Discussione:Diffamazione (ordinamento penale italiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crystal Clear app ksirtet.png Questa voce rientra tra gli argomenti trattati dal progetto tematico sottoindicato.
Puoi consultare le discussioni in corso, aprirne una nuova o segnalarne una avviata qui.
Open book 01.png Diritto
Monitoraggio incompleto.svg
A Voce adeguatamente accurata. Tutti gli aspetti principali del tema sono affrontati con la dovuta profondità. Il tema è stabile e non dovrebbe necessitare di aggiornamenti futuri. (che significa?)
A Voce scritta in buon italiano e con buono stile. Sintassi e lessico adeguati, linguaggio chiaro e scorrevole, con uso attento di termini specifici. Strutturazione in paragrafi soddisfacente. (che significa?)
B Lievi problemi relativi alla verificabilità della voce. Un aspetto del tema non è adeguatamente supportato da fonti attendibili. Alcune fonti andrebbero sostituite con altre più autorevoli. Il tema non è stabile e potrebbe in breve necessitare di aggiornamenti. (che significa?)
nc Nessuna informazione sulla presenza di immagini o altri supporti grafici. (che significa?)
Monitoraggio effettuato nel settembre 2010


E la calunnia?[modifica wikitesto]

Visto che per la calunnia c'e' il redirect alla diffamazione queste due vengono a coincidere ? In caso affermativo andrebbe inserito esplicitamente, io non mi arrischio per ignoranza. --Armando Edera 22:58, 28 ago 2006 (CEST)

mi sembra che sia assolutamente errato assimilare diffamazione e calunnia, visto che quest'ultima è un delitto non contro la persona, ma contro l'amministrazione della giustizia, tanto che è perseguibile d'ufficio e non a querela.

Calunnia (368 CP) e diffamazione (595 CP)[modifica wikitesto]

E' sbagliato accostare queste due figure delittuose. Due diversi reati, due diversi articoli, due diversi titoli del codice. La prima è, come diceva qualcuno prima di me, previsto nel titolo dei delitti contro l'amministrazione della giustizia; la seconda nel titolo dei delitti contro la persona. La prima è perseguibile d'ufficio, la seconda su querela di parte. Diversi sono i soggetti passivi e i comportamenti puniti. Se divento un po' più esperto magari scrivo una voce sulla calunnia. Ciao, Francesco.

Differenze rispetto al sistema anglosassone[modifica wikitesto]

Secondo me varrebbe la pena far notare la radicale differenza che esiste tra la diffamazione in Italia e reati analoghi per esempio negli USA. (vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Defamation ) Sostanzialmente negli USA la diffamazione è "the communication of a statement that makes a false claim, expressively stated or implied to be factual, that may harm the reputation of an individual, business, product, group, government or nation" ovvero dire qualcosa di FALSO e di dannoso per la reputazione altrui, spacciandolo per un dato di fatto. Chi dice il vero, o esprime opinioni personali, non fatti, non può essere condannato per diffamazione.

In Italia invece la diffamazione è una dichiarazione che lede l'onore altrui, a prescindere dalla verità. Ovvero è possibile essere condannati per diffamazione anche se si dice il vero su qualcuno, se il giudice ritiene che i modi non siano stati appropriati, che non ci fosse interesse pubblico nel conoscere la notizia ecc. ecc. (non sono laureato in legge quindi chiedo a chi è più esperto di me di correggermi / illuminarmi).

Maliziosamente si potrebbe dire che in Italia non esiste neanche formalmente la libertà di espressione... ma wikipedia non è un blog quindi non divago. Penso però che questa differenza sia abbastanza significativa da meritare una menzione; prima di informarmi sull'argomento ero convintissimo che dire la verità non potesse mai essere 'diffamazione' e invece pare proprio che non sia così. --Lupo (msg) 15:29, 13 mag 2008 (CEST)

Ho attinto da questo intervento per la sezione relativa al diritto U.S.A della voce--Mizar (ζ Ursae Maioris) (msg) 09:26, 10 feb 2011 (CET)

Ma la verità?[modifica wikitesto]

Leggendo questa voce, però, sembra che solo i giornalisti possano scampare le accuse di diffamazione ricorrendo al diritto di cronaca. Se la diffamazione è la lesione dell' onore o della reputazione di qualcuno operata comunicando con terze persone, uno non può più dire nulla, anche se corrispondente a verità? Se io, che non sono giornalista, dico a delle persone che un particolare individuo ha commesso delle azioni riprovevoli, detenendo le prove o, quantomeno, avendo la capacità di dimostrare le mie affermazioni, sono comunque tacciabile di diffamazione, visto che quanto dico lede la reputazione di quel particolare individuo? Credo di no, ma dalla pagina questa cosa non viene fuori. Oppure mi sbaglio?Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 85.18.14.41 (discussioni · contributi) .

una querela per diffamazione,prevede anche un risarcimento....??? come si fa a scagionare,una persona querelata per diffamazione nei confronti di un'altra persona....??

Purtroppo nel diritto italiano vige il principio che di regola vige l'Esclusione della prova liberatoria e solo in casi determinati (vedi il diritto di creonache riconosciuto però solo ai giornalisti. Negli altri paesi la situazione è ben diversa.--Mizar (ζ Ursae Maioris) (msg) 09:16, 10 feb 2011 (CET)

Una voce Diffamazione[modifica wikitesto]

Qualche breve cenno sulla diffamazione nei vari paesi comincia ad essere delineata. E' forse troppo presto per trasformare Diffamazione ((diritto italiano) nella voce Diffamazione tout court ma quello è l'obiettivo--Mizar (ζ Ursae Maioris) (msg) 09:30, 10 feb 2011 (CET)

Gli inserimenti del 5 marzo del 2011 sono, per buona parte tratti da una voce Querela della persona offesa ed estinzione del processo a cui aveva contribuito l'utente:Praticante--Mizar (ζ Ursae Maioris) (msg) 11:07, 6 mar 2011 (CET)