Discussioni utente:Fausta Samaritani/Archivio5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Scacchi[modifica wikitesto]

[@ Fausta Samaritani] – Prima di ritornare al soggetto di Capri, qui segue un paio di blocchi o quadri per un castello nuovo nella tua sandbox perché tu possa farlo crescere a dimensioni d'un castello vero e proprio.

Avvertenze:

  • Ovviamente ci sono libri specializzati nella storia degli scacchi ... ma non ne ho nessuno e non me ne sono servito. Quindi quello che segue è un prodotto di coincidenze che si è ammassato nel tempo sul mio computer ... con tutti i rischi, i vizi e le virtù del metodo.
  • Non ho abbinato i miei dati con quelli della voce en:Chess in the arts. Non ho fatto quasi nulla ricerca per completare i dati adesso che si avevano accumulati negli anni scorsi.
  • Quando hai menzionato il tuo progetto di scacchi ho pensato di un'elenco nello stile delle vedute di Capri. Mi sembra che il soggetto sia assai 'grande' per una tale visione d'insieme. Adesso vedo che nella tua sandbox segui un'approccio diverso.
  • Le citazioni delle fonti sono in tedesco, con "Hrsg." per "a cura di", ecc. ... perché non le intendo per la pubblicazione come "note". E troverai anche numerosi altri frammenti tedeschi ...
  • Alcune delle opere sono protette da copyright e non possono essere illustrate in wikipedia.
  • C'è una difficoltà generale dell'interpretazione delle rappresentazioni: Quando non ci sono figure degli scacchi o titoli/commenti scritti, spesso non è chiaro se vediamo una scacchiera o una damiera.
Figure degli scacchi e scacchiere
Autore Titolo, descrizione Ubicazione Fonte
Arte islamica Figura degli scacchi, avorio, seconda metà VIII secolo Parigi, Bibliothèque nationale Wilhelm Ziehr, Morgenröte des Abendlandes (1981) tavole tra pp. 165-196 fig. 17
Arte medievale di Scandinavia (Norvegia?)/vichinghi Figure degli scacchi, trovate a Isles of Lewis (Ebridi), avorio/dente di tricheco, XII secolo Londra, British Museum; Edinburgh, National Museum of Scotland en:Lewis_chessmen; Christopher Tabraham, Scottish Castles and Fortifications (1986, ristampa 1990) p. 28; Historisches Museum der Pfalz Speyer (a cura di), Die Wikinger. Catalogo della mostra (2008) p. 14-15, 120-121
Arte medievale francese(?) Figura degli scacchi, osso o avorio(?), XII secolo Parigi, Musée de Cluny Georges Duby (a cura di), Geschichte des privaten Lebens, vol. 2: Vom Feudalzeitalter zur Renaissance (1990) 389 (edizione originale francese: Histoire de la vie privée, vol. 2: De l'Europe féodale à la Renaissance, Parigi 1985)
Arte medievale tedesca Figura degli scacchi, osso, XIII secolo Nürnberg, Germanisches Nationalmuseum Die Zeit der Staufer. Catalogo della mostra a Stoccarda (1977) vol. 1, cat. 636; vol. 2, fig. 444
Arte medievale tedesca (Colonia?) Figura degli scacchi, avorio/dente di tricheco, XII secolo Francoforte sul Meno, Liebieghaus Die Zeit der Staufer. Catalogo della mostra a Stoccarda (1977) vol. 1, cat. 639; vol. 2, fig. 445
Johann Gottfried Hilpert Quattro figure degli scacchi, stagno, ca. 1780 Nürnberg, Germanisches Nationalmuseum Schatzkammer der Deutschen – Aus den Sammlungen des Germanischen Nationalmuseums Nürnberg (1982) tav. 162
Vilmos Huszar/Huszár Scacchiera, aluminio, 1920 e 1973 Ludwigshafen, Wilhelm-Hack-Museum Manfred Fath, Wilhelm-Hack-Stiftung, Sammlung Wilhelm Hack, Städtische Kunstsammlung – Kunst des 20. Jahrhunderts: Malerei – Graphik – Plastik (1979) 130-131
Dipinti ed altre rappresentazioni degli scacchi
Autore Titolo, descrizione Ubicazione Fonte
Arte italiana Affresco, ca. 1400 Firenze, Palazzo Davanzati Georges Duby (a cura di), Geschichte des privaten Lebens, vol. 2: Vom Feudalzeitalter zur Renaissance (1990) 197 e 203 (edizione originale francese: Histoire de la vie privée, vol. 2: De l'Europe féodale à la Renaissance, Parigi 1985)
Arte francese medievale Histoire de Renaud de Montauban, illuminazione d'un codice del XV secolo: camera da gioco (con scene di rissa) in un'"hôtel" urbano Parigi, Bibliothèque de l'Arsenal, ms. 5073 Georges Duby (a cura di), Geschichte des privaten Lebens, vol. 2: Vom Feudalzeitalter zur Renaissance (1990) 415 (edizione originale francese: Histoire de la vie privée, vol. 2: De l'Europe féodale à la Renaissance, Parigi 1985)
Arte islamica medievale Illuminazioni di libri, probabilmente abbastanza numerose Per esempio: Terry Jones/Alan Ereira, Die Kreuzzüge (1995) p. 96
Arte islamica medievale Gioco degli scacchi (due donne? donna e cavaliere?), scena nel dipinto sul soffitto Granada, Alhambra, Sala dei re Gabriele Crespi, Die Araber in Europa (1983, edizione licenziata 1992) p. 196 (edizione originale: Gli Arabi in Europa, Milano 1979)
Scuola veneziana Due scacchisti, olio, XVII secolo Berlino, Gemäldegalerie Hannsferdinand Döbler, Kultur- und Sittengeschichte der Welt: Spiel, Sport und Kunst (o. J., ca. 1973) p. 300
Anonimo italiano Illuminazioni del Decamerone: Anichino ed una dama al gioco degli scacchi, prima metà XV secolo Vienna, Österreichische Nationalbibliothek, cod. 2561, fol. 261 Hannsferdinand Döbler, Kultur- und Sittengeschichte der Welt: Spiel, Sport und Kunst (o. J., ca. 1973) p. 301
Anonimo svizzero (Zurigo) Illuminazione del Codex Manesse: Ottone IV di Brandeburgo (ca. 1238-1308) ed una dama al gioco degli scacchi, ca. 1300-1325 Heidelberg, Biblioteca dell'Università Bert Bilzer/Jürgen Eyssen/Fritz Winzer (Hrsg.), Das große Buch der Kunst – Bildband, Kunstgeschichte, Lexikon (Neubearbeitung 1979) p. 077
Arte tardomedievale (maestro anonimo dell'Alsazia e/o attribuito alla bottega di Diebold Lauber) Libro di scacchi del Konrad von Ammenhausen/Schachbuch des Konrad von Ammenhausen (illustrato), 1467 Stuttgart, Württembergische Landesbibliothek, cod. poet. et philol. fol. 2 Forse c'è una copia digitale sul sito web della biblioteca (da verificare ..., i disegni che ho visto non riferiscono agli scacchi)
Arte medievale italiana Scacchiera(?), mosaico, XI secolo Piacenza, Basilica di San Savino Wikipedia alla voce scacchiera: "In Europa, fra le prime raffigurazioni artistiche di scacchiere sono notevoli ..."
Arte medievale italiana Scacchiera(?), mosaico pavimentale, 1163-1165 Otranto, Cattedrale Wikipedia alla voce scacchiera: "In Europa, fra le prime raffigurazioni artistiche di scacchiere sono notevoli ..."
Arte medievale italo-araba Giocatori di scacchi, dipinto nei cassoni del soffitto della cappella, 1143 Palermo, Cappella Palatina Wikipedia alla voce scacchiera: "In Europa, fra le prime raffigurazioni artistiche di scacchiere sono notevoli ..."
Sofonisba Anguissola Ritratto delle sorelle della pittrice al gioco degli scacchi, olio su tela, 1555 Posen/Poznán, Museo nazionale Sammlung Graf Raczyński – Malerei der Spätromantik aus dem Nationalmuseum Poznań (1992) p. 22; Clarisse Nicoïdski, Die großen Malerinnen (1999) tavola; sito ungherese
Lubin Baugin I cinque sensi – Natura morta con scacchiera, liuto, fiori (garofani), bicchiere di vino ecc., olio su legno, ca. 1630 Wolf Stadler/Pieter Wiench (Leitung), Lexikon der Kunst in 12 Bänden: Malerei, Architektur, Bildhauerkunst (deutsche Ausg. 1994) vol. 11, p. 170; sito ungherese
Jan de Braij Lo scacchista, disegno per un'album amicorum, 1661 Den Haag, Koninklijke Bibliotheek
Jan de Braij Lo scacchista, acquaforte, dopo 1661 Amsterdam, Rijksprentenkabinet
Giulio Campi Il gioco degli scacchi, olio su tela, ca. 1530-1540 Torino, Museo civico sito ungherese
Josef Danhauser Un gioco degli scacchi, olio, XIX secolo Vienna Paul Ferdinand Schmidt, Biedermeier-Malerei. Zur Geschichte und Geistigkeit der deutschen Malerei in der ersten Hälfte des neunzehnten Jahrhunderts (1922, pdf) Tafel-Abb. 69
Eugène Delacroix Marocains jouant aux échecs Edinburgh, National Gallery of Scotland Timothy Clifford (Einführung), Museen der Welt – Die Schottischen Nationalgalerien in Edinburgh (1990) p. 69; Luigina Rossi Bortolatto, L'opera pittorica completa di Delacroix (1972) no. 505
Marcel Duchamp Scacchisti, olio su tela, uno o due dipinti(?), 1910 e/o 1911(?) Philadelphia (Pennsylvania), Philadelphia Museum of Art
Thomas Eakins The chess player/Lo scacchista, 1876 The Athenaeum
Eduard Ender Il gioco degli scacchi, olio
Max Ernst Il re gioca con la regina a scacchi, scultura in bronzo, 1944 Houston (Texas), Menil Foundation Knaurs Lexikon der modernen Plastik (1961) p. 94
Jean-Léon Gérôme (in inglese:) Almehs playing chess, olio, 1876 The Athenaeum
Jean-Léon Gérôme (in inglese:) Arnauts playing chess, olio, 1870 The Athenaeum
Juan Gris La scacchiera, olio su tela, 1917 New York (New York), Museum of Modern Art
Josef Hartwig Bauhaus-Schach, scacchi di Bauhaus, xilografia, 1924 Nürnberg, Germanisches Nationalmuseum Ursula Peters u. a., Moderne Zeiten – Die Sammlung zum 20. Jahrhundert. Kulturgeschichtliche Spaziergänge im Germanischen Nationalmuseum, Band 3 (2000) p. 152
Johann Peter Hasenclever Il gioco di scacchi, olio su tela, 1844 Remscheid(?), Bergisches Museum Schloß Burg an der Wupper Wallraf-Richartz-Jahrbuch 28,1966,364; Knut Soiné, Johann Peter Hasenclever – Ein Maler im Vormärz. Bergische Forschungen 21 (1990) no. 156 (ed uno studio in formato più piccolo, no. 150)
Gerard van/Gerrit van Honthorst Scacchisti (o scacchista?), disegno Mosca, Puschkin-Museum
Johann Erdmann Hummel Il gioco di scacchi (presso conte Adolf von Ingenheim), olio su tela, 1818-1819 Berlino, Nationalgalerie Paul Weiglin, Berliner Biedermeier. Leben, Kunst und Kultur in Alt-Berlin zwischen 1815 und 1848 (2. Aufl. 1942) tav. a colori 30 a p. 216;

Die Nacht. Ausstellung (Monaco 1998) cat. 280; Peter Krieger/Elke Ostländer, Galerie der Romantik – Nationalgalerie SMPK (1986) 146; Max von Boehn, Biedermeier – Deutschland von 1815 bis 1847 (o. J. [1911], pdf) p. 521; Paul Ferdinand Schmidt, Biedermeier-Malerei. Zur Geschichte und Geistigkeit der deutschen Malerei in der ersten Hälfte des neunzehnten Jahrhunderts (1922, pdf) tav. 6 (erroneamente "Schachpartie bei Humboldt")

Iyosetsu (attribuito a) Schermo(?) (Wandschirm) dipinto: gioco di arpa – gioco di scacchi – scrivere – pingere, ca. 1400-1430 Tokio, Museo nazionale Walter Koschatzky, Die Kunst des Aquarells. Technik, Geschichte, Meisterwerke (TB-Ausgabe, 4. Aufl. 1993) p. 099
Ernst Ludwig Kirchner Erich Heckel ed Otto Mueller al gioco degli scacchi, olio su tela, 1913 Berlino, Brücke-Museum Leopold Reidemeister, Brücke-Museum – Katalog der Gemälde, Glasfenster und Skulpturen (o. J. [1983]) cat. 75 con tav. 44; Magdalena M. Moeller (Hrsg.), Meisterwerke des Expressionismus. Gemälde, Aquarelle, Zeichnungen und Druckgraphik aus dem Brücke-Museum Berlin (1990) cat. 7
Georg Melchior Kraus Compagnia(?) al gioco di scacchi, Gesellschaft beim Schachspiel, disegno, 1766 Berlino, Kupferstichkabinett Deutsche Zeichnungen des 18. Jahrhunderts zwischen Tradition und Aufklärung. Catalogo della mostra a Berlino (1987) cat. 063
Jan/Johann Kupecký/Kupetzky/Kupezky Autoritratto con scacchiera, olio su tela, dopo 1733 Stuttgart, Staatsgalerie
Adolphe Alexander Lesrel Gli scacchisti, olio/..., 1910 The Athenaeum
Lucas van Leyden Scacchisti, olio su tavola, ca. 1508 Berlino, Gemäldegalerie Kindlers Malereilexikon .......; Katharina Büttner, Das Motiv der "femina ludens" im Werk von Lucas van Leyden. Exemplarische Analysen. Diss. Karlsruhe (2007, pdf senza immagini) pp. 5 ss.; sito ungherese
Cornelis de Man Partita a scacchi (una coppia giocando agli scacchi), olio su tela, ca. 1670 Budapest, Museum der Bildenden Künste Zsuzsa Urbach (Hrsg.), Meisterwerke des Museums der Bildenden Künste (1990) Abb. 109; Von Frans Hals bis Vermeer. Meisterwerke holländischer Genremalerei. Catalogo della mostra a Berlino (1984) Kat. 068
Louis Marcoussis Natura morta con scacchiera, olio su tela, 1912 Paris, Musée National d'Art Moderne – Centre Georges Pompidou
Francesco di Giorgio Martini Partita a scacchi (2 frammenti in collezioni diverse), dipinto su tavola Settignano, collezione Bernard Berenson, The Harvard University Center for Italian Renaissance Culture (Villa i Tatti); New York (New York), Metropolitan Museum of Art Kindlers Malereilexikon
Henri Matisse Una pianista e scacchisti (una donna e suoi figli?), olio su tela, 1924 Washington (D. C.), National Gallery of Art Earl A. Powell III. (prefazione), National Gallery of Art (1995) 259
Meister BR mit dem Anker (Maestro BR coll'ancora) Partita a scacchi colla morte, incisione, ca. 1480-1490 Berlino, Kupferstichkabinett
Meister E. S. (Maestro ...) Il grande giardino d'amore con giocatori a scacchi, incisione, ca. 1460-1470 Berlino, Kupferstichkabinett
Meister Ingold (Maestro ...) "Hie hebt sich das buoch an, das man nent dz guldin spil" o più breve: "Das guldin Spil" ("Il gioco d'oro", un ciclo di sette prediche allegoriche), stampato ad Augusta in 1472, illustrato con xilografie, fol. 3r: una coppia giocando agli scacchi per esempio Monaco di Baviera, Bayerische Staatsbibliothek Copia digitale
Willi Neubert Scacchisti, olio su lastra di truciolato, 1964 Dresden, Gemäldegalerie Neue Meister Staatliche Kunstsammlungen Dresden – Gemäldegalerie Neue Meister (9. Aufl. 1985) tav. 94
Alessandro Varotari, detto Padovanino Marte e Venere giocando agli scacchi, olio su tela, ca. 1630-1640 Oldenburg (Oldenburg), Landesmuseum für Kunst und Kulturgeschichte
Carl Probst Partita a scacchi/The Chess Match, olio/..., 1902 The Athenaeum
John Singer Sargent The Chess Game, ca. 1907 The Athenaeum
Johann Heinrich Wilhelm Tischbein, detto Goethe-Tischbein Corradino di Svevia e Federico di Baden ricevono la condanna a morte durante un gioco di scacchi in 1268, olio su tela, 1783-1784 Gotha, Schloß Friedenstein/Schloßmuseum 3 × Tischbein und die europäische Malerei um 1800 (2005) cat. 29
A. Paul Weber I scacchisti, ciclo di disegni a penna, cominciato in 1937; più tardi anche litografie, fino a 1980 Junge Kunst im Deutschen Reich – Wien 1943, veranstaltet vom Reichsstatthalter in Wien, Reichsleiter Baldur von Schirach (mostra propagandista!!!) (1943) no. 528 e seguenti; Günter Nicolin, A. Paul Weber – Schachspieler (Amburgo 1988)
Adriaen van der Werff Gli scacchisti, olio su tela, ca. 1679 Braunschweig, Herzog-Anton-Ulrich-Museum Von Frans Hals bis Vermeer. Meisterwerke holländischer Genremalerei. Catalogo della mostra a Berlino (1984) cat. 126
Austria "Il turco", le sue copie, rappresentazioni grafiche ecc., 1769 o 1770 (e più tardi) Il turco, de:Schachtürke, en:The Turk, ecc.

--Martinus KE (msg) 00:12, 7 mag 2019 (CEST)

francesi, italiani, abruzzesi... wikipediani![modifica wikitesto]

Ciao, mi sei molto mancata ai Wikioscar. I gatti stanno bene (due) e il terzo tira avanti e guarirà, andiamo in clinica per controlli in media ogni 10-15 giorni. Ti spiego questo titolo: quest'anno mi sto dedicando a scrittori italiani del '900 e dei libri che hanno vinto concorsi. Così mi ritrovo un mare di fonti da mettere e libri da leggere. Non sono veloce a creare pagine, ma chi va piano, il resto lo sai. In questi frangenti ho già praticato un paio di volte Ignazio Silone e sono scandalizzata dalle condizioni della pagina, tanto che volevo chiederti se potevi o se possiamo insieme lavorarci. Ne riparliamo a fine mese? Ora senz'altro guardo le tue pagine, penso saranno impeccabili. Un abbraccio, amalia.--Amalia Matilde Mingardo (msg) 14:53, 10 mag 2019 (CEST)

Pienamente d'accordo su Silone. Ho dato un'occhiata al primo autore e ho trovato solo un refuso! Sui Wikioscar, beh, mi spiace che la pensi così, ma non mi pare di aver raccolto voti solo di contraccambio, può essere anche vero in qualche caso. Comunque... attenti al topo (di biblioteca, c'est moi). Un'allegra scodinzolata--Amalia Matilde Mingardo (msg) 15:35, 10 mag 2019 (CEST)
Ciao, sto vedendo la seconda tua pagina, Marcel Prévost. C'è un errore madornale che però non mi sono permessa di correggere: Manon Lescaut è stata scritta nel XVIII dall'abate Prévost, un'altra persona. Ora non so dire se nella sezione delle traduzioni in italiano ci siano altri problemi del genere, ma così è. A presto, amalia--Amalia Matilde Mingardo (msg) 09:56, 11 mag 2019 (CEST) P.S. Eccolo: Antoine François Prévost, ciao.
[@ Amalia Matilde Mingardo] Grazie. Ho corretto. --Fausta Samaritani (msg) 14:21, 11 mag 2019 (CEST)

Ciao cara, ho letto tutte le voci e scusa se non sono stata più solerte. Qualche errorino è saltato fuori, ma niente di sostanziale. Bravissima!--Amalia Matilde Mingardo (msg) 15:20, 14 mag 2019 (CEST)

Laura Frausin Guarino[modifica wikitesto]

Ciao carissima, lungi dal volerti coinvolgere in imprese che potrebbero non piacerti, ti sottopongo questa pagina, poi vedi tu. Ho trovato questa traduttrice e prima di affannarmi con le fonti ho creduto di fare l'elenco delle sue pubblicazioni. L'opac fornisce 325 risultati e ho esaminato i primi 100, togliendo doppioni, ma nemmeno così tanti. Volevo evitare i link rossi, ma tanto vale, però gli autori che non compaiono nella wiki italiana, in genere sono su Wikidata e, conoscendo la tua pratica con tale mezzo, (e io non ne capisco un bel niente) penso che potresti cavarne qualche biografia. Io combatto per i senza fonti, ma è necessario che sulla pagina ci sia almeno la lista dei titoli pubblicati; invece... basta guardare la cronologia e pagine così non ce ne dovrebbero essere, almeno in quanto le notizie si trovano! Ti invio un affettuoso abbraccio, amalia--Amalia Matilde Mingardo (msg) 17:19, 18 mag 2019 (CEST)

Nessun problema. Sono intervenuta su Wikidata e ho fatto il collegamento a quattro banche dati. Nella voce, in 'controllo di autorità', ne sono apparse 2. (Non tutte arrivano sulla nostra Wiki). Ho poi fatto collegamenti con un sito che porta una intervista alla Frausin e con una pagina della Mondadori. Se trovo qualche cosa d'altro lo aggiungo. Ciao.--Fausta Samaritani (msg) 18:03, 18 mag 2019 (CEST) [@ Amalia Matilde Mingardo]

Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica[modifica wikitesto]

Buona sera. Per caso sono capitato sulla pagina mobile di Wikipedia. La voce porta il seguente sottotitolo: "scuola di formazione professionale annessa all'Archivio segreto vaticano". Questo andrebbe eliminato oppure adeguato a quella della Scuola Vaticana di Biblioteconomia. Può fare qualcosa? Grazie. Enrico Flaiani

Mi scusi, ma non ho capito bene il problema. Si tratta di due Scuole, una fa capo all'Archivio segreto vaticano e l'altra alla Biblioteca apostolica vaticana. Sono due entità completamente distinte, nate in epoche diverse e con finalità e insegnamenti diversi. Ci sono due corpi insegnanti completamente separati. Su Wikipedia noi abbiamo come regola che solo la prima parola di una istituzione sia messa in maiuscolo. Scuola vaticana di biblioteconomia. Un sottotitolo si può aggiungere, mi dica quale e riferito a quale delle due scuole. Buona notte, ormai.--Fausta Samaritani (msg) 00:38, 22 mag 2019 (CEST)