Discussione:Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crystal Clear app ksirtet.pngQuesta voce rientra tra gli argomenti trattati dal progetto tematico sottoindicato.
Puoi consultare le discussioni in corso, aprirne una nuova o segnalarne una avviata qui.
Capitello modanatura mo 01.svgStoria
Monitoraggio non fatto.svg
ncNessuna informazione sull'accuratezza dei contenuti. (che significa?)
ncNessuna informazione sulla scrittura. (che significa?)
ncNessuna informazione sulla presenza di fonti. (che significa?)
ncNessuna informazione sulla presenza di immagini o altri supporti grafici. (che significa?)

Ciao scusa, dovendo effettuare una tesi di laurea su questo argomento, mi sarebbe di grandissimo aiuto se tu riuscissi a dirmi da quale fonte hai estrapolato le seguenti informazioni, in particolar modo la parte che ho evidenziato in grassetto. Ti ringrazio molto, spero tu possa rispondermi in fretta:

il servizio svolto dai miliziani della MVSN fino al grado di caposquadra (che corrisponde grosso modo a quello di sergente) non era di carattere continuativo, ma si basava su delle chiamate periodiche, in genere in vista di particolari eventi o per ragioni addestrative. La mobilitazione generale era di esclusiva competenza di Mussolini. Con l'arruolamento, diveniva obbligatoria l'iscrizione al Partito Nazionale Fascista e l'adozione del saluto romano.

Scusa ma la corrispondenza dei Gradi e il rapporto delle denominazioni dei reparti ci sono diversi errori --82.51.150.1 20:49, 17 nov 2006 (CET)

e perché allora non li correggi? -- .mau. ✉ 21:28, 17 nov 2006 (CET)
ciao .mau. secondo me le due pagine non andrebbero unite per le seguenti motivazioni:
  • 1 Camicie Nere Era un modo con il quale venivano definiti tutti gli appartenenti alla MVSN
  • 2 Camicia Nera è cmq un grado dell' MVSN, e come ad esempio Sergente Maggiore potrebbe continuare ad avere una pagina tutta sua

che ne pensi? ciao Nickel Chromo 14:26, 20 nov 2006 (CET)

premesso che non sono un grande esperto di storia fascista e quindi posso dire castronerie, io credo che in genere se uno parla di Camicia Nera pensa all'appartenente alla MVSN, non ai particolari appartenenti con il grado di camicia nera. Quindi vedrei meglio unire le informazioni attuali in MVSN, e lasciare camicia nera come pagina relativa al grado con però una nota disambigua in testa che dicesse "se sei interessato a tutta la milizia, vedi MVSN".
-- .mau. ✉ 15:07, 20 nov 2006 (CET)
Concordo! allora facciamo così?... metterei o nota disambigua a Camicie Nere o il redirect di quest'ultima a milizia (la seconda ipotesi mi sembra la migliore), mentre toglierei l'attuale redirect a Camicia Nera e trasformiamo in pagina per il grado con la nota disambigua da te proposta Nickel Chromo 22:27, 20 nov 2006 (CET)
ok per il redirect dal plurale e la nota disamb per il singolare, mi sembra la soluzione più chiara. Fai tu? -- .mau. ✉ 22:32, 20 nov 2006 (CET)
E' una voce non neutrale!!! Non si può presentare la milizia come un qualunque corpo militare, visti i crimini commessi che vanno al di là di quelli "comuni" relativi ad una guerra. In poche parole: chi se la sente di aggiungere i fatti gravi e documentati che hanno coinvolto la milizia durante la guerra di liberazione dal nazifascimo? E le loro numerose repressioni codarde ed antidemocratiche ai danni di civili?

Non c'è un errore ?[modifica wikitesto]

Con la frase rispondeva solo al Presidente del Consiglio c'è un legame verso Presidente del Consiglio dei Ministri, non si tratta invece del presidente del gran consiglio fascista Pramzan 14:10, 18 ott 2007 (CEST)

fonti[modifica wikitesto]

Ciao scusa, dovendo effettuare una tesi di laurea su questo argomento, mi sarebbe di grandissimo aiuto se tu riuscissi a dirmi da quale fonte hai estrapolato le seguenti informazioni, in particolar modo la parte che ho evidenziato in grassetto. Ti ringrazio molto, spero tu possa rispondermi in fretta:

il servizio svolto dai miliziani della MVSN fino al grado di caposquadra (che corrisponde grosso modo a quello di sergente) non era di carattere continuativo, ma si basava su delle chiamate periodiche, in genere in vista di particolari eventi o per ragioni addestrative. La mobilitazione generale era di esclusiva competenza di Mussolini. Con l'arruolamento, diveniva obbligatoria l'iscrizione al Partito Nazionale Fascista e l'adozione del saluto romano.

176a Legione[modifica wikitesto]

Qasnto scritto sulla 176a legione non corrisponderebbe al vero: Emilio Lussi, filoriuscito antifascista livoroso c inacidito anche per il passaggio al P. N. dei migliori elementi del Partito sardo d'azione, nel suo pamphlet Marcia su Romu e dinlorni, pubblicalu in esilio a Parigi nel 1930, giunse d scrivere una serie di fanfaluche sulla 176a, una più inventata dell'altra, che riportiamo a puro titolo di curiosità: secondo il fuoriuscito sardo, la legione sarebbe stata reclutata all cstcrno dcl partito fascista, vista la prcsunta scarsità di fascisti nell'isola (ci si ricordi come non ci si potesse iscrivere alla M.V.S.N senza la Lessera del Parlito, ndA), ed anzi era servila come mezzo propagandistico per aggregare in al nascente regime delle simpatie. Per ottenere un buon numero di reclute tra i numerosi reduci della prima guerra mondiale senza impicgo cra stata promcssa una paga di 17 lirc al giorno (contro le 7 dei militari ottenendo quindi un buon numero di adesioni; poi l'unità era stata portala in Africa settentrionale dopo un troppo breve periodo di addestramento e, al momento del primo incontro con il nemico, constatato che la paga percepita era di sole 7 lire e non 17 come promesso, si era nientemeno chce ammutinata. Stando al pamphlet dcl Tussi, gli ufficiali avevano completamente perso il polso della situazione e solo l'intervento delle unità del Regio Esercito volse a ripristinare una parvenza di ordine. Ld lesione venne quindi ripartita in centurie presso altri reparti, e reimbarcata verso la Sardegna poco dopo, dove venne sciolta in maniera ingloriosa, Come si è visto csaminando lc operazioni svolto dai lcgionari sardi, si tratta solo di invenzioni prive di alcun riscontro nella realtà, fatte in malafede da un fuoriuscito rancoroso verso il Regime Fascista per un pubblico della stessa estrazione politica, avida di quello che oggi si definirebbero fake news antifasciste, ma che ancor oggi vengono prese per buone da certi ambienti pur nella totale assurdità Q1683402192 (msg) 16:16, 15 gen 2018 (CET)

La fonte è Pierluigi Romeo di Colloredo Mels, Camicia Nera! pp 39-41 Q1683402192 (msg) 16:23, 15 gen 2018 (CET)

Collegamenti esterni modificati[modifica wikitesto]

Gentili utenti,

ho appena modificato 1 collegamento/i esterno/i sulla pagina Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale. Per cortesia controllate la mia modifica. Se avete qualche domanda o se fosse necessario far sì che il bot ignori i link o l'intera pagina, date un'occhiata a queste FAQ. Ho effettuato le seguenti modifiche:

Fate riferimento alle FAQ per informazioni su come correggere gli errori del bot

Saluti.—InternetArchiveBot (Segnala un errore) 03:51, 26 mar 2018 (CEST)

MVSN questione Partito/Stato[modifica wikitesto]

Salve a tutti,

mi è caduto l'occhio su questo passaggio della voce che ho trovato piuttosto fuorviante (paragrafo origini e costituzione)

"Contrariamente a quanto spesso si è sostenuto, più o meno in buona fede, non fu Milizia di partito, ma dello Stato, come si vide all’indomani del 25 luglio 1943, quando i militi sostituirono i fasci sulle fiamme con le stellette[1]."

A parte il dire "più o meno in buona fede" senza citare eventuali autori, che non mi sembra essere un tono molto adatto ad un'enciclopedia, affermare che la MVSN ,diretta discendente dello squadrismo fascista, sia stata esclusivamente una milizia di Stato sfiora il falso storico ed è oltretutto in contraddizione con quanto affermato in altre parti della voce..

A mio giudizio bisognerebbe precisare che la MVSN entra a pieno titolo in quel processo di "statalizzazione" degli organi di partito (come accadde ad es. al Gran Consiglio del fascismo) seguito alla presa del potere del fascismo nel 1922, che tuttavia non cancellava il loro carattere originario di espressione del PNF, ed anzi accentuava la trasformazione in senso fascista dello Stato stesso.

L'affermazione seguente ("come si vide all’indomani del 25 luglio 1943, quando i militi sostituirono i fasci sulle fiamme con le stellette") è addirittura più inadatta della precedente, in quanto lascia intendere un elemento di volontarietà della milizia stessa, quando in realtà dopo il 25 luglio tutti i simboli del regime fascista vennero dismessi per ordini superiori in quanto il regime non c'era appunto più.

Oltretutto la nota che dovrebbe fornire maggiori delucidazioni su queste affermazioni rimanda ad un semplice organigramma dell'esercito che non mi pare faccia molta chiarezza sulla questione.

Spero di esservi stato d'aiuto,

Michele Tommasi