Discordianesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Discordianesimo è una religione satirica[1] o parodistica incentrata sul culto di Eris, dea Greca del caos nota ai latini come Discordia e fondata nel 1957 da Greg Hill. La religione parte dall'idea che il caos sia tutto ciò che esiste, e che sia il disordine sia l'ordine siano illusioni imposte su di esso. A queste ci si riferisce, rispettivamente, come alle illusioni Eristiche ed Aneristiche.

Si tratta in definitiva di un gioco goliardico che non ha alcun intento di perseguire una qualche "verità rivelata" o di rapporto con la spiritualità intesa come "natura trascendente" e non intende offendere o denigrare in nessun modo l'autentico spirito di ricerca del Sacro dell'uomo.

È stato chiamato "Zen per occidentali", sulla base delle similarità con le interpretazioni assurdiste della scuola di Rinzai. Il Discordianesimo riconosce il caos, la discordia ed il dissenso come qualità valide e desiderabili, in contrasto con la maggior parte delle religioni, che idealizzano l'armonia e l'ordine.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Discordianesimo è stato fondato nel 1959 (o forse nel 1958) da Gregory Hill (con gli pseudonimi di Malaclypse il Giovane o Mal-2 o L'omnibenevolo polipadre della verginità in oro o OPOVIG, The Omnibenevolent Polyfather of Virginity in Gold) e Kerry Thornley (chiamato anche Lord Omar Khayyam Ravenhurst). I Principia Discordia di Hill sono il documento fondante del Discordianesimo. Hill ha dichiarato di essersi rifatto ad un immaginario testo precedente, L'Onesto Libro della Verità, che sarebbe stato preso da un raccoglitore d'immondizia, secondo una citazione a pagina 00030 del Principia. L'intento dissacrante della religione discordiana ha preso le forme di una bizzarra collezione di testi.

Molte religioni adorano i principi di armonia e ordine nell'Universo, mentre il Discordianesimo può essere interpretato come l'accettazione del fatto che la disarmonia e il caos sono aspetti della realtà altrettanto cogenti. I Principia Discordia suggeriscono spesso che il Discordianesimo è stato fondato come antitesi dialettica alle più popolari religioni basate sull'ordine.

La divinità matrona del Discordianesimo è stata indicata in Eris, la dea della discordia della mitologia greca, che la mitologia romana identifica con la dea Discordia.

Tanto Eric Steven Raymond che lo scrittore newyorkese Peter Lamborn Wilson (nato nel 1945), meglio conosciuto come Hakim Bey, nel suo scritto Zone Temporaneamente Autonome (Temporary Autonomous Zone) del 1991, fanno riferimento al Discordianesimo come ad una religione praticata da hacker e menti inquiete in genere. Grande visibilità è stata data al Discordianesimo da diversi riferimenti contenuti nei romanzi di fantascienza The Illuminatus! Trilogy, testo base dell'esoterismo hacker scritto dallo scrittore di Brooklyn Robert Anton Wilson (1932-2007) e dal giornalista newyorkese Robert Shea (1933-1994). Importante contributo alla diffusione delle idee discordiane è stato dato anche dalle numerose conferenze che Wilson ha tenuto in giro per il mondo. The Illuminatus! Trilogy racconta della lotta ingaggiata dalla società segreta degli Illuminati, che governa il mondo pur restando nell'ombra, contro una anarchica resistenza di discordiani.

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

« Se la religione organizzata è l'oppio delle masse, allora la religione disorganizzata è la marijuana della frangia lunatica. »
(Kerry Thornley nell'introduzione alla 5ª edizione del Principia Discordia)

L'insieme dei credenti discordiani è detto La Società Discordiana, la cui definizione è "La Società Discordiana non ha definizione"[2].

« Alcuni Episcopi hanno una congregazione di una sola persona.

Alcuni lavorano assieme.
Alcuni non ne parlano. »

(note a margine nel Principia Discordia, pagina 00032)

I Discordiani che non formano una propria setta, che appartengano alla setta di qualcun altro o meno, formano la Legione della Discordia Dinamica e possono essere chiamati "legionari". Per chi vuole diventare Discordiano, pagina 00032 del Principia dice:

« Se vuoi entrare nella Società Discordiana
dichiarati quello che vuoi
fai quello che ti pare
e vieni a dircelo
oppure
se preferisci
non farlo.

Non c'è nessuna regola.
La Dea Prevale. »

Analoga libertà teorica è lasciata al fedele discordiano: nei Principia Discordia si fa riferimento al kōan zen delle "tre libbre di lino", con cui il maestro zen Dongshan Shouchu (morto nel 900) cercava di opporsi al tentativo razionale da parte di un allievo di comprendere l'insegnamento del Buddha e la sua intima essenza: nei Principia, la risposta "Cinque tonnellate di lino" ("Five tons of flax") è indicata come risposta alla domanda "Quale è il significato di POEE?". I discordiani sono quindi soliti usare questa frase come slogan giocoso o come risposta a domande filosofiche.

POEE[modifica | modifica sorgente]

La setta del Discordianesimo fondata da Malaclypse il Giovane e Omar Khayyam Ravenhurst è conosciuta come "L'ordine parateo-anametamistico dell'esoterica di Eris" (POEE, dall'inglese "Paratheo-anametamystikhood Of Eris Esoteric"); i Principia Discordia parlano specificatamente di POEE, oltre che del Discordianesimo in generale.

Per esempio, pagina 00022 contiene – oltre che una citazione di Lichtenberg: "Questo libro è uno specchio. Quando una scimmia guarda dentro, nessun apostolo guarda fuori." – alcuni dettagli sulla struttura di POEE. In particolare POEE si comporrebbe di cinque gradi:

  1. il "neofita" o "legionario discepolo";
  2. il "legionario diacono", che sta iniziando a capire;
  3. il sacerdote/sacerdotessa POEE consacrato o cappellano;
  4. l'alto sacerdote, detto "il Polipadre";
  5. il "papa".

I legionari discepoli POEE sono autorizzati a iniziare altri come legionari della Società Discordiana. I sacerdoti nominano i propri diaconi. Il Polipadre consacra i sacerdoti. Dalla pagina 00036 dei Principia Discordia si apprende che "un papa è colui che non è sotto l'autorità delle autorità" e che "Ogni uomo, donna e bambino su questa Terra è un genuino e autorizzato Papa".

Secondo i Principia Discordia è una tribù di filosofi, teologi, maghi, scienziati, artisti, pagliacci e simili maniaci, intrigati dalla dea della confusione Eris e dalle sue azioni.

Filosofia[modifica | modifica sorgente]

Alle pagine 00049 e 00050 del Principia Discordia appare un sommario della filosofia discordiana.

Cao[modifica | modifica sorgente]

La parola Cao è stata coniata come singolare di caos. Nella religione discordiana, il cao è il simbolo della natura patafisica della realtà; istanze singolari di caos che sono alla base della teoria patafisica.

Il Sacro Cao

Il Sacro Cao è un simbolo usato dai discordiani per illustrare la correlazione tra ordine e disordine. Assomiglia ad un simbolo yin yang, ma secondo i Principia Discordia[3]:

« Il Sacro Cao non è lo Yin-Yang dei taoisti. È l'HODGE-PODGE degli Erisiani. E, invece di un pallino Podge sul lato Hodge, esso ha un PENTAGONO che simboleggia il PRINCIPIO ANERISTICO, e invece di un pallino Hodge sul lato Podge, esso presenta la MELA DORATA DELLA DISCORDIA a simboleggiare il PRINCIPIO ERISTICO. »

La scelta del pentagono come simbolo del Principio Aneristico sarebbe in parte collegata al Pentagono di Washington DC e in parte alla Legge dei Cinque. La Mela dorata della Discordia è quella menzionata nella storia dell'Affronto Originale (il celebre pomo della discordia).

La Legge dei Cinque[modifica | modifica sorgente]

La Legge dei Cinque è riassunta a pagina 00016 del Principia Discordia:

« La Legge dei Cinque dice semplicemente che: Tutte le cose succedono a cinquine, sono divisibili per o multiple di cinque, oppure sono in qualche modo diretto o indiretto riconducibili al numero cinque.
La Legge dei Cinque non è mai sbagliata. »

Come buona parte del Discordianesimo, la Legge dei Cinque appare come uno scherzo perverso, un esempio di bizzarro sovrannaturalismo.

Trilogia degli Illuminati

L'appendice Beth della trilogia Gli Illuminati di R. A. Wilson discute di parte della numerologia del Discordianesimo e si domanda cosa succederebbe alla Legge dei Cinque se ognuno avesse sei dita in ogni mano.

La maledizione di Grigiaghigna[modifica | modifica sorgente]

La "maledizione di Grigiaghigna" è una delle parti più importanti del Discordianesimo. Si può trovare alle pagine 00042 e 00063 dei Principia Discordia. Il metodo per combattere la maledizione si trova invece alle pagine 00063 e 00074. Secondo i Principia, Grigiaghigna (conosciuto dagli anglosassoni come Greyface) fu un uomo che visse nel 1166 a.C. e insegnò che la vita è seria e il gioco è peccato. La maledizione è lo sbilanciamento psicologico e spirituale che risulta da queste credenze.

Accettando la vita come seria e ordinata, i seguaci di Grigiaghigna finiscono per dividere tutte le cose secondo ordine e disordine. In questo sistema l'ordine viene preferito a tutti i costi al disordine; questo porterebbe ad accettare sia l'ordine costruttivo che l'ordine distruttivo.

Legge dell'Escalation Eristica[modifica | modifica sorgente]

I Principia Discordia contengono, alla pagina 00046, la Legge dell'Escalation Eristica. Questa legge afferma l'equazione "Imposizione dell'Ordine = Escalation del Caos".

Il Pentaconato[modifica | modifica sorgente]

Il Pentaconato[4] è un insieme di cinque doveri sacri del discordiano. I Principia così li elencano:

  1. "Non c'è Dea tranne Dea e Lei è la Tua Dea. Non c'è Movimento Erisiano tranne Il Movimento Erisiano ed è Il Movimento Erisiano. E ogni Corpo della Mela D'oro è l'adorata casa di un Verme D'oro".
  2. "Un Discordiano Deve Sempre usare il Sistema Discordiano Ufficiale di Numerazione dei Documenti".
  3. "È Richiesto che un Discordiano, nella sua fase iniziale di Illuminazione, si Allontani in Solitudine e Gioisca nella Comunione con un Panino con hot dog di venerdì; questa Cerimonia Devozionale serve per Protestare contro le numerose forme di Paganesimo di oggi: dei Cattolici Cristiani (niente carne al venerdì), degli Ebrei (niente carne di maiale), degli Induisti (niente carne di manzo), dei Buddisti (niente carne di animali) e dei Discordiani (niente panini da Hot Dog)".
  4. "Un Discordiano non mangerà panini da Hot Dog, poiché Ciò è stato il Conforto della Nostra Dea quando subì il Rifiuto Originale".
  5. "È proibito a un Discordiano di credere in quello che legge".

La quinta legge è un avvertimento verso ogni fede rivelata: benché le parole possano ispirare un credo, non dovrebbero esserne la fonte. La quarta legge stabilisce un dogma religioso, ma la terza istruisce a rifiutarlo, fornendo esempi di dogmi di altre religioni. La seconda legge mostra la futilità dei dogmi: il Sistema Discordiano Ufficiale di Numerazione dei Documenti non è spiegato nel Pentaconato. In accordo con i principi del caos, le parole non possono definire un credo condiviso da tutti; ogni persona interpreterà la scrittura diversamente. Alcuni suppongono che il "Sistema Discordiano Ufficiale di Numerazione dei Documenti" della seconda legge sacra abbia qualcosa a che vedere col fatto che tutti i numeri di pagina del libro sono formati esattamente da cinque cifre.

La ghiandola pineale[modifica | modifica sorgente]

"Consulta la tua ghiandola pineale" è un comune modo di dire discordiano. Alcuni Discordiani considerano la ghiandola pineale la fonte delle risposte alle domande più difficili della vita.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Ha ha, only serious: A preliminary study of joke religions, 31 de marzo de 2011.
  2. ^ Principia Discordia, pagina 00032.
  3. ^ Principia Discordia, pagina 00049.
  4. ^ Pentabarf nei Principia Discordia, pagina 00004.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

laicismo Portale Laicismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di laicismo