Discussione:Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crystal Clear app ksirtet.png Questa voce rientra tra gli argomenti trattati dai progetti tematici sottoindicati.
Puoi consultare le discussioni in corso, aprirne una nuova o segnalarne una avviata qui.
Erioll world.svg Geografia
USA Flag Map.svg Stati Uniti d'America
Monitoraggio fatto.svg La voce è stata monitorata per definirne lo stato e aiutarne lo sviluppo.
Ha ottenuto una valutazione di livello buono (novembre 2009).
B Lievi problemi relativi all'accuratezza dei contenuti. Informazioni esaustive nella gran parte dei casi, ma alcuni aspetti non sono del tutto approfonditi o altri non sono direttamente attinenti. Il tema non è stabile e potrebbe in breve necessitare di aggiornamenti. (che significa?)
B Lievi problemi di scrittura. Qualche inciampo nello stile. Linguaggio non sempre scorrevole. Strutturazione in paragrafi adeguata, ma ancora migliorabile sotto alcuni aspetti. (che significa?)
A I contenuti della voce sono interamente verificabili tramite fonti autorevoli e attendibili. Il tema è stabile e non dovrebbe necessitare di aggiornamenti futuri. (che significa?)
A La voce è corredata da un adeguato numero di immagini e altri supporti grafici, in tema con il contenuto della voce, oppure non ne necessita alcuno. (che significa?)
Note: Voce abbastanza ben fatta e completa
Monitoraggio effettuato nel novembre 2009
Crystal Clear action bookmark silver and gold-crossed.svg Stati Uniti d'America non ha superato le valutazioni per essere giudicata una voce in vetrina o di qualità.
Consulta le varie procedure di valutazione per eventuali pareri e suggerimenti.
Crystal Clear action bookmark-crossed.svg la voce è stata sottoposta a una valutazione di qualità, che non ha superato. Vedi votazione
Crystal Clear action bookmark Silver-crossed.svg la voce è stata proposta come voce di qualità, senza successo. Vedi discussione

-[modifica wikitesto]

Sezione economia-agricoltura: Le aree per l'allevamento comprendono il Texas e le catene montuose Occidentali dove vi è grande disponibilità di praterie per il pascolo. "Queste carni sono più adatte alla macellazione." cosa c'entra?

"Il sistema politico statunitense assegna il potere a chi ha ricevuto più voti" Sarebbe più corretto dire: il sistema elettorale --82.50.110.68 19:49, 6 feb 2007 (CET)

Segnalo pagina da reimpaginare: testo sovrapposto alle immagini - Twice25 16:06, Mar 19, 2004 (UTC)

Ciao! Potresti specificare quale immagine vedi sovrapporsi a quale testo? Perché io vedo tutto ok!
Grazie! Ciao,

Frieda 17:04, Mar 19, 2004 (UTC)

In effetti l'immagine l'ho messa a posto io (era la cartina degli Stati che si sovrapponeva alla tabella). Ciao, Gianluigi 17:22, Mar 19, 2004 (UTC)

Mah, allora vedo doppio (mi accade sovente, negli ultimi tempi ... scherzi dell'età ... hihihi). In effetti col mio browser IE su Windows 2000 e in preferenza standard, testo e immagini fanno a ... testate. Nonostante l'intervento di Gianluigi continuo a vedere i nomi degli stati confederati sovrapposti a parte della tabella di destra. :) Twice25 17:47, Mar 19, 2004 (UTC)
Anche io vedo doppio: nomi di stati sovrapposti alla parte finale della tabella, con Mozilla 1.2.1 su linux valhalla 08:00, Mar 23, 2004 (UTC)

Ho prontamente installato sia Mozilla sia Firefox (ultime versioni) e ho notato lo stesso problema su entrambi i browser; a quel punto mi son detto: se l'articolo in italiano è così scarno, perché non ingrossarlo un pò, aggirando in questo modo il problema della sovrapposizione? Spero che ora si possa vedere bene con qualsiasi browser (con Firefox va bene). Attendo notizie, Gianluigi 10:49, Mar 23, 2004 (UTC)

redirect[modifica wikitesto]

Perché c'è un redirect da America? Danilo 24-7-4

Cosa intendi? La voce America punta Americhe.Renato Caniatti 07:49, Lug 28, 2004 (UTC)

Chiedo scusa: ho corretto io il redirect anche perché la maggior parte delle pagine che linkano America, lo fanno intendendo il continente. Ne approfitto per chiudere la discussione. Sbisolo 10:57, Lug 28, 2004 (UTC)

Contraddizioni[modifica wikitesto]

Sposto qui l'intervento di un anonimo inserito nell'articolo. --Snowdog 09:54, Mar 16, 2005 (UTC)

Non so bene come funziona questo wiki, e quindi mi scuso per il commento proprio qua - sicuramente ci pensate a toglierlo e spostarlo in un posto migliore.

Di tutti i vari problemi, pregi difetti e politiche degli stati uniti, tirarne fuori due da mettere sulla prima pagina qua mi sembra andare contro lo scopo di questo wiki - ovvero, essere obiettivi. Sarebbe opportuno forse creare altre pagine per parlare della politica, oppure la storia del razzismo e schiavitu`. Buttare questi due argomenti qua sarebbe come trovare "Mafia" trattato come uno dei primi argomenti qua: http://en.wikipedia.org/wiki/Italy (non appare nemmeno in realta`).

Quest' americano Vi ringrazia a tutti. Alcuni mesi fa, avevo visto "Contraddizioni", e ho dovuto fare uno sforzo per trattenerme. Abbiamo tutti i nostri difetti, Dio lo sa. Bill Lug 9, 2005 20:32 (CEST)

Aggiornamento dati popolazione[modifica wikitesto]

Nel sito del governo statunitense relativo al censimento del 2004 ho trovato i dati relativi agli abitanti, sia della nazione che dei singoli stati.
Ho pensato di aggiornare le pagine di wikipedia con questi dati.

Ho cambiato i dati populazione seguirando CIA Factbook https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/us.html#People

Poi mi sono posto il problema del copyrigth, sarebbe assurdo modificare 50 pagine e poi scoprire di non poterlo fare, ho cercato nel sito e mi sembra che non ci siano problemi. Però visto il non mio ottimo inglese, chiedo se qualcuno può dare un'occhiata prima di iniziare, secondo me i dati vanno bene per quello che c'è scritto in questo link [[1]]. --NicFer 09:45, Mar 24, 2005 (UTC)

Copyright governo USA[modifica wikitesto]

Il governo statiunitense non puo` avere il copyright sul materiale che produce. E` quindi di pubblico dominio.

Modifiche a pagina bloccata[modifica wikitesto]

Chiedo scusa, mi sono accorta solo ora che la pagina è bloccata. Ho cambiato solo un link da Rio Grande a Rio Grande (fiume - Stati Uniti). --Civvì 20:40, Giu 1, 2005 (CEST)

Blocco pagina[modifica wikitesto]

Sono 40 giorni che la pagina è bloccata. Non è ora di sbloccarla? SγωΩηΣ tαlk Lug 9, 2005 19:29 (CEST)

Effettivamente è passato più di un mese, se non ci sono voci contrarie domani la sblocco e vediamo come va. Hellis Lug 9, 2005 19:36 (CEST)
Ho sboccato la pagina. Hellis 10:22, Lug 10, 2005 (CEST)

Date d'adesione degli Stati[modifica wikitesto]

È d'usanza considerare che gli Stati Uniti sono stati formati non nel 1776 (data della Dichiarazione d' Indipendenza delle varie ex-colonie), ma nel 1789 (data dell'adozione della Costituzione federale. Quindi, le date d'adesione dei tredici primi Stati sono di solito date come quelle della ratificazione statale della Costituzione: cioè, Delaware, Pennsylvania, New Jersey nel 1787, gli altri dieci nel 1788. (Fra parentesi, che brutto italiano scrivo! Gli stati sono stati, e le date date....) Bill Lug 9, 2005 20:32 (CEST)

Mormoni[modifica wikitesto]

Il paragrafo dedicato ai mormoni mi sembra sbilanciato (n-NPOV). Che ve ne sembra? come si può fare? Non si può mettere un paragrafo per ogni chiesa nata negli Stati Uniti! don Paolo - dimmi che te ne pare 04:55, Lug 16, 2005 (CEST)

La chiesa Mormona è molto diversa delle altre, perché la loro teologia storica dipende sull' esistenza del Nuovo Mondo. La distinzione fondamentale tra loro e gli (altri?) cristiani è che secondo loro, Gesù dopo la Crocefissione e l'Ascensione è venuto, nel corpo, nel Nuovo Mondo, ed ha predicato agli abitanti di quel tempo. Perciò i Mormoni meritano di essere menzionati, sebbene forse con meno rilievo. Sono anche una delle più grandi denominazioni nate negli USA; se sono moltissime le chiesette di qualche migliaio di aderenti, le grandi chiese nate negli USA son poche: Mormoni, Scienza Cristiana, Adventisti. Bill 01:08, Lug 17, 2005 (CEST)

-Non mi sembra abbastanze importante parlare dei mormoni sulla pagine principale della USA. Io sono americano (come potete vedere dal mio italiano cattivo) e i mormoni non mi affetano mai. Se mettiamo i mormoni dobbiamo anche mettere Scientology, Jehovah's Wintesses e altri gruppi piccoli. Se c'e' una pagina 'religione negli SU' questo soggetto avrebbe un posto buono.67.165.197.109 09:30, 25 lug 2006 (CEST)

Senato[modifica wikitesto]

Al paragrafo "Politica", il link Senato porta a una disambigua tra Senato Romano e Senato della Repubblica Italiana; è voluto? Non sarebbe più corretto creare una voce specifica statunitense e per le altre nazioni in cui si possa sapere quanti sono i membri, come vengono eletti, ecc. (come forse era stato previsto per la Camera, il cui link è però ancora rosso)? O magari se non sono due voci sufficientemente sostanziose si potrebbe descriverne il funzionamento diretamente nel paragrafo "Politica", o creare un paragrafo "Odinamento dello stato"? Boh? Ciao! --Barbuto 00:05, Ago 9, 2005 (CEST)

Il dato del PIL[modifica wikitesto]

è sbagliato, provvedete a correggere.

Se è sbagliato (e quanto dovrebbe essere?) correggilo tu. È così che funziona. ;) MarcoK (msg) 17:45, 15 mag 2006 (CEST)
l'ho corretto, prendendo il dato dalla en.wiki (13.049 miliardi di dollari). Il valore precedente di 44 miliardi era assurdo .Probabilmente la sola prossima manovra finanziaria italiana sarà di entità maggiore :(((((( -- @ _ 19:39, 10 giu 2006 (CEST)

Forma di governo[modifica wikitesto]

Nello schema a lato dove si elencano le più importanti informazioni sugli Stati Uniti, in forma di governo c'è scritto Repubblica federale, sarebbe meglio aggiungere Repubblica federale di tipo presidenziale.

Vivo in America e parlo inglese[modifica wikitesto]

Vivo in America e parlo inglese. Se avete questioni domande circa Stato Uniti d'America, se lo mettete in contatto con. SKREAM 20:32, 4 nov 2006 (CET)

Genocidio[modifica wikitesto]

Premetto che sono decisamente filoamericano, ma l'affermazione che la cultura americana nasca dal genocidio degli indiani mi sembra piuttosto riduttiva e POV, secondo me questo punto va sistemato. --Nyarlathotep 16:28, 21 gen 2007 (CET)

Corretta la parte sul genocidio, sempre disposto a discuterne con chi ha altre idee--Nyarlathotep 17:41, 22 gen 2007 (CET)

Se permetti una scomparsa pressochè totale di tutta una popolazione nativa che occupava il territorio di quello che dopo diventeranno gli stati uniti d'america io lo chiamerei genocidio e penso sia pure corretto citare questo fatto in quanto non se ne parla per niente in tutta la voce... --dldc 12:58, 2 giu 2007 (CEST)

Sono d'accordo, tuttavia credo che sia eccessivamente semplicistico affermare, come si affermava nell'articolo, che la cultura americana nasce dal genocidio dei nativi.--213.230.130.54 19:49, 22 ago 2007 (CEST)

Semmai io segnalerei il genocidio subito dai patrioti americani nella loro guerra di indipendenza dai brutali colonizzatori inglesi (quattro milioni di morti, con campi di concentramento che non avevano nulla da invidiare a quelli dei nazisti), nonché quelli commessi dai colonizzatori spagnoli e portoghesi, che di indios ne hanno sterminati milioni e milioni. Zorobabele.

Debito Pubblico[modifica wikitesto]

La sezione debito pubblico mi sembra scritta malamente, oltretutto sembra ripresa paro paro da uno spettacolo di Beppe Grillo (dove mi pare mettesse in relazione la crisi del '29 con quella attuale). Secondo il World Factbook della CIA il debito pubblico è del 64.7% del PIL. Questo dato del 300% è fuorviante, anche perchè vi si confonde il deficit assieme ai debiti delle famiglie e delle imprese (???). Si parla di debito pubblico o di debito totale? --Joker-Rosso 19:29, 21 feb 2007 (CET)

Il rapporto debito pubblico/PIL viaggia attualmente intorno al 126%

GDP[modifica wikitesto]

Erroneamente il PIL Usa e' segnalto nel sito italiano come il primo al mondo quando lo stesso e' segnalato come secondo all'UE nella stessa GDP list in inglese di Wikipedia. Sarebbe URGENTE e giusto aggiornarlo!Cosa piu' che palese se non vogliamo contraddizioni ridicole. GRAZIE Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 87.18.185.187 (discussioni · contributi) .

Geografia[modifica wikitesto]

credo che Virginia e Pennsylvania possano essere considerati parte del Mideast e non del midwest

Pennsylvania (che è vicino alla costa e la cui metà occidentale è spesso considerata parte del Midwest)

Virginia Occidentale (spesso considerato parte del Midwest, dato che era dalla parte del nord nella guerra civile),

Città[modifica wikitesto]

In questa sezione ho modificato New York in New York City, essendo ovviamente quest'ultima la città e non New York, che è lo stato in cui essa e contenuta. --Damian0 22:45, 4 apr 2007 (CEST) però c'è pure da dire che new york o pure "NEW YORK CITY" sia una delle città più grandi di america e che abbia circa 22 milioni di abitanti quindi si può tranquillamente dire New york.

Popolazione[modifica wikitesto]

Fatta un pò di chiarezza sulla base dei dati dell'ultimo censimento. Ho inoltre posto fra parentesi i termini inglesi onde evitare errori e malintesi. Cordialità. --Justinianus da Perugia 21:20, 16 apr 2007 (CEST)

Non trovo giusto l'uso della parola razza nel paragrafo della popolazione perchè il concetto di razza è stato abolito

Ho corretto la traduzione della sigla WASP che vuol dire bianco, anglosassone, protestante (e non anglicano come scritto precedentemente). Tra l'altro la maggior parte degli immigrati dal Regno Unito storicamente erano protestanti non-anglicani (ammesso che la Chiesa Anglicana possa essere definita protestante, la qual cosa è oggetto di dibattito), e raggiungevano gli USA proprio per avere maggiore libertà religiosa (ad es. i puritani). Mastazi (msg) 19:47, 5 ago 2009 (CEST)

Lingua[modifica wikitesto]

Vorrei proporre di modificare la voce lingua, in quanto si afferma che gli USA non hanno una lingua ufficiale. --Gabriele 90

In God We Trust[modifica wikitesto]

Non sono del tutto d'accordo con la traduzione italiana di In God We Trust (resa con "Confidiamo in Dio"). Trattandosi di religione, credo sia più corretto "Crediamo in Dio", con significato meno vago di "confidiamo" e più vicino al "Avere fede". Posso correggere? --Coltrane

da un dizionario online (non ne ho di cartacei sottomano :(), i significati di trust che ho trovato sono:
  • affidarsi
  • confidare in
  • far credito
  • sperare
  • aver fede

il significato è più o meno lo stesso, dipende dalla sfumatura che gli dai :) comunque se vuoi fare una boldata fai pure ;) --Xander parla con アレクサンダー 22:53, 23 mag 2007 (CEST)

Si è vero, ha differenti significati, ma in un mio dizionario di inglese ho appunto letto che se riferito a Dio, il significato è "aver fede", "credere". Io correggerei. Perdonami..la boldata che è?? :-) --Coltrane

la boldata è questa... ;) comunque, ora ho controllato sul mio vocabolario cartaceo, che cita il phrasal verb "to trust in sb" come "aver fede in qualcuno"; dato che in inglese la frase sarebbe "We trust in God", credo che "abbiamo fede in Dio" sia la traduzione migliore. Poi son sfumature... --Xander parla con アレクサンダー 18:12, 24 mag 2007 (CEST)

Senza neanche leggere questa discussione avevo modificato Crediamo in Confidiamo e sono sicuro che sia giusto perchè un mio amico che vive da anni negli USA mi aveva detto che è Confidiamo e inoltre nella voce In God We Trust c'è scritto Confidiamo in Dio.
Ho rimesso subito Crediamo per sentire cosa si dice qui ma comunque so che è giusto Confidiamo, poi ognuno la può interpretare come desidera.
--MacLucky 13:53, 26 mag 2007 (CEST)
EDIT: Boldo (come avete scritto) e lo modifico :-)
--MacLucky 13:55, 26 mag 2007 (CEST)

Mah, io avrei tenuto Crediamo in Dio, poichè il termine "confidare" non mi pare troppo vicino alla religione. Maurizio

La mia lingua madre è l'inglese e la parola "trust" significa "confidare" più di "crediamo". Non è una questione di sapere se gli americani ci credono in un dio, ma che ci si fida di lui con il nostro destino. Almeno questo è quello che interpreto.

Pagina Semiprotetta o no?[modifica wikitesto]

Forse la domanda è stupida, ma questa pagina è segnalata con il "loghino" di pagina semiprotetta, ma da questo edit la cosa risulta non vera... Qualcuno sa spiegare/risolvere? grazie GordonF (scrivimi!) 23:09, 13 lug 2007 (CEST)

Titolo della voce[modifica wikitesto]

Secondo le linee guida di Wikipedia il titolo della voce deve essere la denominazione più comune. Non è meglio spostare la voce a "Stati Uniti"? Vedo ad esempio che per il Regno Unito si sono seguite le linee guida. --16:48, 17 nov 2007 (CET)

Hai ragione sul fatto che Stati Uniti sia più usato di Stati Uniti d'America (con autorevoli eccezioni ;) ), però la policy che citi non dice che bisogna sempre e comunque scegliere il nome più usato a scapito della precisione, ma che:
la scelta del titolo di una voce dovrebbe dare la priorità a cosa la maggior parte degli utenti di lingua italiana riconoscerebbe facilmente
Gli italofoni riconoscono con la stessa facilità Stati Uniti e Stati Uniti d'America, quindi secondo me si può lasciare il secondo, più completo.
Magari è solo volontà di proteggere lo status quo, ma Regno Unito lo lascerei dove sta. Mi rendo conto che la cosa possa sembrare un po' incoerente, però l'alternativa (Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) mi pare veramente troppo lunga, e veramente poco utilizzata. Un'altra differenza fra i due casi (non so quanto rilevante) è che l'abbreviazione generalmente usata in italiano è USA e non US, mentre UKGBNI è praticamente insistente, preferendo un più breve UK. --Jaqen [...] 21:50, 22 mag 2008 (CEST)

Non l'hai letto tutto il paragrafo che ho segnalato, più avanti recita: "Allo stesso tempo, è importante rendere il più facile possibile l'intento di un futuro wikipediano che debba creare un link a quelle voci in maniera agevole e intuitiva". Nella maggior parte dei casi chi crea un wikilink usa "Stati Uniti". --08:26, 25 mag 2008 (CEST)

Beh, ci sono i redirect no? Tra l'altro considerando che la parola "statunitensi" nel template:bio punta a Stati Uniti d'America credo che i link entranti verso quella pagina siano molti di più di quelli verso il redirect. --Jaqen [...] 10:00, 26 mag 2008 (CEST)

Diritti Umani[modifica wikitesto]

dopo il caso Guantanamo e la declassificazione di alcune pagine dell'archivio della C.I.A. che ne pensate di creare un paragrafo o addirittura una bella pagina che parli della storia dei Diritti Umani negli Stati Uniti d'America dallo sterminio degli Indiani, passando per Sacco e Vanzetti, Il Maccartismo, l'instaurazione di varie dittature in America Latina, la Guerra in Vietnam fino a Guantanamo e alle ignobili immagine della Guerra del Golfo??? Secondo sarebbe una buona idea, ho intenzione di farlo, ma... vorrei prima ascoltare il parere di qualche altro utente!!!Questo commento senza la firma utente è stato inserito da Cesarinho83 (discussioni · contributi) .

intendi qualcosa tipo diritti umani negli Stati Uniti? --Hal8999 (msg) 04:31, 9 lug 2008 (CEST)

Avevo letto la voce e non ero arrivato fino in fondo... poi ho visto le voci correlate... bel coglione che sono!?! eh eh eh!!! Vabbè, capita... sò pure le 4 e 30 del mattino!?! eh eh eh!!! --Cesarinho83 (msg) 04:34, 9 lug 2008 (CEST)

Non mi sembra sia questa la sede per l'antiamericanismo da negozio di frutta e verdura - Zorobabele

Sogno americano in Arte e Cultura[modifica wikitesto]

Mi sembra che l'ultimo capoverso del paragrafo "Arte e cultura" sia poco comprensibile (oltre a contenere un errore ortografico: manca l'apostrofo dopo "Un" a inizio frase, visto che la parola "componente" qui è al femminile - che io sappia "componente" al maschile si usa solo in senso tecnico, ad es. i componenti di un PC -).

Riporto di seguito: "Un importante componente della cultura americana si sta ponendo in questione tra i progressisti nel film e il sogno americano dove l'idea che con il duro lavoro, il coraggio e l'autodeterminazione una persona possa guadagnarsi una vita migliore.[4]"

In particolare mi è oscuro il passaggio "tra i progressisti nel film e il sogno americano". --Mastazi (msg) 11:34, 24 set 2008 (CEST)

DEFINIZIONE USA:NO SUPERPOTENZA.

Gli Usa (nella loro pagina di presentazione e di seguito) NON sono piu' definiti SUPERPOTENZA in Wikipedia in inglese. E' ora di aggiornare. Grazie.

Lingua[modifica wikitesto]

Mi dispiace, ma quand voi dicite america ha inglese per un lingua officiale, voi sete incorrecto. Noi non abbiamo un lingua officiale. Vedi Stati Uniti d'America in inglese, noi non abbiamo un lingua officiale--98.235.80.94 (msg) 20:06, 13 ott 2008 (CEST)

religione[modifica wikitesto]

dove ci sono le percentuali di credenti per le varie religioni, "mormoni", "testimoni di geova" e "altre sette cristiane" non dovrebbero stare sotto "cristiani": allineati con "protestanti" "cattolici" "ortodossi" invece che al livello di "ebrei" "musulmani" ecc? se nessuno dice niente nei prox giorni io modifico (se ci riesco, non so se sono capace) --Khyber (msg) 20:35, 26 ott 2008 (CET)

Correzione, traduzione e integrazione della voce[modifica wikitesto]

Credo che la voce riguardante gli Stati Uniti meriti un pochino di più di quanto offra oggi la versione in italiano. Quanto meno per l'importanza globale che ricopre il paese. Provo, con tutti i miei limiti, a tradurre, integrare e correggere la voce partendo dalla versione inglese di wikipedia. Se non sanno loro che sono i diretti interessati. ^_^ --Zavijavah (msg) 22:03, 30 ott 2008 (CET)


Economia[modifica wikitesto]

Ho spostato il capitolo precedente all'interno della voce Economia degli Stati Uniti che era allo stato di stub. Il capitolo era totalmente privo di fonti, ma riportava aspetti di sicuro interesse. E' stato sostituito con la traduzione dalla versione inglese, ricchissima di dati, e soprattutto correlata da decine di fonti.--Zavijavah (msg) 14:26, 31 ott 2008 (CET)

Presidente[modifica wikitesto]

Ho eseguito il rollback in modo da "ripristinare" l'attuale presidente; il motivo di quest'azione è per cercare di tenere omogeneità con le voci collegate (George W. Bush, Barack Obama), voci nelle quali attualmente si è concordato da mantenere George W. Bush come presidente - attualmente ancora in carica - degli Stati Uniti. --Lux (msg) 12:07, 5 nov 2008 (CET)

Consiglierei di cambiare la tabella eliminando Barack Omaba e l'uscete a Bush. Bush non è uscente e Obama non è presidente, e non c'entra niente che molto probabilente lo sarà dal 20 gennaio, appunto dal 20 gennaio.--Vu Duc Thang (msg) 12:23, 27 nov 2008 (CET) Mi ero fissato l' impegno di cambiare il Presidente, oggi 20 gen, ma qualcuno lo aveva già fatto

Debito Usa da specificare[modifica wikitesto]

Anche nel sito inglese che parla del debito americano (quello pubblico) si dice che il debito e' tra i 10 e gli 11 trilioni escludendo il consolidamento del debito preso acarico con l'acquisto di Fnm e Fre.Considerando questo il debito supera i 16 trilioni di $.Il defict/ pil in questo caso sale oltre il 130%. Grazie.

Stati[modifica wikitesto]

Lo stato di Alaska e' entrato nel 1959 non nel 1885 come dice su questa pagina.

Gli Usa non è cosi forte[modifica wikitesto]

  • 11 superportaerei cosa significa gli Usa ha 6 portaerei con motore nucleare e solo due di questi possono essere dette superportaerei i resti 5 sono portaerei nomali .

Il potenziale militare americano in qualsiasi parte del globo in poche ore (o giorni);? Esempio se gli usa trasportasse gli uomini e mezzi dalla costa americana quell’europeo servo almeno più di una settimana vale lo stesso discorso per sia per costa Pacifica.

Dimentichi o forse non sai che l'US NAVY è in pianta stabile in varie parti del mondo (ad esempio, a Napoli è di base la VI Flotta), per cui un intervento immediato (probabilmente da parte di aerei imbarcati) è possibile anche nel giro di poche ore o giorni. Diverso è il discorso, come hai fatto notare, nel caso di spostare migliaia di uomini e mezzi. Bubu - 2009-07-28 1:41 CET

  • 770 basi nel mondo? Se il mondo esiste soltanto 192 stati.

Nel continente africano gli Stati Uniti d’America ha solo 2 bassi ed esistono più di nazioni 53 nazioni. Esistono ventina di stati canaglia per gli Usa e questi non permettono gli americani di istallare i bassi nel loro territori. Neppure le potenze regionali come Francia, Iran, Russia,Brasile ,Cina… non permettono gli americani di istallare gli bassi.

Forse la cifra è un po' alta (anche a me pare sballata), ma non è detto che un Paese possa avere al max una sola base. Bubu - 2009-07-28 1:41 CET

  • unica al mondo ad essere dotata di aeromobili con tecnologia “Stealth”;?

Se Italia fa parte del Nato, come tutti gli membri del nato gli armamenti ci forniscono proprio gli Americanio es. come F35 una caccia Stealth. La Cina e la Russia che sono la seconda e la terza potenza militare del mondo anche loro possiedono tecnologie Stealth.

  • Con la crisi economica gli Usa sono indebitati fino al collo e non possono permettersi di mantenersi la sua spessa militare cosi alto, es. sospeso la costituzione del F22.

Casomai dilazionato i tempi di consegna e ridotto il numero di esemplari, non proprio 'sospeso'. Bubu - 2009-07-28 1:41 CET

Lingua ufficiale?[modifica wikitesto]

Ciao a tutti

volevo segnalare che, per quanto ciò possa sembrare strano, l'inglese non è la lingua ufficiale degli Stati Uniti, come non lo è nessuna altra lingua del mondo. Gli Stati Uniti non hanno mai adottato ufficialmente alcuna lingua come lingua ufficiale, di conseguenza l'inglese è solamente quella più parlata, ma non quella ufficiale. Incommunicado (msg) 19:51, 30 giu 2009 (CEST)

Ho visto la voce su "en.wiki" e c'è scritto che non esiste una lingua ufficiale a livello federale, cioè comune a tutti gli stati del paese; l'inglese è lingua ufficiale in solo 28 dei 50 stati americani. L'inglese è definito lingua "nazionale" perché parlata dall'81% della popolazione.--Lorelorelore (msg) 13:12, 1 lug 2009 (CEST)
Si...non ci esiste una lingua ufficiale. E' un gran punto di disaccordo qui, ma l'inglese e' solamente la lingua nazionale "de facto." -un americano

La Costituzione americana è redatta in inglese e non in altre lingue e l'jnglese è la lingua madre di tutti i cittadini americani (salvo a Portorico, lo spagnolo è la lingua di una comunità di immigrati e non di autoctoni), dunque l'inglese va considerato a tutti gli effetti lingua ufficiale degli Usa. Zorobabele.

1° Crollo di Wall Street[modifica wikitesto]

Perché la sezione "1° Crollo di Wall Street" è nel paragrafo della Politica?--Lorelorelore (msg) 13:04, 1 lug 2009 (CEST)

Usa non piu' superpotenza.Articolo vecchio.[modifica wikitesto]

Gli Usa hanno un rapporto debito globale /pil del 1550%. Considerndo i debiti garantiti dallo stato Usa (se no da chi) di FNM e FRE il debito pubblico /pil e' 120%.Battono l'Italia. Una superpotenza e' tale quando riesce a colpire chiunque,ovunque e comunque sempre senza ricevere danni letali.Questo gli Usa non lo sono mai stati nemmeno nella Guerra Fredda poiche' soggetti alla risposta sovietica e comunque anche all'attivita' di arsenali non controllati dagli Usa come quelli di stati oggi UE.L'ultima vera superpotenza e' stato il British Empire. Se poi vogliamo inventare le superportenze...vedo che gia' vi siete dati da fare. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.60.117.41 (discussioni · contributi) 15:15, 1 ago 2009.

Il punto è pertinente (anche se i toni ironici sono fuori luogo...): per risolvere la questione cerchiamo piuttosto qualche fonte autorevole: come definiamo una superpotenza? Chi ha detto che gli USA non lo sono più? Chi ha detto che lo sono ancora? Intanto metto un {{cn}} --DD (msg) 14:08, 17 set 2009 (CEST)

Lingua ufficiale[modifica wikitesto]

I'm sorry I cant speak Italian that good. Actually I'm from Germany. But OK... English is not the official language of the United States. Somebody should change it into 'Inglese (de facto)' Thanks.

Thank you! I'll fix it! --Jaqen [...] 11:53, 3 ago 2010 (CEST)

Sport[modifica wikitesto]

Ho modificato la voce "sport", c'era scritto che il superbowl è le'vento televisivo più seguito del mondo, con 89/90 milioni di spettatori, quando per esempio una finale dei mondiali di calcio arriva ad avere fino a 10 volte il pubblico di un superbowl, cm anche le finali di coppa libertadores o di Champions League, o i super concerti delle band musicali più famose

Nota lingua ufficiale[modifica wikitesto]

Salve! Prima del 24 aprile 2010 nell'infobox alla lingua ufficiale appariva questa nota. Dopo le modifiche appena linkate e il loro annullamento, l'affermazione è finita senza fonte. La nota attuale (una mezza frase troncata, in questo stato fin dal suo inserimento) è finita lì il 12 marzo 2011 assieme a tutto l'elenco di lingue secondarie. Andrebbe sistemata (la nota che c'era all'inizio, sul fatto che nessuna lingua fosse ufficiale, a parer mio era molto utile, ma lascio a chi è più esperto decidere come risolvere). Ciao, -- Syrio posso aiutare? 20:29, 24 mag 2011 (CEST)

Indipendenza[modifica wikitesto]

Ma l'indipendenza degli stati uniti si ebbe nel 1783 con il trattato di parigi mentre nel 1776 è stata solo dichiarata! --Archita78 (msg) 22:46, 1 giu 2011 (CEST)

RELIGIONI[modifica wikitesto]

scusate, forse mi sbaglio, ma le percentuali delle religioni nella tabella all'inizio del paragrafo non tornano. il totale è giusto perchè risulta 100% ma:

  1. l'insieme di quelle cristiane dovrebbe essere 81,1% e invece risulta 88,6%
  2. l'insieme di quelle protestanti dovrebbe essere 51,4% e invece risulta 42%
  3. tra quelle protestanti non sono inserite la battista 17,2% e la metodista 7,2% (citate in seguito) le quali farebbero invece superare la soglia del 51,4%

In effetti l'immagine l'ho messa a posto io (era la cartina degli Stati che si sovrapponeva alla tabella). Ciao, Gianluigi 17:22, Mar 19, 2004 (UTC) Mah, allora vedo doppio (mi accade sovente, negli ultimi tempi ... scherzi dell'età ... hihihi). In effetti col mio browser IE su Windows 2000 e in preferenza standard, testo e immagini fanno a ... testate. Nonostante l'intervento di Gianluigi continuo a vedere i nomi degli stati confederati sovrapposti a parte della tabella di destra. :) Twice25 17:47, Mar 19, 2004 (UTC) Anche io vedo doppio: nomi di stati sovrapposti alla parte finale della tabella, con Mozilla 1.2.1 su linux valhalla 08:00, Mar 23, 2004 (UTC) Ho prontamente installato sia Mozilla sia Firefox (ultime versioni) e ho notato lo stesso problema su entrambi i browser; a quel punto mi son detto: se l'articolo in italiano è così scarno, perché non ingrossarlo un pò, aggirando in questo modo il problema della sovrapposizione? Spero che ora si possa vedere bene con qualsiasi browser (con Firefox va bene). Attendo notizie, Gianluigi 10:49, Mar 23, 2004 (UTC)

demografia news - bianchi non più maggioranza![modifica wikitesto]

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/Rivoluzione-demografica-in-Usa-i-neonati-bianchi-non-sono-piu-la-maggioranza_313313221235.html

Obrigado.

--151.21.91.24 (msg) 15:05, 11 giu 2012 (CEST)schifo

lingue secondarie???[modifica wikitesto]

ma ha senso citare nello specchietto riassuntivo della voce tutte quelle lingue secondarie che sono parlate da un'estremissima minoranza, a parte lo spagnolo?

a mio modesto parere sarebbe meglio rimuoverle e lasciare solo lo spagnolo come seconda lingua più parlata...anche nella versione inglese della voce non si fa riferimento a tutte queste lingue!Questo commento senza la firma utente è stato inserito da ‎Dakota86x (discussioni · contributi) 11:06, 29 ott 2012.

--Dakota86x (msg) 21:11, 29 ott 2012 (CET)

errore?[modifica wikitesto]

Coca Cola e Mc Donald nel settore economia - agricoltura? --79.22.172.55 (msg) 21:35, 12 nov 2012 (CET)

Capitali[modifica wikitesto]

Avevo già fatto un intervento in merito e nessno mi ha risposto http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Discussione:Stati_Uniti_d%27America&oldid=53712290 anzi l'intervento è stato cancellato. Non conosco le regole di wikipedia e scusatemi se sono stato aggressivo, ero tornato sulla discussione per vedere se qualcuno aveva risolto il problema. Nell'articolo tutt'ora si attribuisce la piccola dimensione delle capitali di stato americani a scelte urbanistiche che hanno un impostazione fortemente dirigista (tipicamente non americana) nell'articolo infatti si dice che le capitali di stato sono piccole per evitare la creazione di quartieri malfamati. Ammettendo per assurdo che questa affermazione sia vera (credo che non sia difficile dimostrare che la dimensione delle capitali USA è legata alla densità di pop. dello stato e a ragioni di carattere storico) penso che bisognerebbe citarne la fonte. Scusatemi per la prolissità, Simone Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 2.227.247.60 (discussioni · contributi) 17:22, 14 feb 2013.

L'intervento non è stato cancellato, ma solo archiviato qui perché riferito ad una procedura per l'inserimento della voce fra quelle di qualità, come puoi leggere sopra. Qui per esempio si parla di Sacramento, e non si fa menzione a quanto scritto in voce. Quindi anche io sarei favorevole a cancellare il paragrafo. PS: le nuove discussioni vanno sempre inserite al fondo della pagina e non all'inizio. X-Dark (msg) 20:50, 14 feb 2013 (CET)
Concordo con la cancellazione di tale affermazione senza fonte. (E tra l'altro se anche fosse corretta e con fonte, andrebbe messa in quel punto della voce, non in altro punto o perfino in altra voce tipo Stato federato degli Stati Uniti d'America o Capitali degli Stati Uniti d'America ?) --79.21.158.89 (msg) 21:15, 14 feb 2013 (CET)
✔ Fatto Ho rimosso la frase. X-Dark (msg) 12:21, 15 feb 2013 (CET)

Attenzione[modifica wikitesto]

La voce stati uniti d'america è stata oggetto di modifiche insensate quali dati appositamente sbagliati e commenti personali. Ho modificato le generalità ma non so mettere i km quadrati ed ora sono km2.Urgono modifiche.Non capisco le disambiguazioni forse sono scritte in dialetto. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da Abbabeto (discussioni · contributi) .

✔ Fatto --Elwood (msg) 13:26, 7 apr 2013 (CEST)

Sistemazione o integrazione con fonti[modifica wikitesto]

Ciao a tutti. Mi sono imbattuto nella voce oggi...Ho notato che il paragrafo "L'indipendenza e l'espansione" sembra un sussidiario. Al di là della storiella manichea di george washington "tutti gli uomini sono uguali" (tranne i neri ovviamente), vista l'assenza di qualsiasi fonte potrebbe benissimo essere una ricerca originale. Non parla dei motivi della guerra, non accenna alla compagnia delle indie, non parla della guerra di occupazione dei territori indiani e delle belle copertine col vaiolo che gli si vendevano..sembra scritto da qualcuno che creda siano fedeli ricostruzioni storiche i telefilm in cui i nativi hanno tre tende e quattro cavalli e assaltano le diligenze..insomma non ho capito se è una versione per bambini o sia tradotta da qualche opuscolo "propaganda in cinque minuti"...magari ci si potrebbe mettere mano, se qualcuno volesse partecipare metto sotto OS così ci si mette di buona lena. Vedo che neppure la voce specifica "guerra di indipendenza" ha fonti, provvedo a mettere template lì intanto --Pipino da verona (msg) 15:51, 23 nov 2013 (CET)

annullo. Tra le altre cose:
  1. serve comprendere che l'incipit è il sunto della voce e quindi magari le fonti sono ivi contenute
  2. e infatti le fonti circa i paleoamericani sono già in voce
  3. perchè si chiede la fonte al multiculturalismo di una nazione che è oggi il frutto di sola immigrazione (come scritto in voce)
  4. perchè il dato sulle prigioni deve stare in incipit così come la sottolienatura del genocidio degli indiani
--ignis scrivimi qui 18:51, 23 nov 2013 (CET)
Ciao Ignis:
  • Paleoamericani perchè stiamo parlando degli stati uniti e non del continente americano, quindi non capisco cosa c'entri.
  • perchè serve capire che la "diversità etnica" è un dato oggettivo (anche se siamo sicuri sicuri che per numero di abitanti nessuna nazione abbia tante etnie?), il multiculturalismo è un dato, appunto, culturale, e vorrei sapere quale sarebbe la fonte che afferma sia la "nazione più multiculturale del mondo"
  • il dato delle prigioni è un primato. fossero stati il secondo, il terzo, il ventisettesimo ti capirei, visto che sono il primo al mondo e si sta parlando di popolazione non ci sta?
  • non si tratta di sottolineatura ma di correggere una bugia (senza fonte, tanto per cambiare) che non corrisponde alla realtà. Scrivere "Questo coinvolse le numerose tribù native, l'acquisizione di nuovi territori e gradualmente l'ammissione di nuovi stati membri." è falso, a meno tu per "coinvolgere" non intenda appunto la pulizia etnica e le deportazioni e con "ammettere nuovi stati membri" sottrarre ed occupare con la forza territori. Ricordi "la voce si scrive in accordo alle fonti e non in base a quello che ci pare giusto"? Io le fonti le ho messe, quali sono le fonti che giustificano i periodi che hai ripristinato? se me le porti ne discutiamo.--Pipino da verona (msg) 20:00, 23 nov 2013 (CET)

P.S. Ho visto che hai eliminato anche il periodo riguardo alla segregazione razziale, perchè? il riferimento alla schiavitù va bene ma quello alla segregazione razziale con la fonte no? --Pipino da verona (msg) 20:03, 23 nov 2013 (CET)

Scrivere una voce su di uno stato non è mai semplice, tuttavia è meglio tenere l'incipit libero dalle possibili controversie. Altrimenti qui solo in incipit si potrebbe aprire una lunga dissertazione sui misfatti del fascismo, l'incipit di questa voce diventerebbe un saggio sui campi di sterminio degli ebrei, qui in incipit ci sarebbe spazio per un trattato sulle purghe di Stalin e qui una lunga descrizione dei massacri e delle occupazioni causati dalle guerre napoleoniche. X-Dark (msg) 20:15, 23 nov 2013 (CET)
Ciao, ti potrei dare ragione. Il problema è che io non ho aggiunto nulla (se non il primato delle prigioni parlando della popolazione, e sinceramente non capisco cosa ci sia di controverso).

Per il resto si tratta di:

  • esula dalla mia comprensione perchè possa comparire il dato dell'abolizione della schiavitù ma non quello della segregazione razziale, mica lo dico io, lo dice la library of congress, qual'è la controversia?

Concordi?--Pipino da verona (msg) 20:26, 23 nov 2013 (CET)

Ho tolto richiesta di fonti ed inserito dati sul testo consolidato. Per il resto ditemi voi se preferite togliere del tutto i periodi piuttosto che lasciarli ma in accordo alla verità fattuale.--Pipino da verona (msg) 20:43, 23 nov 2013 (CET)

Sono contrario alle modifiche apportate. Nella voce Italia si parla in incipit di Roma come la capitale dell'impero romano, non vedo quindi perché non si debba qui parlare dei "paleoamericani". Per il resto delle modifiche, in particolare sulle vicende dei nativi americani, rimando al mio commento sopra. Questa voce è in questa versione da molti mesi, questo non significa che non si possa modificarla ma che per farlo non c'è alcuna fretta. In caso di conflitti è quindi bene non innescare una edit war e ottenere il consenso prima di fare ulteriori modifiche. X-Dark (msg) 21:42, 23 nov 2013 (CET)
perchè l'Italia è sempre stato il territorio dei romani forse? Qua si parla, come tu mi insegni, di "13 colonie", che poi hanno fondato una "nazione", non vedo come si possa collegare il fatto che i nativi abitassero il continente da migliaia di anni con la storia dei puritani.
nel tuo commento sopra parli solo dei nativi in incipit, quindi, anche ammesso tu non voglia vedere comparire la pulizia etnica e le deportazioni lì, ti invito a spostare la parte fontata sotto nativi americani.
quanto alle altre modifiche, non hai fornito nessuna spiegazione, quindi ti chiederei di evitare vandalismi, grazie --Pipino da verona (msg) 22:52, 23 nov 2013 (CET)
prima di accusare gli altri di vandalismo, sei pregato di rispettare questa policy --ignis scrivimi qui 22:55, 23 nov 2013 (CET)
Ci sono delle mie domande, qua sopra, e visto che il WP:CONSENSO si basa sulla discussione, ti invito a rispondere oppure chiamarti tranquillamente fuori. Quanto al vandalismo, non accuso: mi baso solo su WP:VANDALISMO: "la cancellazione non giustificata di parti del testo" è il secondo punto. Trovi le mie motivazioni qua sopra, vorrei sapere che cosa non ti torni. grazie.--Pipino da verona (msg) 22:59, 23 nov 2013 (CET)
il giorno che vorrò da te l'interpretazione autentica delle policy te la chiederò, fino ad allora guarda l'immagine contenuta in questa policy e rispettala pedissequamente. Per la discussione c'è tempo e si farà. --ignis scrivimi qui 23:16, 23 nov 2013 (CET)

Calma e sangue freddo, affrontiamo un problema alla volta e evitiamo di creare un clima teso che serve a tutto tranne che a migliorare la voce. Infatti si sta partendo dal presupposto completamente sbagliato: "l'Italia è sempre stato il territorio dei romani". Non è affatto vero, anche dopo la conquista romana numerosi popoli si avvicendarono nel controllo della penisola o di parte di essa, come i Longobardi, i Normanni e gli arabi, e non è che tutte queste popolazioni avessero qualcosa in comune al momento dell'arrivo con gli abitanti delle terre italiane conquistate. Ma non importa nulla, ne sono diventati parte integrante e ne hanno arricchito la cultura. Allo stesso modo, gli Stati Uniti d'America nascono anche dall'apporto culturale delle popolazioni indigene (che sebbene ridotte a minoranza, esistono ancora oggi). Per questo quel breve cenno in incipit non è fuori luogo, così come non è fuori luogo riportare nell'incipit di Italia il ruolo di Roma come capitale di un impero che non esiste più e che non ha nulla a che vedere con lo stato odierno in termini strettamente istituzionali/politici. X-Dark (msg) 23:20, 23 nov 2013 (CET)

Hai ragione, calma e sangue freddo, sui paleamericani ci torneremo. Ora, una cosa alla volta e andando con ordine:
  • La versione ripristina recita: "È una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo"
  • I dati in nostro possesso dicono che "Per diversità etnica è al 204mo posto secondo la scala di Alesina [1] e all'85mo secondo la scala di Fearon[2]. Gli Stati Uniti non hanno implementato politiche multiculturali.
    • ^ A. Alesina, E. La Ferrara (2005). "Ethnic Diversity and Economic Performance". Journal of Economic Literature: 762–800. Retrieved September 13, 2012.
    • ^ James Fearon (2003). "Ethnic and Cultural Diversity by Country". Journal of Economic Growth 8: 195–222.

    Perchè dovremmo lasciare una frase evasiva, senza fonti, e soprattutto che le fonti smentiscono(=falsa)?--Pipino da verona (msg) 23:30, 23 nov 2013 (CET)

    la frase oltre che comprovata dalla storia (non esiste una etnia statunitense) lo è dalle fonti:
    Le fonti da te citate le hai prese dalla voce in en.wiki ma forse ti sei dimenticato di leggere alcuni particolari. Iniziamo da Fearon, sai cosa misura l'85° posto? --ignis scrivimi qui 23:59, 23 nov 2013 (CET)
    Certo che le ho prese da lì, ho cercato su google Ethnic diversity by country ed è uscito paro paro..io una cretineria come "una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali del mondo" non la scriverei neppure sotto tortuta. Quanto alla tua domanda, se vuoi ti posso tradurre quello che leggo sulla nostra cugina, e cioè "cercare di formare una lista "corretta" di gruppi etnici che "in base a quelli che le persone di un Paese identificano come i raggruppamenti più rilevanti dal punto di vista sociale". Non capisco ad ogni modo come le tue fonti possano essere corrette (e comunque mancherebbero in voce): questa dice chiaramente che gli stati uniti hanno una tradizione di "pluralismo culturale", che non è multiculturalismo nè diversità etnica, ed in più sottolinea che non sono capaci di integrare l'altro da sè. questa parla di immigrati provenienti da diversi paesi e difatti non l'avevo toccato quel periodo. questa dice un evasivo "traggono la loro forza dall'essere una società multietnica", senza nessuna fonte, ma, purtroppo non funziona così. Cosa non andrebbe bene negli indici della wiki inglese?--Pipino da verona (msg) 00:15, 24 nov 2013 (CET)
    [× Conflitto di modifiche] Mai sentito parlare di melting pot? Il termine nacque proprio negli Stati Uniti. Se non dovesse bastare questo, si possono consultare i dati delle Nazioni Unite, secondo i quali gli Stati Uniti ospitano il più grande numero di migranti al mondo (45 milioni, circa un settimo di tutta la popolazione) e ne hanno assorbito negli ultimi 20 anni il più grande numero in assoluto.
    Ovviamente esistono punti di vista e studi differenti. Il testo che si cita di Alesina et al. tratta ad esempio di economia: "The purpose of this paper is to discuss the question: is ethnic diversity “good” or “bad” from an economic point of view, and why?". Quindi bisogna fare attenzione a mischiare studi economici con discorsi che prescindono da questi concetti. Analizzerò con calma il rapporto a fondo non appena avrò tempo. Tuttavia proprio Alesina nello stesso articolo scrive: "The United States are the quintessential example of these two faces of racial relations in a “melting pot”". X-Dark (msg) 00:18, 24 nov 2013 (CET)
    Pipino cita le fonti "con leggerezza" e non è la prima volta. L'85° posti di Fearon che Pipino chiama "scala di Feron" (come se esistesse davvero) misura solo quanto in uno stato sono parlati i differenti linguaggi....Di quella voce in en.wiki inoltre Pipino ignora il template in testata --ignis scrivimi qui 00:21, 24 nov 2013 (CET)
    @x-dark Può essere, anche se io sapevo si riferisse a new york, quanto che abbia tanti immigrati anzi inserirei immediatamente dato. può essere anche che la lista della wiki inglese con la diversità etnica non c'entri nulla e mi sia sbagliato a guardare (magari poi quando scopriamo che è così in caso glielo scriviamo), nel frattempo mettiamo una citazione necessaria o lasciamo frase evasiva?
    @Ignis, ho semplicemente tradotto "In the Fearon list" (come se me lo fossi inventato), quanto alle fonti con leggerezza ti ho spiegato che io non sono razzista per cui certi raggruppamenti in base a chissà quali fantomatiche discendenze non mi appartengono per cui se qualcuno non professa una religione per cui è necessario parlare "pechinese", non mi sembra corretto identificarlo come "adepto del pechinismo", ma lasciamo perdere. Quanto alla sicumera, si vede che devi andare sulla wiki inglese e dirgli di correggere tutto il periodo
    « "Fractionalization measures are computing the probability that two randomly drawn individuals (from a country) are not from the same group (ethnic, religious, or whatever the criterion is). The two lists have been described by Alesina and Ferrara "as follows:[1]"Fearon[3] and Alesina et al.[4] have compiled various measures of ethnic heterogeneity which try to tackle the fact that the difference amongst groups manifests itself in different ways in different places." »

    A volte sapere l'inglese non serve, ma aiuta. Ti invito comunque ad inserire fonti dopo quella frasaccia scomposta.--2.33.198.54 (msg) 00:29, 24 nov 2013 (CET)

    Procedendo: non vogliamo parlare di pulizia etnica e deportazioni nell'incipit perchè sarebbe controverso... (per chi poi?) ma perchè cancellarlo invece che spostarlo sotto allora? Nel paragrafro "Indipendenza ed espansione" si parla di sfuggita dei nativi. Cosa non quadra?

    L'occupazione di nuove terre condusse a numerose guerre con gli abitanti originari dei territori interessati. Il processo di pulizia etnica[1] culminò nel 1830 con l'approvazione dell'Indian removal Act (Legge di rimozione degli Indiani)[2], che fornì la base legale per le deportazioni ed il confinamento in riserve dei nativi americani.

    Lo possiamo mettere nel paragrafro perlomeno?--Pipino da verona (msg) 00:37, 24 nov 2013 (CET)

    Calma a procedere, io sto ancora cercando di analizzare le fonti precedenti per la controversia della multiculturalità. Il testo di Fearon ad esempio si basa su dati recenti e mette nei posti alti della sua classifica la Iugoslavia. Certamente non si può affermare che in Iugoslavia vi sia una unica cultura e una unica etnia, tuttavia credo che non si possa riferire il termine "multiculturalità" sia agli Stati Uniti che alla Iugoslavia con il medesimo significato. Le guerre e la dissoluzione stessa della Iugoslavia lo testimoniano. Quindi ripeto, attenzione ai parametri e ai criteri usati negli studi. Infatti il testo di Fearon non si riferisce strettamente alla "multiculturalità" quanto piuttosto alla "cultural fractionalization", e in questo senso posso perfino essere concorde con lui: è possibile che la Iugoslavia sia più frazionata culturalmente degli Stati Uniti. X-Dark (msg) 00:53, 24 nov 2013 (CET)
    Hai ragione. Tra l'altro ho dato una scorsa anche io allo studio Yale. Certo dice che lo scopo è appunto valutare se la "frazzionalizzazione etnica" sia un beneficio o meno in termini economici, e che si chiama fuori chiaramente da ogni considerazione riguardo "guerre civili, instabilità" etc.. il punto è per stendere la lista che parametri sono stati usati? Sempre dalla wiki inglese (che prendo per buona visto il virgolettato) "non prende una posizione su quali etnie (etnicità) (o lingue o religioni) siano più importanti (centrali, rilevanti) di altre, e si serve delle analisi sui paesi di fonti originali, principalmente l'enciclopedia britannica" (Alesina et al.[4] do not take a stand on what ethnicity (or language or religion) are more salient than others and adopt the country breakdown suggested by original sources, mainly the Encyclopedia Britannica.) La prima riga della voce recita "Questa pagina contiene liste di paesi ordinate per livello di diversità etniche e culturali" This page contains lists of countries ranked by ethnic and cultural diversity level. Senza contare appunto la frase "Le misure di frazionalizzazione calcolano la probabilità che due qualsiasi individui (di un paese) non appartengano allo stesso gruppo (etnico, religioso, o qualsiasi sia il criterio assunto) Fractionalization measures are computing the probability that two randomly drawn individuals (from a country) are not from the same group (ethnic, religious, or whatever the criterion is).
    Insomma mi pare che se il nostro periodo riguarda la "diversità etnica", la differenza sia solo che negli studi venga utilizzato il termine "frazionalizzazione", mentre il fatto che servano a scopi economici non inficia la validità dei conti riguardo alle differenze "etniche"..--Pipino da verona (msg) 01:14, 24 nov 2013 (CET)
    Allora a questo punto basta precisare cosa si intende in questa voce per multiculturalità (forte e stabile immigrazione e melting pot). X-Dark (msg) 14:15, 24 nov 2013 (CET)
    L'evasività della frase in voce è sempre stato il punto del mio intervento, basta guardare l'inserimento originale del mio CN che Ignis ha eliminato... Ad ogni modo penso sia indubitabile (considerando gli studi ed anche la lettura che ne viene data dalla wiki ENI ""Questa pagina contiene liste di paesi ordinate per livello di diversità etniche e culturali" This page contains lists of countries ranked by ethnic and cultural diversity level. ") che si si riferiscano (più che alla multiculturalità, che è appunto un dato culturale e quindi non "quantificabile"), alla "diversità etnica" di cui parliamo. O si elimina il termine "diversità etnica" dal periodo o lo riformuliamo in accordo alle due scale di cui alla pagina e gli studi. Per me vanno bene entrambe le soluzioni, ma NON lasciare una frase falsa in voce.
    Quanto alla multiculturalità: basta guardare quello dice la nostra voce dedicata, e cioè: "Gli Stati Uniti non hanno implementato politiche multiculturali". Anche qui, o cancelliamo il periodo nella voce Multiculturalismo, o riformuliamo la frase in accordo...del resto basta farsi un giro su un'autostrada losangelina per capire che di "multi" non c'è proprio nulla: capisci che quartieri stai costeggiando solo dalle persone nelle macchine: in un tratto tutti ispanici, in uno tutti neri, in uno tutti asiatici, in uno tutti bianchi...peggio per loro ma tant'è. Senza contare che appunto, oltre a new york (cui si riferisce il melting pot) e los angeles (che anche lo studio riconosce avere forti problemi sociali ma una certa "vivacità culturale"), tutto il resto degli states è bianco e protestante..sono dati di fatto, che non si accordano con la nostra frase. fatto questo procediamo con gli altri punti --Pipino da verona (msg) 14:35, 24 nov 2013 (CET)
    fonti aggiunte. --ignis scrivimi qui 14:55, 24 nov 2013 (CET)
    Come puoi leggere in WP:FONTI, vanno utilizzate "le fonti più autorevoli a disposizione", in questo caso di certo non atti di un convegno che parlano di qualcosa senza nessun dato a disposizione o ammettono appunto che non si tratti di multiculturalismo. ti riposto il mio commento alle tue fonti qua sopra: "questa dice chiaramente che gli stati uniti hanno una tradizione di "pluralismo culturale", che non è multiculturalismo nè diversità etnica, ed in più sottolinea che non sono capaci di integrare l'altro da sè. questa dice un evasivo "traggono la loro forza dall'essere una società multietnica", senza nessuna fonte."

    Di certo tra uno studio di yale e le tue fonti, è da privilegiare lo studio di yale, o se non si vogliono usare i risultati dello studio attendibile e autorevole, eliminare il periodo --Pipino da verona (msg) 15:02, 24 nov 2013 (CET)

    qual'è lo studio di Yale e cosa dice? --ignis scrivimi qui 15:03, 24 nov 2013 (CET)
    Ne stiamo discutendo qua sopra da ieri con x-dark e non penso di dover fare riassunti per qualcuno che non segue. se guardi la pagina wiki en parla esattamente di diversità etnica, anche ammesso tu non voglia prendere per buono quel che dica la pagina wiki en, leggi gli studi in inglese (presumo tu lo sappia). Quanto alle tue fonti, non portano nessuna prova a sostegno di quanto affermiamo in voce, ma si tratta solamente di una ricerca google con termini affiancati, il che risulta, oltra evidentemente alle sottolineature casuali che ricorrono nei link da te portati, anche leggendo semplicemente i testi (in italiano stavolta per lo meno). Se vuoi affermare "Sono uno degli stati più...del mondo", devi portare dati a sostegno, non qualcosa che qualcuno dica al riguardo senza studi. Soprattutto se gli studi esistono e smentiscono quanto si afferma.--Pipino da verona (msg) 15:12, 24 nov 2013 (CET)
    le due fonti citate in en.wiki, ti è stato già spiegato, non dicono quello che tu vuoi fargli far dire e la stessa voce in en.wiki (che non può essere fonte di altra wiki) ha un template di avviso grande come una casa in testa alla voce. L'85° posto di Feron è solo per le lingue parlate, l'altro studio ha carattere economico e anche questo non tange la multiculturalità degli USA. C'è altro che non ti è chiaro?
    Poi, la mia prima fonte citata è di un Prof universitario e un ricercatore. Tale fonte dice che gli USA hanno una lunga tradizione di pluralismo culturale. In base a quale lingua tale dizione è non equivalente a "multicultura"? --ignis scrivimi qui 15:19, 24 nov 2013 (CET)
    dopo le risposte di cui sopra, puoi anche dirci cosa non va nella Treccani nel caso la volessimo usare come fonte --ignis scrivimi qui 15:26, 24 nov 2013 (CET)
    (EDITATO)Caro Ignis, vedo che non ci capiamo ma cerco di spiegarmi.
    • Io non ti porto l'altra wiki come fonte, io ti dico che la wiki che riporta quelle fonti, dice espressamente "Questa pagina contiene liste di paesi ordinate per livello di diversità etniche e culturali". L'avviso grande come una casa mi dispiace ma lo vedi solo tu, possiamo a chiedere ad x-dark ma io non ho proprio nessun avviso.
    • Io non cerco di far dire nulla, il fatto che gli studi servano a derimere se la "diversità etnica" sia un bene o un male a livello economico, non inficia che i dati che prendono in esame calcolino appunto il livello di "diversità etnica". Uno dei due studi (yale) prende i dati sui gruppi etnici in base all'enciclopedia britannica, l'altro ha effettuato rilevamenti propri (fearon p. 197 "coding ethnic groups"). Quanto alla tua equiparazione "diversità etnica" = "multiculturalismo" soprassiedo... Cos'altro non ti è chiaro?
    • Il fatto che tu non capisca delle linee guida fondamentali mi preoccupa ma anche mi spiega tante cose: :::::"Quali fonti hanno la precedenza? "quando un giornale pubblica un articolo in merito ai risultati di uno studio scientifico condotto da uno o più ricercatori, è preferibile utilizzare come fonte la pubblicazione originale degli autori (fonte primaria), piuttosto che l'articolo di giornale che lo cita (fonte secondaria)" WP:FONTI.
    Che dei "prof universitari" (sic) e dei "ricercatori" "dice" che hanno una grande tradizione di pluralismo culturale, sinceramente, non sposta di una virgola che si tratti di affermazioni senza dati a sostegno, mentre negli studi di cui sopra i dati ci sono eccome. Quanto a cosa vogliano intendere i tuoi "prof" e "ricercatore" con "pluralismo culturale" sinceramente non saprei, in primo luogo perchè è una dicitura che sento per la prima volta, ed in secondo luogo perchè non è ne "diversità etnica" ne "multiculturalismo", quindi non capisco perchè li abbia portati a sostegno della tua tesi.
    • Visto che ho risposto ti dico quello che penso riguardo alla treccani: primo parlano dell'immigrazione dopo l'indipendenza (periodo che io non ho mai tolto dalla versione consolidata, per cui non capisco perchè citi), in secondo luogo anche guardando "multietnicità" (che immagino sia quel su cui basi il tuo assunto), rilevo comunque un refuso forse dovuto alla datazione della voce. sai benissimo da link a dati nazioni unite sulla voce israle che per esempio lì la popolazione è cresciuta (Israel

    Population (thousands) Medium variant 1950-2010 1950 1 258 2010 7 420 non sono bravo in matematica ma è di più di 50 volte) quindi il periodo "Nei due secoli seguenti l’indipendenza, la popolazione è aumentata di circa 50 volte, un incremento mai verificatosi in nessuna parte del pianeta. " è falso in nuce. Ti invito a non leggere solo i titoletti e soprattutto a capire la differenza tra fonti supportate da dati (quelle della wiki en per esempio) e delle affermazioni generiche di qualche "prof". P.S. giusto per curiosità, senza malizia ne sarcasmo, ma tu ci sei andato all'università?--Pipino da verona (msg) 16:01, 24 nov 2013 (CET)

    Sull'avviso in en.wiki ho sbagliato in effetti. Poichè ho la quinta elementare provo a riassumere il resto:
    1. tu dici di non usare un altra voce di wikipedia come fonte e tuttavia ne riporti il cappello per dimostrarne la pertinenza
    2. tu affermi che citare due studi, uno che rileva la multietnicità in base alle lingue, l'altro che ne rileva gli aspetti economici prevale sugli studi di carattere sociologico e questo nonostante il secondo dica "The United States are the quintessential example of these two faces of racial relations in a “melting pot”"
    3. tu affermi che io non capisco le policy di wikipedia
    4. tu affermi che la Treccani non è una fonte valida perchè addirittura contiene un refuso
    5. tu affermi che le fonti primarie sono da preferire a quelle secondarie
    6. tu affermi che le fonti secondarie devono a loro volta citare le fonti oppure non vanno bene
    A questo punto si alzano le mani e si rinuncia. Se da questa discussione emergerà consenso per cambiare la versione consolidata della voce si cambierà. Allo stato io vedo solo ostruzionismo in barba alla fonti, secondarie già citate e citabili ancora a migliaia. --ignis scrivimi qui 16:03, 24 nov 2013 (CET)
    Calma e sangue freddo per la seconda volta, altrimenti qualcuno rischia di finire bloccato (e la voce non migliora di sicuro). Io non sono mai andato all'università, tuttavia noto una contraddizione palese in quello che si sta sostenendo e nelle fonti usate per farlo: "di "multi" non c'è proprio nulla: capisci che quartieri stai costeggiando solo dalle persone nelle macchine: in un tratto tutti ispanici, in uno tutti neri, in uno tutti asiatici, in uno tutti bianchi...peggio per loro ma tant'è". Eppure come ho scritto sopra, in base alle classifiche riportate come fonte di questo fatto sono in testa paesi come la Iugoslavia e di sicuro si può dire che sono un grande esempio di multiculturalismo e convivenza pacifica. Infatti la guerra in Kosovo è un conflitto armato che ha riguardato una regione bielorussa, l'assedio di Sarajevo si è svolto in una nota città rumena e Karadžić è un noto politico svedese. Insomma, ripeto, esistono diversi punti di vista ma attenzione a quello che si scrive e a come lo si sostiene. X-Dark (msg) 16:20, 24 nov 2013 (CET)

    No ignis, mi dispiace tu la prenda così, ma se non leggi capisco che ti riesca difficile cavare un ragno dal buco. Al di là dell'estrapolazione arbitraria della frase che citi (aggiungi anche quello che viene dopo, dai), veniamo al dunque, visto che mi sembra di capire che non capisci l'inglese (non c'è nulla di male ma per lo meno avverti così non constringi a tradurre per spiegarti)

    • Io affermo che le due liste nella voce inglese sono definite " liste di paesi ordinate per livello di diversità etniche e culturali". E' vera questa frase? vediamo.

    uno dei due studi (Alesina) "Non prende posizione su quale etnia (o lingua o religione) sia più rilevante (principale, centrale, predominante) di altre, ed assume i propri dati da fonti originali, principalmente l'enciclopedia britannica" do not take a stand on what ethnicity (or language or religion) are more salient than others and adopt the country breakdown suggested by original sources, mainly the Encyclopedia Britannica. Cosa vuol dire questa frase? andiamo a vedere nell'articolo. E cosa dice a pagina 2?

    « "Questi dati si basano in massima parte sulle distinzioni linguistiche, il che può mettere in ombra altri aspetti etnici come origine razziale, colore della pelle etc. Curiosamente, gli studi riguardo agli Stati Uniti non guardano alla lingua per la classificazione razziale (racial classification). Se lo facessero, neri e bianchi sarebbero classificati nello stesso gruppo linguistico. Come spiegato successivamente, questo esempio mostra che, nonostante sia utile, la lingua non è l'unico modo di approcciarsi all'etnicità (ethnicity). (...) Lo scopo di questo studio è duale. In primo luogo, e principalmente, forniamo una nuova misurazione della frammentazione etnica basata su una classificazione più estesa di "gruppo", che non prenda in considerazione solo la lingua ma anche altre divisioni" »

    etc. etc.

    Quindi non accusare me di non capire le fonti che cito se sei tu che non solo non prendi per buona la descrizione della wiki en ma neppure ti prendi il disturbo di arrivare a pagina 2. Io non me le leggo 67 pagine perchè presumo che il meccanismo di wikipedia EN impedisca a qualcuno di falsare a tal punto gli studi da non poterli definire buoni indicatori della "diversità etnica e culturale per paese.". IL secondo studio (in cui una sezione si intitola curiosamente DIVERSITA' ETNICA E CULTURALE PER PAESE) dice chiaramente

    « "Diventa immediatamente chiaro che (...) in molti casi non c'è una semplice risposta giusta alla domanda "Quali sono i gruppi etnici in questo Paese? (...) Prendiamo per esempio gli stati uniti. Quali sono i suoi gruppi etnici (o razziali( (or racial)? Rendiamo le cose più semplici restringendo l'attenzione a gruppi che siano almeno l'1% di popolazione di un paese. Se consultiamo le categorie ufficiali del censimento, abbiamo tre "razze" (races) - bianchi, afroamericani, ed asiatici - ed un gruppo aggiuntivo, ispanici, che il governo dichiara enfaticamente "non sia una razza". E' una lista corretta per gli stati Uniti? Perchè non distinguere ispanici in portoricani, cubani, messicani, e così via come per gli asiatici? perchè non distinguere tra arabi, irlandesi, italiani, tedeschi, e così via? e perchè dovremmo usare solo le categorie del censimento attuale quando censimenti precedenti individuavano categorie ben differenti? (...) Ogni definizione di gruppo etnico che dica indistintamente che "ispanico" sia un gruppo etnico negli stati uniti ma non lo sia "cubano americano" è prima facie implausibile" »
    • Ora, se queste analisi dei gruppi etnici sono finalizzate a calcolare lo sviluppo economico piuttosto che il colore delle carrozzerie delle macchine in un dato paese, mi spieghi in in che modo questo infici la validità dei dati sulla diversità etnica? Quelli sono la base necessaria a derivare il dato economico, non una derivazione. fai il bravo, non cercare di discutere "for the sake of it".
    • Io non ho affermato che non capisci le policy, ma che, giustamente, la policy dice di rivolgersi direttamente a studi (quando siano disponibili), piuttosto che ad articoli o libri che citino quegli studi. Ora,le tue fonti neppure citano nessuno studio (e quindi sarebbero da stralciare direttamente), ma anche se fosse, è sempre, giustamente, preferibile basarsi su studi che portino dati a sostegno delle loro tesi.
    • Sì, la Treccani, se dice che un aumento di 50 volte non si è mai visto in nessuna parte del mondo, afferma una cosa falsa perchè guardando i dati qua disponibili si superano le 50 volte. Non dico che non sia affidabile, ma che quel dato è sbagliato, e comunque, ti ripeto, io non ho mai tolto il periodo riguardo all'immigrazione massiccia.
    • Io dico che il tuo "prof universitario" sta solo affermando una cosa senza dati a sostegno. Mi domando: perchè se abbiamo degli studi attendibili ed autorevoli che riguardano la "diversità etnica" non dobbiamo usarli ma dobbiamo risolverci ad usare uno che lo dice come potrebbe dire qualsiasi altra cosa visto che non porta nessun dato a sostegno?
    • In secondo luogo, probabilmente, usa il termine "pluralità culturale" proprio per stare al riparo dalla mancanza di fonti, essendo la "pluralità culturale" un termine così generico ed evasivo che si possa eventualmente farlo aderire a qualsiasi contestazione eventuale (eh, ma io con pluralità culturale mica intendevo diversità etnica. eh, ma io mica intendevo multiculturalimso etc. etc.)
    • "citabili ancora a migliaia" io mi auguro non voglia dire che metti dentro a google "stati uniti"+"diversità etnica" e poi clicchi "libri"...non funziona così ignis, era per quello che senza malizia o sarcasmo ti chiedevo se avessi fatto scuole dopo quelle dell'obbligo.
    • Ovviamente questo riguarda solo la "diversità etnica", essendo il discorso del multiculturalimo ancora tutto un altro paio di maniche (la scuola di chicago nasce proprio perchè l'integrazione delle culture era difficoltosa ed utopica, mica perchè fossero tutti lì a ballare allegramente insieme), ma penso che a questo punto qualsiasi cosa si possa dire secondo te quella frase deve essere vera a tutti i costi...

    @X-dark, attenzione anche a non confondere "diversità etnica" con "multiculturalismo"...sono due cose diverse e che possono benissimo escludersi..quanto alla questione dell'università sul serio è una domanda solo in buona fede viste certe sicumere, tutto qua.

    --Pipino da verona (msg) 16:52, 24 nov 2013 (CET)

    Non sarò andato all'università, eppure mi hanno insegnato a diffidare da chi pretende di stabilire se una frase è vera o è falsa in termini assoluti. I dati sono solo numeri e assumono un significato solo con una interpretazione e un preciso punto di vista, non credo che ci sia bisogno di Trilussa per capirlo. Gli studi che sono stati citati (di Alesina et al e Fearon) sono rivolti all'ambito strettamente economico, parlano di frammentazione culturale e non hanno nulla a che vedere con quanto scritto in questa voce. L'introduzione dell'articolo di Fearon è chiarissima: "Does ethnic diversity lower a country's economic growth rate or level of public good provision, as Easterly and Levine (1997) and Alesina et al. (1997) claim? Are more ethnically divided states more civil war prone? Less (or more) likely to experience democratic transitions or stable democracy?" Ovviamente tutti questi ragionamenti mettono la Iugoslavia in testa rispetto agli Stati Uniti, dato che almeno negli ultimi decenni si sono verificati colpi di stato, collassi dell'economia e guerre civili solo in una di queste due nazioni. Usare questi studi però per sostenere che negli Stati Uniti non vi è una società multietnica e multiculturale è una bestialità, lasciate che ve lo scriva. X-Dark (msg) 20:23, 24 nov 2013 (CET)
    Ciao x-dark. Temo ci sia stato un faintendimento. Innanzitutto il mio commento riguardo all'università riguardava sia una "forma mentis", sia una constatazione di fatto. Ritenere una fonte autorevole solo in virtù dell'essere un "prof universitario" (sic), è fallace (al di là degli evidenti motivi tautologici) perchè la storia ci insegna che non significhi nulla: a partire da qua, per arrivare qui o qui..quindi non si trattava di sarcasmo o altro (come specificato) ma di pura curiosità. Il metodo accademico presuppone la citazione di fonti a sostegno delle proprie affermazioni, cosa che non fa nessuna delle fonti portate da Ignis (a differenza degli studi di cui sopra). Quanto alle statistiche, se rileggi con calma il mio intervento, vedrai che il fatto che gli studi mirino a determinare l'influenza economica della "diversità etnica" non influenza affatto la validità dei dati riguardo alla stessa, perchè i dati ne sono un presupposto, non una conseguenza. Una volta stabiliti i "livelli" di "diversità etnica", hanno calcolato l'impatto economico. Tutto qua.

    Se si vuole affermare che gli stati uniti siano "uno degli stati più...al mondo", è obbligatorio sostenerlo con delle fonti attendibili, nello specifico, fonti che portino dati a sostegno di questa affermazione, e non solo il fatto che affermino genericamente un certo "primato". Ti invito a rileggere le mie traduzioni ed intervento qua sopra e farmi sapere, a presto.--Pipino da verona (msg) 21:48, 24 nov 2013 (CET)

    Sei pregato di non inventarti regole a tuo uso e consumo. In wikipedia vale il principio di adeguatezza delle fonti (fonti autorevoli in relazione al soggetto trattato) e non è scritto da nessuna parte che una fonte deve citare le proprie fonti: quindi, una monografia di prof. universitario va benissimo, quindi la Treccani va benissimo; su un aspetto sociologico va preferita l'opinione di un sociologo e non di un economista che per ridurre tutto a numeri deve assumere degli assiomi e classifiche che in sociologia si fanno molto poco.--ignis scrivimi qui 09:09, 25 nov 2013 (CET)
    Ciao Ignis. Innanzitutto ti prego di voler rispondere alle mie considerazioni qua sopra riguardo ai tuoi rilievi. Dicevi che l'indice considerasse la diversità linguistica e non quella etnica, ti ho riportato la traduzione a pagina due che ti smentisce. Quanto al fatto che la lista sia stata compilata per poter calcolare il rapporto tra diversità etnica e ricadute economiche, ti ripeto (come da mia risposta alla quale non hai dato seguito) che non vedo come possa inficiare il valore dei dati. Per fare un esempio. "-La luna è fatta di formaggio. -Non è vero. -Come fai a dirlo? -Perchè quando hanno preparato le missioni Apollo hanno derivato la composizione del suolo lunare dai meteoriti. -Eh, ma lo scopo della missione era di mandare l'uomo sulla luna, mica di sapere di che cosa fosse fatta..." Capisci? In secondo luogo, non sarà scritto da nessuna parte che il tuo "prof. universitario" non vada bene (anche se non porta nessun dato a supporto di quel che dice e comunque parla di "pluralità culturale" e non "diversità etnica", che sono due cose parecchio diverse -una delle due per esempio non esiste e ne parla solo il tuo prof in tutto l'universo...)
    Comunque ti invito a fare una prova semplice. Metti dentro a google "Ethnic diversity by country", e poi dimmi con quale frequenza salti fuori lo studio "fearon" e con quale frequenza quello del tuo prof. Mi raccomando dimmi il risultato della ricerca.

    Ignis, non capisco questa tua ritrosia a non voler accettare la realtà. Come chiunque sia stato in America sa benissimo, al di fuori delle grandi metropoli, sono tutti bianchi e protestanti. Perchè ti devi impuntare a difendere l'indifendibile? Mi sembra che si voglia in tutti modi che la realtà corrisponda alla nostra frase evasiva e senza fonti piuttosto che scrivere una frase che aderisca la realtà supportata da dati...--Pipino da verona (msg) 09:44, 25 nov 2013 (CET)

    non ho prove da fare e il tutto concetto di "realtà" misurabile dai tuoi edit non mi interessa. Ti ho citato 4 fonti, 3 secondarie e 1 terziaria e molte altre te ne posso citare. Si può discutere quanto gli USA siano multiculturali nel senso di non omogeneizzare cultura diverse ma, stando alle fonti, non si può discutere che lo siano nel senso di luogo di incontro di culture diverse. Ridurre il tutto a bianchi e neri è riduttivo. Io e X-Dark, ti abbiamo spiegato cosa, nelle tue due fonti primarie, c'è che non va, se altri concorderanno con la tua posizione e ci spiegheranno perchè quelle due fonti primarie devono prevalere sul resto del mondo vedremo. --ignis scrivimi qui 10:05, 25 nov 2013 (CET)
    mi spieghi meglio il concetto delle grandi metropoli? cioè nelle grandi metropoli c'è multiculturalismo mentre non è così nel resto del paese? --ignis scrivimi qui 10:06, 25 nov 2013 (CET)
    Vedo che non hai risposto ai miei rilievi di ieri. Del resto se il tuo concetto di "discussione" è "non ho prove da fare e il tutto concetto di "realtà" misurabile dai tuoi edit non mi interessa" c'è ben poco da fare. Quindi tu stai dicendo che se tutto il mondo considera quegli studi affidabili indicatori della "diversità etnica" tu preferisci prendere una frase senza dati di un professore di trento? Non capisco inoltre il tuo riferimento al ridurre tutto bianchi e neri.
    Quanto alle grandi metropoli, è esattamente quello che ho detto, al di fuorì, il resto degli States è bianco e protestante, ovvio quindi che nelle scale non sia certo tra i primi stati. Vedo inoltre che confondi (per l'ennesima volta) "diversità etnica" (che è un dato oggettivo e quantificabile), con "multiculuralismo", (che è una specifica scuola di pensiero e si riferisce ad un dato culturale). Ti invito inoltre ad andare nella nostra voce multiculturalismo e cambiare la frase che recita "Gli Stati Uniti non hanno implementato politiche multiculturali", essendo evidente che la realtà debba piegarsi alla frasaccia che c'è scritta qui, piuttosto che il contrario. Io non contesto che ci sia stata grande immigrazione, dico che tutto il mondo considera gli studi che ti ho portato affidabili, tranne te. Poi non capisco il tuo modo di procedere, prima gli studi non vanno bene perchè secondo te limitati a questioni linguistiche, quando ti dimostro che non è così non rispondi ed affermi che comunque non vadano bene...insomma a prescindere, deve esserci sempre qualcosa che non va bene? Mi stai "tirando scemo" apposta? ;) Dai, ma giusto per curiosità, magari la mia cache inficia i risultati della mia ricerca, fammelo per cortesia in virtù del disegnino con le mani che si stringono, prova a vedere con "Ethnic diversity by country" su google con che frequenza risulti il prof di trento e con quale che questi studi, poi ne riparliamo
    ah no, dimenticavo, "non ti interessa".--Pipino da verona (msg) 10:23, 25 nov 2013 (CET)
    non ho capito a quali rilievi devo rispondere. Io ho solo visto l'ennesima reiteazione delle tue convinzioni (la Treccani sbaglia o addirittura il fatto che pluralità culturale viene usato per mascherare la mancanza di fonti) con una sicumera che mal si concilia con una enciclopedia compilativa. Per cui visto che siamo a un punto morto (mi riservo però di fare il sunto delle tue argomentazioni) non resta che attendere altri interventi. --ignis scrivimi qui 10:53, 25 nov 2013 (CET)
    (EDITATO) Guarda, facciamola semplice e procediamo con logica.
    Mi dici che cosa contesti agli studi per non ritenerne validi i dati riguardo alla diversità etnica?--Pipino da verona (msg) 11:28, 25 nov 2013 (CET)

    [ Rientro] E' stato scritto e riscritto mille volte: "If there are multiple plausible ways of listing a country's ethnic groups, we must be careful that we do not, in effect, choose the coding that best supports our theory, after the fact. Somalia was viewed by the Soviet ethnographers in 1960 as highly homogenous, a nation of ethnic Somalis sharing religion, language, and customs. This was a perfectly plausible coding then and it remains so today. Since the civil war of the 1990s, however, analysts seeking to explain poor prior economic growth or the war itself would be drawn to argue that Somalia is highly ethnically fractionalized along clan lines, and thus a good example of the proposition that ethnic heterogeneity causes poor economic performance and civil strife. Designating Somalia as highly fractionalized is not implausible either, whether for 1960 or 1990." In base a questi ragionamenti ovviamente la Somalia, l'Afganistan e la Iugoslavia finiscono in testa alle classiche, ma qualcuno ha la cortesia di spiegarmi cosa a che vedere questo con la diversità etnica e il multiculturalismo degli Stati Uniti? In questa voce ci riferiamo sopratutto al concetto di melting pot e al fatto che gli Stati Uniti hanno raccolto il maggior numero di migranti in passato e in epoche recenti. Per gli eventuali problemi di immigrazione e razzismo negli Stati Uniti c'è poi ampio spazio nella voce per discuterne (ma non con queste fonti). X-Dark (msg) 12:14, 25 nov 2013 (CET)

    (FUORI CRONO) "qualcuno ha la cortesia di spiegarmi cosa a che vedere questo con la diversità etnica e il multiculturalismo degli Stati Uniti?" Volentieri. La frase per cui ho chiesto delle fonti recita: "È una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo". Ti chiedo: ci sono degli studi con dati riguardo alla diversità etnica nei vari Paesi che permettano di sostenere quella frase? --Pipino da verona (msg) 12:52, 25 nov 2013 (CET)
    per rispondere a Pipino: ho dato un ulteriore scorsa alla fonte, nella scorsa non ho trovato nulla che smentisca la natura multiculturale degli States. Lo studio mi pare volgere a valutare quanto la spinta alla omogeneità (ad es. nella lingua) sia migliore da un punto di vista economico rispetto alla spinta al rispetto del multiculturalismo. Puoi quindi essere più preciso, a che pagina trovo gli elementi cruciali che ci servono? --ignis scrivimi qui 12:25, 25 nov 2013 (CET)
    Ignis, non hai riposto... La mia domanda è: "che cosa contesti agli studi per non ritenerne validi i dati riguardo alla diversità etnica?". Da lì, in base alla tua riposta, vediamo di capire il mio punto di vista ed il tuo ed eventualmente di dirimere la questione. --Pipino da verona (msg) 12:52, 25 nov 2013 (CET)
    mi pareva di avere risposto. Noi dobbiamo capire se gli USA possono essere definiti multietnici e multicuturali. Tu ti stai attaccando a due autori. Per adesso vediamo Alesi & co. "Ethnic Diversity and Economic Performance" è uno studio che non mi pare dica da nessuna parte che gli USA non siano multiculturali ma cerca di valutare quanto la spinta alla omogeneità (ad es. nella lingua) sia migliore da un punto di vista economico rispetto alla spinta al rispetto del multiculturalismo. Il secondo studio di Alesi che è quello al quale più ti attacchi senza, dichiari, averlo letto ma basandoti su en.wiki, non mi pare valutare affatto la multiculturalità ma va a classificare secondo una scala il grado di frazionamento linguistico, etnico e religioso (qui gli USA sono secondi in classifica), in base a questi fattura lo studio cerca di valutare i benefici effetti di un maggiore o minore frazionamento. Quindi che c'entra questo con la multiculturalità che le altre fonti riconoscono agli Stati Uniti? a che pagina di uno dei due studi di Alesi posso trovare la contestazione della multicuturalità degli USA? --ignis scrivimi qui 13:45, 25 nov 2013 (CET)
    Ignis, in primo luogo continui a confondere diversità etnica e multiculturalismo, spero di non dover sottolineare di nuovo cosa affermiamo in voce e l'ovvia differenza dei due termini. In secondo luogo, visto che i motivi della tua contrarietà alla valenza dei dati degli studi hanno cambiato 4 o 5 volte nel corso della discussione, ti chiedo solo per praticità: in base a cosa non ritieni validi i dati riguardo alla diversità etnica negli studi di cui alla pagina List of countries ranked by ethnic and cultural diversity level? Se me lo dici, poi passo a spiegarti punto per punto ed in caso ad aiutarti a leggerli senza tu ti debba lanciare in una ricerca intemerata in due testi per il resto chiarissimi (e citatissimi). E' una semplice domanda, se mi rispondi vediamo di uscirne :).--Pipino da verona (msg) 14:02, 25 nov 2013 (CET)
    Certo che esistono le fonti sulla multiculturalità degli Stati Uniti, ci sono i dati sui migranti delle Nazioni Unite, gli studi riportati dalla voce inglese e da ignis, i dati ufficiali dei censimenti riportati pure in voce. Visto che si continua con la stessa linea, allora adeguiamoci di conseguenza: "qualcuno ha la cortesia di spiegarmi come sono correlati gli studi citati nella en:List of countries ranked by ethnic and cultural diversity level con l'assenza di diversità etnica e del multiculturalismo degli Stati Uniti?" X-Dark (msg) 14:30, 25 nov 2013 (CET)
    Ciao X-dark, vedo che continui a confondere i piani. Io ho sempre e solo chiesto una fonte con dati che sostengano quello che affermiamo in voce, e cioè: "È una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo." Mi indichi uno studio con la diversità etnica per Paese che classifichi gli stati uniti tra "le nazioni più etnicamente diverse"? Il multiculturalismo lo affrontiamo dopo, visto che è così difficile ottenere semplici risposte a domande dirette. P.S. Nel frattempo ti invito a guardare cosa diciamo degli Stati Uniti alla voce multiculturalismo (è alla decima riga), così ci portiamo avanti...(attendo tua indicazione di uno studio con dati in accordo con quanto affermiamo in voce)--Pipino da verona (msg) 14:41, 25 nov 2013 (CET)
    (conflit.) io pensavo che tu contestassi il termine multiculturale, tu proprio contesti che gli USA siano una società multietnica. Ah beh! la voce in en.wiki non mi interessa, se loro usano fonti in maniera impropria non vedo perchè farlo anche qui. Mi soffermo nuovamente su due studi di Alesi: "Ethnic Diversity and Economic Performance" è uno studio che non mi pare dica da nessuna parte che gli USA non siano multietnici ma cerca di valutare quanto la spinta alla omogeneità (ad es. nella lingua) sia migliore da un punto di vista economico rispetto alla spinta al rispetto del multiculturalismo, in particolare è interessante notare che in questo studio si affermi esplicitamente che un mix etnico porta innovazione e creatività e The United States are the quintessential example of these two faces of racial relations in a “melting pot”. Quindi questo studio non nega la multietnicità ma anzi la conferma e cerca di stimarne gli effetti positivi in termini economici. Il secondo studio cerca di creare un tabella in base al frazionamento raziale, linguistico e religioso. Ad es. per la bolivia hanno guardato alla diverse etnie, per la svizzera hanno guardato alle diverse lingue parlate (francese, tedesco, italiano, ecc..). In pratica, a fini economici, hanno dettagliato il più possibile, il frazionamento di questi 3 elementi (razza, lingua, religione). Si badi che i 3 elementi sono 3 modi per valutare il frazionamento utile ai fini della valutazione economica. Ma soprattutto scopo dello studio non è misurare la "multitenicità" ma quanto "l'eterogeneità" influisca su crescita e altri aspetti. Ci consente questo di dire che gli Stati Uniti, prodotto di immigrazione da tutto il mondo, non siano una società multietnica? no, perchè gli USA sono il frutto dell'impatto delle culture estere senza che alcuna prevalesse e se oggi queste sono più olmologhe rispetto al passato questo non toglie che gli USA siano multietnici. In altri termini il fatto che nel 2013 negli USA questa eterogenità sia minore rispetto al passato o ad altri stati (ad es. Kosovo) non stravolge affatto il dato sociologico. Quindi ribadisco: prendere una studio economico, una sua singola tabella che non è il fine dello studio per tracciare una connotazione sociologica è come usare una ricetta di cucina per sostanziare un esperimento chimico. Le fonti sociologiche esistono e quella tabella cmq non nega la multietnicità degli USA. Attendo adesso di conoscere quali parti dello studio mostrano che gli USA non possono considerarsi una società multietnica --ignis scrivimi qui 14:51, 25 nov 2013 (CET)
    In primo luogo io non ho mai contestato siano una società multietnica, ho contestato siano, come affermiamo, "una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo". Comunque, questi qua sopra sono i motivi per cui contesti l'utilizzo dei dati di quegli studi? Se mi dici che man mano che te li confuto non ne aggiungerai altri procedo...--Pipino da verona (msg) 14:57, 25 nov 2013 (CET)

    Dici

    • "la voce in en.wiki non mi interessa, se loro usano fonti in maniera impropria non vedo perchè farlo anche qui.".
    Al di là dell'ironia di scrivere su wikipedia ma non considerare le altre affidabili, ti domando: anche il washington post usa fonti in maniera impropria? A revealing map of the world's most and least ethnically diverse countries.
    • "non mi pare dica da nessuna parte che gli USA non siano multietnici", no, infatti procede a creare una scala di diversità etnica di vari paesi, ed in questa scala gli stati uniti non risultano affatto "una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo". Quindi non nega che siano "multietnici" ma altrettanto non ne attesta un primato.
    • "in particolare è interessante notare che in questo studio si affermi esplicitamente che un mix etnico porta innovazione e creatività e The United States are the quintessential example of these two faces of racial relations in a “melting pot”. Quindi questo studio non nega la multietnicità ma anzi la conferma e cerca di stimarne gli effetti positivi in termini economici."
    Verrebbe da dire, e chi l'ha mai negato? Bello comunque che tronchi il periodo a metà, prosegue infatti dicendo "While much evidence points toward the problem of racial heterogeneity in US cities, the racially mixed and racially troubled New York City and Los Angeles are constant producers of innovation in the arts and business." Quindi, semmai, esplicitando che "l'evidenza indica il problema dell'eterogeneità razziale nelle città degli stati uniti, ma, le "razzialemente" problematiche new york e los angeles sono costanti apportatrici di innovazioni nelle arti e negli affari". Come questo costituisca una prova che gli Stati Uniti siano "una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo" mi sfugge, anzi semmai conferma quel che dicevo riguardo alla ghettizzazione visibile a chiunque sia stato negli states e che anche questo studio deve parlare di due metropoli per trovare diversità etnica, esattamente quello che ho sempre detto. Comunque proseguiamo.
    • "Ci consente questo di dire che gli Stati Uniti, prodotto di immigrazione da tutto il mondo, non siano una società multietnica? "
    E anche questo chi l'ha mai affermato? Io contesto la nostra frase attribuisce un posizionamento tra le "nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo" che non corrisponde alla realtà. Riguardo a immigrazione non ho mai eccepito nulla come puoi ben vedere dalla crono della voce.
    • "prendere una studio economico, una sua singola tabella che non è il fine dello studio per tracciare una connotazione sociologica è come usare una ricetta di cucina per sostanziare un esperimento chimico."
    Ribadisco anche io. Parliamo per metafore così forse capisci dove stia la fallacia del tuo ragionamento. come ti avevo già scritto "-La luna è fatta di formaggio. -Non è vero. -Come fai a dirlo? -Perchè quando hanno preparato le missioni Apollo hanno derivato la composizione del suolo lunare dai meteoriti. -Eh, ma lo scopo della missione era di mandare l'uomo sulla luna, mica di sapere di che cosa fosse fatta...". Chiaro? Lo studio voleva determinare alcune cose, e per farlo prima ha giustamente dovuto stilare una lista dei paesi in base alle differenze. Come questo ne infici i dati, non capisco.
    • Vedo che hai saltato a piè pari il secondo studio, forse per sbaglio forse no, in ogni caso il più recente, citato ed influente e guarda caso intitolato "Ethnic and cultural diversity by Country". Anche questo non c'entra nulla con la frase che riportiamo in voce? nello studio questo Fearon "present a list of 822 ethnic groups in 160 countries that made up at least 1 percent of the country population in the early 1990s. I compare a measure of ethnic fractionalization based on this list with the most commonly used measure. I also construct an index of cultural fractionalization that uses the structural distance between languages as a proxy for the cultural distance between groups in a country". Devo tradurre?
    • Quindi abbiamo due possibili fonti. Una, un libro di un professore di trento che in una pagina dice che negli stati uniti c'è "pluralità culturale" (bada bene, non diversità etnica ne tantomeno multiculturalismo), non citato da nessuno studio (e ci mancherebbe, grazie a dio). Poi abbiamo uno studio sulla diversità etnica e culturale sottoposto a peer review e citato in oltre 700 studi successivi, che certo riguarderà
    « "Does ethnic diversity lower a country's economic growth rate or level of public good provision, as Easterly and Levine (1997) and Alesina et al. (1997) claim? Are more ethnically divided states more civil war prone? Less (or more) likely to experience democratic transitions or stable democracy? More likely to have highly fractionalized party systems if they are democratic? What factors differentiate ethnic groups that rebel or have secessionist movements from those that do not? What differentiates the ethnic groups whose members mobilize in the political sphere from those that remain ``latent? »

    , ma ATTENZIONE, altresì per rispondere a queste domande cosa fa?

    « "Empirical efforts to answer any of these questions require that we collect data on ethnic groups in different countries, and before any such data is collected, we need a list or sample of ethnic groups for some set of countries. This paper discusses conceptual and practical problems involved in constructing a cross-national list of ethnic groups (Sections 2 and 3) and then presents the results of an effort to carry out the task (Sections 4±8). Restricting attention to groups that had at least 1 percent of country population in the 1990s, I identify 822 ethnic and ``ethnoreligious groups in 160 countries." »
    • E neppure in questa lista gli stati uniti ne escono come una delle "nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo". Quindi, o si riformula la frase in accordo ai dati, o non si può lasciare una bugia. Qual'è il problema, non capisco, sinceramente mi sembra una tempesta in un bicchier d'acqua, riformulate la frase in accordo ai dati oppure cambiatela in modo da non attribuire falsi primati. Non mi sembra di chiedere chissà che. Si vuole sottolineare ci siano tante persone di tante nazionalità? Benissimo, è vero, ci sono i dati del censimento che si possono usare. Fatelo, ma senza inventare primati con frasi evasive e campate per aria. Non lasciamo una bugia per favore.--Pipino da verona (msg) 15:55, 25 nov 2013 (CET)
    (fc) Io ho detto la mia, tu la tua vediamo che dicono gli altri. In breve:
    1. nessun wikipedia è affidabile nel senso che può essere usata come fonte di altra wikipedia: rileggiti le policy sulle fonti. Ed esiste un preciso disclaimer in merito. Circa il washinton post interessante notare che le fonti non accademiche vanno bene quando sembrano supportare il tuo punto di vista. La mappa riprende lo studio di Alesi già detto.
    2. Lo studio come detto va a valutare l'omegeneità in base a razza, lingua, religione e quanto questa incida sui dati economici
    3. Non puoi usare due tabelle funzionali a studi economici per dare una caratterizzazione sociologica e storica che va quindi poggiata su altre fonti
    ecc... ecc.. Vediamo che dicono eventuali altri utenti. --ignis scrivimi qui 16:20, 25 nov 2013 (CET)

    Basta così, sulla voce non si attribuisce agli USA alcun primato, è semplicemente scritto "una delle nazioni più etnicamente diverse e multiculturali al mondo, prodotto di larga scala dell'immigrazione da molti paesi", fatto corroborato dai dati dei censimenti ufficiali e delle Nazioni Unite. Si è partiti da questa voce "è una versione per bambini o sia tradotta da qualche opuscolo "propaganda in cinque minuti"". Si è continuato con il fatto che "la "pluralità culturale" un termine così generico ed evasivo che si possa eventualmente farlo aderire a qualsiasi contestazione eventuale". Certo, invece i termini multietnico e multiculturale non sono generici, sono così tanto specifici, scientifici e stringenti che come attestano le stesse fonti riportate una volta la Somalia non era considerata multietnica mentre adesso lo è improvvisamente diventata. Poi si è finito con rimarcare l'assenza di lauree e della conoscenza dell'inglese degli interlocutori. Basta così. Wikipedia non è il palco da cui lanciare i propri comizi, né tanto meno un forum di discussione, per cui pur con tutta la volontà di collaborazione:

    Crystal help index.png
    Crystal help index.png
    Wikipedia non è un forum di discussione!
    Consulta la pagina Esplorare Wikipedia o fai una ricerca direttamente sull'enciclopedia. Se hai una domanda da porre non riguardante il funzionamento di Wikipedia, chiedi all'Oracolo. Se non troverai una voce che appaghi la tua curiosità, prima o poi potresti contribuire scrivendola tu! Grazie.

    X-Dark (msg) 16:16, 25 nov 2013 (CET)

    quoto --ignis scrivimi qui 16:20, 25 nov 2013 (CET)

    Taglio[modifica wikitesto]

    Bene, su questo punto non c'è accordo, lasciamo una frase evasiva intanto, anche se ribadisco sia fuorviante a dir poco. Procediamo.
    Perchè è stato cancellato il periodo <
    « "Il processo di pulizia etnica[1] culminò nel 1830 con l'approvazione dell'Indian removal Act (Legge di rimozione degli Indiani)[2], che fornì la base legale per le deportazioni ed il confinamento in riserve dei nativi americani. " »

    invece che spostarlo sotto il paragrafo che parla dei nativi americani?

    --Pipino da verona (msg) 16:23, 25 nov 2013 (CET)

    i motivi del perchè non va in incipit ti sono stati spiegato sopra da X-Dark. Se vuoi mettere la cosa nel corpo della voce (da alcuni l'espansione è stata vista come un processo di pulizia etnica ..per il motivo X e Y) puoi farlo. Ovviamente stante la gravità della affermazione e la tua attenzione per le fonti accademiche mi aspetto la citazione di fonti peer review. --ignis scrivimi qui 16:30, 25 nov 2013 (CET)
    Ovviamente saprai che il processo di peer review si applica alla pubblicazione di dati originali, non in storiografia, la cui autorità si basa sullo studio dei documenti originali "prodotti dal popolo in quel periodo". Quindi ci sta dire chi ritiene si possa chiamare "pulizia etnica", mi domando solo perchè piuttosto che essere espunto non sia stato direttamente spostato. Ad ogni modo procedo. --Pipino da verona (msg) 16:39, 25 nov 2013 (CET)
    cioè, i journal di storia non hanno peer review? Ti sbagli. --ignis scrivimi qui 16:56, 25 nov 2013 (CET)
    Hai ragione, ho detto una castroneria. Pensavo alla centralità in ambito matematico, fisico, medico, essendo il lavoro storico originale valutabile sulla base delle fonti eventualmente nuove e "trovate". Ad ogni modo, procediamo con l'altro punto delle mie modifiche che è stato annullato. Perchè si può parlare della fine della schiavitù ma non della fine della segregazione razziale? tra l'altro con fonte dalla Library of Congress (quindi tutto fuorchè pov o "controverso")??

    Nel 1861 scoppiò quella che viene definita Guerra civile americana, conclusa nel 1865 con l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti, tuttavia un regime di segregazione razziale è rimasto in vigore fino alla seconda metà del XX secolo (1960 ca.)[1].

    --Pipino da verona (msg) 17:47, 25 nov 2013 (CET)

    perchè è OT. Il topic è la guerra civile americana e non lo status degli afroamericani in america che se interessante come argomento può essere trattato in paragrafo ad hoc o addirittura in una voce ad hoc --ignis scrivimi qui 17:51, 25 nov 2013 (CET)
    Beh ma scusa, ti sembra normale che in incipit non risulti da nessuna parte che la segregazione è stata legalmente attuata fino ai '50?? (quanto a ragionamenti tocqueville e hitler su marce forzate, non avevo visto la nostra avesse solo nome rock band...va beh provvederò a crearla anche se un po' mi spiace.) Ripeto, è normale nessun accenno alla segregazione nell'incipit? Nella voce sudafrica è alla settima riga. Non voglio accomunare i due paesi, ma non mi sembra neppure di fornire una versione npov non facendone menzione, in più la nota rimanda alla Library of Congress, sul serio, non capisco--Pipino da verona (msg) 18:06, 25 nov 2013 (CET)
    a me sembra normale che l'incipit assuma brevemente la sintesi della voce dando i tratti salienti dello Stato e lasciano al corpo della voce quelli che hanno bisogno di essere spiegati per complessità e rilievo. Per il sudafrica certamente l'apartheid ne è stato tratto saliente e va messo in incipit, per gli USA no. --ignis scrivimi qui 18:30, 25 nov 2013 (CET)
    Si però in quattro righe passiamo dal 1800 alla prima guerra mondiale, ed inoltre non trovo il riferimento alla segregazione razziale da nessuna parte: non viene detto che è rimasta in atto fino al alla seconda metà del XX secolo. Come tu possa definirlo un tratto non saliente (visto che oggi, pur essendo il 13% della popolazione i neri sono il 40% dei detenuti, vuol dire che dopo aver smesso di segregarli 50 anni fa adesso li stanno rinchiudendo nelle gabbie). Ad ogni modo aprirò richiesta di pareri sulla voce e vedo se altri utenti di wikipedia pensano non debba comparire il dato sulla segregazione fino agli anni 50, anche perchè sinceramente se fosse così ve la lascio volentieri. A presto--Pipino da verona (msg) 18:47, 25 nov 2013 (CET)

    Se quelle persone di colore sono in carcere, è evidentemente perché hanno commesso dei reati, non perché qualcuno li voglia "tenere in gabbia". Lo stesso presidente attuale degli Stati Uniti poi è di colore, quindi non mi pare proprio si possa parlare di discriminazione. Mi sembra giusto che i commenti di puro stampo ideologico non trovino posto in un enciclopedia che si rispetti. - Zorobabele

    BANDIERA?[modifica wikitesto]

    La bandiera è errata.. non riesco a modificarla.. potete rimettere quella stelle\strisce?

    grazie

    saluti

    Mappa demografia aggiornata[modifica wikitesto]

    La mappa della discendenza etnica è molto antiquata (del 2000) visti i grossi cambiamenti che hanno interessato la demografia statunitense. Non so come fare ad inserire immagini, comunque qui (http://coopercenterdemographics.files.wordpress.com/2013/10/including-unreported1.jpg) c'è una mappa sempre del US Census Bureau (come quella che già c'è, quindi fonte ufficiale) del 2010... per chi volesse e potesse inserirla!

    STATI UNITI D'AMERICA[modifica wikitesto]

    Gli ebrei sono inseriti nella voce "etnie" insieme a francesi, polacchi, tedeschi ecc., come se non esistessero ebrei francesi, ebrei polacchi o tedeschi. Gli ebrei sono un gruppo culturale che può essere inserito nella voce "religioni". Peraltro, neppure i francesi e i polacchi sono etnie ma persone provenienti da Paesi, nazioni. Infatti, all'interno di queste nazioni convivono gruppi cultuali ed etnici diversi.

    Definizioni diverse[modifica wikitesto]

    Le parole hanno definizioni diverse in modo che non è improprio chiamare il paese dell'America, come viene spesso chiamato. Ad esempio, Europa si riferisce anche ad una principessa della mitologia greca. CavalloV (msg) 22:17, 25 mar 2015 (CET)

    è com dire che il Canada non è per l'appunto in America.. --95.226.191.194 (msg) 22:26, 25 mar 2015 (CET)
    È un vandalo che infesta questa pagina da tempo, blocco a vista. --Vito (msg) 23:02, 25 mar 2015 (CET)

    classifica dei paesi in ordine di dimensioni[modifica wikitesto]

    Viene riportato che gli USA sono il quarto paese più grande al mondo e la Cina il terzo, ma dai dati sulla superficie totale dei due paesi risulta essere il contrario. Quale delle sue informazioni è sbagliata?

    Ispanici[modifica wikitesto]

    scusate magli americani di origine spagnola sono10 milioni.,gli spagnoli sono sia europei che ispanici gli americani di origine spangola sono 10 miliono no n 103 mila Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.70.23.54 (discussioni · contributi) .

    ho modificato le origine ispaniche sono 10 milioni gli spagnli ifdatevi essi sono sia europei che ispnici in nuovo messico texas californai ci sono i discendenti degli spagnoli Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.70.100.93 (discussioni · contributi) .
    Gli ispanici non sono spagnoli, come Rudolph Giuliani o Stefani Joanne Angelina Germanotta non sono italiani, ma italoamericani, inoltre, stando alla fonte che noi citiamo, gli ispanici sono molti di più, circa 50 milioni. X-Dark (msg) 00:15, 26 dic 2015 (CET)
    si ma gli americani di origine spagnola sono 10 milioni non 103 mila scusami prima gli usa erano anche colonie spagnole otlre che inglesi gli inglesi wasp sono i padri fondatori, in un ceto senso gli spagnoli sono i padri fondatori del sudovest ;)
    Se però ragionassimo in questo modo allora saremmo tutti africani, hai letto comunque il paragrafo successivo della voce? X-Dark (msg) 13:13, 26 dic 2015 (CET)
    io ho letto su bianchi americnai che gli spanish american sono 10 milioni gli spagnoli sta scritto anche su spanish american in usa mentre gli ispanici 50 milioni non cancellare il mio comemnto x favore
    gli spanaird american sono 10 milioni, di cui 25 della nuova spagna per i latinos hai detto bene c'è differeza fra ispanci e latino.