Discorso sullo stato dell'Unione (Stati Uniti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il discorso sullo stato dell'unione tenuto da Barack Obama nel 2011

Il discorso sullo stato dell'Unione è una relazione tenuta dal presidente degli Stati Uniti d'America in fronte al congresso convocato a sezioni unite, in genere con frequenza annuale.

In tale discorso il presidente descrive sia le condizioni generali della nazione sotto un profilo sociale, economico e politico, sia l'agenda governativa corrente, i progetti per il futuro e le priorità.[1]

Il discorso è tenuto sulla base dell'articolo II, terza sezione, della Costituzione degli Stati Uniti d'America, che richiede al presidente di riferire al congresso lo "stato dell'unione"[2] e le misure che crede sia necessario prendere.

Durante il primo secolo di esistenza dell'unione, i presidenti degli Stati Uniti hanno in genere inviato un rapporto scritto al congresso. Con l'avvento dei mezzi di comunicazione di massa, in particolare radio e televisione, il discorso ha iniziato a essere trasmesso in diretta anche al pubblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ben's Guide to U.S. Government, United States Government Printing Office.
  2. ^ L'uso del minuscolo è previsto anche nella moderna forma anglosassone

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]