostiene che almeno parte della sintomatologia possa essere dovuta ad un effetto tossico di questi farmaci nei confronti dei fasci nervosi spinali;[50] altri studiosi ipotizzano possa esserci un effetto neurotossico in analogia ad altre sostanze psicoattive in grado di generare sintomi simili.[2] Si è evidenziato come l'assunzione di farmaci inibitori della ricaptazione della serotonina induca modificazioni epigenetiche del substrato neurale: il controllo dell'espressione genetica, mediato tra l'altro anche dagli ormoni steroidei, potrebbe spiegare la persistenza dei sintomi a lungo termine dopo la sospensione del farmaco.[2][45]

Studi sugli animali[modifica | modifica wikitesto]

Esperimenti con i roditori hanno dimostrato che un trattamento cronico con SSRI in giovane età provoca una diminuzione permanente del comportamento sessuale, anche in età adulta.[51][52] Questi studi hanno evidenziato profonde alterazioni del funzionamento cerebrale come la riduzione dell'enzima limitante la velocità di sintesi della serotonina (la triptofano idrossilasi) nel rafe dorsale e dell'espressione del trasportatore della serotonina (SERT) nella corteccia.

Sembra che la PSSD può essere trasmessa ereditariamente da una generazione all'altra, almeno nei roditori, dal momento che l'esposizione materna alla fluoxetina altera la motivazione sessuale nei topi maschi adulti.[53] Ciò potrebbe essere dovuto ad alterazioni epigenetiche ereditabili.

Non è noto se i risultati nei roditori possano essere ricondotti alla condizione umana ma le conseguenze possono essere simili.[54][38]

Effetti a breve termine degli SSRI[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'assunzione di un SSRI sono state evidenziate, attraverso studi su animali e pazienti, numerose alterazioni neuroendocrine, della struttura cerebrale, del funzionamento e nella chimica dei neuroni, alcune delle quali potrebbero essere direttamente coinvolte nella genesi delle disfunzioni sessuali.

Tra queste, si citano ad esempio:

  • inibizione della sintesi del GnRH (Central Gonodotropin Releasing Hormone) che svolge un ruolo centrale nei fenomeni riproduttivi;[55]
  • diminuzione dell'espressione delle proteine nNOS (Neuronal Nitric Oxide Synthase), l'ossido nitrico svolge un ruolo fondamentale nell'erezione;[56]
  • interferenza nella steroidogenesi;[60][61]
  • desensibilizzazione dei recettori della serotonina che si è dimostrato persistere dopo la sospensione del trattamento;[62]
  • diminuzione della funzionalità e della concentrazione del trasportatore della serotonina (SERT) in maniera apparentemente simile a quella causata dall'MDMA;[63][64]
  • aumento della quantità di triptofano idrossilasi, enzima limitante la sintesi della serotonina;[65]
  • ridotta funzione dell'asse ipotalamo-ipofisi-testicolo (HPTA);[66]
  • diminuiti livelli di testosterone;[67]
  • riduzione della conta spermatica che ha mostrato un notevole miglioramento dopo l'interruzione[68] e ridotta qualità spermatica con DNA danneggiato dello sperma, che è reversibile con la sospensione;[69]

Pochi studi sono stati però svolti per cercare di capire se queste alterazioni sono reversibili con la sospensione e quali sono legate alla persistenza delle disfunzioni sessuali.[70][2] Altri studi hanno addirittura messo in evidenza come gli SSRI possano esercitare effetti epigenetici cioè alterazioni nell'espressione genica.[45]

Effetti a lungo termine[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento con Fluoxetina (Prozac) ha dimostrato causare persistente desensibilizzazione dei recettori 5HT1A della serotonina, con conseguente diminuzione di circa il 30% della secrezione di ossitocina, dopo la rimozione di SSRI nei ratti.[71] Inoltre, il loro uso è stato dimostrato causare alterazioni nella struttura cerebrale e nella struttura dei neuroni serotoninergici,[72] in particolare in alcune aree direttamente implicate nella risposta agli stimoli sessuali, che potrebbero essere molto lentamente reversibili.[73][74]

Queste modifiche di adattamento a lungo termine dei recettori 5-HT, così come più complessi cambiamenti globali, si pensa siano mediati da alterazioni dell'espressione genica.[75][76][77][78][79] Alcuni di questi cambiamenti di espressione genica sono il risultato di strutture alterate del DNA a causa del rimodellamento della cromatina (in particolare la modificazione epigenetica degli istoni[80][81][82]) e il silenziamento genico indotto dalla metilazione del DNA (a causa della maggiore espressione delle delle proteine trasportatrici di metile MeCP2 e MBD1).[83] È stato osservato che durante l'assunzione di un SSRI/SNRI, l'induzione del suddetto metile legante le proteine è accompagnata ad una maggiore sintesi dell'mRNA del gene che codifica per l'enzima HDAC2 (uno degli enzimi preposti a deacetilare gli istoni) e ad una contemporanea diminuita acetilazione dell'istone H3 in tre aree di proiezione della serotonina: il caudato-putamen (corpo striato), la corteccia frontale e il giro dentato dell'ippocampo. Nel loro insieme sembra che questa aumentata espressione di MDB1, MeCP2, HDAC2 giochino un ruolo nella regolazione dell'acetilazione degli istoni e nella metilazione del DNA; la repressione dell'espressione genica è una risposta generalizzata al trattamento con fluoxetina.[84]

L'espressione genica alterata e il rimodellamento della cromatina possono essere coinvolti anche nella eziologia di diverse patologie psichiatriche e la modificazione dell'espressione genica sembra avere un ruolo nell'effetto terapeutico di alcuni farmaci nel meccanismo d'azione della terapia elettroconvulsiva (ECT).[85][86]

Poiché i descritti cambiamenti dell'espressione genica sono complessi, e possono comportare modifiche persistenti, è stato suggerito che l'uso di SSRI può provocare una alterazione persistente dell'espressione genica cerebrale che porta a una compromissione della neurotrasmissione catecolaminergica e disturbi neuroendocrini.

Tuttavia, senza ricerca neuropsicofarmacologica, farmacogenomica e tossicognomica,[87] la causa definitiva rimane sconosciuta.

Teoria dello "squilibrio chimico"[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni critici sostengono che le pubblicità dei farmaci SSRI ampiamente diffuse su televisione e stampa,[88] promuovono un messaggio inesatto, banalizzando ciò che questi farmaci fanno effettivamente.[89][90] La critica deriva dalla messa in discussione delle affermazioni secondo cui gli SSRI, ed in generale gli psicofarmaci, lavorino correggendo presunti squilibri chimici nel cervello che sarebbero la causa della depressione.[91]

Non esistono però strumenti per misurare i livelli dei neurotrasmettitori in un cervello e per consentire un monitoraggio continuo durante il trattamento, rimane quindi difficile se non impossibile sapere se la causa di un disturbo psichiatrico sia dovuta ad un reale squilibrio chimico e se il trattamento sia in grado di ripristinare il livello di un neurotrasmettitore carente (cioè correggere uno squilibrio). Senza questa conoscenza per ogni paziente, gli psicofarmaci possono effettivamente causare squilibri chimici e stati cerebrali anormali.[92]

Altri farmaci[modifica | modifica wikitesto]

Gli antipsicotici sono noti per causare, in corso di trattamento, disfunzioni sessuali simili alla PSSD, soprattutto a causa dei loro effetti antagonisti sui recettori D2 della dopamina, così come l'antagonismo di H1, Î ± 1 e Î ± 2.[93]

Il farmaco finasteride, che viene utilizzato nel trattamento della calvizie maschile e dell'ipertrofia prostatica benigna, è stato mostrato causare anch'esso disfunzione sessuale persistente in un sottogruppo di pazienti trattati.[94]

L'isotretinoina, un farmaco usato per curare l'acne, sembra causare una sindrome dalla sintomatologia molto simile.[7]

Anche gli assuntori di MDMA (ecstasy), una neurotossina in grado di aumentare notevolmente le quantità cerebrali di serotonina, possono sviluppare una sintomatologia molto simile caratterizzata da anedonia, apatia, disfunzioni sessuali.[95][96][2]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste una cura nota per la PSSD, soprattutto perché la sua eziologia è ancora sconosciuta. Le possibili opzioni di trattamento sono state esaminate solo teoricamente sulla base degli approcci utilizzati per la disfunzione sessuale indotta da SSRI durante il trattamento [97][98][99] e sulla base di ipotesi teoriche.[100][2]

Vi è evidenza per le seguenti strategie di gestione: per la disfunzione erettile, l'aggiunta di un inibitore PDE5 come il sildenafil o altri farmaci approvati allo scopo (come soluzioni topiche di alprostadil, iniezioni intracavernose di prostaglandina E1, trattamenti orali a base di apomorfina); per la diminuzione della libido, un farmaco che agisce sulla trasmissione dopaminergica o farmaci volti a ripristinare eventuali scompensi ormonali, anche se non sono stati condotti studi in merito per verificarne l'efficacia.

In degli studi sono stati utilizzati agonisti dei recettori 5HT-1A (come il buspirone), antagonisti dei recettori 5HT-2 e 5HT-3 (come trazodone e mirtazapina) e il naltrexone (un antagonista oppioide) che sarebbero in grado di agevolare la trasmissione dopaminergica ed alleviare i disturbi sessuali nei pazienti in trattamento con SSRI\SNRI. La cabergolina, che è un agonista dei recettori D2, che a sua volta diminuisce la prolattina, nei soggetti che stavano sperimentando una disfunzione sessuale durante il trattamento con un SSRI\SNRI, ha completamente restaurato l'orgasmo in un terzo dei soggetti anorgasmici, e parzialmente ripristinato l'orgasmo in un altro terzo dei soggetti.[101] Tuttavia non sono stati svolti studi volti a verificarne l'efficacia nel trattamento della sindrome.

Alcune prescrizioni off-label di molecole che aumentano la trasmissione dopaminergica sono pramipexolo, ropinirolo, yohimbina, metilfenidato o amfetamina, selegilina, levodopa. La maggior parte degli studi sulla disfunzione sessuale sono stati fatti sugli uomini, anche se alcuni studi condotti sulle donne hanno mostrato benefici dal bupropione (a dosi > 300 mg/die a causa della sua debole azione dopaminergica). Uno studio mostra il beneficio sulla funzione orgasmica con il sildenafil, anche se nessun cambiamento nel desiderio o nell'eccitazione.[102]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bahrick, A. (2006, September). Post SSRI sexual dysfunction. American Society for the Advancement of Pharmacotherapy Tablet, 7 (3), 2–3, 10–11.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Yacov Reisman, Sexual Consequences of Post-SSRI Syndrome, in Sexual Medicine Reviews, 19 giugno 2017, DOI:10.1016/j.sxmr.2017.05.002. URL consultato il 1° luglio 2017.
  3. ^ a b c (EN) Post-SSRI Sexual Dysfunction (PSSD): Clinical Characterization and Preliminary Assessment of Contributory Factors and Dose-Response Relationship. (PDF Download Available), su ResearchGate. URL consultato il 1° luglio 2017.
  4. ^ a b Kauffman RP, Murdock A (2007). “Prolonged Post-Treatment Genital Anesthesia and Sexual Dysfunction Following Discontinuation of Citalopram and the Atypical Antidepressant Nefazodone”. The Open Women's Health Journal 1: 1–3.
  5. ^ (EN) Buried Alive: Post-SSRI Sexual Dysfunction (PSSD) | RxISK, su rxisk.org. URL consultato il 1° luglio 2017.
  6. ^ a b Jonathan Price, Victoria Cole e Guy M. Goodwin, Emotional side-effects of selective serotonin reuptake inhibitors: qualitative study, in The British Journal of Psychiatry: The Journal of Mental Science, vol. 195, nº 3, 1º settembre 2009, pp. 211–217, DOI:10.1192/bjp.bp.108.051110. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  7. ^ a b c C. Hogan, J. Le Noury, D. Healy, D. Mangin (2014). "One hundred and twenty cases of enduring sexual dysfunction following treatment Archiviato il 1º agosto 2014, in Internet Archive." International Journal of Risk & Safety in Medicine 26 (2014) 109–116 doi:10.3233/JRS-140617. PMID 24902508.
  8. ^ a b Rebecca Diane Stinson, The impact of persistent sexual side effects of selective serotonin reuptake inhibitors after discontinuing treatment: a qualitative study (abstract), 2013.
  9. ^ (EN) SSRIs & Loss of Identity | RxISK, su rxisk.org. URL consultato il 1° luglio 2017.
  10. ^ a b Kauffman RP (2008). “Persistent Sexual Side Effects after Discontinuation of Psychotropic Medications”. Primary Psychiatry 15: 24.
  11. ^ Farnsworth KD, Dinsmore WW (January 2009). “Persistent sexual dysfunction in genitourinary medicine clinic attendees induced by selective serotonin reuptake inhibitors”. Int J STD AIDS 20(1): 68–9. doi:10.1258/ijsa.2008.008402. PMID 19103903.
  12. ^ a b c d e f g Areeg Bala, Hoang Minh Tue Nguyen e Wayne J. G. Hellstrom, Post-SSRI Sexual Dysfunction: A Literature Review, in Sexual Medicine Reviews, 1° agosto 2017, DOI:10.1016/j.sxmr.2017.07.002. URL consultato l'08 agosto 2017.
  13. ^ Safarinejad MR, Hosseini SY (2006). “Safety and efficacy of citalopram in the treatment of premature ejaculation: a double-blind placebo-controlled, fixed dose, randomized study”. Int. J. Impot. Res. 18 (2): 164–9. doi:10.1038/sj.ijir.3901384. PMID 16107866.
  14. ^ Arafa M, Shamloul R (2006). “Efficacy of sertraline hydrochloride in treatment of premature ejaculation: a placebo-controlled study using a validated questionnaire”. Int. J. Impot. Res. 18 (6): 534–8. doi:10.1038/sj.ijir.3901469. PMID 16554853.
  15. ^ Safarinejad MR (October 2007). “Safety and efficacy of escitalopram in the treatment of premature ejaculation: a double-blind, placebo-controlled, fixed-dose, randomized study”. J Clin Psychopharmacol 27 (5): 444–50. doi:10.1097/jcp.0b013e31814b98d4. PMID 17873675.
  16. ^ U. Yilmaz, A. Tatlişen e H. Turan, The effects of fluoxetine on several neurophysiological variables in patients with premature ejaculation, in The Journal of Urology, vol. 161, nº 1, 1º gennaio 1999, pp. 107–111. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  17. ^ A. L. Montejo, G. Llorca e J. A. Izquierdo, [Sexual dysfunction with antidepressive agents. Effect of the change to amineptine in patients with sexual dysfunction secondary to SSRI], in Actas Espanolas De Psiquiatria, vol. 27, nº 1, 1º gennaio 1999, pp. 23–34. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  18. ^ a b E. A. Deisenhammer e R. Trawöger, Penile anesthesia associated with sertraline use, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 60, nº 12, 1º dicembre 1999, pp. 869–870. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  19. ^ Samir K Praharaj, Serotonin reuptake inhibitor induced sensory disturbances, in British Journal of Clinical Pharmacology, vol. 58, nº 6, 15 febbraio 2017, pp. 673–674, DOI:10.1111/j.1365-2125.2004.02207.x. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  20. ^ J. B. Herman, A. W. Brotman e M. H. Pollack, Fluoxetine-induced sexual dysfunction, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 51, nº 1, 1º gennaio 1990, pp. 25–27. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  21. ^ Agnes Higgins, Michael Nash e Aileen M Lynch, Antidepressant-associated sexual dysfunction: impact, effects, and treatment, in Drug, healthcare and patient safety, vol. 2, 9 settembre 2010, pp. 141–150, DOI:10.2147/DHPS.S7634. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  22. ^ Agnes Higgins, Michael Nash e Aileen M Lynch, Antidepressant-associated sexual dysfunction: impact, effects, and treatment, in Drug, healthcare and patient safety, vol. 2, 9 settembre 2010, pp. 141–150, DOI:10.2147/DHPS.S7634. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  23. ^ Mitra Safa, Saeid Sadr e Firouzeh Talischi, Study of effects of selective serotonin reuptake inhibitors on stages of sexual function in Iranian patients with major depressive disorder, in Therapeutic Advances in Psychopharmacology, vol. 3, nº 6, 1º dicembre 2013, pp. 306–313, DOI:10.1177/2045125313488906. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  24. ^ W. Jason Barnhart, Eugene H. Makela e Melissa J. Latocha, SSRI-induced apathy syndrome: a clinical review, in Journal of Psychiatric Practice, vol. 10, nº 3, 1º maggio 2004, pp. 196–199. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  25. ^ (EN) Donatella Marazziti, Hagop S. Akiskal e Mieko Udo, Dimorphic changes of some features of loving relationships during long-term use of antidepressants in depressed outpatients, in Journal of Affective Disorders, vol. 166, 1º settembre 2014, pp. 151–155, DOI:10.1016/j.jad.2014.04.043. URL consultato il 9 luglio 2017.
  26. ^ Liste di trasparenza e rimborsabilità | AIFA Agenzia Italiana del Farmaco, su www.agenziafarmaco.gov.it. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  27. ^ Laura A. Pratt, Debra J. Brody e Qiuping Gu, Antidepressant use in persons aged 12 and over: United States, 2005-2008, in NCHS data brief, nº 76, 1º ottobre 2011, pp. 1–8. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  28. ^ Dr Peter Breggin reform psychiatrist, New Research: Antidepressants Can Cause Long-Term Depression, su The Huffington Post, 16 novembre 2011. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  29. ^ a b Csoka AB, Shipko S (2006). “Persistent sexual side effects after SSRI discontinuation”.Psychother Psychosom 75 (3): 187–8. doi:10.1159/000091777. PMID 16636635.
  30. ^ Bolton JM, Sareen J, Reiss JP (2006). “Genital anaesthesia persisting six years after sertraline discontinuation”. J Sex Marital Ther 32 (4): 327–30. doi:10.1080/00926230600666410.PMID 16709553.
  31. ^ (EN) Persistence of Sexual Dysfunction Side Effects after Discontinuation of Antidepressant Medications: Emerging Evidence (PDF Download Available), su ResearchGate. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  32. ^ (EN) Antonei Csoka, Audrey Bahrick e Olli-Pekka Mehtonen, Persistent Sexual Dysfunction after Discontinuation of Selective Serotonin Reuptake Inhibitors, in The Journal of Sexual Medicine, vol. 5, nº 1, 1º gennaio 2008, pp. 227–233, DOI:10.1111/j.1743-6109.2007.00630.x. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  33. ^ K. D. Farnsworth e W. W. Dinsmore, Persistent sexual dysfunction in genitourinary medicine clinic attendees induced by selective serotonin reuptake inhibitors, in International journal of STD & AIDS, vol. 20, nº 1, 1º gennaio 2009, pp. 68–69, DOI:10.1258/ijsa.2008.008402. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  34. ^ (EN) [Does sexual dysfunction persist upon discontinuation of selective serotonin reuptake inhibitors?], su ResearchGate. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  35. ^ FDA - EliLilly, Foglietto Illustrativo del Prozac USA (PDF).
  36. ^ Marcel D. Waldinger, Ruben S. van Coevorden e Dave H. Schweitzer, Penile anesthesia in Post SSRI Sexual Dysfunction (PSSD) responds to low-power laser irradiation: a case study and hypothesis about the role of transient receptor potential (TRP) ion channels, in European Journal of Pharmacology, vol. 753, 15 aprile 2015, pp. 263–268, DOI:10.1016/j.ejphar.2014.11.031. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  37. ^ Ben-Sheetrit J(March 2015). “[http://www.researchgate.net/publication/272943368_Post-SSRI_Sexual_Dysfunction_%28PSSD%29_Clinical_Characterization_and_Preliminary_Assessment_of_Contributory_Factors_and_Dose-Response_Relationship ]”. J Clin Psycopharmacol 35 (3): 273–8. doi:10.1097/JCP.0000000000000300. PMID [1].
  38. ^ a b Anders Lykkemark Simonsen, Pia Brandt Danborg e Peter Christian Gøtzsche, Persistent sexual dysfunction after early exposure to SSRIs: Systematic review of animal studies, in The International Journal of Risk & Safety in Medicine, vol. 28, nº 1, 16 marzo 2016, pp. 1–12, DOI:10.3233/JRS-160668. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  39. ^ Goldmeier D, Leiblum SR (April 2006). “Persistent genital arousal in women — a new syndrome entity”. Int J STD AIDS 17 (4): 215–6. doi:10.1258/095646206776253480. PMID 16595040.
  40. ^ Goldmeier D, Bell C, Richardson D (March 2006). “Withdrawal of selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) may cause increased atrial natriuretic peptide (ANP) and persistent sexual arousal in women?”. J Sex Med 3 (2): 376. doi:10.1111/j.1743-6109.2006.00224.x.PMID 16490037.
  41. ^ Leiblum SR, Goldmeier D (2008). “Persistent genital arousal disorder in women: case reports of association with anti-depressant usage and withdrawal”. J Sex Marital Ther 34 (2): 150–9.doi:10.1080/00926230701636205. PMID 18224549.
  42. ^ Adson DE, Kotlyar M (December 2003). “Premature ejaculation associated with citalopram withdrawal[collegamento interrotto]”. Ann Pharmacother 37 (12): 1804–6. doi:10.1345/aph.1D214. PMID 14632589.
  43. ^ Leiblum, SR; Nathan, S (2001). “Persistent sexual arousal syndrome: a newly discovered pattern of female sexuality”. J Sex Marital Ther 27 (4): 365–380.
  44. ^ Bahrick AS, Harris MM (2008). “Sexual Side Effects of Antidepressant Medications: An Informed Consent Accountability Gap”. Journal Contemp Psychother.
  45. ^ a b c Csoka AB, Szyf M (November 2009). “Epigenetic side-effects of common pharmaceuticals: a potential new field in medicine and pharmacology”. Med. Hypotheses 73 (5): 770–80.doi:10.1016/j.mehy.2008.10.039. PMID 19501473.
  46. ^ Hines RN, Adams J, Buck GM, Faber W, Holson JF, Jacobson SW, Keszler M, McMartin K, Segraves RT, Singer LT, Sipes IG, Williams PL. NTP-CERHR Expert panel report on the reproductive and developmental toxicity of fluoxetine Archiviato il 16 novembre 2006 in Internet Archive..NIH Publication No. 05-4471. 2004;1-211.
  47. ^ (EN) Antonei Csoka, Audrey Bahrick e Olli-Pekka Mehtonen, Persistent Sexual Dysfunction after Discontinuation of Selective Serotonin Reuptake Inhibitors, in The Journal of Sexual Medicine, vol. 5, nº 1, 1º gennaio 2008, pp. 227–233, DOI:10.1111/j.1743-6109.2007.00630.x. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  48. ^ (EN) Cristian Damsa, Anja Bumb e Francesco Bianchi-Demicheli, “Dopamine-Dependent” Side Effects of Selective Serotonin Reuptake Inhibitors: A Clinical Review, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 65, nº 8, 16 agosto 2004. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  49. ^ Cecilie Hurup Hansen, Lizette Weber Larsen e Amalie Møller Sørensen, The six most widely used selective serotonin reuptake inhibitors decrease androgens and increase estrogens in the H295R cell line, in Toxicology in vitro: an international journal published in association with BIBRA, vol. 41, June 2017, pp. 1–11, DOI:10.1016/j.tiv.2017.02.001. URL consultato il 1° luglio 2017.
  50. ^ (EN) The Pills That Steal Sex | RxISK, su rxisk.org. URL consultato il 1° luglio 2017. “A possible explanation is that SSRI’s cause damage to nerve cells in the spinal cord, which are linked to the genital area. We know when tested on animals they cause nerve cells in the spinal cord to disintegrate, so it may be this happens in humans too. Whatever the cause, the consequences can be devastating. It’s not uncommon for this condition to cause marriage break up, job loss and suicide“
  51. ^ Maciag D, Simpson KL, Coppinger D, et al. (January 2006). “Neonatal Antidepressant Exposure has Lasting Effects on Behavior and Serotonin Circuitry”. Neuropsychopharmacology 31 (1): 47–57. doi:10.1038/sj.npp.1300823. PMC 3118509. PMID 16012532.
  52. ^ de Jong TR, Snaphaan LJ, Pattij T, et al. (January 2006). “Effects of chronic treatment with fluvoxamine and paroxetine during adolescence on serotonin-related behavior in adult male rats”. Eur Neuropsychopharmacol 16 (1): 39–48. doi:10.1016/j.euroneuro.2005.06.004.PMID 16107310.
  53. ^ Gouvêa TS, Morimoto HK, de Faria MJ, Moreira EG, Gerardin DC (September 2008). “Maternal exposure to the antidepressant fluoxetine impairs sexual motivation in adult male mice”.Pharmacol. Biochem. Behav. 90 (3): 416–9. doi:10.1016/j.pbb.2008.03.025. PMID 18457868.
  54. ^ Maciag D, Coppinger D, Paul IA (December 2006). “Evidence that the deficit in sexual behavior in adult rats neonatally exposed to citalopram is a consequence of 5-HT1 receptor stimulation during development”. Brain Res. 1125 (1): 171–5. doi:10.1016/j.brainres.2006.10.009.PMC 1762094. PMID 17101120.
  55. ^ Parvathy Prasad, Satoshi Ogawa e Ishwar S. Parhar, Serotonin reuptake inhibitor citalopram inhibits GnRH synthesis and spermatogenesis in the male zebrafish, in Biology of Reproduction, vol. 93, nº 4, 1º ottobre 2015, pp. 102, DOI:10.1095/biolreprod.115.129965. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  56. ^ Jing Zhang, Xin-Yan Huang e Min-Li Ye, Neuronal nitric oxide synthase alteration accounts for the role of 5-HT1A receptor in modulating anxiety-related behaviors, in The Journal of Neuroscience: The Official Journal of the Society for Neuroscience, vol. 30, nº 7, 17 febbraio 2010, pp. 2433–2441, DOI:10.1523/JNEUROSCI.5880-09.2010. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  57. ^ Emanuela Morelli, Holly Moore e Tahilia J. Rebello, Chronic 5-HT Transporter Blockade Reduces DA Signaling to Elicit Basal Ganglia Dysfunction, in The Journal of Neuroscience, vol. 31, nº 44, 2 novembre 2011, pp. 15742–15750, DOI:10.1523/JNEUROSCI.2989-11.2011. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  58. ^ S. W. Kim e M. W. Dysken, Potential antidopaminergic effects of serotonin reuptake inhibitors, in The Journal of Clinical Psychiatry, vol. 52, nº 1, 1º gennaio 1991, pp. 42. URL consultato il 2 marzo 2017.
  59. ^ David J. Lyons, Rachida Ammari e Arash Hellysaz, Serotonin and Antidepressant SSRIs Inhibit Rat Neuroendocrine Dopamine Neurons: Parallel Actions in the Lactotrophic Axis, in The Journal of Neuroscience: The Official Journal of the Society for Neuroscience, vol. 36, nº 28, 13 luglio 2016, pp. 7392–7406, DOI:10.1523/JNEUROSCI.4061-15.2016. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  60. ^ Naja Wessel Jacobsen, Cecilie Hurup Hansen e Christine Nellemann, Effects of selective serotonin reuptake inhibitors on three sex steroids in two versions of the aromatase enzyme inhibition assay and in the H295R cell assay, in Toxicology in vitro: an international journal published in association with BIBRA, vol. 29, nº 7, 1º ottobre 2015, pp. 1729–1735, DOI:10.1016/j.tiv.2015.07.005. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  61. ^ Cecilie Hurup Hansen, Lizette Weber Larsen e Amalie Møller Sørensen, The six most widely used selective serotonin reuptake inhibitors decrease androgens and increase estrogens in the H295R cell line, in Toxicology in vitro: an international journal published in association with BIBRA, vol. 41, June 2017, pp. 1–11, DOI:10.1016/j.tiv.2017.02.001. URL consultato il 13 agosto 2017.
  62. ^ D. K. Raap, F. Garcia e N. A. Muma, Sustained desensitization of hypothalamic 5-Hydroxytryptamine1A receptors after discontinuation of fluoxetine: inhibited neuroendocrine responses to 8-hydroxy-2-(Dipropylamino)Tetralin in the absence of changes in Gi/o/z proteins, in The Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, vol. 288, nº 2, 1º febbraio 1999, pp. 561–567. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  63. ^ Saloua Benmansour, Marco Cecchi e David A. Morilak, Effects of chronic antidepressant treatments on serotonin transporter function, density, and mRNA level, in Journal of Neuroscience, vol. 19, nº 23, 1º dicembre 1999. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  64. ^ Michael H. Baumann, Xiaoying Wang e Richard B. Rothman, 3,4-Methylenedioxymethamphetamine (MDMA) neurotoxicity in rats: a reappraisal of past and present findings, in Psychopharmacology, vol. 189, 2007, pp. 407–424, DOI:10.1007/s00213-006-0322-6. URL consultato il 31 agosto 2017.
    «Chronic administration of 5-HT selective reuptake inhibitors (SSRIs), like paroxetine and sertraline, leads to a marked loss of SERT binding and function comparable to MDMA, but these agents are therapeutic drugs rather than neurotoxins (Benmansour et al. 1999; Frazer and Benmansour 2002). Finally, high-dose administration of SSRIs produces swollen, fragmented, and abnormal 5-HT terminals, which are indistinguishable from the effects of MDMA and other substituted amphetamines (Kalia et al. 2000).».
  65. ^ Seong Who Kim, So Yeon Park e Onyou Hwang, Up-regulation of tryptophan hydroxylase expression and serotonin synthesis by sertraline, in Molecular Pharmacology, vol. 61, nº 4, 1º aprile 2002, pp. 778–785. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  66. ^ Safarinejad MR (August 2008). “Evaluation of endocrine profile and hypothalamic-pituitary-testis axis in selective serotonin reuptake inhibitor-induced male sexual dysfunction”. J Clin Psychopharmacol 28 (4): 418–23. doi:10.1097/JCP.0b013e31817e6f80. PMID 18626269.
  67. ^ Cohen AJ. Antidepressant-Induced Sexual Dysfunction Associated with Low Serum Free Testosterone. Psychiatry Online 1999.
  68. ^ Tanrikut C, Schlegel PN (January 2007). “Antidepressant-associated changes in semen parameters”. Urology 69 (1): 185.e5–7. doi:10.1016/j.urology.2006.10.034. PMID 17270655.
  69. ^ Safarinejad MR (November 2008). “Sperm DNA damage and semen quality impairment after treatment with selective serotonin reuptake inhibitors detected using semen analysis and sperm chromatin structure assay”. J. Urol. 180 (5): 2124–8. doi:10.1016/j.juro.2008.07.034.PMID 18804223.
  70. ^ Csoka AB, Bahrick AS, Mehtonen O-P (2008). “Persistent Sexual Dysfunction after Discontinuation of Selective Serotonin Reuptake Inhibitors (SSRIs)”. J Sex Med. 5 (1): 227–33.doi:10.1111/j.1743-6109.2007.00630.x. PMID 18173768.
  71. ^ Raap DK, Garcia F, Muma NA, Wolf WA, Battaglia G, van de Kar LD (February 1999). “Sustained desensitization of hypothalamic 5-Hydroxytryptamine1A receptors after discontinuation of fluoxetine: inhibited neuroendocrine responses to 8-hydroxy-2-(Dipropylamino)Tetralin in the absence of changes in Gi/o/z proteins”. J. Pharmacol. Exp. Ther. 288 (2): 561–7. PMID 9918559.
  72. ^ Marta Pratelli, Sara Migliarini e Barbara Pelosi, Perturbation of Serotonin Homeostasis during Adulthood Affects Serotonergic Neuronal Circuitry, in eNeuro, vol. 4, nº 2, 11 aprile 2017, DOI:10.1523/ENEURO.0376-16.2017. URL consultato il 13 agosto 2017.
  73. ^ Stephanie L. Willard, Beth Uberseder e Ashlee Clark, Long term sertraline effects on neural structures in depressed and nondepressed adult female nonhuman primates, in Neuropharmacology, vol. 99, 1º dicembre 2015, pp. 369–378, DOI:10.1016/j.neuropharm.2015.06.011. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  74. ^ Philip R. Szeszko, Shauna MacMillan e Marjorie McMeniman, Amygdala volume reductions in pediatric patients with obsessive-compulsive disorder treated with paroxetine: preliminary findings, in Neuropsychopharmacology: Official Publication of the American College of Neuropsychopharmacology, vol. 29, nº 4, 1º aprile 2004, pp. 826–832, DOI:10.1038/sj.npp.1300399. URL consultato il 2 marzo 2017.
  75. ^ Faure C, Mnie-Filali O, Haddjeri N (February 2006). “Long-term adaptive changes induced by serotonergic antidepressant drugs”. Expert Rev Neurother 6 (2): 235–45.doi:10.1586/14737175.6.2.235. PMID 16466303.
  76. ^ Palotás M, Palotás A, Puskás LG, et al. (December 2004). “Gene expression profile analysis of the rat cortex following treatment with imipramine and citalopram”. Int. J. Neuropsychopharmacol. 7(4): 401–13. doi:10.1017/S1461145704004493. PMID 15315716.
  77. ^ Kálmán J, Palotás A, Juhász A, et al. (November 2005). “Impact of venlafaxine on gene expression profile in lymphocytes of the elderly with major depression–evolution of antidepressants and the role of the “neuro-immune” system”. Neurochem. Res. 30 (11): 1429–38. doi:10.1007/s11064-005-8513-9. PMID 16341940.
  78. ^ Yamada M, Yamada M, Higuchi T (July 2005). “Antidepressant-elicited changes in gene expression: remodeling of neuronal circuits as a new hypothesis for drug efficacy”. Prog. Neuropsychopharmacol. Biol. Psychiatry 29 (6): 999–1009. doi:10.1016/j.pnpbp.2005.03.022.PMID 15975701.
  79. ^ Boehm C, Newrzella D, Herberger S, Schramm N, Eisenhardt G, Schenk V, Sonntag-Buck V, Sorgenfrei O (2006). “Effects of antidepressant treatment on gene expression profile in mouse brain: cell type-specific transcription profiling using laser microdissection and microarray analysis”.J Neurochem. 97 (Suppl 1): 44–9. doi:10.1111/j.1471-4159.2006.03750.x. PMID 16635249.
  80. ^ Tsankova NM, Berton O, Renthal W, Kumar A, Neve RL, Nestler EJ (April 2006). “Sustained hippocampal chromatin regulation in a mouse model of depression and antidepressant action”.Nat. Neurosci. 9 (4): 519–25. doi:10.1038/nn1659. PMID 16501568.
  81. ^ Hyman SE (April 2006). “Even chromatin gets the blues”. Nat. Neurosci. 9 (4): 465–6.doi:10.1038/nn0406-465. PMID 16568101.
  82. ^ Newton SS, Duman RS (August 2006). “Chromatin remodeling: a novel mechanism of psychotropic drug action”. Mol. Pharmacol. 70 (2): 440–3. doi:10.1124/mol.106.027078.PMID 16728645.
  83. ^ Cassel S, Carouge D, Gensburger C, et al. (August 2006). “Fluoxetine and cocaine induce the epigenetic factors MeCP2 and MBD1 in adult rat brain”. Mol. Pharmacol. 70 (2): 487–92.doi:10.1124/mol.106.022301. PMID 16670375.
  84. ^ (EN) Samuel S. Newton e Ronald S. Duman, Chromatin Remodeling: A Novel Mechanism of Psychotropic Drug Action, in Molecular Pharmacology, vol. 70, nº 2, 1º agosto 2006, pp. 440–443, DOI:10.1124/mol.106.027078. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  85. ^ Altar CA, Laeng P, Jurata LW, et al. (March 2004). “Electroconvulsive seizures regulate gene expression of distinct neurotrophic signaling pathways”. J. Neurosci. 24 (11): 2667–77.doi:10.1523/JNEUROSCI.5377-03.2004. PMID 15028759.
  86. ^ Tsankova NM, Kumar A, Nestler EJ (June 2004). “Histone modifications at gene promoter regions in rat hippocampus after acute and chronic electroconvulsive seizures”. J. Neurosci. 24 (24): 5603–10. doi:10.1523/JNEUROSCI.0589-04.2004. PMID 15201333.
  87. ^ Szyf M (2004). “Toward a Discipline of Pharmacoepigenomics”. Current Pharmacogenomics 2(4): 357–377. doi:10.2174/1570160043377358.
  88. ^ SuperBowlSammy, Original Zoloft Commercial, 12 marzo 2009. URL consultato il 13 aprile 2017.
  89. ^ Lacasse JR, Leo J (December 2005). “Serotonin and Depression: A Disconnect between the Advertisements and the Scientific Literature”. PLoS Med. 2 (12): e392.doi:10.1371/journal.pmed.0020392. PMC 1277931. PMID 16268734.
  90. ^ Nathan P. Greenslit e Ted J. Kaptchuk, Antidepressants and Advertising: Psychopharmaceuticals in Crisis, in The Yale Journal of Biology and Medicine, vol. 85, nº 1, 29 marzo 2012, pp. 153–158. URL consultato il 13 aprile 2017.
  91. ^ (EN) Levi Gadye, The Most Popular Antidepressants Are Based On An Outdated Theory [UPDATED], in io9. URL consultato il 13 aprile 2017.
  92. ^ Moncrieff J, Cohen D (July 2006). “Do Antidepressants Cure or Create Abnormal Brain States?”.PLoS Med. 3 (7): e240. doi:10.1371/journal.pmed.0030240. PMC 1472553. PMID 16724872.
  93. ^ Side effects of atypical antipsychotics: a brief overview
  94. ^ Baldness Drug Propecia May Have Long-Lasting, Possibly Permanent Sexual Side Effects - ABC News
  95. ^ Dangers of MDMA - A cautionary tale of what can happen • r/Drugs, su reddit. URL consultato il 26 maggio 2017.
  96. ^ A. C. Parrott, Human psychopharmacology of Ecstasy (MDMA): a review of 15 years of empirical research, in Human Psychopharmacology, vol. 16, nº 8, 1° dicembre 2001, pp. 557–577, DOI:10.1002/hup.351. URL consultato il 26 maggio 2017.
  97. ^ Keller Ashton A, Hamer R, Rosen RC (1997). “Serotonin reuptake inhibitor-induced sexual dysfunction and its treatment: a large-scale retrospective study of 596 psychiatric outpatients”. J Sex Marital Ther 23 (3): 165–75. doi:10.1080/00926239708403922. PMID 9292832.
  98. ^ Keltner NL, McAfee KM, Taylor CL (2002). “Mechanisms and treatments of SSRI-induced sexual dysfunction”. Perspect Psychiatr Care 38 (3): 111–6. doi:10.1111/j.1744-6163.2002.tb00665.x.PMID 12385082.
  99. ^ Balon R (2006). “SSRI-Associated Sexual Dysfunction”. The American Journal of Psychiatry 163(9).
  100. ^ Sukoff Rizzo SJ, Pulicicchio C, Malberg JE, et al. (September 2009). “5-HT(1A) receptor antagonism reverses and prevents fluoxetine-induced sexual dysfunction in rats”. Int. J. Neuropsychopharmacol. 12 (8): 1045–53. doi:10.1017/S1461145709000406. PMID 19435548.
  101. ^ Drug Restores Normal Orgasm in Men - Sexual Health - Everyday Health
  102. ^ Burghardt K (2013). “Sildenafil for SSRI-induced sexual dysfunction in women”. Current Psychiatry.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina