Discussioni Wikipedia:Regole per la cancellazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discussioni Wikipedia:Pagine da cancellare e Wikipedia:Sondaggi/PDC a consenso.


Archivio
Vecchie discussioni


Discussione correlata[modifica wikitesto]

Segnalo Wikipedia:Bar/Discussioni/Avvisare l’«autore» delle pagine in PdC: ma perché mai?, inerente alle regole per la cancellazione. --Domenico Petrucci (msg) 13:10, 6 feb 2018 (CET)

E già che ci siamo: si parla estensivamente di cancellazioni (con argomenti incrociati) anche in
--Nemo 06:33, 12 feb 2018 (CET)

Annullamento per sufficienza dei criteri[modifica wikitesto]

Le regole dicono che è possibile annullare una cancellazione se la motivazione della proposta è palesemente non valida. A volte però mi sembra che alcuni pensino che si possa annullare a prescindere la cancellazione di una voce su una persona o argomento che rispetta i criteri sufficienti, anche se la motivazione per la cancellazione è "totale assenza di fonti attendibili" o "voce scritta malissimo". Visto che altrove non c'è stata occasione di approfondire ([1] [2]), giusto per controllare: nessuno pensa che i criteri sufficienti autorizzino ad annullare una cancellazione aperta per come una voce è scritta, vero?

Poiché molti pensano che le PdC debbano favorire il miglioramento delle voci, mi chiedo se qualcuno si sia confuso per il fatto che non c'è più l'annullamento per riscrittura (cioè per superamento della motivazione di apertura). Forse alcuni si sono convinti che le procedure di cancellazione servano solo a giudicare il soggetto di una voce (e ad autorizzare C7 successivi a oltranza a prescindere dal contenuto), pensando che non ci sia mai modo di rimediare a una proposta di cancellazione neanche riscrivendo la voce per intero? --Nemo 06:29, 12 feb 2018 (CET)

Sul primo punto è esplicitamente vietato chiedere la cancellazione di una voce perchè scritta male. Sul secondo non saprei che dire su cosa pensano le persone--Pierpao.lo (listening) 09:39, 12 feb 2018 (CET)
La ratio delle regole attuali mi pare evidente: (A) una voce è scritta tanto male da non lasciar trasparire l'enciclopedicità del soggetto. (B) L'utente X la mette in cancellazione. (C) L'utente Y la modifica portandola ad un livello che reputa sufficiente e apre la consensuale. (D) Altri utenti verificano che i miglioramenti sono sufficienti e propongono il mantenimento. (E) La voce resta. Reintrodurre l'annullamento per ampliamento toglie la fase (D) di verifica e favorisce, anche involontariamente, il "muro contro muro" : sono quindi contrario. --Nicolabel 09:55, 12 feb 2018 (CET)
  • Mi pare pacifico che i punti da cui dipende l'automatica enciclopedicità debbano essere sorretti da fonti, e che quindi non si può annullare una PDC avviata per mancanza di fonti solo sulla base del (presunto) rispetto dei criteri.
  • Confesso che mi ero perso l'eliminazione dell'annullamento per riscrittura. Rimane però il punto "motivazione non valida per l'apertura della procedura". Certo, l'esempio cita un caso in cui che la voce rispetta certamente i criteri, ma mi pare che in questo caso rientri anche l'ipotesi (ad es.) di voce messa in cancellazione perché minima (e solo per quello): la motivazione diventa a quel punto non più valida. C'è anche da dire che in molti casi l'ampliamento della voce dimostra anche il rispetto dei criteri. --Jaqen [...] 10:09, 12 feb 2018 (CET)
Pierpaolo, non mi risulta un tale divieto: stai parlando del punto 5 che dice di segnalare prima le voci da aiutare invece di passare dritti alla cancellazione? Io per "scritta malissimo" intendo casi di radicale violazione dei pilastri, per esempio "l'argomento è importante ma nella voce ci sono solo ricerche originali", o "ci sono milioni di fonti affidabili ma la voce è tutta basata su siti personali", o "la voce è totalmente in violazione del punto d vista neutrale" (quasi un volantino pubblicitario ma non da immediata/molto polarizzata-ideologica) ecc. Ci sono mille casi in cui una voce è scritta in modo talmente disastroso che l'unica opzione è ricominciare da zero, non è certo vietato discutere della cancellazione di tali voci. --Nemo 12:04, 12 feb 2018 (CET)

Forse ho capito male ma:

  1. se una voce è enciclopedica perchè ripetta criteri minimi ma è scritta male rientra nel punto 5
  2. se è una RO e non ha nessuna informazione da enciclopedia terziaria allora è da immediata anche se il titolo (es:senatore tal dei tali) rispetta i criteri automatici
  3. se è una RO ma ha qualche contenuto non RO rientra nel punto 6: template P
  4. se il problema sono le fonti, è come la RO; qualche informazione utile: template F. Nessuna informazione: cancellazione immediata.

Insomma in prassi spesso si cancella dicendo "si fa prima a riscrivere", ma la ratio della linee guida è chiara: se c'è qualche contenuto informativo ragionevolmente enciclopedico al di là dello stato della pagina anche pessimo non si può cancellare. Questo dicono le regole. La maggior parte della comunità hai idee più restrititve. Quindi qualche incoerenza nei comportamenti e nella visione ci sta. E lo dimosta WP:FONTI. Nell'incipit è scritto che "è importante", non "fondamentale" e dice che si mette il template "F" in caso di assenza. Dopo invece cambia immediatamente registro dice che l'assenza di fonti implica la cancellazione senza dire dopo quanto si cancella nè che si aspetta un po' anche se è scontato. Comunque se una pagina a contento informativo zero scappa all'immediata e finisce in cancellazione "perchè scritta male", la motivazione è semplicemente è sbagliata ma non ha senso annullarla per riaprirla con la motivazione "pagina non da enciclopedia senza fonti e senza informazioni"--Pierpao.lo (listening) 12:42, 12 feb 2018 (CET)

Aspetta, le regole vere e proprie sull'annullamento sono quelle in WP:RPC#Annullamento della cancellazione e sono ancora più chiare. I 15 punti più in alto sono più che altro raccomandazioni e non sta scritto da nessuna parte che una PDC che non rispetta quei punti si può annullare all'istante --Bultro (m) 23:42, 14 feb 2018 (CET)
Bultro Per me si possono anche cambiare o scriver meglio, io ho riferito solo quello che è scritto, ma le regole che dici tu dicono "Qualunque utente in possesso dei requisiti di voto può annullare una procedura di cancellazione qualora essa ricada in uno dei casi seguenti:... motivazione non valida..." e motivazione non valida punta proprio alle 15 che quindi non sono solo raccomandazioni. Quindi se la motivazione è "pagina scritta male", punto 5 allora è una motivazione non valida e qualunque utente in possesso dei requisiti di voto può annullare. Per questo ho detto che una pagina "solo" scritta male senza altri problemi (mancanza di fonti, non enciclopedicità palese) non può essere cancellata. --Pierpao.lo (listening) 23:59, 14 feb 2018 (CET)
Sì mi era sfuggito il link, ma comunque il punto 5/4 dice "se ritieni che la pagina possa essere comunque recuperabile"; se il proponente non la ritiene recuperabile, la cancellazione è regolare. Molti dei punti sono così.
Comunque se ci sono punti "troppo buoni" non ho niente in contrario ad aggiustarli. Quella parte è stata scritta più di 10 anni fa ed è rimasta sostanzialmente uguale, non c'è dubbio che it.wiki si è fatta più esigente... --Bultro (m) 00:15, 15 feb 2018 (CET)
Appunto. Ci si può appellare al punto 4 o 5 solo dicendo al proponente "i problemi che segnali sono recuperabili facilmente e in breve tempo, quindi invece di mettere in cancellazione aggiungiamo un {{A}} e aspettiamo i miglioramenti". Negli ultimi anni è per caso diventato più socialmente accettato che una voce resti mesi o anni con un avviso "da aiutare" anche quando è considerata un disastro? Il punto 5 diventa più o meno stringente a seconda di questo.
A me sembra scritto in modo sufficientemente chiaro, ma posso capire che per qualche utente meno anziano il testo possa risultare meno comprensibile e che quindi serva qualche sforzo supplementare di comunicazione intergenerazionale. Ai tempi scrissi anche Wikipedia:Lista di controllo cosa non mettere come illustrazione pratica. C'è qualche modo per farsi comprendere dagli utenti meno consapevoli del significato dei punti 4 e 5, quando si mette in cancellazione una voce? Forse bisogna sottolineare il "non recuperabile"? Sarebbe utile qualche esempio dalle cancellazioni annullate nell'ultimo anno o due per vedere in quali casi ci sono stati fraintesi sulle regole?
Intanto, sulla base di questa discussione, ho migliorato un po' la forma del cappello iniziale. --Nemo 09:15, 15 feb 2018 (CET)
Bè ma se secondo te i problemi sono recuperabili e secondo il proponente no, sono opinioni, non è che glie la puoi annullare per questo, al massimo puoi aprire la consensuale --Bultro (m) 17:25, 16 feb 2018 (CET)

Si possono annullare le aperture di consensuale e se sì quando e come?[modifica wikitesto]

Si possono annullare le aperture di conensuale e se sì quando e come? Scriviamo due righe nella pagina di servizio? Come dissi sopra: "Una consensuale è faticosa e comporta un notevole dispendio di tempo ed energie, se si intende lavorarci seriamente." Per me, quando le motivazioni sono palesemente inadeguate o insufficienti si fa un servizio a tutti annullando l'apertura. Modesta opinione, ma almeno scriviamo due righe sul se si può, come e chi puè farlo. Grazie. (conflitt) Lasciamo pure perdere il caso Titivillus di cui si è discusso qui sopra, che è un caso molto speciale e a sè - e del quale sono in parte responsabile, avendo a suo tempo clamorosamente cannato la ricerca su opac sbn... --Pop Op 14:54, 20 feb 2018 (CET)

Annullare le aperture di consensuale si può fare. Non sono sicuro ma credo che possa farlo qualsiasi utente, io lo faccio in automatico quando vedo una consensuale aperta da un utente privo dei requisiti (e in quel caso mi limito a lasciare nella procedura una comunicazione di servizio: "Annullata apertura di fase consensuale da parte di utente privo dei requisiti"). Per quanto riguarda l'inconsistenza delle motivazioni sì, l'ho visto fare più volte, ma in quel caso è consigliabile che sia un utente terzo a farlo e non chi ha proposto la cancellazione. --Mandalorian Messaggi 14:57, 20 feb 2018 (CET)
Annulli semplicemente l'apertura segnalando la cosa nella pagina stessa. O l'utente è privo dei requisiti come dice Mandalorian oppure la motivazione dev'essere palesemente campata per aria, altrimenti lascia pure lì. Aperture troppo campate per aria vengono fagocitate dal sistema del consenso senza paura. --.avgas 15:11, 20 feb 2018 (CET)
(ovviamente non mi riferivo al caso degli utenti privi dei requisiti). Per quel che riguarda le motivazioni campate per aria, chiederei solo di scrivere due righe nero su bianco ;) D'accordo che è molto meglio che non sia il proponente della pdc, e, idealmente, la vedrei che è meglio che un utente proponga l'annullamento, e un altro utente che passa di lì poi annulla davvero. Ma scriviamolo, io sono stato per mesi che credevo potesse farlo solo un admin... --Pop Op 15:16, 20 feb 2018 (CET)
Il consenso potrebbe valere anche per l'annullamento dell'apertura: se oltre al proponente e a chi ha aperto la consensuale, ci sono altri 2-3 commenti pro-annullamento ben motivati perchè non annullare? Anche non ci fosse scritto nulla, è consenso anche quello, tirar avanti una pdc dove è stata aperta la consensuale con motivazioni scarse fa perdere tempo inutilmente e, occasionalmente, fa mantenere una voce non enciclopedica, promozionale, autobiografica o su commissione, soprattutto se finisce in votazione.--Kirk Dimmi! 15:35, 20 feb 2018 (CET)
Chi ha avviato la PDC non la chiude: imho dovrebbe anche evitare di annullare la consensuale. Se dopo il parere di chi apre la consensuale arrivano altri pareri pro-mantenimento occorre certamente tenere conto anche di quelli nel valutare se ci siano elementi sufficienti per aprire la consensuale. E comunque se ci sono diversi pareri pro-mantenimento e c'è una discussione effettiva mi pare giusto che la consensuale rimanga aperta. Non condivido il discorso di Kirk39: se si arriva a una votazione dovrebbe significare che c'erano motivazioni valide per il mantenimento. Se non c'erano allora dovremmo concentrarci sulle mancate chiusure delle procedure, non sui mancati annullamenti delle consensuali, che mi paiono un modo di fingere che non ci sia stata nessuna discussione. --Jaqen [...] 17:43, 20 feb 2018 (CET)
Beh potremmo scrivere anche la pagina Wikipedia:Tutto quello che avreste voluto sapere su Wikipedia* (*ma non avete mai osato chiedere). Dove si racconta che un utente qualsiasi (ma anche un IP) può annullare l'apertura di una consensuale, può prorogare una consensuale o può richiedere su Meta la decadenza di un admin (poi bisogna vedere se te l'accettano...). A parte di scherzi, la terzietà è fondamentale solo se l'azione comporta un giudizio. L'annullamento dell'apertura per mancanza di requisiti è talmente palese che la può fare anche il proponente. --НУРшЯGIO(attenti all'alce bestadmin) 18:20, 20 feb 2018 (CET)
Scusami, non l'ho specificato ma -come Popop sopra- non non mi riferivo al caso dell'utente privo dei requisiti. --Jaqen [...] 09:00, 21 feb 2018 (CET)

Quorum[modifica wikitesto]

Quando alla fine di una PdC nella quale non si è raggiunto un accordo unanime si procede alla votazione, per poter cancellare una voce è necessario, oltre a un quorum di sette utenti, anche che i favorevoli alla cancellazione siano il doppio dei contrari. Questo rende molto difficile in generale che si possa raggiungere un numero di voti sufficienti a far approvare una cancellazione. Con questo sistema poi il voto di chi è favorevole alla cancellazione vale nei fatti la metà di chi è contrario. Non sono riuscito a trovare precedenti discussioni nelle quali si sia sollevato il problema e perciò mi piacerebbe sentire altre opinioni in proposito e come si è eventualmente deciso che si dovesse operare così. Il problema delle voci non enciclopediche o con contenuto promozionale è particolarmente presente per le biografie che, quando non sono realizzate dai diretti interessati o da qualcuno su loro commissione, possono essere state scritte da appassionati che, a volte, non hanno il necessario distacco per analizzare obiettivamente la rilevanza enciclopedica di una voce. idraulico(msg) 09:27, 8 mag 2018 (CEST)

In effetti la questione è stata discussa un'infinità di volte, ad esempio qui e qui. --Jaqen [...] 09:35, 8 mag 2018 (CEST)
Ok, grazie. Dall cell facevo fatica a cercarle. idraulico(msg) 09:52, 8 mag 2018 (CEST)
Io personalmente sono abbastanza favorevole al "garantismo" dei due terzi, ma (la butto lì, poi magari se ne può parlare eventualmente in altre sedi, casomai pingatemi):
  • Si può prevedere ua deroga in casi speciali (esempio, biografie di persone viventi)
  • Si può prorogare la durata della votazione nel caso "maggioranza (ma non qualificata) per la cancellazione". Io non sempre ho tempo di guardare tutte le votazioni, ma con una regola di questo tipo probabilmente quelle delicate le guarderei tutte.
  • Qualcuno storcerà il naso, ma un piccolo template anche poco visibile, anche in fondo (ma in voce) con scritto voce mantenuta senza consenso credo sarebbe un ottimo deterrente per le "vanity pages". --Pop Op 18:02, 13 mag 2018 (CEST)
Che il consenso sia valutato in modo conservativo, non vuol dire che non ci sia. La voce in questione viene mantenuta per consenso, altrimenti verrebbe cancellata. --Harlock81 (msg) 18:06, 13 mag 2018 (CEST)
La sezione della linea guida in cui si comincia ad accennare alla votazione si intitola "In mancanza di consenso" ;) Poi però si parla di "consenso conclamato". A di là della terminologia ufficiale, ormai nelle PdC è uso comune interpretare "votazione" come opposto di "consenso"; la mia opinione è che una voce che si salva per votazione si è salvata senza consenso. Comunque (la mia proposta è abbastanza fantascientifica, lo so) ma non mi formalizzo sull'eventuale testo, per me "mantenuta in seguito a votazione" può andar bene lo stesso, ma sicuramente ci sarebbe anche di meglio. --Pop Op 19:00, 13 mag 2018 (CEST)
(fuori crono) Che è come l'informazione è riportata in pagina di discussione della voce mantenuta. --Harlock81 (msg) 20:05, 13 mag 2018 (CEST)
(A caldo): il quorum di 7 implica che per cancellare una voce si parta da un 70% (5 a 2, perché 4 a 3 passa) per scendere al 50%. Se facciamo una (a memoria) statistica di: quante sono le voci che si sono fermate sotto al quorum ? 10% ? quante di queste voci sono state cancellate, ergo con voto 5 a 2, il 20% ? per cui il quorum funziona per (10%*20%)= una voce su 50 proposta. Ha senso ?--☼Windino☼ [Rec] 19:52, 13 mag 2018 (CEST)
[@ Windino]No, da un po' è stato cambiato, se i pro-cancellazione non arrivano a 7 la voce rimane in ogni caso. (Anche qui, imho, potrebbe aver senso prolungare di un'altra settimana) (oppure, ancora meglio, si fa che si proroga fino a che la votazione non dà il risultato che pare a me, ahahah ;) --Pop Op 20:59, 13 mag 2018 (CEST)
Appunto, sono per un restringimento/snellimento. Toglierei quel preambolo del raggiungimento dei 7 e passerei subito al 50%. La procedura inizialmente è troppo sbilanciata per un mantenimento. Se raggiungi il quorum devi comunque avere un 5 a 2, se lo superi devi passare a 6 a 2 perché un voto (magari il viandante occasionale, stante che già i contributori di progetto ci lavorano sopra (giustamente) per mantenerla) a mantenere la salva ancora. Io non sono mai stato convinto che questi conteggi siano costruttivi ma, se devono esserci, stante lo sfinimento del prevoto, almeno che non sia un muro invalicabile pro voce --☼Windino☼ [Rec] 21:22, 13 mag 2018 (CEST) Edit: ho fatto male il conto, con 5 a 2 non sommi nulla.
Tentativi di cambiare le cose si ripresentano ciclicamente ma non c'è mai stato nulla da fare perché è sempre bastato qualcuno che dicesse no che il consenso per il cambiamento non si è mai trovato. Opinione personale, vista l'insofferenza per questo sistema che si ripresenta ciclicamente e che, ciclicamente cade in un nulla di fatto per lo stesso muro contro muro che si ha nelle PdC, andrebbe deciso attraverso votazione. Nello stesso modo con le stesse votazioni dove il consenso è piuttosto effimero. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 21:48, 13 mag 2018 (CEST)
Così fu (segnalo solo l'ultimo in ordine di tempo). --Harlock81 (msg) 21:58, 13 mag 2018 (CEST)
8 anni fa... giustamente utilizzi il passato remoto, all'epoca molti degli attuali contributori manco sapevano cos'era Wikipedia. Inoltre all'epoca (nel tempo di internet stiamo parlando di ere geologiche fa) la votazione era l'unica risorsa per evitare la cancellazione. Nel frattempo le cose sono (un po') cambiate ma le votazioni sono sempre quelle del 2004. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 22:26, 13 mag 2018 (CEST)
La proposta di PopOp della targhetta mi piace, del resto il problema delle voci vanitose/celebrative si presenta con le voci dei viventi (o dei cari estinti); almeno per quelle forse qualcosa bisognerebbe decidere di fare (tipo dopo un certo numero di voti pro cancellazione i voti valgono uguale), del resto quando una PDC registra che so 16 voci pro cancellazione e 9 al mantenimento, sarebbe bastato un mantenimento in meno per finire in parità? (chiedo scusa a [@ Windino] ma non ho capito niente del tuo discorso :o) --Tostapanecorrispondenze 22:34, 13 mag 2018 (CEST)
@fc. Mantengo il convincimento (che qui è OT essendo una discussione in pdc) che occorre valutare bene, da parte del proponente, cosa fare prima di aprire la pdc. Cn rosè, A, F, chiarire etc, chi vuole una pagina che dice al mondo: sei dubbio ?, sollecito a più progetti, ping. Se il colosso è talmente piantato da non riuscire a smuoverlo lo si accerchi con altri mezzi. E' stato costruito un sistema ora (forse) anacronistico (nei metodi) a suo tempo efficace ed ora si lavora per affinarlo ma, anche ora, anche tutte le discussioni collegate, non fanno che alimentare la bestia. Tostapane, avevo sbagliato conti, in sostanza la questione del quorum mi pare un peso superfluo. Mi sono perso nel tossico, è bene che faccia una pausa prima di sragionare troppo --☼Windino☼ [Rec] 22:52, 13 mag 2018 (CEST)

[ Rientro] (confl. da 3-4) Che una voce che si salva col 15:8 abbia un consenso sul mantenimento mi risulta estremamente difficile da capire :-) Siamo alle solite, divario estremamente ampio per un voto pro-cancellazione rispetto a uno pro-mantenimento (capisce meno chi è per la cancellazione?), che va al di là del conservazionismo per "premura o sicurezza". Il più delle volte sono voci di viventi scritte da loro stessi o su commissione, la cui cancellazione non influirebbe nulla sull'enciclopedia, almeno in senso positivo, per gli scopi dell'enciclopedia per la quale è nata.--Kirk Dimmi! 22:51, 13 mag 2018 (CEST)

Per non parlare di utenze dubbie i cui unici contributi sono quelli nelle discussioni delle PdC come a esempio questo che sembra essersi iscritto per l'occasione. Il problema delle biografie dei viventi è reale, IMHO, è le PdC finiscono spesso nel vuoto perché anche gli utenti in buona fede tendono a pensare che alla fine sia meglio che una voce rimanga piuttosto che cancellarla. La dicitura poi che riporta che la voce rimane dopo che è stato raggiunto il consenso, con magari una votazione finita 17 a 9, è palesemente fuorviante. idraulico(msg) 10:27, 14 mag 2018 (CEST)
Il problema in quella pdc, oltre al neoregistrato, è l'arrivo di utenze dormienti, 3-4 anni che non si vedevano, che se non considerassimo quelle mi sembra che un solo neoutente anziano non arrivato per l'occasione fosse per il mantenimento (non sto a riguardare). Il fatto è 2 di quelle utenze dormienti potrebbero pure votare.--Kirk Dimmi! 12:06, 14 mag 2018 (CEST)
(conflitt) Sono d'accordo, i nuovi utenti, le utenze monotematiche, quelli che tornano dopo anni non dovrebbero avere la possibilità di inquinare la discussione portandola poi alla votazione dove, anche se non possono votare, la percentuale è squilibrata. Per discutere in PDC bisognerebbe avere un tot di contributi magari negli ultimi 3 mesi IMHO--Tostapanecorrispondenze 12:09, 14 mag 2018 (CEST)
C'è secondo me un equivoco di fondo: la procedura di cancellazione serve per vedere se c'è consenso per cancellare una voce, non per mantenerla. Quindi è del tutto logico che -quando non si trovi consenso in consensuale- per cancellare ci voglia una maggioranza qualificata: consenso non equivale certamente a 50%+1. Ed è del tutto logico che se non c'è consenso per cancellare la voce rimanga. Questo però non vuol dire che la voce sia stata mantenuta senza consenso.
Al momento non c'è alcuna uguaglianza fra gli esiti di una PDC: una voce mantenuta può essere riproposta per la cancellazione dopo 3 mesi (anzi, in alcuni casi anche prima); questo termine dei 3 mesi non esiste invece per le voci cancellate, visto che per ricrearle servono sostanziali novità (e di solito una discussione) altrimenti il C7 può colpire anche dopo anni. Spesso viene proposto di abbassare la maggioranza necessaria in PDC, per stabilire una sorta di "uguaglianza" fra cancellazione e mantenimento, ma non si propone di stabilire questa uguaglianza anche negli esiti.
Allora io dico: prima portiamo uguaglianza procedurale fra gli esiti (C7 vietato dopo 3 mesi dalla PDC e anche prima nel caso di novità), poi discutiamo dell'uguaglianza nelle procedure decisionali. --Jaqen [...] 13:11, 14 mag 2018 (CEST)
Sono dell'idea che le utenze dormienti non possano risvegliarsi solo per votare. Sarebbe utile, per fugare dubbi di "Campagna elettorale", che il diritto di voto e di partecipazione alle PdC venisse sospeso temporaneamente e riattivato dopo tot mesi di partecipazione attiva. Non è possibile stare anni senza contribuire e poi svegliarsi per una PdC. idraulico(msg) 14:26, 14 mag 2018 (CEST)
Anche a me non è mai andato a genio questo aspetto delle votazioni per cui per cancellare servono il doppio dei voti: è un'idea inclusionista che accoppiata al problema statistico dei piccoli numeri può anche nuocere in caso di voci dubbie. Concordo con Jaqen però quando si pone il paletto per cui se si discute di questo aspetto, è obbligatorio discutere anche dell'applicazione del C7. Dal mio punto di vista, sarebbe tutto da uniformare.
Prima di discutere di questo aspetto, però, faccio mia l'osservazione di dell'Idraulico con l'idea di dare un nuovo taglio ai requisiti di voto in particolare inserendo un indice per l'attività prossima dell'utente. Le 50 modifiche indistinte e i 30 giorni dal primo edit non sono più sufficienti. In particolare, mi sembrerebbe quasi più utile - e la butto lì come mi viene sul momento, senza troppo limarla - un indice di valutazione dei 3 mesi precedenti il giorno corrente ad esclusione del mese in corso, dunque quindi una valutazione sui 2 mesi precedenti all'ultimo, in modo da poter inquadrare l'attività in tempi il più possibile non sospetti rispetto ad un'apertura di consensuale/votazione. --.avgas 15:26, 14 mag 2018 (CEST)
Concordo in pieno con .avgas: se si riformula il quorum, va rivisto anche il C7 (anche se non mi sembra che la sua applicazione da parte degli admin sia così indiscriminata...). Comunque, visto che l'ultimo infruttuoso (e sfinente) tentativo di abbassare il quorum è piuttosto recente, mi concentrerei sul problema del diritto di voto, secondo me più urgente e subdolo. E direi di analizzare i due problemi separatamente, altrimenti la discussione finisce nel nulla.
Cercando di tenere il criterio semplice (anche perchè poi va controllato): per avvio PdC, apertura consensuale, votazione: 30 giorni dal primo edit e 50 edit negli ultimi 3 mesi alla data di apertura della PdC (così evitiamo tentativi tardivi di ottenere il diritto di voto).--Equoreo (msg) 16:09, 14 mag 2018 (CEST)
Quoto con il sangue .avgas: i ricorrenti e improvvisi risvegli di utenze dormienti mi ha sempre lasciato perplesso (eufemismo). Prima di intervenire sul quorum - si preannuncia come un bagno di sangue - partirei da qui --Ombra 16:17, 14 mag 2018 (CEST)
(rientro) Scusa [@ Jaqen] non vedo dove stia tutta questa mancata simmetria "voce ricancellabile" - "voce ricreabile". Non c'è (quasi) nessuna decisione inappellabile su wikipedia. Il C7 si usa perchè gli amministratori devono far rispettare le decisioni prese dalla comunità. Per ricreare una voce cancellata si passa dai progetti, o dal bar, non è affatto vero che non si può ricreare una voce cancellata, se si presentano motivazioni adeguate (anche senza intervento di fatti nuovi). Si deve passare per una discussione della comunità, non semplicemente ricrearla come azione individualistica. Così come la cancellazione non è un'azione individuale, ma è una decisione comunitaria. Quindi dove starebbe la differenza? --Pop Op 17:42, 14 mag 2018 (CEST)
Popop, scusa ma tutta 'sta storia della voce ricreabile è già stata trattata ampiamente e, da qualsiasi parte la si guardi, la procedura non è così immediata e, si, ci vogliono "fatti" nuovi che la giustifichino (nelle motivazioni delle PdC si parla proprio di voce ricreata senza ALCUNA MODIFICA RISPETTO ALLA PRECEDENTE...). Capisco che sia noiso rileggere tutto l'ultimo papiro, ma ti assicuro che abbiamo scavato così tanto da aver disseppellito la tomba di un nuovo faraone;) Vi lascio discutere in pace, che ho ancora i dolori alle mani per aver usato tanto la tastiera prima. Aloha--Geoide (msg) 17:56, 14 mag 2018 (CEST)
[@ Popop] Sarei curioso di vedere qualche esempio di voce ricreata in assenza di fatti nuovi. Solitamente mi pare sia difficile farlo anche passati anni e in presenza di novità significative. E ci vuole consenso, mentre per cancellare una voce già mantenuta in passato basta anche una semplificata (un'"azione individualistica", usando le tue parole). Si vuole l'uguaglianza sia uguaglianza vera: possibilità di cancellare in immediata PDC di voci già mantenute in passato; possibilità di ricreare voci cancellate dopo qualche giorno di silenzio-assenso, ecc. --Jaqen [...] 18:23, 14 mag 2018 (CEST)
Hai ragione che è difficile ricreare pagine cancellate. Ma le voci mantenute in passato non si cancellano "in immediata": si cancellano dopo una PdC che dura almeno una settimana e in cui chiunque può intervenire. Non mi sembra che quello che proponi sia uguaglianza vera: se io ricreo una voce dopo tre mesi, sono io che l'ho ricreata, non è passata nessuna settimana e non c'è stato bisogno di nessuna discussione. Non credi che se succede così raramente che si ricreino voci cancellate è proprio perchè il garantismo dei 2/3 (su cui, sia chiaro, concordo) fa sì che se una voce viene cancellata, vuol dire proprio che, nel 90% dei casi, era da cancellare al di là di ogni ragionevole dubbio? --Pop Op 18:40, 14 mag 2018 (CEST)

(Rientro) Dopo questa interessantissima discussione non ne abbiamo però tirato le somme. Lasciare lo cose in sospeso non va mai bene e si traduce solo in una perdita di tempo. Propongo quindi, riassumendo quanto sopra, di provare a farlo. Credo sia utile, fra i molti, il contributo di [@ Hypergio] che ricordava che tutti i numerosi tentativi di migliorare le cose si sono sempre arenati per via del muro contro muro e che quindi, proprio come nelle PdC, si potrebbe superare l'impasse attraverso una votazione. Per iniziare ritengo sensata la proposta di [@ Popop] che, nel caso di votazioni contrastate che portano al mantenimento di una voce, rimaga un template (nella voce e non nella relativa discussione dove gli utenti in genere non vanno) che indichi che la voce è stata mantenuta a seguito di votazione con i relativi risultati e questo sopratutto come deterrente per le voci promozionali o agiografiche. Inoltre, per il problema di queste tipologice di voci (biografie o prodotti/aziende), per evitare combattute discussioni fra garantisti - che sono dell'idea che in fondo vale tenere tutto - e puristi - che si appellano,spesso vanamente, al rispetto dei pilastri di WP - che per le biografie di viventi o di cari estinti si potrebbe pensare a un passaggio nel progetto di pertinenza che ne vagli fonti e rilevanza enciclopedica preventivamente. Esistono le prove della rilevanza enciclopedica? Sì? Allora si mantiene, viceversa si cancella. Relativamente ai dormienti che si risvegliano per le votazioni, come proposto da [@ .avgas] - e mi sembra sostenuto da molti altri - si potrebbe pensare all'esclusione per quegli utenti i quali negli ultimi che non hanno contibuti rilevanti nei tre mesi precedenti al giorno di apertura della PDC. Si potrebbe anche pensare che, sempre per evitare risvegli sospetti e utenze multiple, alle votazioni finali possano accedere solo utenti autoverificati. idraulico(msg) 11:44, 21 mag 2018 (CEST)

[@ Idraulico liquido] Ti sei accorto che di un eventuali requisito contro le cd utenze dormienti si discute nella sezione qua sotto? Perché continui a fare confusione (e far perdere tempo a tutti) mescolando questioni diverse e continuando a riproporre cose per cui non c'è consenso? --Jaqen [...] 12:29, 21 mag 2018 (CEST)
[@ Jaqen]Si, me ne ero accorto ma ho pensato di riassumere in un unico commento visto che erano argomenti simili. Non c'è consenso perché lo hai deciso tu? Scusa se ti faccio perdere tempo. idraulico(msg) 12:44, 21 mag 2018 (CEST)

Requisito anti-dormienti[modifica wikitesto]

Mi permetto di aprire questa sottosezione per buttare giù qualche idea in merito a un nuovo requisito che, senza grossi stravolgimenti, aggiunga un indice rispetto ai due attuali:

  • aver effettuato la prima modifica da almeno 30 giorni compiuti;
  • aver effettuato almeno 50 modifiche indistinte.

In particolare penserei a qualcosa tipo:

  • aver effettuato almeno 25 modifiche negli ultimi due mesi antecedenti all'apertura della procedura di cancellazione.

Semplice, ma che introduce un criterio di valutazione dei contributi prossimi alla PDC e non un qualcosa che si guadagna dopo un X e vale a vita wikipedianatural durante. Statisticamente parlando, eviterei un criterio che consideri una valutazione più ampia di 2-3 mesi per non spalmare eccessivamente il campione. Non considererei eccezioni alla regola, nemmeno per gli admin, così come non introdurrei ulteriori paletti. Questo nuovo criterio prenderebbe applicazione in tutti i punti tranne i sondaggi e i trasferimenti, su cui lascerei tendenzialmente campo libero.
Non aggiungerei nulla ai minimi già richiesti per le votazioni sugli utenti. --.avgas 16:36, 14 mag 2018 (CEST)

Penso che richiedere di essere utenti attivi sia una condizione che permetta di fugare i dubbi relativi ai dormienti che si risvegliano solo per le PdC. Il criterio del numero di modifiche minime effettuate nei due mesi precedenti all'avvio della PdC mi sembra sensato al fine di poter accedere alla discussione di una PdC e alla successiva eventuale votazione. Per evitare che poi qualcuno si prenda la briga di modificare "virgole" a voci casuali per raggiungere il numero di modifiche minime, aggiungerei che le modifiche devono essere distribuite nell'arco dei due mesi. idraulico(msg) 16:47, 14 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ Idraulico liquido] Il criterio della distribuzione che proponi mi sembra di difficile applicazione/controllo: comunque, se qualcuno si presenta ogni due mesi non è tendenzialmente uno in conflitto di interessi. Cambiare 2 virgole solo per ottenere gli edit necessari direi che è ovviamente incluso in WP:GIOCARE.--Equoreo (msg) 17:06, 14 mag 2018 (CEST)
[× Conflitto di modifiche] Non partecipo quasi mai alle pdc, ma ne ho chiuse parecchie. In effetti mi è capitato più volte di leggere nomi completamente sconosciuti e verificare che erano "utenze dormienti" risvegliatesi inaspettatamente per quelle procedure, perciò una modifica di questo genere mi pare di buon senso. Sono quindi Symbol support vote.svg Favorevole--Parma1983 16:51, 14 mag 2018 (CEST)
[× Conflitto di modifiche]Symbol support vote.svg Favorevole al criterio formulato da .avgas; se però salissimo a 50 edit in 2 mesi, potremmo assorbire un criterio e tenere le cose semplici. Ok per escludere i trasferimenti (gli utenti potrebbero partecipare in altri progetti); meno d'accordo sui sondaggi. Invece, decisamente estenderei alle votazioni sugli utenti (ma sarebbe OT rispetto a questa discussione): rogne coi risvegliati sono già avvenute in passato nelle elezioni/revoche degli admin.--Equoreo (msg) 17:00, 14 mag 2018 (CEST)
Symbol oppose vote oversat.svg Fortemente contrario/a Credo che chiunque, compresa me con i miei modestissimi 24.000 e passa edit (gli admin ne hanno molti di più), se dopo due mesi di ferie rientrasse e non potesse partecipare a una PdC che gli interessa solo perché inattivo per un po', si infastidirebbe e non poco. Domanderei: non vi sembra un po' eccessivo? E allora chi ha diritto di voto? solo chi partecipa costantemente alle PdC? suvvia, rasentiamo il ridicolo:). Abbiamo discusso qui dal 28 gennaio al 25 febbraio, abbiamo avuto 18 pareri contrari al cambiamento del quorum e solo 8 a favore e solo dopo poco meno di tre mesi si riparte? Ma queste crociate le facciamo per questo? (anche se ora si parla di requisiti di voto):
Copio-Incollo: «Nel 2016 sono state aperte 2907 PdC valide, di queste solo 131 (4,5%) sono andate in votazione e, di queste:
37 si sono concluse con la cancellazione (1,3%)
59 hanno visto una prevalenza di mantenere (2,0%);
35 si sono concluse con il mantenimento perché i cancellare non hanno raggiunto il quorum previsto (1,2%).
Siamo proprio sicuri che valga la pena ritornare sull'argomento quorum per 35 voci all'anno? Io penso di no. --Antonio1952 (msg) 23:34, 28 gen 2018 (CET)»--Geoide (msg) 17:11, 14 mag 2018 (CEST)
Symbol support vote.svg Favorevole Si discute di criteri per risolvere un problema. Ovviamente un periodo di vacanza di due mesi non significa essere dormienti. Si diventa tali se la propria utenza, nell'ultimo anno - a esempio - non è attiva per dodici mesi e si "sveglia" per partecipare alle PdC. idraulico(msg) 17:17, 14 mag 2018 (CEST)
Scusa, questo <<aver effettuato almeno 25 modifiche negli ultimi due mesi antecedenti all'apertura della procedura di cancellazione.>> come è scritto appena più su, cosa vuol dire? avgas ha parlato di "indistintamente anche per gli admin": scritto nero su bianco--Geoide (msg) 17:25, 14 mag 2018 (CEST)
Cosa non ti è chiaro? Per ora di stanno avanzando delle proposte. idraulico(msg) 17:30, 14 mag 2018 (CEST)
Certamente Symbol support vote.svg Favorevole, 25 edit indistinti in due mesi sono una buona misura, nè troppi nè pochi, e dormienti e neoregistrati, che arrivano magari dopo campagna esterna, sarebbero un po' limitati, poi possono sempre dir la loro.--Kirk Dimmi! 17:16, 14 mag 2018 (CEST)
Anch'io Symbol support vote.svg Favorevole, se la verificabilità delle condizioni non è tecnicamente troppo difficile. Va detto che succede spesso che, quando sono proprio indeciso e vedo un po' di utenti redivivi... quasi sempre l'indecisione mi passa. Ma, certo, non è che sia un argomento su cui ci si possa basare. --Pop Op 17:34, 14 mag 2018 (CEST)
[@ Geoide] fortunata te che ce li hai due mesi di ferie! :) Ad ogni modo questa sottodiscussione è stata scissa dalla principale proprio per non ragionare sul quorum. Se non sono i due mesi IMHO un qualche limite di attività andrebbe comunque trovato anche perché ci metterebbe al riparo da strumentalizzazioni esterne (Aranzulla do you remember?). E, altrettanto IMHO, perché sia efficace non può essere più largo di 6 mesi --Ombra 17:35, 14 mag 2018 (CEST)
Si potrebbe elevare a 3 mesi con 30 edit indistinti, ma non andrei oltre i 3 mesi. E vacanze più lunghe mi paiono piuttosto rare ;)--Parma1983 17:43, 14 mag 2018 (CEST)
Le ferie si intendono da wikipedia:)), magari! Ombra ho capito benissimo, il mio esempio è comunque accentrato sull'importanza che si da a 'sta cosa per così poche PdC da valutare con il voto; .avgas ha scritto dei numeri e fatto delle precisazioni: ho risposto a quello e non me lo sono inventato:) Se poi i pareri sono dati senza tener conto del proponente e delle modifiche, ditelo. In ogni caso, ripeto, mi pare assolutamnete prematuro parlare di queste modifiche, anche se non sono per il quorum: è un modo per aggirare l'ostacolo, insomma abbiamo rigirato la frittata...--Geoide (msg) 17:47, 14 mag 2018 (CEST)
(pluriconfl.) Cioè se uno fa una pausa di 2 (o 3 che siano) mesi poi dovrebbe aspettare di fare un tot di edit prima di avere di nuovo il diritto di poter votare in una pdc... non vorrei passare per bastian contrario ma in questi termini mi sembra una cosa che crea più problemi di quelli che risolve. Anzi tutto penalizzerebbe molti utenti che non avrebbero nessun bisogno di fare quei 25 edit per essere considerati idonei a partecipare a una votazione, riducendo, almeno in piccola parte, il livello di partecipazione alle pdc, e contribuendo a circoscrivere ulteriormente la partecipazione alle pdc ai soliti habituè (detto senza polemica eh, anche io sono tra quelli lì). Poi creerebbe equivoci con utenti in buona fede che voterebbero lo stesso perché non conoscono la regola, voti annullati, proteste... ecc. Inoltre appesantirebbe le operazioni di controllo di correttezza delle votazioni. Infine è proprio l'idea che un utente possa avere una facoltà ballerina, che può essere più volte guadagnata, persa e riguadagnata non per fatti importanti come blocchi/deglag ma per il mero scorrere dell'edit count, che mi piace poco. --ArtAttack (msg) 17:50, 14 mag 2018 (CEST)
Io lo vedo come un aspetto da trattare separatamente. Con il quorum non c'entra ma è più un modo per evitare risvegli sospetti.idraulico(msg) 17:52, 14 mag 2018 (CEST)

Un amministratore può stare 5 mesi e 30 gg senza loggarsi, entrare e cancellare una voce in immediata senza discussione o altro, per poi ripresentarsi dopo altri 5 mesi e 30 gg e riniziare. Va da sè che sarebbe assurdo che un utente che possa usare il proprio giudizio per fare questo non possa poi partecipare ad una PDC. Evitiamo gli avvitamenti burocratici. --Yoggysot (msg) 18:07, 14 mag 2018 (CEST)

Provo a mettere dei punti fermi (dal mio punto di vista):
  • i requisiti, nuovi o vecchi che siano, valgono solo per proporre la PdC, aprire la consensuale e votare per cui non possono essere usati per bloccare la partecipazione alla discussione anche perché vi facciamo partecipare perfino gli IP;
  • un sistema simili a quello proposto da .avgas è già presente su Meta per cui non ci sarebbe niente di strano ad introdurlo anche su it.wiki; ovviamente dovrebbe essere automatizzato per evitare perdite di tempo e soprattutto errori nel calcolo;
  • nessuno di noi deve timbrare il cartellino per cui le soglie numeriche e temporali devono essere tali da escludere solo i veri dormienti e non chi si è preso una wikipausa, qualunque ne sia stato il motivo.
Detto questo, proporrei di aggiungere ai 2 requisiti oggi presenti un terzo del tipo: «aver effettuato almeno 10 modifiche negli ultimi 3 mesi». Come per gli altri due requisiti, anche il 3º deve essere soddisfatto al momento dell'inizio della procedura. Infine, escluderei dal quest'ultimo requisito l'autore della voce (se registrato). --Antonio1952 (msg) 18:24, 14 mag 2018 (CEST)

Pluri[× Conflitto di modifiche] Inizio con delle precisazioni inutili: 1)Gli edit sono indistinti, non solo sulle PdC; 2)Voti/consensuali in BF e annullati possiamo averli anche adesso, se si vogliono evitare proteste basta fissare regole semplici e chiare, senza eccezioni e cavilli; 3)L'obiettivo non è ridurre la partecipazione alla PdC o zittire dei pareri (tanto che tutti sono sempre liberi di intervenire), ma bloccare WP:CAMPAGNA e alterazioni del consenso (cose che le nostre stesse linee guida definiscono "gravi e inammissibili") 4)Il problema non è solo sulle votazioni (perchè non stiamo parlando di quorum), ma anche sulle aperture di consensuale.

Questo è IMO lo scenario che la regola vuole evitare: PdC su una voce in forte odore di WP:PROMO/WP:CSC; apertura di consensuale da parte di utenza senza contributi negli ultimi anni (magari i cui 50 edit sono pure monoscopo) misteriosamente ricomparsa; 15 giorni di esacerbante discussione fra gli habituee delle PdC, alla ricerca di fonti e neutralità, e altre utenze richiamate dal sonno, che difendono la pagina a spada tratta; il povero admin di turno non ravvisa consenso e apre la votazione. Risultato: l'alterazione del consenso, il meatpuppetting e la campagna hanno portato a una votazione che non sarebbe stata necessaria (indipendentemente dal risultato delle urne).

Ora, sarebbe un aberrazione che Geoide, abbronzata dopo due mesi in spiaggia :-), non potesse intervenire in una PdC perchè impigliata nelle maglie di una regola pensata per motivi completamente diversi. Riusciamo a scrivere una regola che discrimini delle legittime vacanze da un risveglio dall'oltretomba?--Equoreo (msg) 18:47, 14 mag 2018 (CEST)

Se si pensa che 2-3 mesi siano pochi, si può elevare a 6 mesi, lì non c'è spiaggia che tenga, e in effetti i veri dormienti tornano da letarghi ben più lunghi solo quando gli tocchi la "sua" voce.--Kirk Dimmi! 18:50, 14 mag 2018 (CEST) P.S. Il problema sono i monoscopo, per cui ho dubbi sull'esenzione del rispetto dei requisiti da parte dell'autore della voce, che ha scritto la sua autobio o quella dell'amico, è sparito, ed è tornato poiché l'avviso arriva all'email.--Kirk Dimmi! 18:52, 14 mag 2018 (CEST)
  • Torno dopo qualche settimana di lontananza da Wikipedia e trovo l'attuale sistema di voto con maggioranza dei 2/3 che viene messo in discussione? Ragazzi, mi sembra quasi di avere un déjà-vu! [@ Idraulico liquido] hai tutta la mia solidarietà, se vuoi proseguire su quella linea mi sa che ti aspettano lunghe, estenuanti e probabilmente inconcludenti discussioni! Scherzi a parte, visto che l'argomento del dibattito è un altro non mi soffermerò sulla questione del quorum e della maggioranza se non per dire che il periodico riaffiorare di dubbi sull'opportunità di mantenere lo status quo sia un segnale da non ignorare, prima o poi dovremo mettere mano seriamente anche a quella questione. Per restare in tema, direi che in linea di massima sono Symbol support vote.svg Favorevole alla proposta di .avgas ma resto aperto a possibili modifiche sia al numero di mesi da tenere in considerazione sia al numero di edit. --Mandalorian Messaggi 19:06, 14 mag 2018 (CEST)
Qualcuno se la sente di linkare dei casi non vecchissimi di casi in cui si ritiene che una certa utenza, in una situazione specifica, sarebbe stato meglio che non avesse avuto il diritto di voto? Studiare il problema nel concreto aiuterebbe a trovare delle soluzioni migliori. [@ Parma1983] mi pare che prima accennavi ad alcuni casi recenti. NB: ovviamente solo a titolo informativo e senza che le utenze coinvolte abbiano nessuna conseguenza dall'essere citate qui. --ArtAttack (msg) 19:15, 14 mag 2018 (CEST)

Chiaramente la proposta va nel senso di arginare il fenomeno delle utenze tattiche. Ora non più, ma prima della mia wikipausa di PDC (con il vecchio sistema, oltretutto) ne ho chiuse a pacchi nel corso del tempo e di utenze strane ne ho viste parecchie. Il problema era meno sentito però, forse in virtù del fatto che - vado a memoria - ci fosse un minimo più di partecipazione. In questo senso la partecipazione risolverebbe buona parte dei problemi senza ulteriori regole. Per quanti criteri possiamo inventarci - concordo sul fatto che la proposta nata qui ha un certo peso in fase di verifica della procedura - rimane il fatto che pochi numeri implicano maggior peso di ogni singolo voto; maggior affluenza (e lo dico anche a me stesso) creerebbe automaticamente maggiori margini. --.avgas 19:26, 14 mag 2018 (CEST)

Mi spiace non poter essere più preciso, ma non riesco proprio a ricordare a che voci si riferissero le discussioni "problematiche" da me lette, cui avevano partecipato utenze chiaramente intervenute a seguito di campagne. Ho in mente di non averle chiuse io, ma di averle appunto lette, senza parteciparvi, solo per curiosità personale. Se non ricordo male in almeno un paio di casi erano intervenuti [@ Mandalorian] e/o [@ Hypergio], direi a spanne due o tre mesi fa--Parma1983 19:39, 14 mag 2018 (CEST)
Negli anni ho partecipato a molte PdC e in più di un'occasione mi è capitato di vedere interventi da parte di utenze dormienti, ma sinceramente non ricordo in quali procedure. Resta comunque un problema non prioritario, magari anche minore, ma comunque secondo me inserire qualche requisito per scongiurare questo tipo di interventi permetterebbe di perfezionare il sistema delle PdC.--Mandalorian Messaggi 19:50, 14 mag 2018 (CEST)
Concordo sull'esiguità numerica del fenomeno, e la conseguenza è che la soluzione proposta esclude tanti utenti in buona fede per ogni dormiente in mala fede pizzicato. --ArtAttack (msg) 20:09, 14 mag 2018 (CEST)
Questa discussione è nata da una pdc in corso che non posso linkare, comunque ce ne sono stati diversi di casi ma di ricerarle non ne ho il tempo. Saranno in bassa percentuale ma sono le "più inquinanti" e inquinate, che creano problemi di diverso tipo (anche agli utenti anziani), quindi un palettino ci sta e non fa male.--Kirk Dimmi! 20:24, 14 mag 2018 (CEST) P.S. Con un tempo più alto non esclude nessuno in buona fede, ma solo chi arriva da campagne o ha scritto la voce su commissione (se non è la sua).
A parte le abbronzature e le ferie da Wikipedia, chiamatele pure pause:), le regole troppo stringenti non fanno che allontanare le utenze "buone" dalle PdC e questo, come dice .avgas, ci porta a una netta riduzione dei margini di sicurezza. Le utenze di lungo corso, hanno tutte partecipato alle cancellazioni (pure io), ma per un motivo o per l'altro, vi è il bisogno di cambiare aria dopo un po' e così succede che si affacciano i più giovani e volenterosi, che "lancia in resta", ci si buttano a capofitto, talora anche, senza offesa, con un po' di ingenuità... Insomma aumentare la partecipazione è esattamente il contrario di quello che state tentando di fare, seppure con tutte le buone intenzioni, gli algoritmi per combattere la malafede non li ha ancora inventati nessuno:).--Geoide (msg) 20:38, 14 mag 2018 (CEST)
@fc. Non so se qualcuno ha già risposto similmente ma Geoide, dici: se dopo due mesi di ferie uno rientrasse e. Se l'attestazione di enciclopedità dovesse dipendere da 1,2 persone che in quel momento non ci sono evidentemente qualcosa non va, sia che la voce rimanga o sparisca. --☼Windino☼ [Rec] 21:18, 14 mag 2018 (CEST)
Parliamo sempre di edit indistinti, non di edit nelle pdc, tu nemmeno l'estate scorsa sei stata assente per anche solo un mese :-D Sono casi rari certo, poi uno può non volerne sapere di pdc, c'è chi edita tutti i giorni ma non gli va di editare là, però se uno sta 6 mesi senza nessun edit (nessuno, nemmeno in una sandbox) e torna giusto per una pdc, imo, non è per puro caso.--Kirk Dimmi! 20:54, 14 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Suvvia ragazzi, qui non si parla di uno/due persone che debbono decidere sull'enciclopedicità, qui si entra nel merito della possibilità o meno di esercitare il proprio diritto di voto per regole troppo stringenti e messe per colpire i malintenzionati fregandosene delle conseguenze sul resto delle utenze oneste (per entrare nel vostro discorso...): non mi pare che la pena di morte abbia ridotto gli omicidi in America...:)--Geoide (msg) 14:25, 15 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Il problema delle utenze dormienti che si risvegliano solo per le PdC esiste? Pare di sì. Come si risolve? Facendo finta di niente? Non credo. Richiedere che per partecipare alle votazioni si abbia un pregresso che ne dimostri l'attività non è "condannare a morte" qualcuno. Semplicemente il diritto di voto si sospende quando per lungo periodo non si è in attività. Questo garantisce contro le utenze multiple attivate solo per votare. idraulico(msg) 14:46, 15 mag 2018 (CEST)

Symbol oppose vote.svg Contrario/a La proposta mi vede contrario, perché riduce la possibilità di partecipare degli utenti. Capisco la necessità di limitare le utenze che agiscono in malafede, ma Wikipedia si basa sul principio della WP:BUONA FEDE e come già fatto notare sopra, a chiunque potrebbe capitare di non poter contribuire per un certo periodo di tempo, ritrovandosi così in un certo senso "sfiduciato". Non credo piacerebbe a nessuno. IMHO ci sono più effetti negativi che benefici dalla proposta...-- Dao LR Say something 21:15, 14 mag 2018 (CEST)

Io credo al contrario che vi siano solo benefici. Se sei (se io sono) sfiduciato perchè non ho potuto contribuire ad una voce in odore di anonimo parrebbe che il mio pathos sia in quell'intorno, ergo per le voci dubbie. Alla lunga sarei più un problema che una risorsa--☼Windino☼ [Rec] 21:31, 14 mag 2018 (CEST)
[@ Windino] Scusa, ma non ho capito l'argomentazione. Potresti uscire dalla modalità Pizia?--Equoreo (msg) 21:50, 14 mag 2018 (CEST)
Come sei colto ! (e mica mi leggo ora, la pagina però). Geoide dice: se io torno dopo le ferie e una voce sparisce..ne soffro. Al che fa eco Daolr che supporta: è vero e questo può sfiduciare anche la futura contribuzione del marran malcapitato. Dico : se hai a cuore una voce dubbia al punto che ne vieni sfiduciato mi viene da pensare che non hai ben chiaro o hai un limite basso del concetto di Enciclopedico e, per te tutto fa brodo sull'enciclopedia. Beh, alla lunga quel tutto fa brodo può diventare un problema. E, detto grossolanamente e egoisticamente, se sei più un problema, posso fare anche a meno di te (mio pov): Volevo essere ermetico ma, mi hai piziato--☼Windino☼ [Rec] 22:02, 14 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ Windino] credo che tu mi abbia frainteso, intendevo "sfiduciato" nel senso che dopo un certo periodo di inattività, si dovrebbe comunque avere un numero di edit all'attivo entro tot. mesi, indipendentemente dai contributi passati. Questo, sempre IMHO, costituirebbe una sorta di "sfiducia" ossia di fiducia che viene meno, nei confronti di un utente magari, pure collaborativo, che potrebbe essere semplicemente andato in ferie IRL-- Dao LR Say something 08:59, 15 mag 2018 (CEST)
Si, allora ti ho frainteso. Pensavo intendessi l'utente N perde la fiducia.. Ok bene cosi. Ci sarà anche chi perde la fiducia.--☼Windino☼ [Rec] 13:41, 15 mag 2018 (CEST)

Secondo me si potrebbe concedere tranquillamente il voto al creatore principale della voce (che spesso è quello che si sente meno ascoltato perché ha o ritiene di avere maggiori competenze sull'argomento) e restringere il diritto degli altri utenti solo agli autoverificati, così da una parte "non mordiamo i nuovi arrivati" e dall'altra parte escludiamo coloro sui quali non c'è "piena fiducia". Se poi un utente autoverificato (o in generale quello che potremmo chiamare un "buon utente") è dormiente da qualche mese dopo anni di collaborazione come si deve, IMHO rimane sempre un buon utente. --Daniele Pugliesi (msg) 23:15, 14 mag 2018 (CEST)

[× Conflitto di modifiche]Grazie per il "colto"! Pur trovandomi d'accordo con la conclusione, non sono d'accordo sulla motivazione: le "utenze in sonno" non vanno escluse perchè hanno un idea di enciclopedicità diversa dalla mia o sono troppo inclusioniste; il problema è la "coincidenza" del riapparire proprio quando serve l'intervento di un utente coi requisiti di voto e "guarda caso" per salvare delle pagine con dubbi WP:PROMO/WP:CSC. È vero che abbiamo WP:BF, ma c'è anche WP:FINTO TONTO: se uno scompare per 2/3/6 mesi e torna solo per una pdc, devo veramente pensare che si tratti di pura casualità, o posso ragionevolmente supporre che abbia un interesse o, peggio, sia stato convocato (WP:CAMPAGNA o WP:MP)? Capisco che non faccia piacere, appena tornato da una lunga vacanza, il doversi astenere dalle pdc in corso (solo quelle in corso, perchè bastano 25 edit -praticamente niente- per tornare "nel pieno dei poteri" da subito): comunque fornendo un argomentazione adeguata (perchè intervenire resta permesso a tutti) ci sarà certamente un altro utente disposto ad adottare l'apertura di consensuale. È una misura a tutela dell'enciclopedia: non deve far piacere, serve a rendere la vita difficile a chi vuole violare WP:CAMPAGNA e WP:MP; e come tutte le altre misure di questo tipo (blocchi, bandi, check-user, verifica delle modifiche), aggiunge lavoro (in questo caso, controllo dei requisiti) che non sarebbe necessario in un mondo ideale.--Equoreo (msg) 23:20, 14 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Un solo appunto: non ho mai associato utenze sonnolente con inclusioniste (o viceversa). Sono due cose separate. Da sempre invece sono stato propenso a quanto dice Daniele sui neo. Spesso viene loro precluso il voto e la partecipazione alla discussione è più cassata con un non intervenire ovunque mentre è più tollerato agli anziani.--☼Windino☼ [Rec] 23:34, 14 mag 2018 (CEST)
[@ ArtAttack] solo nell'ultima quindicina di giorni a me è capitato tre volte di vedere dei revenants arrivare in PDC, una è conclusa e credo di potertela dire, era la Carboneria Letteraria, le altre no invece non ne posso parlare. E non è che mi sono andato a spizzare tutte le PDC, sia chiaro ;). Per il metodo, sono d'accordo con la proposta di AvGas dei due mesi, per me andrebbe bene anche solo limitate alle biografie dei viventi e dei loro prodotti (per es. libri) per quanto ho visto. Gli altri argomenti mi paiono più equilibrati. Scusa Geoide ma non ti ci vedo a te, e agli utenti come me e come te, star fuori due mesi per poi correre dentro solo per votare pro o contro, quindici o 50 contributi dal momento che rientri li fai in quanto, due giorni? :-) Mi pare anche in generale ci si dimentichi che quella di chi propone o vota per una cancellazione è una scelta ponderata, non un branco di distruttori col lanciafiamme. --Tostapanecorrispondenze 23:22, 14 mag 2018 (CEST)

Seconda mia proposta: proporre un questionario sulle linee guida che bisogna conoscere. Chi non lo passa o ha avuto comportamenti problematici nell'ultimo mese , non può votare. --Daniele Pugliesi (msg) 23:30, 14 mag 2018 (CEST)

Se per i requisiti di voto mettessimo 50 edit su pagine diverse invece che 50 edit indistinti verrebbero arginate molte utenze monoscopo. Per la "dormienza", invece, basterebbero 6 mesi di non contribuzione, anche in linea con le varie decadenze su itWiki. Benvenuti tutti alla discussione ma almeno si eviterebbero aperture e voti discutibili. Inoltre imporre certe regole ai soli viventi non limiterebbe del tutto il problema, molte voci sono pagine tributo di figli o parenti a familiari defunti. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 04:58, 15 mag 2018 (CEST)
Sono favorevole all'idea di impedire la partecipazione ai dormienti. Come limite quello dei sei mesi mi sembra assai garantista, forse farei tre mesi, ma per me la strada è buona e la soglia la si può trovare. Non mi convince il fatto di trovare il modo di escludere le utenze monoscopo, in quanto un'utenza può essere monoscopo in maniera corretta e non necessariamente per danneggiare Wikipedia. Sono invece d'accordo sul fatto, come dice Hypergio, di non limitare il provvedimento ad alcune tipologie di voci. --Arres (msg) 08:41, 15 mag 2018 (CEST)
Aggiungo - per amore di completezza - che a mio parere alcune dei cosiddetti "dormienti" altro non sono che utenze doppie o triple che vengono "risvegliate" alla bisogna per le PdC. Una procedura che impedisca alle utenze dormienti di partecipare alle PdC potrebbe quindi disincentivare anche questa pratica scorretta.idraulico(msg) 09:11, 15 mag 2018 (CEST)
Symbol support vote.svg Favorevole Alla proposta, mi sembra comunque che l'ipotesi di sockpuppet non sia del tutto sostenibile, confrontando il rischio di una chiusura a tempo indetreminato dell'utenza con l'interesse a salvare una voce --Klaudio (parla) 09:49, 15 mag 2018 (CEST)
Per salvare capra e cavoli, più che chiudere una utenza, per evitare usi disonesti delle utenze multiple dormienti e usate solo per le votazioni, si potrebbe semplicemente impedirne la partecipazione alle PdC. In questo modo si potrebbe disinnescarne l'uso truffaldino e, al contempo, evitare chiusure che potrebbero essere ingiustificate.idraulico(msg) 09:59, 15 mag 2018 (CEST)
Sì, è vera questa cosa del sockpuppet e uno sguardo esperto se ne accorge osservando la cronologia di certe voci (Klaudio, IMO chi è inesperto queste cose non le sa, e basta cambiare dispositivo ;); sono d'accordo con Hypergio sui contributi diversi anche se un buon spam può forse provare ad arrivarci :-D per quanto riguarda il monoscopo, se la pagina è realmente enciclopedica non c'è bisogno del suo voto, se non lo è, il monoscopo e suoi eventuali sockpuppet possono farla restare --Tostapanecorrispondenze 10:03, 15 mag 2018 (CEST)
Mi sembra buona l'idea di Daniele Pugliesi (la prima, non la seconda :) ) di utilizzare il flag di autoverificato. Se il pattern che si vuole identificare è quello delle utenze monoscopo che si risvegliano per agire sulla "loro" voce, credo che pochissime utenze di questo tipo abbiano il flag di autoverificato. L'eventuale idea di una limitazione temporanea del diritto di voto conseguente a una lunga pausa dovrebbe dunque riguardare esclusivamente i non autoverificati. [@ Frullatore Tostapane] Wikipedia:Pagine_da_cancellare/Carboneria_Letteraria non è arrivata a votazione, qui si sta parlando solo di votazioni quindi l'effetto in quel caso sarebbe stato nullo. Tra l'altro il modo in cui si è conclusa è un esempio di come una situazione patologica non necessiti affatto di chissà quali regole numeriche/meccaniche per essere identificata come tale e risolta. --ArtAttack (msg) 10:18, 15 mag 2018 (CEST)
[@ ArtAttack] [↓↑ fuori crono] hai ragione, è la più recente e la prima che mi è venuta in mente e non si è arrivati alla votazione ma di sicuro l'utenza in questione si è risvegliata per due specifiche PDC ;)--Tostapanecorrispondenze 13:11, 15 mag 2018 (CEST)

[ Rientro] Sono abbastanza Symbol oppose vote.svg Contrario/a anche io nei termini proposti da avgas. Se un utente (o varie utenze) scrive la voce nel 2008 e non partecipa più dal 2009, non vedo perché non dovrebbe intervenire nella discusssione anche dopo anni di inattività. Anche le utenze monoscopo, seppur non promozionali, hanno diritto di dire la loro: tanti utenti lavorano unicamente in un progetto, come per esempio quello del calcio, ignorando del tutto letteratura, storia o biologia perché il loro interesse va altrove. Mica vogliamo escludere tutte queste utenze dalle PdC anche se vanno in wikipausa?

Credo che le linee guida di WP ci proteggano già dalle utenze promozionali, o che fanno SPAM, ed esistono strumenti come il CU per altri tipi di abuso. È vero che il flag di autoverificato ispira più fiducia, ma non è neanche giusto tagliare fuori utenze "dormienti" o IP, perché le prime dimostrano il loro interesse nella voce anche a distanza di anni e bloccarle non fa altro che incoraggiare l'attività da sloggati (rientrerebbero come IP). Infine, le campagne e altri meatpuppet si riescono ad identificare in genere, perché non siamo così ingenui. --Ruthven (msg) 11:23, 15 mag 2018 (CEST)

Ruth qui si parla delle votazioni, non di interventi/commenti nelle pdc che sono - e rimarrebbero - aperti a tutti, come è giusto che sia. Però hai ragione, una qualche tutela per chi ha scritto la voce (o per il "maggior contributore") e magari è inattivo da un po' andrebbe trovata --Ombra 11:30, 15 mag 2018 (CEST)
Concordo con Ombra, una cosa sono le utenze dormiente che si svegliano solo per le PdC, un'altra quella di chi ha scritto la voce o che ha molto contribuito a scriverla. Sono cose diverse. Qui si sta cercando non di zittire ma di impedire che sia troppo facile inquinare una votazione. GLi IP anonimi poi hanno diritto di partecipare a una votazione? Non mi sembra. idraulico(msg) 12:03, 15 mag 2018 (CEST)
  • Symbol oppose vote.svg Contrario/a alla proposta iniziale. Penso a me stesso che sono stato assente per anni per poi tornare pochi mesi fa, mi darebbe alquanto fastidio visto che non ho alcun interesse personale nelle voci. Penso che ciò sia applicabile a più utenti. Chi vota ed è un utenza dormiente ritorna dopo anni. --Sax123 (msg) 16:08, 15 mag 2018 (CEST)
  • Symbol oppose vote.svg Contrario/a: inutile bizantinismo. X-Dark (msg) 16:53, 15 mag 2018 (CEST)

Ho sempre più l'impressione che il problema di fondo non stia nelle regole ma nell'approccio comunitario alle cancellazione. Sempre un po' troppa attenzione alla dinamica sociale e poco ai contenuti e cosa li fa davvero migliorare. Disincentivare le utenze non è proprio la strategia migliore, e comunque a livello di finezza tecnica rimane il fatto che la regola del vincolo degli edit ha dei problemi comunque come formulazione, problemi che si estendono nel caso di definizione di termine di una pausa. Tipo il ruolo degli edit cancellati nel computo... il ruolo dei namespace (pagine di tutti i namespace sono cancellabili, quindi il computo è difficile che sia disaggregabile, ma fa sorridere che se faccio n edit di contenuto no e n+10 edit solo in discussioni magari sì) e forse anche altri. A livello pratico queste "finezze" le abbiamo ignorate perché minoritarie su un campione di nuove utenze sempre bassino, ma così facendo forse non solo le sperimenterebbe il niubbio, ma se le beccherebbero potenzialmente tutti ogni tanto quando tornano, un campione superiore in numero. Per non parlare in questo caso del blocco... di fatto il blocco si estende così facendo a questo namespace specifico di default. E sto solo ragionando superficialmente, non ho compulsato i codicilli, è solo per dare l'idea della situazione che si potrebbe verificare.--Alexmar983 (msg) 17:25, 15 mag 2018 (CEST)

Infatti il problema di fondo non sta nelle regole ma nell'approccio comunitario alle cancellazione. La parte fondamentale di una PdC è la discussione, e per quella non ci sono/saranno assolutamente vincoli. Una volta che si arriva alla votazione, secondo me, la situazione è comunque disperata, tanto varrebbe lasciare il compito della decisione ad una categoria ristrettissima, o anche, esagero un po', tirare a sorte. Tanto è effettivamente una questione di fortuna, se i due o tre (ma anche sette o otto)wikipediani veramente ferrati in un argomento in quei sette giorni sono impegnati, cambia tutto. --Pop Op 21:12, 15 mag 2018 (CEST)
(f.c.) (confl.)Anni fa aiutai a cambiare la norma che dava 10 voti di quorum a 7 cancellare per buon senso (i furbetti di chi faceva mancare il quorum), mi rendo conto col senno di poi che era meglio lasciare tutto come era. Chi l'ha voluta poi ha chiesto altro, non c'è una via media, è solo un costante ruzzolamento verso l'ossessione per i dettagli. Meglio mettere davanti al fatto compiuto che può succedere, non lo saprai mai se capita o meno apposta, sono casi marginali, ora fila a lavorare sui contenuti e amen. Sarebbe stato più salutare. Qua invece di coltivare l'esperienza di chi sa garantire il contenuto, abbiamo coltivato quella di chi vive in questo perenne battaglia che non finisce mai. Non vediamo mai a fuoco fino in fondo le fonti, il contesto, l'immagine che si dà, la qualità effettiva sul lungo periodo... no, vediamo i furbetti di turno. Però più ne scacci, più fai i commenti e le arguzie e le discussioni in merito e... più ne è pieno, di furbetti, di gente che non capisce, di testardi che si oppongono. Affascinante, sono ancora in più PdC ogni settimana, pare. Una comunità disastrata a sentire qualcuno, sembra che i mezzi non bastino mai. Quando finirà tale battaglia, perché a volte sembra che il fine sia proprio la battaglia, questo espirit collettivo alimentato in continuo. Non fermiamoci a chiedere cosa indichi questa attitudine, e continuamo a batterre su questo chiodo in forme diverse. Regoletta sì, regoletta no... se non è questa è un'altra, se non è ora è dopo, davvero a questo punto direi che è meglio se andiamo giù fino in fondo al sentiero e amen, quasi quasi. Non ci sono più in PdC, ma ammetto che son curioso di vedere come finisce.--Alexmar983 (msg) 22:46, 15 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ Alexmar983] Il pazzo visionario (il sottoscritto) che a suo tempo ha fatto notare l'incongruenza del quorum a 10 è lo stesso che bazzica ancora tenacemente e costantemente le PdC perché queste sono un tassello fondamentale per il miglioramento del progetto. Non un folcloristico campo di battaglia dove sfogare bellicosità primordiali. La garanzia del contenuto sta proprio là, dando la possibilità in questo modo a chiunque di contribuire, esaltando, migliorando e integrando i contributi validi e trascinando negli inferi delle PdC quelli inappropriati. Se poi per qualcuno consultare le PdC è come assistere a un freak show accetto pure quello, ma la critica allo strumento e alle sue regolette, lì solo per tutelare il progetto, non mi pare appropriata. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 02:29, 16 mag 2018 (CEST)
Utente:Hypergio neanche a me parrebbe appriopriata, infatti non è cosa ho detto. Che in teoria siano un tassello fondamentale non è correlato a cosa sono e il clima di cui sono impregnate, e come stanno evolvendo, non è un gran segnale che non si colga la differenza.
Le discussioni sulle PdC se svincolate dalle fonti e dalle voci sono in primis l'espressione di una comunità selezionatasi avendo in mente certe priorità, che la pervadono in certi ambiti. Rimodellare regole per accertarsi che ogni anno una frazione in più ma comunque misera di voci che non hanno alcun reale effetto sulla percezione della qualità di wiki (visite scarse) sia cancellata è una priorità, porre al centro i comportamenti umani (le utenze che ritornano) è una priorità, altre no. Ecco, noi non selezioniamo gente che ponga altre incongruenze delle PdC al centro del dibattito, ma queste. Così facendo ci si evolve in un certo modo, ma è del tutto volubile. Verranno alla lunga quindi tutti questi correttivi, e non cambierà niente perché non è quello che ha un vero effetto sulla qualità. E non cambia il clima. Tanto quando non si mette al centro cosa serve a creare e migliorare contenuti ce ne è sempre un'altra di queste cose. Poi viene il "richiamo ai principi generali" per motivarci , ma questo a me rassicura di quanto dico. Difatti, in una parte di intervento precedente che tagliai salvando ore fa scrissi "adesso verrà il solito intervento generico sui massimi sistemi o che metterà il puntino sulle i"... e infatti eccolo. Qua tutto va come non dico deve come come vuole andare. E se non si ha dubbio sul come si arrivi a questo punto, se si pensa che sia imprescindibile quasi dall'esistenza stessa di PdC e del suo ruolo, ebbene si proceda su questa china. Solo che non c'entra molto la tutela del "progetto" in sè, tutto qua.--Alexmar983 (msg) 04:34, 16 mag 2018 (CEST)
[@ Alexmar983] Ok, la critica non era alle PdC ma al clima. Ma qui non stiamo forse cercando di fornire meno armi alla conflittualità? --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 07:29, 16 mag 2018 (CEST)
La conflittualità non calerà Utente:Hypergio. Una comunità che ha il chiodo fisso di queste cose è proprio conflittuale di suo, magari si convince che è sempre qualcun altro la causa puntuale che va rimossa, tutto qua. Ricordare a tutti modi di risolvere i problemi senza passare da PdC, rimbottare chi segnala male ai progetti dopo anni, portare rispetto a chi lavora invece di fare le pulci... queste cose riducono conflittualità ma mica sono al centro del dibattito no? Facciamo invece queste cose perché appunto ci sono priorità di altro tipo. Approvata questa o un'altra, avremo altre discussioni a spiegare perché è stata approvata e perché in questo caso i dubbi successivi non conteranno e certo non conteranno come quelli di chi confonde il consenso alla cancellazione con quello al mantenimento, quello va bene... e a quel punto chi passa il suo tempo a "notare" chi ritorna potrà passare il tempo invece che a chiedere una regole a applicarla, e scrivere i commenti a chi è tornato in PdC. Impatto sulla qualità e sulla conflittualità non ce ne sarà. Ma ripeto: dopo anni, meglio andare fino in fondo.--Alexmar983 (msg) 12:44, 16 mag 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] La correttezza e il rispetto che richiami non sono cose che si possono dibattere. O sono intrinseche alla persona perché trasmesse in più o meno tenera età oppure è difficile - soprattutto in questo ambiente - pensare di farle solcare rispetto ad altri più facili metodi. --.avgvas 14:35, 16 mag 2018 (CEST)
tenera età? No, il mondo è pieno di cattivi maestri, ne ho visti tanti di trentenni rovinati senza manco rendersene conto. Basta giusitifcare cosa deresponsabilizza e con i profili più narcisisti o meno svegli venderlo come "furbata" o "saggezza" a seconda dell'età o carattere. Cosa non vuoi fare o affrontare se non puoi non vederlo, dì che sei costretto a farlo perché è l'ambiente o, viceversa, dì che l'ambiente non può fare molto e quindi non vale dibattere come cambiarlo perché spetta al singolo quel caso specifico. tutto con grande varibailità di solito. Mi chiedo a che serva entrare in dettaglio e spiegarne le conseguenze in generale o nello specifico, le energie meglio usarle per non trovarsi sta roba nel proprio vero luogo di lavoro, che poi è peggio.Nel caso in esame se questa modifica è davvero un passaggio doveroso, la si faccia e bene così, se più un sintomo di attenzione a aspetti marginali senza affrontare cosa serve davvero a produrre contenuti di qualità in PdC, e quindi l'ambiente rimane per i poveri cristi quello che sento agli incontro dal vivo da anni, l'importante è non pagarne le conseguenze. Questo è l'andazzo e ci si attrezza.--Alexmar983 (msg) 21:48, 16 mag 2018 (CEST)
  • Symbol strong support vote.svg Fortemente favorevole alla discussione, al miglioramento e all'integrazione di qualsiasi proposta che superi l'immobilismo e la stagnazione di procedure ipergarantiste che non tutelano il progetto ma che, paradossalmente, lo danneggiano spalancando le porte dello spam. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 21:43, 15 mag 2018 (CEST)
  • (confl)Symbol support vote.svg Favorevole all'idea, criterio semplice e coerente. Porterei a 6 mesi di inattività totale, così avremmo il vantaggio sia di evitare paradossi (admin che possono chiudere ma non votare), sia di tagliare le gambe alle reincarnazioni "vere" (a volte si parla di anni e anni, mica qualche mese di wikipausa). Non credo che chi ricompare qui dopo dieci anni possa ricordarsi ogni sei mesi di fare un edit per tenersi il voto in caldo. Non farei un'eccezione nemmeno per gli autori, perché una volta pubblicata la voce è per l'appunto pubblica e una votazione sulla cancellazione è un processo tecnico interno, mentre la discussione (dove l'autore può avere qualcosa in più da dire) rimane sempre aperta. Poi certo che la parte fondamentale di una pdc è la discussione, ma lì i pareri si pesano (e un dormiente può avere tanta ragione quanto un utente attivo), mentre quando si arriva alla votazione si contano, e se vanno contati, gli ostacoli a un conteggio limpido vanno arginati in qualche modo. --Adalhard Waffemsg 21:45, 15 mag 2018 (CEST)
i pareri si pesano. Sinceramente mi ha sempre dato a pensare; difficile per me credere che colui che tira le somme si sobbarchi i pesi di 50k di discussione. Va a fiducia dei nick noti e sorvola sui lapalissiani ma, non può piu di tanto ignorare 3 è enciclopedico (o no) perché lo dice il criterio o l'utente sopra. Il peso è valutato nella misura in cui la pdc è semplice (no?) e se è tale tutti i problemi della discussione che si cerano di risolvere non si pongono.--☼Windino☼ [Rec] 23:02, 15 mag 2018 (CEST)
Infatti 6 mesi è quello che pensavo anch'io, non c'è vacanza o wikipausa che tenga, comunque aspetto una settimana e se non si fa nulla torno alla carica :-P Il perchè aspetto una settimana, chi ha seguito dall'inizio la discussione lo sa benissimo :-D Comunque non ho capito che c'entra il poter o no intervenire, si parla di requisiti per votare o aprire consensuali, nessun parere viene cancellato, ma che il "risorto"di turno chiamato da altri influenzi tutta la procedura non è ammissibile, chi arriva dopo campagna (anche per duck test) dovrebbe vedersi cancellato il templatino, e questo non capita al momento.--Kirk Dimmi! 23:13, 15 mag 2018 (CEST) @ Windino: uhmm non sempre si pesano, ho visto pdc dove utenti monotematici sotto commissione hanno portato la procedura alla votazione che però non dovrebbe esserci mai stata.

Ieri [@ ArtAttack] ha chiesto dei casi concreti e recenti (se volete, qui ho 2011 e 2016): di seguito una lista di casi IMHO dubbi degli ultimi 6 mesi (non esaustiva e senza alcun criterio di inclusione/esclusione - solo quello che ho trovato):

  • Ottobre 2017 - Giovanni Giusto: Un utenza in sonno da 4 mesi, come primo edit apre la consensuale su una pagina, poi cancellata dopo 15 giorni di discussioni inutili con lui e un popolo di accertati sock e probabili meatpuppet (lo dice Gac, non io).
  • Novembre 2017 - Aracne Editrice: Un utenza torna per votare dopo 3 anni e 5 mesi di assenza, poi si eclissa di nuovo. Voto comunque ininfluente.
  • Dicembre 2017 - Luca Accomazzi: Il biografato, con 72 edit, torna dopo 2.5 anni per aprire una consensuale evitabile, come la votazione terminata con la cancellazione 15 a 3. Un apprezzamento al biografato che dopo il suo primo e ultimo messaggio non ha fatto le solite barricate.
  • Febbraio 2018 - Il Segno del Comando: Discussione furiosa, avvelenata da due utenze in forte odore di conflitto di interesse: una delle due non poteva votare poichè aveva solo 8 edit, ma è tornata dopo 6 anni di assenza e prontamente svanita al termine della pdc.
  • Febbraio 2018 - Fernando Cristobal Cordero: Unico edit degli ultimi 2.5 anni è l'apertura di una consensuale, con scarsissima partecipazione e finita in una votazione (voce cancellata 14 a 4) che ci potevamo risparmiare.
  • Marzo 2018 - Potere al popolo!: Dopo una infinita discussione, votano per il mantenere un utenza scomparsa da 7 mesi e una con 89 contributi addormentata dal 2010 (8 anni!), tornata subito dopo nel suo sonno. Voti comunque ininfluenti.
  • Marzo 2018 - Ultraviolet Makes Me Sick: Dopo 2 anni di nulla, un utente con 78 modifiche apre la consensuale (primo e ultimo edit dal 2016); 15 giorni di discussione inutile, dato che non ce n'è uno che sposi le sue tesi.
  • Aprile 2018 - Elettra Lamborghini Sottotitolo: i revenant non sono sempre pro-mantenimento: Dopo estenuante discussione, la pagina viene cancellata su votazione 24 a 11: due decisivi voti vengono da un utenza tornata dopo 4 mesi e un'altra dopo 2 anni (quest'ultima poi ammette con un'altro utente, che lo saluta notando la sua strana ricomparsa, di essere tornato solo per la pdc).
  • Maggio 2018 - pdc in corso (come già detto da altri): sciame di utenze nuove e vecchie (una risvegliata da 6 mesi, una da 3 anni, una da 4 anni), di cui 2 con diritto di voto.

In chiusura invito quanti hanno paura che, tornati dopo anni di assenza, non possano salvare la voce a cui tengono perchè non possono votare, a dare un occhiata a questo caso, dove l'utente senza diritto di voto (io, concedetemi un po' di autoincensazione :-D ) con una normale argomentazione ottiene l'ampliamento da parte di altri e porta ad aprire la consensuale, cui segue il salvataggio della pagina. Ho esposto solo i fatti, ma mi rendo conto che il post appaia molto carente in WP:BF: chiedo scusa e farò il possibile per compensare altrove :-) --Equoreo (msg) 23:44, 15 mag 2018 (CEST)

Discussione molto interessante che mi sembra abbia sollevato un problema esistente e molto sentito da molti. Proviamo a tirare le somme? Proporrei, cercando di mediare, che alle votazioni finali di una PdC non possano accedere le utenze dormienti negli ultimi sei mesi precedenti all'apertura della Pdc. Lascereri cmq sempre la possibilità di partecipare alla discussione ma senza diritto di voto. Si potrebbe inoltre pensare di garantire le voci con maggiore rischio di spam come le biografie o i prodotti/aziende, ai soli utenti autoverificati.idraulico(msg) 09:28, 16 mag 2018 (CEST)
Non mi è molto chiara l'ultima frase Idraulico, vorrebbe dire che alle PdC su biografie o prodotti dovrebbero poter partecipare al voto solo gli autoverificati? Mi sembra un po' eccessivo sinceramente-- Dao LR Say something 10:13, 16 mag 2018 (CEST)
Limitare il voto finale ai soli utenti autoverificati per le biografie dei viventi o le aziende a rischio spam/intenti promozionali, mi sembra un modo per evitare utenze recenti che potrebbero o non aver ancora chiaro cosa si intenda per enciclopedicità o che abbiano finalità non conformi a quelle dei pilastri di WP. idraulico(msg) 10:25, 16 mag 2018 (CEST)
Il nostro idraulico forse ha trovato la "tonda", son d'accordo con lui per i sei mesi e le PdC su biografie o prodotti. A questi aggiungerei aziende e in genere tutte le voci su soggetti che al presente praticano direttamente attività che danno reddito o semplicemente muovono denaro (ONG incluse).--Bramfab Discorriamo 11:17, 16 mag 2018 (CEST)
Non sono in assoluto contrario alla sospensione del diritto di voto alle utenze dormienti, ma concordo con quanto detto da Yoggysot: assurdo stabilire dei requisiti che portino ad avere una situazione in cui un utente potrebbe aver tenuto il flag di amministratore ma aver perso il diritto di voto nelle pdc. Sono quindi Symbol oppose vote.svg Contrario/a ai criteri proposti da avgas. Non mi scandalizzerei per una cosa tipo "un edit o azione di qualunque genere nel corso degli ultimi 6 mesi", ma vista anche l'utile lista fatta da Equoreo mi sembra una complicazione sostanzialmente inutile, visto che negli unici 2 casi in cui le voci si sono salvate i voti delle utenze dormienti sono stati ininfluenti.
Eviterei di creare confusione aggiungendo alla discussione il tema di una eventuale ulteriore limitazione del diritto di voto solo per alcune voci, che non c'entra con la questione delle utenze dormienti di cui stiamo parlando qui. Invito eventualmente ad aprire una nuova sezione. --Jaqen [...] 12:41, 16 mag 2018 (CEST)
Massimo rispetto per Equoreo e il suo lavoro ma la lista di Equoreo non è completa, quindi non si può dire che i voti degli utenti dormienti sono ininfluenti. Sono influenti o possono esserlo visto che possono dirigere la PDC, pro o contro, sia chiaro. Secondo me è vero, Idraulico ha centrato la questione OT Nemmeno approvo l'usanza di contribuire a WP solo per andare in PDC--Tostapanecorrispondenze 14:21, 16 mag 2018 (CEST)
Se andate a vedere le ultime PdC finite con votazione, con scadenza in questi giorni come a esempio:
si vede che verranno mantenute voci altamente contrastate grazie alla regola "garantista" dei due terzi. In entrambi i casi suddetti, la differenza di voti che sarebbe necessaria per il cancellamento della voce è sproporzionata e priva di logica. Tra l'altro, con questi criteri, la voci rimarrebbero inoltre con la dicitura col consenso del progetto anche se si raggiungessero - citando i casi suddetti - risultati di 19 contro 38 (19 voti di scarto). Sono numeri sproporzionati e privi di logica. Per cui i dormienti contano, ed eccome. E se si va a ritroso nelle varie PdC chiuse con votazione, i casi sono molteplici. Il fatto stesso che una voce sia così contrastata, dovrebbe far riflettere sulla sua effettiva enciclopedicità. Sono il primo ad affermare che la maggioranza NON ha sempre ragione, anzi, ma qualche dubbio in questi casi bisogna farselo venire perché qui si parla di numeri sproporzionati. Sta diventando fin troppo facile avere una propria voce su WP. Molti pensano che nel dubbio sia meglio conservare una voce ma così facendo si riempie WP di CV e voci promozionali o agiografiche. Secondo me, una voce la cui PdC arrivi a una votazione nella quale si decide di mantenerla con quasi il doppio degli utenti a favore della cancellazione, è altamente controversa e questo porta a constatare una illogicità di fondo. Se la rilevanza enciclopedica è così contrastata, allora qualche dubbio dovrebbe venire. Questo modo di procedere porta a mantenere voci altamente dubbie e parlare poi di consenso raggiunto al termine di votazioni con queste sproporzioni mi sembra francamente una forzatura. Questo fa perdere autorevolezza a WP. Il pilastro della rilevanza enciclopedica non può essere bypassato da criteri semplicistici che, se possono in alcuni casi aiutare, in altri mi lasciano francamente perplesso in quanto permettono forse troppo facilmente di poter definire enciclopedici voci che in molti casi lasciano perplessi. Il criterio delle fonti terze affidabili che dimostrino la rilevanza enciclopedica dovrebbe risultare imprescindibile e pertanto penso sinceramente che sarebbero da rivedere alcuni criteri specialistici e cmq in ogni caso dovrebbero essere subordinati al pilastro fondamentale su citato. Altrimenti finirà che ci perderemo in lunghe e ripetitive discussioni ogni qualvolta qualcuno apre una PdC. Fonti e rilevanza enciclopedica dovrebbero essere i nostri fari. idraulico(msg) 14:51, 16 mag 2018 (CEST)

[ Rientro][× Conflitto di modifiche] Contrario all'introduzione della clausola "solo per alcune voci", o è per tutte o perde di significato.
Faccio una piccola riflessione. La mia proposta nasce fondalmentalmente dalla prospettiva dei criteri già esistenti; è utile infatti capire il perché delle norme, in generale, per poterne assaporare la vera essenza e gli obiettivi. Perché abbiamo un limite temporale (30 giorni) e di edit (50 indistinti) per poter accedere alle PDC? Cosa si è pensato di tutelare con quei due paletti? E' una domanda che rivolgo a chi ha pensato quei due punti. Se è come penso, è un criterio nato in seno a un grande progetto a quel tempo "neonato" in cui si avvertiva la chiara necessità di tutelare alcune procedure di voto da utenze neocreate allo scopo. Ora però i tempi sono passati, Wikipedia non ha più il cordone ombelicale e l'attenzione dei media è oltremodo diversa: il fenomeno delle utenze tattiche, passatemi il termine, non può che essere un trend in aumento a mio avviso.
E' sulla base di questo che ho visto bene il prolungamento della linea già dettata dai criteri che da anni abbiamo: tutelare le votazioni da utenze sospette. Ora che esiste un passato per quanto prossimo, IMHO diviene anacronistica una limitazione che si esaurisce dopo un "x" e si mantiene a vita. Che senso ha? E' un sapore ipotizzato alle origini, ma sempre meno attuale. --.avgas 15:03, 16 mag 2018 (CEST)
P.s.: il nuovo criterio potenzialmente è il grado di tagliare fuori utenti navigati dalle PDC, vero, ma si abbia ben chiaro come gli attuali criteri taglino fuori allo stesso modo potenziali utenti in buona fede: valutare una voce, il suo contenuto soprattutto da parte di persone esperte nel campo e di conseguenza orientare un voto è possibile anche a una neo utenza.
P.p.s.: non c'è alcuna fretta. L'obiettivo della discussione era anche porre un focus al fenomeno. Possiamo pensare di monitorare la cosa e di riparlarne fra qualche tempo.

[× Conflitto di modifiche] Dipende cosa si intende per influente: in 6 mesi abbiamo 3 consensuali inutili (tempo perso da parte di tutti quelli che hanno dovuto leggere la voce e spiegare perchè cancellare) di cui 1 molto accesa (ancora più tempo e saluti alla serenità), 2 consensuali+votazioni inutili (con buona pace di WP:URNE), una cancellazione che non ci sarebbe stata senza l'intervento dei revenant. Per me è influente, a maggior ragione dato che la lista non è completa.
Per quanto riguarda la proposta autoverificati: io posso anche essere d'accordo, ma mi sembra una misura molto più draconiana di quella di .avgas.
Sui requisiti differenti in base al tipo di voce: scorrendo le pdc in corso, di voci relative a viventi/società/aziende/band musicali (le più infestate dai tentativi di promo) ne ho contate 66 su 91 (72%). Sicuramente una misura del genere renderebbe la rimozione di voci promo più semplice (quindi io sono comunque a favore), ma .avgas sta a Idraulico come un fromboliere a un Mig-17.--Equoreo (msg) 15:25, 16 mag 2018 (CEST)
Grazie [@ Equoreo] per il lavoro di ricerca. Ho guardato i casi che hai linkato e una prima cosa che credo valga la pena sottolineare è che, a meno di mie sviste, in nessuno di quei casi erano coinvolte utenze autoverificate.--ArtAttack (msg) 17:55, 16 mag 2018 (CEST)
Symbol support vote.svg Favorevole, in sintesi: come Kirk. A margine vi faccio notare che nella PDC di Elettra Lamborghini segnalata sopra, l'utente Simo130299 non avrebbe potuto votare/il suo voto non è valido. --Dimitrij Kášëv 18:38, 16 mag 2018 (CEST)
  • Symbol oppose vote.svg Contrario/a alla proposta iniziale; effettivamente quanto evidenziato da [@ Yoggysot] mi ha fatto riflettere; in generale, però, sono favorevole ad una proposta analoga, che però a questo punto va estesa a tutti i casi in cui sono previsti prerequisiti. Esempio: per eleggere amministratori si aggiunge una clausola relativa agli edit negli ultimi sei mesi. Esempio 2: un amministratore decade anche se non fa edit per X mesi (con X<6). --Cpaolo79 (msg) 20:15, 16 mag 2018 (CEST)
  • Symbol dot dot dot violet.svg Commento: di cose simili abbiamo/ho discusso molto in passato, mi limito a un'osservazione: non può essere legato all'autoverifica senza alterare significativamente il significato dell'autoverifica stessa che ha -e per procedura di assegnazione deve avere- un taglio sostanzialmente "tecnico". --Vito (msg) 20:22, 16 mag 2018 (CEST)
  • Symbol dot dot dot violet.svg Commento: Sarebbe perfetto il voto agli autoverificati, così anche se ci assentiamo non sarebbe un problema: concordo con Vito sull'impraticabilità della proposta, anche forse per altri motivi, l'unica proposta che condivido è quella di sospendere, ponderare e poi semmai riprendere (l'edit è un po' più su).--Geoide (msg) 22:15, 16 mag 2018 (CEST)
    In realtà stavo per aggiungere una postilla ma non ho cliccato su "salva", la aggiungo qui: "Circa eventuali requisiti anti-dormienti rispetto al passato il problema è molto molto meno grave, un ulteriore requisito di al più un paio di edit all'anno potrebbe pure essere utile, ma non di più." --Vito (msg) 23:08, 16 mag 2018 (CEST)
  • a dir poco Symbol support vote.svg Favorevole, tra i due miliardi di vantaggi c'è quello che azzererebbe il pov pushing, che già da solo è un bell'inghippo.. --37.119.104.230 (msg) 11:43, 17 mag 2018 (CEST)
  • +1 su Yoggisot. --Nemo 17:29, 17 mag 2018 (CEST)
  • Symbol oppose vote.svg Contrario/a, quotando Yoggisot e Ruthven. --Retaggio (msg) 16:55, 21 mag 2018 (CEST)
  • Symbol support vote.svg Favorevole --Addo23poo (msg) 13:31, 25 mag 2018 (CEST)
  • Symbol oppose vote.svg Contrario/a per i motivi già descritti sopra da Ruthven e Yoggysot. --Marcok (msg) 17:12, 25 mag 2018 (CEST)
  • Tendenzialmente Symbol oppose vote.svg Contrario/a. In linea di principio propenderei per far prevalere WP:AVVITAMENTI: come è stato fatto notare da Alexmar, fatta la legge, trovato l'inganno, e avendo vissuto di persona il bisogno di allontanarmi dal clima talvolta tossico delle PdC non posso che vedere con sospetto l'aggiunta di un ulteriore scoglio per neofiti volenterosi. Il metodo consensuale permette a chi chiude (che, ricordo, non dev'essere necessariamente un admin) di ridurre il peso delle utenze monoscopo, e il fatto che un'utenza esca da un recente letargo molto spesso viene messo in evidenza dagli altri intervenuti nel corso della discussione (ma se ha buoni argomenti e fonti, perché ignorarlo?), quindi nella maggior parte dei casi il problema (che credo esista, anche alla luce dei casi segnalati da Equoreo) si può risolvere con gli strumenti attuali.
D'altra parte, quotando veementemente Vito, sono Symbol oppose vote oversat.svg Fortemente contrario/a all'uso del flag di autoverificato come criterio di voto (o di accesso a qualunque fase della procedura). Il flag è squisitamente tecnico, è assegnato secondo criteri tecnici (peraltro ogni admin sviluppa informalmente un proprio metodo di assegnazione, quindi pur nel quadro della linea guida questo flag raggruppa ogni genere di utente) ed è bene che resti così. --Dry Martini → confidati col barista 18:35, 25 mag 2018 (CEST)

Qual è l'iter[modifica wikitesto]

per richiedere che una pagina cancellata senza discussione venga eventualmente reinserita? grazie mille per la pazienza.. --Fatt-1 (msg) 10:22, 25 mag 2018 (CEST)

Ti rispondo da te --Tostapanecorrispondenze 11:18, 25 mag 2018 (CEST)
[@ Fatt-1] Consulta anche Aiuto:Voci cancellate. In generale, se una voce è stata cancellata in immediata, la prima opzione è contattare l'amministratore che ha operato la cancellazione, che ti spiegherà i motivi del caso. Potrai quindi capire se è possibile rimediare alle obiezioni ricevute o se non sia preferibile attendere o sovrassedere. Buon lavoro. --Harlock81 (msg) 12:12, 25 mag 2018 (CEST)
Ritengo che le obiezioni ricevute dall'amministratore come spiegato a Tostapane siano fuori luogo. Ergo non ci sarebbe un iter da seguire nel caso non si concordi con i motivi di una cancellazione? Dovrei contattare chi già so neghi la voce?? --Fatt-1 (msg) 12:28, 25 mag 2018 (CEST)
Ho visto che state già discutendo qui. È quello l'iter corretto: cecare consenso alla creazione. Chiaramente, se non si da alcun ascolto alle obiezioni che vengono avanzate, la voce non viene ricreata. --Harlock81 (msg) 12:33, 25 mag 2018 (CEST)
Non ho dato ascolto al nome (supplizio), ma l'enciclopedicità (vedi RAI/Mediaset [5] [6]) e le fonti [7][8] ci sono ergo la motivazione C7 come qui spiegato non dovrebbe avere valore.--Fatt-1 (msg) 12:48, 25 mag 2018 (CEST)
Ho visto il tutto. Hai fatto esattamente quel che dovevi fare, non hai bisogno di altri consigli :) Vituzzu è uno degli utenti più esperti e ha visto entrambe le pagine (dice addirittura che era meglio quella precedente), secondo me dovresti forse lasciar perdere o in alternativa mettere il tutto in sandbox, cercare molte fonti autorevoli e verificabili e osservare il punto di vista neutrale, poi proporre la pagina a Vito in primis, sentire i suoi suggerimenti e quindi proporla al progetto. Resta sempre da vedere se il fatto di per sé è da ritenere enciclopedico ma su questo come già ti dissi non posso saperlo. Buona giornata--Tostapanecorrispondenze 14:34, 25 mag 2018 (CEST)

discussione al bar[modifica wikitesto]

segnalo Wikipedia:Bar/Discussioni/Pdc: tre proposte secche ma... motivate --Pop Op 02:12, 28 giu 2018 (CEST)

Criteri aperture: N° edit ma, tolti gli edit utente..[modifica wikitesto]

cb La discussione proviene dalla pagina Discussioni Wikipedia:Pagine da cancellare.
– Il cambusiere --Pierpao.lo (listening) 11:33, 3 ago 2018 (CEST)

Saluti. Prendo a modello una PdC aperta da un utente che ha si, 50 edit al momento dell'apertura. (Per esplicitare la mia neutralità, ero pure concordante col proponente). Guardandone i contributi ho notato che una buona % sono in sottopag. utente e, tolti questi, si è ai limiti o sotto i (50), caso raro ma più probabilmente meno raro per i 500. Non sarebbe il caso di, in via anche più generale, di valutare il togliere gli edit di tali sottopagine, ergo precisare aver effettuato almeno 50 (N) modifiche escluse le sottopagin utente? --☼Windino☼ [Rec] 18:57, 13 lug 2018 (CEST)

[@ Windino] Che io sappia, la decisione di avere edit indistinti scaturisce da sontaggio, quindi ne servirebbe un altro per modificarla. Inoltre va tenuto conto che le sottopagine utente contengono le sandbox, quindi IMO ha pure un qualche senso includerle. Non sembra questo il caso, ma di norma quando si ravvisa la malafede, si può annullare per WP:GIOCARE. Il caso più comune è probabilmente quello mirato ad ottenere i 10 edit che fanno scattare l'autoconvalida e permettono di aggirare la semiprotezione.--Equoreo (msg) 19:59, 13 lug 2018 (CEST)
In effetti mi pareva difficile non fosse mai stato pensato. No no, sia mai che mi si veda coinvolto a sprecare il tempo dei contributori. Però mah, li era ancora ai padri fondatori. Caso mai in autunno si può vedere di tastare il polso. Di tempo da allora ne è passato per valutare la cosa--☼Windino☼ [Rec] 20:08, 13 lug 2018 (CEST)
Beh capita eh, c'è chi apre consensuali dopo poche ore il cinquantesimo edit quando è iscritto da anni, e solo perchè al contempo ha scritto 2 voci correlatissime in una volta sola tornando da anni di "oblio wikipediano" :-D Sarebbe meglio aumentarli quei 50 edit, quello si, sarà perchè frequento le pdc (anche se ora meno), ma vedo più spesso problematici questi di chi fa 10 edit, anche perchè se uno vandalizza, autoconvalidato o no, viene bloccato.--Kirk Dimmi! 21:13, 13 lug 2018 (CEST)
Ma preservata la wp:bf e tutto quanto (poiché anche in bf fai edit così come li faresti in malafede) , se un utente appronta una bozza quei 50 edit se li mangia in 3 giorni, a quel punto non c'è alcuna utilità nel discriminare tot edit e 30gg/6 mesi. Ma se i NN edit (50, 500) li fai in giro è piu plausibile che ti fai un minimo di esperienza proporzionata alle esigenze di partecipazione. Se alzi l'asticella e lasci la sottoutenza è come alzare anche la pedana. Come ho detto ho proposto un caso più unico che raro ma mi ha dato modo di constatare (pov) che il criterio numerico ha questa fallacità.--☼Windino☼ [Rec] 21:51, 13 lug 2018 (CEST)
Mi sono accorto che tu prendevi esempio da una pdc e da chi l'aveva iniziata, mentre io intendo proprio sull'apertura della consensuale perchè ne ho preso un'altra come esempio :-D Si ok la buona fede, ma a far 50 edit per farsi l'autobiografia ci vuol poco, poi si vedono aperture da parte di qualcuno che evidentemente non ha letto nessuna linea guida, mentre anche se uno è in buona fede ma non può aprire con valide motivazione la consensuale può indurre altri a farlo, vedo questo meno problematico, piuttosto di un utente che (in quel caso che hai preso ad esempio) ha giustamente aperto una pdc ;-)--Kirk Dimmi! 22:29, 13 lug 2018 (CEST)
A maggior ragione da quei 50 edit andrebbero esclusi gli NsUtente. Mi suonava anomalo che supportassi piu esperienza ad aprire PdC (non è vero, non l'ho pensato :)) Ora ad ogni modo non è il momento giusto ma vorrei farne un punto per l'autunno. (C'è ancora da smuovere la stagnazione dell'ultima discussione)--☼Windino☼ [Rec] 22:41, 13 lug 2018 (CEST)
La fallacità del criterio numerico ha ben altre motivazioni: c'è chi fa un edit e crea una voce da 110.000 byte e chi in un intervento di dieci righe fa undici correzioni. Gli edit di per sé non hanno alcun valore ma un criterio bisogna pur stabilirlo e quello numerico (indistinto) ha il vantaggio di essere semplice e facilmente misurabile. --Antonio1952 (msg) 23:05, 13 lug 2018 (CEST)
Magari ha usato un editor esterno, ma a parte quello io non intendevo utenti con 25.000 edit, ma chi entra in wikipedia 2 volte in 5 anni perché gli hanno commissionato la voce o perchè ha conosciuto di persona qualcuno che potrebbe essere enciclopedico ;-)--Kirk Dimmi! 23:31, 13 lug 2018 (CEST)

I limiti numerici servono solo a limitare il rischio di sockpuppet e non devono mai essere un impedimento alla partecipazione. In caso di calzini ci sono sempre modi per intervenire. --Nemo 13:16, 15 lug 2018 (CEST)

Ed allora che senso hanno i 30gg in accoppiata ? Il limite numerico lo vedo come un minimo di esperienza maturata. Cosa c'entrano i sock ? Ti fai un sock col medesimo modo, nelle Ns utente. Il distinguo non è quanti edit si dovrebbe avere ma escludere l'NS utente--☼Windino☼ [Rec] 13:57, 15 lug 2018 (CEST)
Anch'io l'ho sempre visto come un indicatore approssimativo di esperienza maturata, e secondo il sondaggio linkato sopra era infatti uno dei motivi. Modificare la propria sandbox serve senz'altro a impratichirsi, ma il contatto diretto con regole e comunità avviene sul campo, secondo me. --Titore (msg) 14:58, 15 lug 2018 (CEST)
D'accordo con Nemo. Stiamo parlando di un argine minimo all'utilizzo dei SP. L'esperienza wikipediana è un'altra cosa (anzi, tutta n'ata cosa...). --Retaggio (msg) 16:44, 16 lug 2018 (CEST)
{{contrario}} Proposta che complicherebbe inutilmente le regole, oltretutto non è detto che gli edit in ns utente siano più inutili di edit altrove. --Jaqen [...] 08:13, 17 lug 2018 (CEST)
{{contrario}} Il numero degli edit serve solo a delimitare statisticamente e sopratutto a fare da barriera alle chiamate alle urne. O ci teniamo un criterio semplice che ha il vantaggio di essere immediatamente verificabile oppure non basta togliere l'ns utente il che taglierebbe via chi scrive in sandbox ma non impedirebbe ai malevoli di mettersi ad aggiungere spazi a ripetizione. L'unica alternativa vera sarebbe un criterio veramente strutturato con tutte le difficoltà di definirlo ed applicarlo.--Pierpao.lo (listening) 09:08, 17 lug 2018 (CEST)

Una regola complicata può essere usata contro di te. Gli abusivi li arginiamo con il buonsenso. pequod Ƿƿ 09:38, 17 lug 2018 (CEST)

Criterio di calcolo dei voti nelle PDC[modifica wikitesto]

E' il 1° di agosto e in questo mese molti di noi sceglieranno giustamente locus ben più amoenus di Wikipedia per trascorrere qualche giorno di tranquillità. Proprio per questo, voglio riaprire il tema sul criterio dei voti delle PDC attualmente stabilito a 2/3 di maggioranza per la cancellazione di una voce poiché lo ritengo sempre più contro senso, introducendo però nel contempo un nuovo metodo: la slow-talk.
Cosa significa? In buona sostanza raccomando tutti di non precipitarsi a dire la propria se non dopo averci meditato sopra a dovere. Pareri frettolosi o i "secondo me va bene così" non supportati da elementi sufficientemente obiettivi non hanno alcun fine costruttivo, anzi, minano la discussione soffocandola irrimediabilmente. Soprattutto per i più indecisi, pensateci! Pensateci con calma, con voi stessi mentre siete in doccia o vi godete un giro in moto, sotto il solleone agostino, mentre cercate la soluzione al rebus della Settimana, con la/il propria/o compagna/o di vita, con i figli, con lo psicologo, con il gatto... insomma, come volete, ma senza fretta alcuna. Tireremo le somme probabilmente molto avanti nel tempo, l'importante è evitare ciò che è sempre accaduto: stallo.
La questione in realtà è discretamente semplice, ma viene a mio avviso analizzata dal punto di vista sbagliato. La concentrazione deve essere rivolta al motivo per cui operiamo una scelta di maggioranza semplice piuttosto di qualificata ai 2/3.
Ecco dunque ciò che vi propongo:

L'opzione maggioranza qualificata per le PDC nasce poco dopo la nascita di Wikipedia e non essendo mai stata variata, è la stessa in uso fin da quando le PDC conoscevano la sola fase di votazione. In quel frangente, i 2/3 rispecchiavano una corretta linea di demarcazione poiché, in un'epoca in cui Wikipedia era ancora tutta da costruire, dovevano esserci fondati motivi rappresentati dal doppio dei voti a favore della cancellazione rispetto ai mantenere per l'eliminazione della voce.
Da quella volta di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia e la sfida ora non è più quella di ingrandire Wikipedia, seppur ci manchino un bel po' di voci, ma di migliorarla qualitativamente, dunque decidere cosa può rimanere e cosa no in base ai criteri che la comunità stabilisce. Non solo, prima di tutto è cambiata la procedura di cancellazione. Come tutti sappiamo, vi è una fase di discussione che dura minimo 7 giorni (senza contare la semplificata) e può essere prorogata a 14 dove, durante questi giorni, si esprimono posizioni vincolanti al destino della voce; abbiamo introdotto una discussione sul merito in sede di PDC.
Arriva il momento in cui questi pareri sono lì lì e l'amministratore - oltreché qualsiasi utente intervenuto dato che, ricordo, chiunque può fare una proposta di chiusura! - non ravvede i contorni netti del consenso: si va in votazione. Quest'ultima è la terza (quarta) e ultima fase di cui ben 2 di discussione, logicamente il quadro è, a questo punto, di stallo su un testa a testa fra cancellare e mantenere.
A mio avviso l'analisi a questo punto è quasi scontata: se precedentemente alla votazione non si era concretizzata una maggioranza qualificata nella discussione, metodo elettivo per la ricerca del consenso, come si può pensare di trovarla con una conta di voti? Non ha davvero senso, in un certo senso è l'applicazione del "due pesi, due misure". Infatti, nella maggioranza dei casi l'impasse si risolve con il mantenimento dato che gli utenti si dividono più o meno sul 50:50 ben lontano dal 67:33. Vi sono particolari e minoritarie situazioni in cui ad esempio vi è un improvviso aumento di partecipazione alla PDC che, approntando nuovi elementi con diritto di voto, possono spostare le sorti per semplici dinamiche di numeri.
In concreto, propongo quindi di modificare il criterio in sede di votazione con maggioranza semplice (metà +1 dei voti totali), con esito di mantenimento in caso di parità.
Questo per me è uniformare il sistema seguendo, ancor prima che politiche di inclusionismo o esclusionismo, il sublime filo della logica. --.avgas 22:57, 1 ago 2018 (CEST)
P.s.: inutile ricordare che "il basso numero di votazioni" non è giustificazione per sminuire la discussione, se si ritiene tutto questo un male minore dell'Enciclopedia, come forse è, ci si può astenere.

(FC Spostata dal Bar) - non entro nel merito, ma nel metodo: tu stesso hai citato un sondaggio del 2004 e i criteri sui sondaggi ci ricordano che i due modi per cambiare tali regole sono a) un altro sondaggio b) consenso in una discussione molto partecipata. per il punto (a) avrei aperto la discussione in Discussioni Wikipedia:Regole per la cancellazione dove mi sembra si sia tenuta la discussione originale che ha fatto partire il vecchio sondaggio, nel caso tu volessi provare con la strada (b) e hai aperto al Bar per questo motivo, agosto non mi sembra il periodo migliore per raccogliere il maggior numero di pareri da parte della comunità. ma questa è solo la mia opinione :). --valepert 23:35, 1 ago 2018 (CEST)
(FC Spostata dal Bar) - (c) se n'era già discusso abbondantemente con anche varie varianti alternative poco tempo fa (e anche un milione di altre volte precedenti). Capisco che non è carino sentirsi dire se n'e' già discusso (magari linkando cose di una decina di anni fa), ma se non ricordo male si parla proprio di qualche mese.--Sandro_bt (scrivimi) 23:38, 1 ago 2018 (CEST)
(FC Spostata dal Bar) - Valepert: le regole che citi mi sono ben chiare, tanto più che ho da poco proposto un sondaggio sui disclaimer, ma qui volevo prima raccogliere informazioni dunque discutere. Pensavo di fare un po' come poco tempo fa in cui la discussione avveniva nella talk del sondaggio, ma... stavolta il bar mi sembrava più appropriato. Sul fatto di agosto, boh... hai letto? L'idea è di proporlo ora in cui c'è meno traffico, in cui si possa meditare e affrontare la cosa con più calma. Finisco di rispondere a te citando anche [@ Sandrobt] confortandovi sul fatto che penso di essermi letto tutte le discussioni pregresse. Il problema è lo stallo che si è creato perché si è intervenuti in fretta volendo dire la propria senza meditare la posizione. Raramente si è analizzato il contorno e si è sempre tirato in ballo esempi di PDC solcando ora l'onda dell'inclusionismo ora dell'esclusionismo o che dir si voglia. Non ho praticamente mai visto citare una riflessione sul "metodo", sul "perché" della regola, che è la cosa essenziale. Poi per carità... siamo stufi di parlarne? Per me va benissimo, ci mancherebbe. --.avgas 23:47, 1 ago 2018 (CEST)
Symbol oppose vote.svg Contrario/a "C'è secondo me un equivoco di fondo: la procedura di cancellazione serve per vedere se c'è consenso per cancellare una voce, non per mantenerla. Quindi è del tutto logico che -quando non si trovi consenso in consensuale- per cancellare ci voglia una maggioranza qualificata: consenso non equivale certamente a 50%+1. Ed è del tutto logico che se non c'è consenso per cancellare la voce rimanga." (autocit.) --Jaqen [...] 00:29, 2 ago 2018 (CEST)
[× Conflitto di modifiche] Alla fine dei conti avgas ha voluto dare uno spunto di riflessione per le vacanze, evidenziando però un problema che, pur non riguardando numeri "enormi" di PdC, non è affatto di poco conto: in apparenza riguarda soltanto le voci che finiscono col mantenimento in votazione grazie alla maggioranza dei 2/3, ma in realtà riguarda anche altre votazioni cui alcuni utenti rinunciano a partecipare proprio a causa dell'ininfluenza del loro voto e soprattutto, di fatto, alcune consensuali che vengono chiuse con la cancellazione, anche se prive di un consenso completamente netto, proprio soppesando a favore della cancellazione le conseguenze (ora praticamente certe) della futura votazione. Una soluzione che considerasse alla pari i votanti, quindi, non favorirebbe soltanto i favorevoli alle cancellazioni, come apparentemente potrebbe sembrare, ma paradossalmente in alcuni casi proprio i favorevoli al mantenimento, grazie all'avvio di qualche votazione in più. [@ Jaqen] Come hai avuto modo di notare anche tu, il problema non è del tutto campato per aria :/--Parma1983 00:36, 2 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ Parma1983] Sono d'accordo sull'esistenza del problema ma trovo paradossale che lo si voglia risolvere abbassando la maggioranza necessaria in votazione. Semmai, ad esempio, si potrebbe 1) obbligare chi chiude la consensuale a motivare la decisione, invece di usare un template che non dice nulla; 2) stabilire che nei casi più complessi sia necessario il parere favorevole a una determinata chiusura di più di un admin; 3) introdurre sistemi per contestare una chiusura (si veda ad es. en:WP:CLOSECHALLENGE). --Jaqen [...] 15:02, 2 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ Jaqen] Ma così si complicherebbe ancora di più tutta la procedura e si fomenterebbero sempre più contrasti.
Il problema fondamentale consiste nel fatto che la votazione viene oggi evitata quasi come la peste, proprio perché lì il peso degli utenti non vale sempre 1, ma vale 2 se pro mantenimento e 1 se pro cancellazione; e ciò avviene dopo una discussione di 2 settimane nella quale invece i pareri delle due parti, se circostanziati, dovrebbero valere allo stesso modo. Qualche stortura quindi c'è in questo sistema--Parma1983 15:30, 2 ago 2018 (CEST)
Jaqen equivoca ancora più a fondo: la sua osservazione sarebbe vera se una voce venisse creata/pubblicata in seguito a voto. Non è così, l'approdo in ns0 è libero! In ogni caso, la ricerca di consenso per la cancellazione deve avere gli stessi margini del consenso per il mantenimento. E' ovvio che il 50%+1 non è consenso, ma non dimentichiamo che c'è una fase di discussione prima. --.avgas 00:41, 2 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ .avgas] Ci mancherebbe solo che la creazione di voci non sia liber- beh, no, in effetti se una voce è stata cancellata in precedenza, magari 5 anni fa, la creazione non è libera. E in ogni caso non so capisco bene che senso abbia sottolineare il il fatto che la creazione sia (normalmente) libera se nel frattempo si vuole rendere più facile la cancellazione.
"la ricerca di consenso per la cancellazione deve avere gli stessi margini del consenso per il mantenimento": e questo chi l'ha deciso?
perché il fatto che ci sia la consensuale prima delle votazione comporterebbe che il 50%+1 sia meglio dei 2/3 o -chessò- dei 4/5? --Jaqen [...] 14:50, 2 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Jaqen, se si è arrivati in votazione è perché nella fase consensuale non c'era prevalenza fra i motivi di una parte o dell'altra. Perché chi vota per cancellare deve valere metà di chi si propone di mantenere? In votazione non si avanzano motivazioni, poiché già comprovato poco efficaci, dunque ogni utente deve valere 1. Sottolineare il fatto che la creazione sia normalmente libera è semplice: non vi è un filtro a monte tale da farci credere che in media le voci siano di buona qualità, chiunque può inserire ciò che vuole. Dunque perché avere uno schema inclusionista come quello attuale invece di una sana neutralità? --.avgas 10:50, 4 ago 2018 (CEST)
A discapito di quanto assunto nell'apertura, paradossalmente chi è contrario a questa proposta è probabilmente anche chi ci ha pensato con molta calma visto che non si ferma a considerare la semplice votazione. Utenti che sono qui da più o meno un decennio e sanno come funziona l'intero sistema non si fermano a giudicare la votazione in sé o le circostanze di una PdC, ma pensano a tutti i meccanismi di entrata e uscita/mantenimento e cancellazione delle voci, al significato del consenso (che sì, nelle PdC deve trovarsi per la cancellazione o al massimo per qualche compromesso) e a contorno di situazioni di progetti deserti, ecc. Già ora il sistema pende a favore dei cancellazionisti, perché qui non stiamo parlando di quante voci in assoluto entrano e quante escono, ma di quante voci dubbie rimangono e quante vengono cancellate. Le dubbie sono cancellate o per C4 o per C7 o al termine di una PdC che ottiene sempre una certa visibilità e che si può concludere comodamente con maggioranza numerica in sede di votazione. Gli "inclusionisti" che hanno invece? Possono sempre e solo contestare la cancellazione in una discussione in un progetto sperduto, poco frequentato, senza scadenze che diano loro il diritto di ricreazione della voce in base al principio di silenzio-assenso, senza alcuna votazione che possa far rivalere la maggioranza, senza garanzie che un admin di buona volontà si assicuri che non ci siano irregolarità e giudichi e prenda atto del nuovo consenso, senza che un consenso "non forte" valga a niente. Quindi se non piace la votazione a maggioranza qualificata, o la si toglie o la si converte in semplice e la si concede anche agli inclusionisti con tutte le conseguenze che ne derivano.--Sakretsu (炸裂) 11:56, 4 ago 2018 (CEST)
Non capisco cosa intendi per "concedere [maggioranza semplice] anche gli inclusionisti". In ogni caso, è ciò che non volevo: parlare di inclusionismo o esclusionismo. Ho visto voci salvarsi perché si è dato ascolto a motivazioni inesistenti per mantenerle come altre PDC in cui non si sviscerava la cosa e finivano nel cestino senza le dovute valutazioni. Se il piano della discussione è questo, tolgo la pagina dagli OS e lasciamo che cada. Si è travisato completamente il punto, mi dispiace. --.avgas 12:44, 4 ago 2018 (CEST)
Hai parlato di "schema inclusionista come quello attuale invece di una sana neutralità", il che per me non è assolutamente vero per i motivi sovraesposti. Attualmente equilibriamo il forte sostegno numerico trovato in sede di votazione a maggioranza qualificata con il forte consenso che si dovrà trovare in un'eventuale discussione per la ricreazione. In un sistema neutrale, se passi alla maggioranza semplice per "dare stesso peso" a chi vota pro cancellazione e chi contro, intacchi l'equilibrio di ciò che viene dopo, ovvero il sangue buttato da chi è convinto (in buona fede) dell'enciclopedicità della voce e non si capacita di come, in assenza di consenso in una PdC, essa sia stata cancellata per un mero +1 e non possa essere ripristinata, nelle stesse condizioni in una discussione a un progetto, sempre per un +1.--Sakretsu (炸裂) 13:27, 4 ago 2018 (CEST)
Non sono un wikipediano della primissima ora, ma giro qui da un po' e mi sento piuttosto sicuro nel dirti che è nato prima l'uovo della gallina: il forte consenso, a volte ricercato fra byte e byte di accesa discussione, nasce esattamente dal sistema della maggioranza qualificata che "blinda" la decisione di cancellazione, non il contrario. Non trovi? ;-)
Per quanto mi riguarda, infatti, sono piuttosto tranquillo sulla fase post (eventuale) cancellazione: la voce si può ricreare purché non sia davvero identica. Se poi si scopre che il mutamento rispetto al quadro che ha portato alla precedente PDC è troppo poco, si torna a cancellare. Reiterati comportamenti di questo tipo concretizzerebbero parecchi indizi di utenza problematica. --.avgas 15:30, 4 ago 2018 (CEST)
Non comprendo perché la voce dovrebbe poter essere ricreata purché non identica. Il consenso è fallito: i pro e i contro sono stati valutati come di pari peso. In assenza di consenso, si chiama ai voti e vincono i sì per 1. Non c'è nessun significato profondo dietro tutto questo: la voce è stata cancellata per un voto. Dopo una settimana un utente ricrea la voce in modo identico, ma gli si dice che non va bene. Perché? Come se chi abbia votato il giorno X al termine della PdC fosse più qualificato di chi possa votare una settimana dopo al di fuori di una PdC? Un voto si ribalta come niente; 2/3 sarebbe un po' strano se si ribaltassero nel giro di uno schiocco di dita. A parte ciò, ora come ora i C7 si applicano anche quando la voce riproposta non è proprio identica.--Sakretsu (炸裂) 16:10, 4 ago 2018 (CEST)
Certamente il consenso è fallito nel momento in cui si evoca la fase di votazione. Se fra le righe la proposta è quella di abolirla mi trovi in primissima fila. Riguardo la differenza di voti hai ragione, ma è indifferente rispetto a quale frazione di maggioranza richiediamo, se ben ci pensi. Proprio per questo, una maggioranza semplice alleggerirebbe, mi ripeto, la ricreazione, no? --.avgas 22:49, 4 ago 2018 (CEST)
Esatto, la mia proposta è sempre stata quella di abolirla. Se l'admin che chiude una procedura controversa crede che i motivi a favore della cancellazione abbiano una leggera spinta in più, allora effettui la cancellazione senza rifugiarsi in una votazione senza senso. In alternativa, passare alla maggioranza semplice e alleggerire la ricreazione (con le dovute garanzie: es. dopo tre mesi non è più cancellata per C7) mi trova neutrale: in questo modo la voce non starebbe su questi lidi e, una volta terminato il periodo di C7, se ricreata potrebbe essere riproposta per una PdC ben partecipata. Lo scopo sarebbe forzarne la discussione ogni tot tempo, senza che l'argomento non sia più ripreso in progetti deserti e col vantaggio che prima o poi si possa arrivare a un esito decisivo.--Sakretsu (炸裂) 19:58, 5 ago 2018 (CEST)
Per me la proposta di abolizione mi trova molto più che d'accordo, se vogliamo provare a solcarla ci sono. --.avgas 13:22, 6 ago 2018 (CEST)
Mah... Secondo me il problema non sta nei numeri (quanti siano favorevoli e quanti siano contrari), bensì nel fatto che tutti i votanti (ad eccezione di quelli che sono esclusi dal voto a prescindere, ad esempio gli ip) hanno lo stesso peso. Si potrebbe ad esempio introdurre un sistema dove il voto degli utenti autoverificati valga 2 e quello degli altri utenti valga 1. Così se alcuni utenti poco fidati si mettessero d'accordo per sovvertire le sorti della votazione, non potrebbero farlo.
Un altro modo (magari da accoppiare al precedente) per evitare che alcuni utenti malintenzionati influenzino la votazione potrebbe essere fare in modo che il voto degli altri utenti, il loro numero e i nickname non compaiano fino al conteggio dei voti, in modo che nessuno fino alla fine sa chi ha votato, quanti hanno votato e cosa hanno votato. Così si eviterebbero PdC dove "magicamente" gli ultimi 2-3 voti stravolgono l'esito della votazione. --Daniele Pugliesi (msg) 05:58, 2 ago 2018 (CEST)
[@ Valepert, Sandro_bt] Ho riunito questa doppia discussione... creativa diciamo; cosa era un trucco per ravvivare il mortorio agostano? :)--Pierpao.lo (listening) 08:16, 2 ago 2018 (CEST)
Aiutooooooooooo è già caldo di per se! In ogni caso ricordo, ma non so ritrovare dove lo descrissi, che avevo proposto un sistema con maggioranza decrescente a scalare dai 2/3 fino alla maggioranza semplice, sulla base dell'aumento del numero dei partecipanti alla pdc, che presentava vantaggi per le voci con pochi accoliti, mentre era a garanzia contro l'arrivo di truppe cammellate per la difesa di voci non enciclopediche. --Bramfab Discorriamo 13:40, 2 ago 2018 (CEST)
La proposta di [@ Bramfab] era questa, presentata qui.--Equoreo (msg) 13:49, 2 ago 2018 (CEST)
Ripingo user:Sandrobt per ping errato--Pierpao.lo (listening) 14:25, 2 ago 2018 (CEST)
Tornando un attimo alla proposta di discussione che ha aperto questo thread, a suo tempo apprezzai molto la proposta di Bramfab (non so se l'esplicitai nella discussione o no), quindi penso che potrebbe essere una soluzione valida, anche se macchinosa, per arrivare almeno ad un compromesso, ammesso che si possa convergere su qualcosa contro l'ostruzionismo dei "cancellazionisti" (naturalmente il termine ostruzionismo non implica che io neghi la loro buona fede). --Klaudio (parla) 15:14, 2 ago 2018 (CEST)

Non mi sembra che sia cambiato chissà che cosa dall'ultime due volte in cui ne abbiamo parlato uno e due mesi fa (solo per citare quelle più recenti, negli ultimi due anni ci saranno state almeno una decina di discussioni).--Yoggysot (msg) 15:38, 2 ago 2018 (CEST)

Discutere non fa mai male, e quello che cambia è che la gente ha tempo per riflettere. Come già detto, sono favorevole al "garantismo" dei 2/3, anche se parecchio perplesso per i risultati. Sarò breve e "brutale". Secondo me, se una pagina non ottiene consenso per il mantenimento ed è a forte rischio promozionalità va cancellata. In tutti gli altri casi ben venga ogni forma di "garantismo". Se teniamo un caratterista kitcarsoniano morto 50 anni fa, magari non è un personaggio enciclopedico, ma la voce non fa un gran danno a wikipedia. Se ci teniamo la pagina di un'azienda, uno scrittore, un gruppo, o una qualunque altra vanity page, quand'anche fosse di soggetto realmente enciclopedico, cancellarla non fa nessun gran danno, la si ricrea eventualmente quando l'argomento è stato stroricizzato. Ripeto, la mia proposta è: se una pagina non ottiene consenso per il mantenimento ed è a forte rischio promozionalità si cancella senza passare dalla votazione.--Pop Op 22:46, 2 ago 2018 (CEST)
Non condivido la proposta di Popop, perché con questo criterio anche voci come Bernini Palace Hotel e Casinò di Sanremo sarebbero a rischio promozionalità e dunque destinate alla cancellazione nonostante la loro indubbia rilevanza. Per tornare in tema, personalmente sono d'accordissimo a ridurre la soglia da 2/3 a 50%+1, purché però si limiti la valenza del C7 a un tempo ben determinato (6 mesi o 1 anno)--3knolls (msg) 10:33, 3 ago 2018 (CEST)
(fc) Secondo la mia proposta se la rilevanza è indubbia (ovviamente) non si cancella nulla. E' quando la rilevanza è dubbia che il rischio promozionalità a mio parere fa la differenza. --Pop Op 14:11, 3 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Ancora una volta non condivido. A mio parere il problema della promozionalità può investire qualsiasi voce, anche quelle automaticamente enciclopediche (anche quelle del presidente russo o americano in carica, tanto per fare qualche esempio a caso), per cui cercare di combattere il promo con le cancellazioni sarebbe come tentare di catturare le mosche con gli uncini; del resto il promo in pdc difficilmente costituisce un problema insormontabile, perché sarebbe sufficiente riscrivere la voce con un tono non-celebrativo per salvarla. Lo scopo primario delle pdc è invece quello di valutare l'enciclopedicità del soggetto sulla base dell'autorevolezza delle fonti, cercando di distinguere le fonti veramente solide da quelle magari "pompose" ma in realtà poggianti su basi troppo deboli; in altri termini, ciò che davvero preoccupa nelle pdc (e che è spesso difficile da scoprire) non è la promozionalità della voce, ma la promozionalità delle fonti. --3knolls (msg) 14:47, 3 ago 2018 (CEST)
Assolutamente no! A contare è l'enciclopedicità della voce e dei suoi contenuti, non dell'argomento trattato, e infatti una voce promozionale può addirittura essere cancellata su argomento enciclopedico in immediata, e una voce su un argomento enciclopedico ma scritta come una RO può e deve essere cancellata. Se la voce è promo o ro non va bene nemmeno se l'argomento è Leonardo da Vinci o Barack Obama. Ricordiamoci sempre che siamo qui a scrivere voci, non titoli. --Carlomartini86(Dlin-Dlon) 12:38, 4 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Questa è una tua (o vostra, contando anche Popop) legittima opinione, ma le linee guida stabiliscono diversamente. Cito testualmente:
non sempre è il tono promozionale in sé il motivo della cancellazione (che può sempre essere corretto con modifiche successive), bensì l'insufficiente rilevanza dei contenuti in quanto tali: presentare come rilevante ciò che rilevante (ancora) non è.
Naturalmente tutto può cambiare, sei libero (siete liberi) di aprire una discussione e avanzare proposte in quella sede, ma per ora le linee guida sono quelle e io mi attengo ad esse--3knolls (msg) 13:31, 4 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] [@ 3knolls], applicando la lettera delle linee guida qui si dice che la voce promozionale è addirittura da cancellare in immediata, mentre qui (punto 6) si dice semplicemente che se (se) in una voce promozionale ci sono anche contenuti validi, allora si può (si può) evitare la cancellazione e procedere diversamente, ma non c'è scritto che una voce promozionale non può essere cancellata. Nella stessa linea guida (punto 11) è scritto chiaramente che le ricerche originali vanno cancellate. Nella linea guida che hai linkato tu nell'incipit si legge: «All'inserimento di contenuti promozionali spesso consegue un annullamento, una proposta di cancellazione o la cancellazione immediata» e ti invito a leggere la sezione «Effetti prodotti dai contenuti promozionali o celebrativi», oltre che a rileggere la frase che hai citato tu, che riguarda tutt'altro contesto. Sono tutte conferme del fatto che la valutazione non riguarda l'argomento astratto della voce, ma i contenuti della voce (e ci mancherebbe!), e che una voce promozionale, da linee guida, può benissimo essere cancellata. Poi nella prassi si è sviluppata una tolleranza molto maggiore nei confronti delle voci promo, prassi che dice che una voce promo può essere cancellata in immediata solo se è appena stata creata, e che una pdc la cui motivazione è la mera promozionalità va annullata; ma come detto è una prassi che pur avendo un suo fondamento di buon senso non è del tutto aderente alle linee guida. Col risultato che le voci non enciclopediche continuano a diminuire mentre quelle promo continuano ad aumentare! --Carlomartini86(Dlin-Dlon) 08:40, 5 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Premesso che la cancellazione delle RO è assolutamente fuori discussione (chi ha mai detto il contrario?), per quanto riguarda il promo occorre fare una precisazione, perché il C4 dovrebbe scattare soltanto per la pubblicità palese (del tipo "Il gallo d'oro è la trattoria migliore di Roma: con soli 2 euro mangerete come a casa vostra!"). Invece la cancellazione in immediata (avvenuta pochi giorni fa) di una voce come questa, che non promuoveva un bel nulla e che non era stata appena scritta mi ha fatto capire che le cose stanno ben diversamente da come le descrivi tu (a scanso di equivoci sottolineo che non avevo mai contribuito alla stesura di quella voce). Lo stesso dicasi per le cancellazioni in pdc: questa voce (alla quale pure non avevo mai contribuito) fu cancellata a mio parere (e a parere di un altro utente, che a sua volta chiese lumi in RA) in modo discutibile, ma intanto non potrà mai più essere riscritta pena il C7 e salvo che non si trovi il consenso dei progetti, eventualità quest'ultima del tutto improbabile perché la grande maggioranza dei progetti su it.wiki soffre della malattia del sonno. Io però non credo che la colpa sia di questo o di quell'amministratore, io rimango dell'idea che le cause di questi problemi sono la regola dei 2/3 e la regola del C7 a oltranza; del resto non dimentichiamo che il difetto dei toni promozionali è sempre emendabile, mentre ben più grave è il problema della non-terzietà o della non-autorevolezza delle fonti: problema spesso non facile da scoprire (nel senso che molte fonti appaiono terze e autorevoli anche se non lo sono veramente), ma che una volta scoperto consente di fare davvero piazza pulita--3knolls (msg) 10:27, 5 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] più volte si è detto che chi voleva cancellare le voci fatte da utenze monoscopo anche se fatte bene o quelle "promozionali" anche se basta lasciarci un avviso, non deve fare una campagna di sfinimento voce per voce ma sforzarsi nell'interesse di tutti, di riformulare e migliorare le linee guida. E magari poi applicarle a tappeto ovunque, senza troppi "caso per caso", aggiungo io. Ma non mi pare che sia mai successo anche perché alla fine sarebbe un po' un vulnus alla base di un'enciclopedia che è un cantiere e che si basa sulla collaborazione. Certo, per me comunque non grave come svuotare in pratica il senso di una linea guida che ancora esiste. E allora? Continueremo con una lunga serie di PdC dove in dieci si fiondano a "cancellare perché promozionale" e se va male magari ignorando, irritandosi o deridendo chi fa notare che quell'automatismo non è proprio così, e affiancheremo a queste ultime quelle in cui l'utente di lungo corso (e di gran esperienza) ci dice invece che non si fa così e magari quello lo si ingora un po' di meno. Ha un senso? Il problema è che, diciamocelo, queste due scuole di pensiero si incontrano meno di quanto dovrebbero a livello dialettico nelle discussione sulle PdC, lasciando nel mezzo di una gran confusione quelli che sulle quelle voci magari ci dovrebbero lavorare. Sarò sempre convinto che questo, interno, è uno dei principale motivi di fragilità rispetto agli inserimenti promozionali esterni. il cui impatto (come ho articolato in passato) è probabilmente sovrastimato--Alexmar983 (msg) 14:33, 4 ago 2018 (CEST)
[@ 3knolls] Est modus in rebus, stai prendendo strettamente alla lettera quelle che sono semplici indicazioni. Come dice giustamente Carlomartini, a seconda del livello di promozionalità, andrebbe cancellata anche la voce su Einstein. Ripeto che, secondo me, nel caso di indecisione (e solo in quel caso) una voce a rischio promo va cancellata, una voce per cui il rischio non c'è, si può anche eventualmente tenere. Se sono solo io a pensarla così... non costringo nessuno a pensarla come me. Ma non facciamo come nelle pdc quando prendiamo alla lettera le regole indipendentemente dal loro senso e dal buon senso (usare il quale è la prima regola inderogabile di wikipedia). [@ Alexmar983] Che l'impatto degli inserimenti promozionali (esterni o anche non esterni, se si vuole, tutti e nessuno siamo esterni ;) sia sovrastimato, io non saprei. Dalla mia esperienza personale, direi proprio che le vanity pages, almeno, stiano aumentando in maniera esponenziale. Per aziende e prodotti commerciali a prima vista c'è un discreto controllo. Ma per quel che riguarda le persone ritengo la situazione quasi drammatica. Sinceramente non so come si potrebbero fare statistiche oggettive. --Pop Op 15:20, 4 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Ma al di là delle regole, se vi è incertezza sulla rilevanza di una voce, non è meglio indagare per capire come stanno davvero le cose anziché cercare di misurare la febbre con un centimetro? Perché poi, diciamocela tutta: il rischio non è solo quello di ammettere voci probabilmente promozionali, ma anche e soprattutto quello di ritenere una voce "sicuramente" enciclopedica sulla base di fonti apparentemente valide ma in realtà taroccate o fittizie se non proprio create ad arte. Del resto il tono promozionale di una voce non denota l'irrilevanza di una voce, ma piuttosto l'inesperienza o la scarsa attitudine di chi scrive (ergo: chi vive a stretto contatto con il mondo della pubblicità sarà portato a scrivere voci meno neutrali rispetto a chi bazzica le enciclopedie cartacee). Senza contare che il carattere promozionale lo si può correggere in men che non si dica: anzi qualcuno potrebbe fare il furbo ripulendo la voce all'inizio della pdc per ottenerne il mantenimento, provvedendo poi inquinarla nuovamente una volta che il risultato sia stato conseguito. Insomma: basarsi troppo sul "promo" significherebbe rischiare di farsi infinocchiare alla grande, mentre solo l'analisi approfondita delle fonti consente di giungere la verità.--3knolls (msg) 16:26, 4 ago 2018 (CEST)
Utente:Popop fai una statistica oggettiva sui soggetti, cioè i lettori. Da anni chiedo a chi usa questa enciclopedia se trova tante "vanity pages" o se preferisce non avere una voce o averla con l'avviso. L'analisi è su persone molto diverse, il risultato grossomodo sempre lo stesso. La risposta alla seconda domanda si può riassumere in "non sono scemo" (cioè se non hai tempo di ripulire una voce lascia un avviso, la leggo comunque) e la prima oscilla fra l'indifferenza di chi non è dei settore e la certezza di chi è del settore specifico che in molte PdC la definizione di promozionalità è stiracchiata anche troppo. Ho il sospetto che continuare a vedere questa "invasione" porterà solo a logorare voi che la vedete e non gli "invasori" che ci sono sempre stati e ci saranno sempre. L'arte della guerra insegna a moderare le energie dove servono, se tutto questo vi porta a drenare di energie umane l'enciclopedia (pensate un attimo a chi si smazza la cura delle voci e quanto faccia picere sentirsi trattare da "quinta colonna" o "quello che non ha capito"?) poi ha un costo. --Alexmar983 (msg) 15:36, 4 ago 2018 (CEST)
Symbol oppose vote.svg Contrario/a La comunità si è già espressa due volte quest'anno, come già fatto notare da Yoggysot. E non è che negli anni precedenti non si sia mai toccato l'argomento. --Sd (msg) 11:10, 3 ago 2018 (CEST)
Ci può stare che un tema è dibattuto, ma se un gruppo di persone avessere proposto lo stesso tema a distanza di due o tre mesi, prima o poi gli sarebbero "arrivati dei tizi" in talk, a seconda di chi erano. Per fare un paragone di cosa è una tempistica normale in questi casi: la linea guida sull'automatismo che impediva la disambigua preventiva, estremamente controversa (e nemmeno tanto ben formulata, alla fine) riguardava un numero di voci ben superiore alla manciata che passa o no in PdC. Riguardava fino a un migliaio di voci e link rossi ogni anno. Aveva un impatto ben superiore allo sviluppo dell'enciclopedia (link sbagliati da correggere, informazioni che si confondevano), causava accessi dibattiti spontanei con regolarità... l'abbiamo dibattutta assieme circa una volta all'anno per anni, parecchi anni, e si è sciolta come una saponetta solo quando è iniziato a arrivare wikidata e la connettività ha fatto un salto di qualità che richiedeva gestire le cose in modo più smart di come fatto prima. Quello era un problema complesso, che si riproponeva ciclicamente, con un impatto sullo sviluppo del lavoro delle utenze nel quotidiano. Ecco, mi chiedo, cosa ha numeri alla mano questo aspetto di così rilevante da doverne riparlare ogni tre mesi? Si può "ossessivamente" portare il "discorso" sempre sugli stessi punti, ma alla lunga non fa bene.--Alexmar983 (msg) 14:26, 4 ago 2018 (CEST)
Le discussioni possono anche essere ignorate, anche tale scelta fa parte dei "messaggi" che la comunità può dare nei confronti di un problema. :-) --.avgas 15:36, 4 ago 2018 (CEST)
Non farà bene continuare a battere ma questo immagino succeda perché il dente continua a dolere finché non si trova una soluzione meditata e soddisfacente che conceda ugual dignità a tutti i wikipediani di buona volontà --Tostapanecorrispondenze 16:07, 4 ago 2018 (CEST)
Il dente può dolere anche per suggestione psicologica, non sempre sotto c'è tutto questo marcio. Sono una manciata di voci oggettivamente al massimo al limite in un mare di milioni di voci, di tutti i denti perché questo duole così tanto? Questo dolore ha un senso fisico? Queste voci sono un problema in cui l'utente medio si imbatte sui contenuti in modo trasversale quale che sia il soggetto (perché quello era il problema di tante altre regole che duoleva eccome, ci inciampavi sopra lavorando sui contenuti). Io non credo. Sono voci del tutto isolate, poco visitate, e sono voci che con i dovuti E.G.O. ve ne trovavamo anni fa a decine simili che passano via senza che nessuno le noti per anni. Quindi non c'è nessun motivo di battare con così tanta frequenza a livello di contenuti, è probabilmente un problema di percezione di dinamiche di PdC. Quindi il "dolore" ci sarà sempre perché la causa non è "fisica", è "mentale". Dopo le regolette prime sul quorum a 7 contrari, e la regoletta di cambiare i 2/3 ora, ci sarà un'altra regola ancora e ancora (cambiare il diritto al voto p.e.) e tanto continuerà a dolere, me la sento. In ogni PdC ci sarà sempre quella puntina di marcio che fa dolere il dente, il comportamento umano che dovrà essere calmierato per toglierne altre 10 e altre 5 e altre 5 all'anno in più. Magari nello stesso tempo con cui imposti dei criteri migliori in un progetto (anche lì spesso inquinato dalla pressione psicologica di queste PdC, invece di porre al centro le fonti) togli più voci di torno e ci guadagnamo in qualità vera. E poi alla fine magari ne passano alle chetichella a decine messe peggio o simili senza che si noti. Cioè pure a me di queste voci frega poco, se me ne importasse parteciperei in PdC ancora spesso, voterei a favore dove serve (le leggo ancora tanto le PdC). Se partecipo a queste discussioni è perché inizio a stare male empaticamente, il disagio di trovarmi questo clima da PdC esondato ovunque. Non solo nelle PdC, non solo nelle talk sdi utenti, ma pure ogni tre mesi nelle discussioni generali.--Alexmar983 (msg) 00:38, 5 ago 2018 (CEST)
  • contrario come i contrari più su per analoghe ragioni. Inoltre eviterei discussioni che stravolgono sistemi nel mese di agosto. --ignis scrivimi qui 17:14, 4 ago 2018 (CEST)
    Devo ancora capire chi ha detto che ne dobbiamo discutere ora e solo ora. Spero mi prendiate in giro, perché è la spiegazione più rispettosa che riesco ad immaginare. --.avgas 22:49, 4 ago 2018 (CEST)
  • Penso che Frullatore qui sopra abbia colto il punto, se si continua a discutere (forse davvero ossessivamente ;) vuol dire che il problema sussiste. E il problema secondo me non sta nella regola dei 2/3 o nell'eterna lotta fra il bene e il mal, pardon, fra gli inclusionisti e i cancellzaionisti, ma sta nel fatto che c'è ormai un intero mondo in wikipedia che si è tremendamente allontanato da WP:E. Che chiunque abbia pubblicato due album, o tre libri o sia stato citato 5 volte (magari da amici ;),, tanto per fare esempi, sia automaticamente rilevante nel proprio ambito mi pare faccia decisamente a pugni con WP:E. Se poi, oltre a tenere queste voci, il che in sè non sarebbe nemmeno un male tremendo, ci dobbiamo tenere la relativa pubblicità o autopromozione... C'è chi dice sopra che le voci si possono migliorare... Ma se quando vado in giro per le voci dei gruppi musicali ne trovo una su due che probabilmente non rispettano nemmeno i nostri criteri, e ci passo un pomeriggio solo per questi controlli, come si fa ad avere il tempo per migliorare le voci? Ma chi me lo fa fare di cercare di mantenere wikipedia autorevole e con informazioni rilevanti, quando nei fatti sto tirando la volata a chi= si scrive o fa scrivere la sua vanity page, o a chi fa pubblicità al suo libro? Ma allora mi tengo fra gli OS le due o tre cose che mi piacciono e finita qui! --Pop Op 21:07, 4 ago 2018 (CEST)

Criterio di calcolo dei voti nelle PDC (...continua)[modifica wikitesto]

Sinceramente io non ho più tanta voglia di combattere questa battaglia. Forse perché il danno causato dalle voci mantenute attraverso votazione è talmente esiguo che mi viene da pensare chi me lo fa fare. Il danno è limitato perché le voci che vengono cancellate/mantenute attraverso votazione sono un'infinitesima parte delle voci che abbiamo. Nulla toglie che secondo me la regola dei 2/3 è una stortura che poteva avere un senso nel 2004 quando questo era l'unico sistema di tutelare le voci, mentre ora, con le discussioni, con la ricerca del consenso mi sembra alquanto superata e anacronistica. Tostapane ha ragione, c'è un disagio per questa regola, si può continuare a far finta di niente dicendo che non c'è consenso per cambiarla ma si può anche avviare una civile discussione rendendosi finalmente conto che non c'è neanche il consenso per mantenerla. O anche per il consenso usiamo due pesi e due misure come nelle votazioni? --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 23:53, 4 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Se "si può continuare a far finta di niente dicendo che non c'è consenso per cambiarla ma si può anche avviare una civile discussione rendendosi finalmente conto che non c'è neanche il consenso per mantenerla" forse sarebbe il caso di prendere in considerazione una via di mezzo emersa più volte nelle discussioni e mai approfondita: eliminare la votazione. Se nelle prime due fasi (discussione e proroga) si forma un preciso consenso la proposta di cancellazione è accolta e la voce viene cancellata, se non c'è è respinta e la voce rimane. --Mister Shadow (✉) 09:10, 5 ago 2018 (CEST)
C'è sempre stato disagio per alcune regole e norme e abitudini, per dirne altre ancora oltre all'altro esempio: anni fa c'era (e ci sarebbe ancora, ma son finite le liste) l'automatismo con cui si cancellavano le liste incomplete (facendo un po' passare dei criteri di qualità per quelli di enciclopedicità), e poi quella sulla mutua esclusione fra navbox e portali (finita con portali scassati, come altamente prevedibile). In entrambi i casi la mia posizione andava contro il "consenso" vecchio di anni, e qualche danno quel vecchio consenso alla fine lo ha fatto secondo me. Credetemi, centinaia di liste e decine di navbox persi sono peggio di un centinaio di voci periferiche da reimpostare, sono spesso un nodo nevralgico in ns0... eppure son sopravvisuto. Soprattutto non ricordo mica tanta gente spendersi tanto a ricordare che un malessere diffuso (non ero solo io) andasse superato, te lo sbattevano in faccia bello forte che pure se la votazione o scelta era vecchia di anni, se non c'era consenso per cambiare la cosa finiva spesso lì. Varrà anche per tutti gli altri casi in futuro, ce lo appuntiamo e pinghiamo quando succede? Non è polemica è che vorrei che capiste come si sentono tanti utenti che si sono trovati davanti al muro del "consenso vecchio" ma non hanno mai spinto o non spingerebbero ogni 3-4 mesi in pubblico con il loro malessere. Perché alla fine tutto questo suona come se il tuo dolore al dente valesse più di quello di altri. Si intuisce, spero, quanto tutto questo tornare e ritornare ogni tot mesi su un aspetto che riguarda una manciata di voci li abbia alla fine disaffezionati pure se avessero voluto portare una posizione di compromesso.--Alexmar983 (msg) 00:38, 5 ago 2018 (CEST)
Rispondo al [↓↑ fuori crono] di [@ Mr-Shadow]: eliminare la votazione non sarebbe una via di mezzo, per come l'ho capita io. Parlo della frase "nelle prime due fasi (discussione e proroga) si forma un preciso consenso la proposta di cancellazione è accolta e la voce viene cancellata, se non c'è è respinta e la voce rimane". In pratica, tutte le PdC che attualmente vanno in cancellazione finirebbero nella casistica "non c'è consenso e la voce rimane", per cui si salverebbero anche voci che sarebbero cancellate in votazione, una misura che tutela la visione inclusionista del progetto ben più degli attuali 2/3.
Personalmente penso che il sistema sia abbastanza equilibrato, anche se certamente non è perfetto. Però penso che la situazione attuale sia un buon compromesso tra le varie anime che si esprimono nelle frequenti discussioni sul tema. Fa certamente riflettere però che, come viene fatto notare più sopra, il tasto sia dolente, e probabilmente è un tasto che è molto più dolente rispetto alle dimensioni reali della questione, visto l'esiguità di PdC terminate in votazione e con esito che balla tra i quorum in discussione. --Arres (msg) 17:30, 5 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Nella discussione in cui questa opzione aveva fatto "capoccella" sul fuoco si era messa molta carne. Si era parlato della disparità tra i tre mesi per riproporre una voce in cancellazione con la difficoltà di ripristinare una voce cancellata, ad esempio. Forse (ripeto forse) in una riforma più ampia e ragionata della procedura, che scontenti sia gli inclusionisti che i cancellazionisti, potrebbe anche entrarci.--Mister Shadow (✉) 20:23, 5 ago 2018 (CEST)

Vedo che qualcuno accenna alle ricerche originali. Non ho capito, che c'entra? Abbiamo qualche indicazione, qualche caso che suggerisca che la "difficoltà" della votazione renda difficile cancellare ricerche originali? È vero che ci sono alcuni wikipediani anche relativamente esperti che si dimenticano le nostre regole e pensano "se metto un sacco di note a piè di pagina la mia voce non potrà mai essere cancellata", ma davvero l'unica nostra speranza è "sconfiggerli" con un voto di stretta maggioranza? --Nemo 19:22, 5 ago 2018 (CEST) Ad essere pedanti, su wikipedia varrebbe la presunzione di non enciclopedicità (ed, infatti, non avere una voce non è mica una condanna ;). Sono per tutta l'elasticità possibile, per tutto il garantismo e per tutto il buon senso possibili, ma lo spirito e le regole di wikipedia richiedono che l'eventuale enciclopedicità vada provata da chi la sostiene. Mi sento ribollire il sangue quando qualcuno mi chiede di dimostrare la non rilevanza di un soggetto. Purtroppo, non c'è nessuna fonte che affermi la non rilevanza di Sigismondo Barillacqua della Verdesca ;) Quindi sarebbe chi vuole tenere la voce, che deve dimostrare che va tenuta...--Pop Op 13:05, 6 ago 2018 (CEST)

Ma qui stiamo parlando di cancellazioni, non di enciclopedicità. L'enciclopedicità (o assenza della medesima) la stabiliscono le fonti, mica il consenso o le maggioranze. --Nemo 14:01, 7 ago 2018 (CEST)
E come al solito, una discussione seria sopita dai ma, dai sì però, dai neanche per sogno... Proposta a .avgas e a tutti gli altri volenterosi che ritengono i 2/3 inadeguato e anacronistico e non una critica dovuta alle alle allucinazioni del caldo (whahaha io sono a 19 gradi...) di riunirci, contarci e di fare una proposta seria, solida e soprattutto unitaria, con molte firme sotto. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 23:32, 8 ago 2018 (CEST)

Allora user:Hypergio se mi posso permettere un consiglio, non so se hai notato che le discussioni fuori dai progetti sono sempre più accese:

  • butta giù una bozza sostanziosa o chiedi a qualcuno di farlo e aprite una sandbox in progetto:coordinamento
  • oppure sempre in coordinamento convoca i contrari ai 2/3 e proponi di lavorare insieme ad una bozza

--Pierpao.lo (listening) 09:52, 9 ago 2018 (CEST)

Hypergio, credo cambierò il primo approccio parlandone a qualche Wikiraduno - non so ancora a quale - perché telematicamente su questi lidi non ce la si fa. Ho scritto un papiro all'inizio spiegando che si doveva rispondere con calma e solo nel merito della questione. Si è finiti a parlare di enciclopedicità, di amministratori poco bold in fase consensuale, del fatto che agosto non è adatto e una svariata serie di cose off topic che nulla c'entrano con il punto che ho volutamente ridotto all'osso per evitare tutto questo. E' mancanza di rispetto, niente di più, ma capisco che ormai sia un aspetto che si filano in pochi. In questo modo, infatti, non si è concretizzato alcun filone di consenso nel merito: su di un tavolo pulito abbiamo portato arance e mele invece di sbucciare i fagiolini. Devo dirlo, sono dispiaciutissimo e parecchio demotivato. --.avgas 10:39, 9 ago 2018 (CEST)
[@ Pierpao] la proposta avanzata in questa pagina non è abbastanza semplice? Non servono bozze: si dice che i 2/3 non hanno senso e si propongono i 1/2. Guarda come si è impantanata anche questa discussione. Arrendiamoci: lo stallo è l'unica via percorribile di questi tempi.
User:.avgas premesso che la discussione non si è certo impantanata per colpa mia e che anche io sono contrario ai 2/3 :) siccome mi dispiace che sei rimasto deluso ti esprimo il mio modestissimo punto di vista su quello che è successo senza nessuna critica implicita, una analisi tecnica soggettiva. Tu hai fatto una meravigliosa premessa, "ragioniamoci, prendiamocela con calma ecc" e poi ne hai fatto coriandoli :) con la proposta più lacerante possibile :) il fifty fifty; non hai detto facciamo 65/35 o 60/40 o 55/45 ma hai proposto di cancellare il principio attuale quello che per cancellare ci vuole consenso e quindi (come viene interpretato attualmente) ci vuole la maggioranza. Probabilmente ai più è parso esagerato. Premetto intanto che su tante cose non è mai stato trovato il consenso, mai ribadisco, nonostante un decennio di discussioni (titoli in ns0, nomi del nui, revisione preventiva, redirect alle categorie ecc ecc - tutte cose adottate su altre wiki), quindi non è detto che si troverà mai, perchè cambiare certe cose significa fare rivoluzioni, e con tante teste è quasi impossibile; ciò premesso quando fu fatto il miracolo di passare dalla votazione ai due terzi, non mi ricordo dove altrimenti linkerei, qualcuno disse semplicemente "ragionamoci" e ci lavorarono per mesi. Quindi ribadisco il consiglio: o ci riuniamo noi contrari e facciamo braimstorming partendo dalla tua giustissima premessa, finchè non troviamo una soluzione da proporre dopo averne discusso a lungo e studiatone gli effetti della proposta e le attuali opinioni per il mantenimento dei due terzi oppure qualcuno deve fare questo lavoro da solo e poi si ragiona sulla bozza cercando di motivare perchè dovrebbe funzionare; dopo si propone. Come è stato fatto in passato. Una proposta costruita e ben motivata con esempi, non un semplice cambio di percentuali. Sui problemi con 100 variabili (enciclopedicità, apertura, chiusura, motivazione, diritto di voto, motivazione dell'apertura, chiusura, troll, utenze su commissione) ognuno ha una sua idea diversa variabile per variabile per questo non si riesce a decidere. Fifty fifty infine è contrario ai pilasti sa proprio di "democrazia della maggioranza" che noi dichiariamo di non essere da sempre. Ihmo, non passerà mai, questo detto indipendentemente dalle convinzioni personali sulla questione.--Pierpao.lo (listening) 11:19, 9 ago 2018 (CEST)
Pierpao grazie per il suggerimento, che colgo nella sua interezza. Ti dirò, dal mio punto di vista la proposta del 1/2 non è in alcun modo basata su ragionamenti Wikipediani, ma sulla semplice logica: se in fase consensuale non è emersa preponderanza di una o dell'altra parte, perché poi pretendere i 2/3? E' una questione - ormai non so più come dirla - logico matematica ancor prima che di pilastri. E' chiaro che non siamo una democrazia della maggioranza, tanto più che per me la votazione si può togliere a favore di un prolungamento della PDC, ad esempio. Ciò che dici in merito a proporre diverse ripartizioni mi trova d'accordo. Il fiftyfifty è qualcosa di forte, siamo riusciti a far entrare il consenso nelle PDC, ma la votazione ultima è come un elemento attrattore per la caotica mente umana: un paletto che non ci piace eliminare perché ci dà sicurezza. Il punto è che non si analizza il quadro. Non si considera che prima ci sono stati 14 giorni di consensuale... la cosa, se ci pensi, è quasi ironica. --.avgas 11:34, 9 ago 2018 (CEST)
A mio parere le considerazioni di .avgas sono più che valide, ma non potranno trovare il consenso perché non offrono alcunché alla controparte. Proprio per questo motivo qualche mese fa avevo proposto di passare sì dai 2/3 al 50%+1, ma anche di ridurre la validità del C7 a un tempo determinato (ad esempio 6 mesi o 1 anno) trascorso il quale occorreva ripassare obbligatoriamente in pdc. Fu anche avanzata una soluzione alternativa, suggerita da Hypergio, che prevedeva la creazione di uno spazio apposito (tipo Pagine da ripristinare) a cui sottoporre le bozze di voci già cancellate per valutare il consenso al ripristino (soluzione quest'ultima un pò più complicata perché poi occorrerebbe anche trovare il consenso su come debba funzionare un tale spazio). Insomma: qualcosa dovremo pur escogitare se vorremo trovare il consenso e, a mio parere, il C7 a oltranza è effettivamente un punto debole del sistema attuale al quale gli inclusionisti sono molto sensibili--3knolls (msg) 12:06, 9 ago 2018 (CEST)
Mi perdonerai 3knolls, ma questo modo di ragionare - che comprendo, sia ben chiaro - mi fa accaponare la pelle. Dobbiamo offrire qualcosa alla controparte? Chi sarebbe la controparte?
Esclusionisti ed inclusionisti esistono solo nei sistemi anarchici, per quanto mi riguarda perseguo l'obiettivo di rispettare, far rispettare ed eventualmente redimere regole per quanto possibile chiare e rispettose dei princìpi fondanti di Wikipedia. Stiamo discutendo della normalizzazione di un sistema e ci si dimentica dopo 2 minuti del contorno: ci sono limitati spazi di discussione? I 14 giorni di discussione (solo e autentico metodo per la formazione del consenso) precedenti la votazione non sono sufficienti? Vogliamo abolire o ridurre C7?
Qualsiasi di questi punti mi trovano più che disponibile, ma non qui. Il topic è diverso e sarebbe il caso di iniziare a coglierlo. --.avgas 12:33, 9 ago 2018 (CEST)
Che orrore, un do ut des, un mercimonio... non può e non deve esistere una controparte, qui bisogna solo trovare una quadra per il bene del progetto e nulla più. Si può pensare a molte altre cose per il bene del progetto da una rivisitazione del C7 (a tal proposito ho delle idee che tirerò fuori se e quando se ne parlerà) a un ampliamento del consenso. Ma qui si tratta solo di ammettere che dopo 14 giorni di discussione, se il consenso non si trova ce ne freghiamo di tutto e andiamo con una votazione che tutela cosa? Chi vuole giocare con le regole tirando la "broda" per le lunghe per andare in votazione e vincere facile. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 22:09, 9 ago 2018 (CEST)
Ecco, chiedo scusa se intervengo con tutta la mia ignoranza per quanto ogni giorno mi legga decine di pagine di questa meraviglia chiamata Wikipedia, la parte più tragica secondo me sono le biografie (non a caso quella che mi appassiona di più, quindi forse è un mio POV); per la mia esperienza personale non sono 14 giorni poiché a un certo punto tutto si congela, nessuno più interviene, anche per giorni in attesa della votazione. Immagino (immagino) che il dibattito sarebbe più sensato se ci fosse la votazione in cui i mantenere valgono quanto i cancellare. Corollario: se la PDC non viene annullata, trovo molto giusto che il risultato sia pubblicato in voce e non nella pagina di discussione. Per come è fatto quel template, poi, e ve lo dico da lettore prima che da contributore non si capisce che i voti per mantenere valgono doppio che quelli per cancellare; si dice con risultato 15 a 11, per dire, e non si dice che gli 15 erano i contrari alla cancellazione. --Tostapanecorrispondenze 23:54, 9 ago 2018 (CEST)
  • Torno in topic e mi dichiaro Symbol support vote.svg Favorevole alla proposta per cui i mantenere devono contare come i cancellare. La regola attuale astrattamente ha un suo fondamento, il problema è l'abitudine ormai consolidata di «giocare con le regole tirando la "broda" per le lunghe per andare in votazione e vincere facile» (cit.) E poi perché la regola attuale non vale anche in discussione? A questo punto dovremmo prevedere che valutando la consensuale l'amministratore di turno debba considerare le argomentazioni pro-mantenimento il doppio di quanto consideri quelle dei pro-cancellazione. --Carlomartini86(Dlin-Dlon) 10:12, 10 ago 2018 (CEST)
[@ Carlomartini86] Manno, dài, facciamo che manteniamo i 2/3 in votazione ma l'admin di turno valutando la consensuale considera le argomentazioni pro-cancellazione il doppio di quanto consideri quelle pro-mantenimento! ;) --Pop Op 13:22, 11 ago 2018 (CEST) Beh, io l'ho detta per scherzo, ma se devo essere sincero sarei d'accordo! --Pop Op 13:35, 11 ago 2018 (CEST)
[↓↑ fuori crono] Già oggi è così: è normale che qualsiasi admin umano (anch'io, se lo fossi) si faccia influenzare, sia pur inconsciamente, dalla regola dei 2/3 e sia quindi alquanto restio ad aprire la votazione (fermo restando il noto criterio): il frequente riferimento al "vincere facile" da parte di Hypergio (un admin che "ha il brutto vizio di dire sempre la verità" - copyright di Bud Spencer/Terence Hill in Lo chiamavano Trinità) non è certo casuale. Scommettiamo che, nel caso in cui dovesse passare il 50%+1, la percentuale di votazioni si impennerà (o viceversa calerà ai minimi termini qualora dai 2/3 si passasse addirittura ai 4/5, come è oggi per le nomine ad amministratori)? Detto questo, rispondo proprio a Hypergio: non credo proprio che proporre una riforma complessiva del sistema delle pdc sia un "orrore", un "mercimonio" o un "dõ ut des". In realtà a mio parere la percentuali di voci cancellate sul totale di voci proposte in pdc è già oggi sufficientemente equo, ciò che è iniquo è il criterio di selezione che è spesso aleatorio, dipendendo da una serie di variabili troppo fluttuanti, con risultati non di rado paradossali (una voce viene cancellata, un'altra pressoché identica o peggiore si salva). Pertanto personalmente mi dichiaro Symbol conditional support.svg Favorevole se si procede contestualmente a limare tutte le varie storture che minano la stabilità del sistema attuale (a cominciare dal C7 a oltranza). Symbol oppose vote.svg Contrario/a a un passaggio puro e semplice dai 2/3 al 50%+1--3knolls (msg) 15:31, 11 ago 2018 (CEST)
Sempre in questi termini di paragone, è più vicino ai 2/3 attualmente richiesti in votazione un consenso in sede consensuale forte o debole? Il debole, rapportabile a un 1/2 +1 (che sia a favore di pro o contro, è indifferente), è proprio quello che conduce alla chiamata ai voti. Paradossalmente però la proposta sarebbe di ammettere in votazione d'ora in poi il 1/2 +1, stavolta senza essere indifferenti verso chi pende leggermente la bilancia. Sbaglio?--Sakretsu (炸裂) 14:56, 11 ago 2018 (CEST)
Allora portiamo un caso reale, ossia questo: Wikipedia:Pagine da cancellare/DrefGold. Il 4 agosto la procedura consensuale della PDC è stata prorogata di 7 giorni Non riscontrandosi consenso. Dal 4 al 10 agosto c'è stato un solo ulteriore intervento favorevole al mantenimento della voce e nessuno contrario. Ora si legge, La procedura di cancellazione in modalità consensuale è terminata. [...] Ritenuto sussistente il consenso. Ma ahimè il consenso a favore della cancellazione era tutt'altro che sussistente. --Afnecors (msg) 15:05, 11 ago 2018 (CEST)


Bisognerebbe cercare di capire le ragioni che spingono gli inclusionivisti a essere tali. Io penso che l'inclusionivismo non faccia bene al progetto perché avere una voce su chiunque abbia scritto un libro o qualsiasi cosa sia in vendita sia in contrasto coi pilastri fondanti che prevedono la rilevanza nel proprio campo. Essere enciclopedici dovrebbe essere qualcosa da provare coi fatti a priori (con fonti autorevoli) e non con una votazione. Se una voce fosse scritta partendo da ciò che la rende rilevante, non ci sarebbe bisogno di nessuna PDC ma invece abbiamo molte voci che rimangono nonostante non se sia stata provata la rilevanza grazie alle votazioni. Se non si riesce a dimostrare la rilevanza, non può essere una maggioranza a deciderlo perché WP non è una democrazia. Il problema riguarda soprattutto biografie e voci promozionali che con la loro presenza gettano discreto sul progetto. In una PDC, chi vorrebbe che la voce fosse mantenuta dovrebbe dimostrarne la rilevanza e non il contrario. Se c'è un dubbio sulla enciclopedicità, si dovrebbero cercare delle fonti che ne attestino la rilevanza e non imporre la volontà della maggioranza (per giunta neanche tale per la regola dei 2/3). Se le fonti non si trovano, la voce è da cancellare.idraulico(msg) 15:15, 11 ago 2018 (CEST)

[↓↑ fuori crono] Senti [@ Idraulico liquido] la domanda è identica anche per il contrario, o no? Per di più cancellazionisti e inclusionisti sono due termini inadeguati, per la ristrettezza di vedute che comportano: per chi si occupa di PdC è importante la conoscenza del campo in cui ci si vuole ergere a giudici o quanto meno studiare bene la voce e il suo contenuto, solo così si fa un buon lavoro per l'enciclopedia, che sembra sempre stia a cuore solo a chi si esprime per la cancellazione. Spero di averti risposto in modo comprensibile...--Geoide (msg) 16:46, 12 ago 2018 (CEST)
Ho usato i due termini che, neanche a me piacciono, per semplicità ma capisco possano dare adito a fraintendimenti. Cerco di spiegarmi meglio. Non si tratta tanto di ergersi a giudici per decretare la cancellazione di una voce. Scrivere una voce e chiedere che venga cancellata non sono la stessa cosa. Chiunque può scrivere una voce (appassionato di wp, fan dell'oggetto della voce, incaricato su commissione, e altro) e, indipendentemente da chi la scrive, anche una voce scritta male può cmq essere enciclopedica. Quando però manca l'evidenza della rilevanza enciclopedica - anche volendo sorvolare sulle fonti che si potrebbero trovare in un secondo momento - capita spesso di trovarsi di fronte a voci promozionali (biografie agiografiche o voci su aziende soprattutto) che arrecano nocumento al progetto perché ne mettono in dubbio l'autorevolezza. Credo che gli "inclusionivisti" in buona fede pensino che, nel dubbio, sia meglio mantenere una voce (anche senza fonti) mentre i "cancellazionisti" vogliano soprattutto salvaguardare il progetto nella sua interezza e che la presenza di voci promozionali possa gettare discredito sul progetto. 22:10, 12 ago 2018 (CEST)
dopo anni a dicuterne con gente con dottorato e a volte attiva nella ricerca, sono scettico come detto molte volte che queste cancellazioni abbiano un vero impatto sulla percezione del progetto. Queste voci non le guarda quasi nessuno, e se le sono visitate sono le classiche voci "pop" dove la cancellazione se comunica qualcosa è un certo senso di strafare. Nessun dei miei amici alle volte al top dei loro campi, dalla chimica alla biologia, dalla matematica all'astronomia, dalle lettere classiche all'ingegneria, ha mai pensato che itwiki sia più seria perché non c'ha una voce su Aranzulla, pensano semmai che sia poco seria a perdere tempo a discutere se ha senso cancellare una voce su Aranzulla invece di metterci una vviso come migliaia di altre voci se è scritta male. Una volta scrissi a Salvatore Settis su una PdC di un'archeologa calabrese il quale non credo comprese il senso della cancellazione di quella voce (neanche io lo capivo). A me sembra di vivere in due realtà parallele, alle volte.--Alexmar983 (msg) 22:59, 12 ago 2018 (CEST)
Se ritieni che sia una perdita di tempo discutere su voci non enciclopediche perché anche se rimanessero questo non getterebbe discredito sul progetto, nessuno ti obbliga a occupartene. Puoi continuare a occuparti di quello che ti interessa e lasciare agli altri questa incombenza. idraulico(msg) 23:43, 12 ago 2018 (CEST)
Beh difatti non me ne occupo quasi più (ma ho spiegato perché sono qui, comunque)
Interessante che di fronte un'osservazione basata sull'esperienza e citando in ballo pure una persona reale (quindi il più possibile falsificabile, nei limiti del mezzo) non si oppongano delle osservazioni altrettanto "vissute" ma si cambi quasi argomento.
Tante vole a me mettevano i cn, se io una volta tanto facessi così Utente:Idraulico liquido e scrivessi (a te e agli altri) che la presenza di voci promozionali possa gettare discredito sul lavoro nella sua interEzza[senza fonte] che si fa?
Frasi come quella sono socialmente ben viste, lo comprendo, e la dimensione sociale qua conta tanto. Tu stesso mi hai dato un consiglio sul "ruolo sociale", sei tornato il prima possibile in quella dimensione. Lo so che non piace a nessuno mettersi contro un assunto rispettato dalla maggioranza delle utenze attive nelle discussioni (e qua sto quasi da solo), ma il punto è che quell'assunto fuori di qui vale come altri.
Certo si può ignorare ma non se si parla di qualità, che è stabilita inevitabilmente da parti terze, là nel mondo reale, in qualche modo. I terzi nella tua esperienza che dicono? Mai trovato nulla in rassegna stampa che confermi quell'assunto.
Anzi, itwikipedia dopo anni di "PdC muscolari" già adesso sembra meno attendibile della più inclusiva enwiki pure in ambiti in cui non lo è (!)[senza fonte], e non è un grande risultato. Sai che sto provando a impostare un articolo accedemico con ricercatori universitari su aree di qualità eccellente di itwiki per correggerre questa stortura di percezione?Ti giuro, più faccio ricerca seria più non trovo prova terza che le nostre PdC abbiano contributo su quel fronte.[senza fonte]
In ogni caso non sono sicuro che l'ultima frase che hai detto suoni "invitante" a chi avrebbe voluto raccontarti il suo diverso punto di vista, ma potrei sbagliarmi.--Alexmar983 (msg) 00:46, 13 ago 2018 (CEST)
Mi spiego meglio. Ti chiedevo proprio perché, se ritieni che non interessi a nessuno che su wp ci siano o meno voci non enciclopediche perché tanto non le va a cercare nessuno, ti sta tanto a cuore questo argomento tanto da citare tuoi amici ricercatori. Anche per te e per quello che scrivi dovrebbe valere lo stesso discorso sulle fonti o ritieni che basti dire che li conosci personalmente? idraulico(msg) 07:47, 13 ago 2018 (CEST)
Utente:Idraulico liquido se cambi una parola nel tuo intervento che riprendo nel mio almeno fallo notare, altrimenti mi spieghi cosa capisce chi legge "lavoro nella sua interEzza" adesso? (nota per chi legge: ho ripreso una sua parola con una piccola correzione orotgrafica). Inizio un po' a perdermi nelle tue domande, spero che questo ti risponda:
1) non mi sta a cuore PdC più di altri temo (come mostra(va)no i miei contributi crosswiki), solo che quando ricevi mail irritate mi sta a cuore mettere in guardia sugi effetti di straniamento, quindi l'osservazione che ti ho fatto sul fatto che la tua assunzione di fondo non è molto comprovata non porta con sè alcuna "emotività" specifica.
2) il "tanto da" non lo afferro, ho citato cosa sapevo contrastasse quell'assunzione sulla qualità, sarebbe come dire che se qualcuno corregge un punto automaticamente per definizione gli sta a cuore. Ho detto che mi fa emotivamente effetto lo strnaiamento ma non la percezione della qualità, qui non c'è cuore ma cervello. A me interessa la qualità, non la PdC in sè, quindi per me è normale essendo in PDC per i contenuti e non per un gioco auotreferenziale, chiedere a chi ne sa di più. A questo poi si aggiunge il fatto che gli echi di certe cancellazioni arrivino e alla domanda su una delle tante cancellazioni tirata per i capelli per "la (percezione della) qualità" del progetto non posso sostenere un metodo che non mi sembra abbia effetto sulla qualità finale, o sia fra i migliori in tale senso.
3) Non capisco nemmeno dove avrei comparato le fonti sul conoscere personalmente qualcuno per cosa. Sempre guardato le fonti.
Mi permetto comunque di fare un attimo il punto: ci sono indizi che la tua assunzione sulla percezione della qualità non è provata, o è quanto meno incompleta. Se indagare a fondo su chi lo fa notare è il modo con cui hai bisogno per processare questo fatto, sono preplesso ma procedi pure. Lascio il "senza fonte"?--Alexmar983 (msg) 15:36, 13 ago 2018 (CEST)
Ho semplicemente corretto un refuso che mi hai fatto notare. Attaccarsi a queste sciocchezze mi sembra solo un escamotage per mandare in vacca la discussione. I problemi con le voci da cancellare invece meriterebbero maggior attenzione. idraulico(msg) 17:35, 13 ago 2018 (CEST)
Utente:Idraulico liquido questo non è vero, non ho altro da chiedere che tagliare i sottotesti personali e proprio epr non mandarla in vacca nei fatti richiedere: devo togliere quel cn? Cosa hai da dire su quell'osservazione?--Alexmar983 (msg) 17:43, 13 ago 2018 (CEST)
Non ho altro da dire che appunto ti stai attaccando a pretesti per mandare in vacca la discussione come è già successo altre volte. Il Cn dovresti metterlo alle tue affermazioni basate su fantomatici amici ricercatori. idraulico(msg) 17:52, 13 ago 2018 (CEST)
[@ Alexmar983] [@ Idraulico liquido] per favore, non proseguite oltre. Se volete chiarirvi fatelo nelle vostre talk o in privato, visto che qui siamo già arrivati a mettere [senza fonte] su interventi altrui e al limite dell'attacco personale e direi che non è il caso di continuare con l'escalation.--Eustace Bagge (msg) 18:26, 13 ago 2018 (CEST)
A dimostrazione che bastano poche utenze contrarie alle proposte fatte, per scatenare un putiferio vero e proprio: esattamente come in PdC, e scusatemi se è poco. Fare degli esempi non è possibile? non dimostra che ognuno di noi ha a cuore il progetto wikipedia? e allora perché si continua in questo atteggiamento da guelfi e ghibellini? Già è stato detto che si stanno rasentando gli attacchi personali, ma mi pare che ci sia un piccolo sbilanciamento fra le utenze qui convenute: sarebbe utile leggere le proposte o il sentire degli altri, anziché rimanere su posizioni ormai arcinote ai frequentatori delle PdC, e con questo ho chiuso. Grazie, un po' più di apertura anche alle altrui esperienze non guasterebbe. --Geoide (msg) 19:53, 13 ago 2018 (CEST)
Ho annullato un messaggio di Alexmar983 per me totalmente incomprensibile (diff). Si era detto che ogni suo futuro messaggio incomprensibile si sarebbe potuto rollbackare. --Rotpunkt (msg) 23:42, 11 ago 2018 (CEST)
Sebbene abbia detto di pingarmi o usare il tasto annulla quando lo fai Rotpunkt, non lo fai. Comuqnue non lo riscrivo. Continuate pure e scusate il disturbo. per chi vuole discutere meglio in dettaglio finira questa situazione una volta stretto ancora di più in questa direzione, come sempre (e come prima) disponibile in privato. --Alexmar983 (msg) 00:12, 12 ago 2018 (CEST)
Sinceramente non vedo nessun motivo per censurare quegli interventi di Alexmar, dove si era detto? Non li ripristino ora perchè sono stanco e ho paura di sbagliare. Purtroppo domani non sono sicuro di avere tempo, ma la mia opinione è che andrebbero ripristinati, se qualcuno può farlo, personalmente lo ringrazio. --Pop Op 01:12, 12 ago 2018 (CEST)
@Popop Cioè per te era chiaro cosa c'era scritto in quei messaggi? Avrai doti di comprensione che io non ho. Sentiamo comunque se era chiaro anche per gli altri utenti. Sul rollback si era detto qui e qui. --Rotpunkt (msg) 01:23, 12 ago 2018 (CEST)
Utente:Popop leggere o non leggere gli interventi non fa differenza oramai, al di là di cosa c'è scritto o come. Il grosso della discussione per la proposta dei prossimi mesi si è spostato in Discussioni utente:Equoreo/Sandbox PdC con la speranza che insieme possiamo risolvere il problema una volta per tutte (cit.).
Per il resto, intervengo perché ricevo mail frustrate. Provo a fare il portavoce di chi subisce un sistema abbastanza incapace di riflettere criticamente su se stesso, e ne farei a meno, a dirla tutta. Quando in tanti però pensano che certi problemi non ha senso discuterne perché non varranno mai come quelli proposti da altri, che non saranno mai al centro del discorso, mi sento solo moralmente obbligato a far capire che è rischioso insistere con una certa narrazione, e che il morale è così basso che difficilmente la qualità dei contenuti ne gioverà.
In itwikipedia fra chi guarda alla gestione contenuti (da tenere o mantenere con un continuum sensibilità diverse) e chi alle PdC e altri meccanismi "sociali", i secondi sono predominanti nelle discussioni. Ergo non sarà introdotto, almeno facilmente o dall'interno, nulla di ciò che aiuta i contenuti (norme serie sull'avviso ai progetti, norme sull'uso delle sandbox, la gestione del lavoro sporco pregresso...). Sarà invece introdotta prima o poi un'altra "struttura" per le PdC in cui lo straniamento presente grossomodo rimarrà, magari incanalato solo un po' diversamente.--Alexmar983 (msg) 06:20, 12 ago 2018 (CEST)
Forse non è importante, ma sono d'accordo con Popop: i messaggi sono chiari, magari se non li si legge sino in fondo... --Geoide (msg) 15:00, 12 ago 2018 (CEST)
@Geoide Non solo non ho capito un'acca dei due messaggi che ho annullato (diff), ma neppure del messaggio che ha riscritto qui sopra il tuo. Riassumimelo per favore, in particolare la parte da "Ergo non sarà introdotto" in avanti, per me del tutto arabo. --Rotpunkt (msg) 15:07, 12 ago 2018 (CEST)

[ Rientro] ... chi guarda alle PdC (tecnicismi) ... predomina su chi guarda ai contenuti (gli utenti come me, per es.) e finiremo (come sempre, mia annotazione...) con l'avere modifiche alle PdC, che non serviranno a modificare il senso di malessere (straniamento) che circola costantemente e, aggiungo io, totalmente inascoltato, ahimè... Magari Alexmar983 mi dirà che non ho capito nulla :) --Geoide (msg) 15:35, 12 ago 2018 (CEST)

A parte che esporre il proprio pensiero è diverso dal far passare una personale percezione di Wikipedia come se corrispondesse a realtà (per giunta classificando gli utenti a proprio piacimento), il senso dell'intervento è sottindere che si dovrebbe pensare a una struttura per le PdC differente o che ci si dovrebbe concentrare su altri fronti legati ai contenuti e non ai tecnicismi?--Sakretsu (炸裂) 18:38, 12 ago 2018 (CEST)
炸裂 a realtà è spietata con chi se ne appropria impunemente, posso solo assicurarti che sono conscio del tema, non apro bocca su cosa mi gira.
Per il resto non è che sia molto da sottointedere, è negli interventi nei mesi scorsi sul tema e in altre discussioni negli anni passate cosa serve anche per i contenuti, ma se inizio qui un elenco la frase si fa pesante e (vedi sopra) si dice che non si capisce.
Poi, "Cancellazionista" è una cosa, quello che vedo è soprattutto "PdCista" come tendenza, se vuoi dare un altro nome non ho problema, ma conta il concetto. Non è il mio piacimento far notare che cosa aiuta a cancellare di più in termini di contenuto e qualità non c'entra alla fine molto su cosa fa chiudere più PdC con la cancellazione, è abbastanza superficiale come associazione. Può capitare uno scivolamento di significato col passare degli anni, ma d'ora in avanti forse chi pensa che sono la stessa cosa dovrebbe riflettere in merito, perché gli effetti a catena di questa confusione di significato si iniziano a sentire e si tende troppo a pensare che l'effetto dei suddetti, la loro esistenza, sia sempre a causa di "altri".
Continuo a sospettare che non è stato propriamente compreso (e la mossa di spostarsi in sanbox utente parlando di paludi da evitare o giù di lì ne è un sintomo) cosa è successo finora con queste proposte abbastanza martellanti. Quindi non mi aspetterei troppo sul lungo periodo da quella bozza, una volta completata. Sarà anche approvata, ma non cambierà molto in termini di clima generale e sulla qualità.--Alexmar983 (msg) 19:52, 12 ago 2018 (CEST)
Sarai anche ben conscio del tema, ma qui nessuno è più qualificato degli altri, né per fare il portavoce né per tentare di illuminare chi non ha davvero capito cosa sia successo finora (assunzione giusto un pizzico irrispettosa nei confronti dell'intelletto altrui). Tra le tue considerazioni personali su concetti pericolosamente astratti e soggettivi - alcuni dei quali off-topic - mi aspetterei che tu proponessi opzioni concrete alternative a quelle attuali & in fase di progettazione che dichiari di ritenere insufficienti per risolvere il vero problema, cioè quello da te introdotto. Tuttavia, dato che il tuo discorso verte su quali errori commettono gli altri utenti (associazioni sbagliate, scivolamenti di significato, incapacità di comprensione), voglio sperare che il malcontento di cui parli e di cui ti fai rappresentante non sia dovuto al fastidio che il consenso si delinei anche in base all'opinione di chi la pensa diversamente.--Sakretsu (炸裂) 23:49, 12 ago 2018 (CEST)
Il discorso verte su un tema che nessun altro propone, se qualcuno dicesse cose simili, ne direi altre. Non è la logica a cui sei abituato, lo comprendo, ma non è quello che ci vedi. Non vedo cosa ci sia di irrispettoso, penso che quando qualcuno leggerà accenni a "paludi ostruzionsitiche" in talk utente in quei termini lo troverà altrettanto irrispettoso (anzi lo ha già trovato), ma come vedi questi "pizzichi" cambiano poco, passerei oltre.
La discussione effettiva è già stata spostata da un'altra parte, in quella sandbox, quindi parlare qui adesso non può certo impedirla perché per scelta di altri alla fine non è più qui. Non a caso qua già da prima dei miei ultimi interventi si parlava di capire le opinioni della controparte in senso largo, che è già un offtopic quanto lo è la risposta a quella domanda.
Il problema "sociale" di mancanza di fiducia e la ricerca di strumenti poco ancorati al flusso di lavoro sui contenuti non mi pare si risolva. Temo che in tanti con queste regole o con altre si aspettino comunque che si vada in una certa direzione. Esempio: negli ultimi mesi nessuno ha cambiato la linea guida sul quando si fa partire la votazione, eppure oggi si cancellano in mancanza di consenso in modo secco voci per cui due anni fa nessuno avrebbe negato il voto. La forma si fa sempre più interpretata diciamo, col passare del tempo, in una certa direzione, e quindi paradossalmente perde di interesse. Alla fine il 2/3 ha la particolarità di essere fra i pochi punti delle pdC non "interpretabili". Il nuovo sistema spingerà probabilmente molto sulla "interpretabilità".
Purtroppo arrovelarsi su una regola sparandoci a ripetizione tutte queste energie ha saturato la discussione nel complesso. La "palude" che qualcuno vede non è un accidente di percorso dovuto agli "altri", non è una loro mossa tattica, è la conseguenza passiva di questi fattori. Pensare che ritirarsi in una sandbox possa produrre un modello su cui colmare una frattura di questo tipo, è ottimista e farlo presente non è "fastidio che il consenso si delinei anche in base all'opinione di chi la pensa diversamente". Ci si poteva infastidire quando mesi fa le si sparava tutte e insisteva contro una regoletta di impatto marginale, oramai qui siamo su due piani diversi.
Per le proposte "concrete", come ho detto, puoi scorrere gli archivi. Te ne posso scrivere sette o otto, ma poi è un intervento lungo, tutto qua. Devi però capire che in una comunità in cui il centro della discussione per un anno è stato fatto così, la percezione è oramai sballata su cosa abbia senso discutere, tutto qua. Il morale è basso. Ciao e buona notte. Non ho molto altro da dire.--Alexmar983 (msg) 02:03, 13 ago 2018 (CEST)
Il fatto che oggi si cancellano in mancanza di consenso in modo secco voci per cui due anni fa nessuno avrebbe negato il voto è al contrario di quello che pensi, dovuto un'accresciuta presa di responsabilità degli admin che hanno smesso di contare i pallini e si leggono tutta la storia della PdC pesando tutti gli interventi. Peso che spesso è maggiore per i cancellare perché basta dire "non c'è niente a supporto dell'enciclopedicità" per avere un commento sensato, mentre i "mantenere" dove più facilmente possono annidarsi i PoV, devono dimostrare con le prove la veridicità delle affermazioni. Non sempre è così, a volte anche i cancellare devono fornire delle prove (mi vengono a mente i pochi riscontri su OPAC-SBN per uno scrittore, o i concerti nei pub per un musicista) ma in generale il lavoro di investigazione dei "mantenere" è più complesso ma anche a rischio PoV. È per questo che sono state cancellate voci senza consenso "apparentemente" secco, il consenso non è qualcosa dove tutti concordano come nelle mozioni al congresso del PCUS. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 06:54, 13 ago 2018 (CEST)

[ Rientro] Ciò che appare a molti, molti più di quanto crediate, è proprio un accanimento immotivato su poche PdC, che peraltro vanno in cancellazione troppo spesso perché le motivazioni per la cancellazione espresse dagli admin, guarda caso, valgono sempre doppio rispetto a un utente normale e per favore, [@ Hypergio], evita di dire che non è così, tanto non ti linko nessun esempio:). Non voglio sentir dire che non è un fatto personale, perché non lo è, ma è a tutti gli effetti un andazzo fastidiosissimo, come il ripetere a scadenze ravvicinate discussioni trite e ritrite, come se non ci fosse un domani, facendomi passare per un indolente se non partecipo e una che non capisce che è ora di cambiare, se invece intervengo.--Geoide (msg) 12:37, 13 ago 2018

Senza esempi concreti sono tesi difficili da sostenere così come è difficile poter controbattere. Quindi esprimo tutto il mio disaccordo su quanto espresso da Geoide non evitando proprio nulla. Soprattutto perché io trovo fastidiosissimo l'uso dell'imperativo.--НУРшЯGIO(attenti all'alce) 14:46, 13 ago 2018 (CEST)
(fc) Capisco che se non ci fosse un ":)" parrebbe un imperativo, ma c'è e questo mi sembra sufficiente per capire che la mia frase è stata una cosa molto simile al "do you remember?"...evidentemente non è così, pazienza. --Geoide (msg) 15:01, 13 ago 2018 (CEST)
Editando col telefonino c'è il rischio ddi perdere dettagli come questo. Sorry. :-( La faccina ce l'ho messa pure io e, aggiungo, visto lo stato confusionale in cui verso dalla nascita (sono di quelli che cerca gli occhiali per mezzora per poi realizzare che sono sul naso...) non ricordo. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 15:08, 13 ago 2018 (CEST)
L'andazzo complottista che sta prendendo questa discussione non ha molto senso, secondo me. Gli amministratori sono utenti esperti, forse è per quello che di solito la loro opinione è presa in considerazione (a parte quella di Jaqen, ovviamente) e sicuramente lo è di più rispetto a IP anonimi o utenti attivi unicamente nella PdC che probabilmente sono stati chiamati in causa da una CAMPAGNA. Detto ciò, il voto è dannoso e non dovrebbe essere da nessun utente visto come metodo ideale di decisione. --Ruthven (msg) 12:58, 13 ago 2018 (CEST)
La questione dei 2/3 è stata discussa in modo già molto approfondito e argomentato nei mesi scorsi, quindi temo che difficilmente possano venire fuori delle nuove argomentazioni pro o contro. L'argomentazione principale a favore dei 2/3 è che lo sbilanciamento a favore del mantenimento delle voci nella votazione serva a riequilibrare degli altri fattori nella gestione delle pagine da cancellare che sono invece sbilanciati verso la cancellazione (il fatto che la procedura si concluda automaticamente dopo 7 giorni con la cancellazione della voce se nessuno interviene, il fatto che il C7 sia definitivo mentre una voce può essere riproposta per la cancellazione ogni tre mesi). Non sono contrario a priori a modificare la soglia necessaria alla cancellazione nelle votazioni, ma secondo me se viene toccata quella è necessario riequilibrare in qualche modo il sistema nel suo complesso e non limitarsi ad abbassare la soglia; credo che questa sia una dinamica normale nella ricerca di un consenso e non un "mercimonio" o un "do ut des" come è stato definito sopra. Quanto agli "utenti che allungano la broda" per arrivare a votazione, per quello che frequento io le PDC (abbastanza poco, lo ammetto) non ho l'impressione che sia un atteggiamento diffuso e in ogni caso il sistema attuale prevede già di non considerare le motivazioni inconsistenti, quindi non vedo necessità di ulteriori misure per scoraggiare questa pratica.--Eustace Bagge (msg) 14:27, 13 ago 2018 (CEST)
Forse allora dovresti frequentarle di più! E infatti il problema è che molto spesso si tratta di motivazioni non platealmente inesistenti, ma semplicemente fumose. In una consensuale in cui ci sono alcuni commenti pro-cancellazione ben strutturati e 3-4-5 utenti (e ci sono e sono sempre quelli) che scrivono
Symbol kept vote.svg Mantenere La voce necessita ancora di molto lavoro, ma complessivamente emerge una certa rilevanza nel suo campo
nella maggior parte dei casi l'amministratore dispone la votazione. E da lì è fatta. Se però facciamo il gioco al contrario e apriamo una pdc motivando
Non emerge rilevanza nel suo campo
la procedura viene annullata entro 12 ore, e dopo 2-3 volte l'utente finisce tra i problematici. Sei sicuro che ci sia tutto questo sbilanciamento?--Carlomartini86(Dlin-Dlon) 14:40, 13 ago 2018 (CEST)
Parto dalla fine: non trovo che nel complesso il sistema attuale sia sbilanciato, secondo me lo diventerebbe se si abbassasse la soglia nelle votazioni perché si tratta dei casi più dubbi e quindi, considerando che un eventuale C7 sarebbe definitivo mentre eventualmente la cancellazione può essere riproposta, ha senso essere conservativi. Sul resto, un'apertura di quel tipo è tautologica e quindi è giusto annullarla, come del resto il commento a favore che porti ad esempio è anch'esso tautologico e quindi con scarso peso nella valutazione. Ma direi che entrambi gli atteggiamenti, se ripetuti nel tempo, siano scoraggiati, anche con blocchi se serve.--Eustace Bagge (msg) 16:18, 13 ago 2018 (CEST)
Concordo per grande parte con Eustace Bagge, e per non essere "tautologico", cercherò di argomentare brevemente. L'assenza di commenti nelle procedure semplificate che vanno deserte non significano disinteresse ma sono un evidente segnale di silenzio/assenso con le motivazioni di apertura pdc. Ad occhio, direi che circa 2/3 di tutte le pdc si concludono con la cancellazione "semplificata" nel suo iter più veloce. Circa le procedure consensuali, apprezzo il fatto che si cerchi di concluderle evitando una votazione, grazie all'attenzione e all'esperienza degli admin, in cerca di una sintesi (sperando anche in una loro seria ricerca di "terzietà" nella procedura specifica, non certo nel loro schierarsi in altre procedure). Inoltre la presenza di alcune condizioni per l'apertura della consensuale previene dal pericolo di utenze monoscopo o "su commissione". Personalmente cerco sempre di ben motivare le mie argomentazioni possibilmente anche con l'uso di fonti a supporto e interventi a volte considerati anche "lunghi" a mio parere con una certa "sufficienza" (a mio avviso non sono così tante 5/10 righe, spesso necessarie per una adeguata argomentazione non tautologica o superficiale). Recentemente ho anche contestato la eccessiva fretta e superficialità di molte pdc, avviate senza alcuna ricerca e attenzione preventiva sullo specifico argomento, segnalandole anche con una certa "durezza" sia nella pdd dell'utente sia nelle stesse pdc (copiaincollaggio delle motivazioni, evidente assenza di competenze o conoscenza sull'argomento delle pdc, uso superficiale e "pedestre" dei criteri oltre il limite dell'eccesso di zelo). Mi viene in mente il recente "fortunoso" salvataggio di Reichswehreid, proposta e già avviata verso una cancellazione immediata. Questo motivato e proceduralmente giusto sbilanciamento verso la cancellazione delle voci deve venire in qualche modo mitigato dall'extrema ratio della votazione, per quanto possibile da evitarsi, ma che se avviata, già di per sè indica un forte presenza di motivazioni articolate e motivate per entrambe le soluzioni, impossibile da dirimere e, a seconda delle diverse sensibilità, ma non senza ragioni paritetiche/antitetiche, può pendere da una parte o dall'altra. Quindi che vi sia in questo caso un "palla contesa palla alla difesa" mi sembra un giusto strumento di autocontrollo. Se il "busillis" è quale sia la percentuale di questo "vantaggio" (1:2, 2:3, 1:1+1), mentre il doppio o la parità mi sembrano eccessivi in senso garantista o cancellatorio, un valore fra 2:3 o meglio ancora a mio avviso un più bilanciato e comunque meno garantista 3:4 o 4:5+1 (es: 9 mant 12 canc si mantiene, 9 mant 13 canc si cancella oppure 8 a 10 mantenere, 8 a 11 cancellare) mi sembra opportuno. Ciao --Aleacido (4@fc) 17:10, 13 ago 2018 (CEST)
Personalmente anche a me non mi pare troppo sbilanciata, Ma se proprio si volesse cambiare qualcosa si potrebbe tenere il C7 per 3 mesi e per le eventuali cancellazioni successive abbassare al 50/50 per le eventuali votazioni --ValterVB (msg) 17:29, 13 ago 2018 (CEST)
Come ho già detto il C7 mi sembra equilibrato e un progetto (o cos'altro) che valuti i reinserimenti, aperto a tutti, è qualcosa di più equilibrato, più tendente alla ricerca del consenso. Il C7 a scadenza come lo yogurt non spalanca ma comunque apre le porte ai trolloni che ciclicamente potranno ripresentare certe voci senza che nessuno possa proferire parola. A meno che, i primi tre mesi lo si chiama C7 e poi da tre mesi e un giorno lo si chiama C4. Il progetto reinserimento pagine, invece, argina i trolloni e garantisce il reinserimento delle pagine serie. --НУРшЯGIO(attenti all'alce) 19:06, 13 ago 2018 (CEST)
Hypergio sopra scrive che è piú facile scrivere motivazioni valide per la cancellazione che non per il mantenimento. Può essere, anche perché spesso basterebbe constatare che la voce non contiene uno straccio di fonti, però poi leggo l'esempio portato da qualcuno e noto almeno un argomento per la cancellazione che sembra ribaltare la realtà (non contano le fonti ma solo la rispondenza a <mia personale soglia X>), piú una serie di commenti che non commentano la voce ma si limitato a proclamare contrapposti criteri necessari o sufficienti che non esistono ma si vorrebbe affermati, piú una spruzzatina di processo alle intenzioni, col risultato che di 13 intervenuti totali considererei 1 commento valido da una parte e forse mezzo dall'altra. --Nemo 20:47, 13 ago 2018 (CEST)