Disastro petrolifero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Effetti sull'ambiente di un incidente da una nave petrolifera.

Per disastri petroliferi si intendono disastri ambientali causati dal petrolio.

In particolare la perdita del petrolio dalle petrolifere, in inglese oil spills ed in ambito specialistico italiano frequentemente traslato in spillamento (o meglio: versamento), compromette gravemente l'ambiente terrestre. Infatti il petrolio ha un peso specifico minore dell'acqua, per cui inizialmente forma una pellicola impermeabile all'ossigeno sopra il pelo libero dell'acqua, causando oltre agli evidenti danni per fenomeni fisici e tossici diretti alla macrofauna, un'anaerobiosi che uccide il plancton. La successiva precipitazione sul fondale replica l'effetto sugli organismi bentonici. La bonifica dell'ambiente danneggiato richiede mesi o anni.

Il rilascio del petrolio è in genere causato dagli umani, tuttavia può in certi casi essere causato da eventi naturali, quali ad esempio fratture del fondo marino[1]. Non è facile stabilire la quantità di idrocarburi che si perde ogni anno in mare, tuttavia le stime di tali perdite sembra che si aggirino su una media di 4 milioni di tonnellate l'anno per tutto il pianeta e di 600.000 tonnellate per il solo Mediterraneo. Il petrolio ha effetti dannosi agli animali che si immergono in queste perdite delle navi petrolifere. Negli uccelli il petrolio penetra nel piumaggio, riducendo la capacità di isolante termico (rendendo gli animali vulnerabili alle escursioni termiche ambientali) e rendendo le piume inadatte al nuoto e al volo, per cui gli uccelli non hanno la possibilità di procacciarsi il cibo e di fuggire dai predatori. L'istinto degli uccelli li porta a pulirsi il piumaggio con l'uso del becco, ma in questa maniera ingeriscono il petrolio, con effetti nocivi per i reni, il fegato e l'apparato digerente; questi ultimi effetti all'organismo, assieme all'incapacità di procurarsi il cibo, porta alla disidratazione e a squilibri nel metabolismo. A questi disturbi possono aggiungersi effetti, che per un meccanismo a cascata si ripercuotono in alterazioni ormonali. Il petrolio grezzo infatti possiede spesso una carica elevata di composti aromatici policiclici, spesso coinvolti in meccanismi biologici nel vasto ambito degli interferenti endocrini. Allo stesso modo degli uccelli, i mammiferi marini che sono esposti al petrolio presentano sintomi simili a quelli che si hanno negli uccelli: in particolare la pelliccia delle lontre di mare e delle foche perdono il loro potere di isolante termico, causando ipotermia. Sono successi molti disastri a causa del petrolio ma quelli che ne hanno disperso maggiormente sono: quello di Lakeview Gusher in California nel 1911, seguito da quello della piattaforma Deepwater Horizon e conseguente perdita del Pozzo Macondo del 2010 (nel Golfo del Messico) e dal disastro della Guerra del Golfo (nel Golfo Persico nel 1991); vi sono poi, sempre per importanza del tonnellaggio di petrolio disperso, quello causato dalla la piattaforma petrolifera Ixtoc 1 (nel Golfo del Messico nel 1979-1980) e il naufragio dell'Amoco Cadiz (in Bretagna) nel 1978.


Effetti sugli animali[modifica | modifica sorgente]

Un'anatra ricoperta da petrolio (disastro petrolifero del 2007 nella baia di San Francisco).

Il petrolio penetra nel piumaggio degli uccelli, riducendo la capacità di isolante termico (rendendo gli animali vulnerabili alle escursioni termiche ambientali) e rendendo le piume inadatte al nuoto e al volo, per cui gli uccelli non hanno la possibilità di procacciarsi il cibo e di fuggire dai predatori. L'istinto degli uccelli li porta a pulirsi il piumaggio con l'uso del becco, ma in questa maniera ingeriscono il petrolio, con effetti nocivi per i reni, il fegato e l'apparato digerente; questi ultimi effetti all'organismo, assieme all'incapacità di procurarsi il cibo, porta alla disidratazione e a squilibri nel metabolismo. A questi disturbi possono aggiungersi alterazioni ormonali (ad esempio rivolte all'azione dell'ormone luteinizzante)[2]

Molti uccelli muoiono prima dell'arrivo dei soccorsi umani[3][4].

Allo stesso modo degli uccelli, i mammiferi marini che sono esposti al petrolio presentano sintomi simili a quelli che si hanno negli uccelli: in particolare la pelliccia delle lontre di mare e delle foche perdono il loro potere di isolante termico, causando ipotermia.

Lista dei maggiori disastri petroliferi[modifica | modifica sorgente]

Nel seguito, ordinata a ritroso nel tempo per data di inizio, viene presentata una lista dei disastri petroliferi con una quantità di greggio disperso maggiore di 100 tonnellate.

Disastro petrolifero/petroliera Luogo Data Tonnellate di greggio Fonti
Disastro petrolifero di Tauranga del 2011 Tauranga, Nuova Zelanda 5 ottobre 2011 340
Piattaforma petrolifera Gannet Alpha a 180 km da Aberdeen, Scozia 10 agosto 2011 200 [5][6][7]
Disastro petrolifero del fiume Yellowstone del 2011
(Compagnia "Exxon Mobile", già responsabile del disastro Exxon-Valdez)
Fiume Yellowstone, Billings, Stati Uniti 4 luglio 2011 135 (>[8]
Collisione tra MSN Chitra e MV Khalijia 3 al largo di Mumbai, India 7 agosto 2010 > 50 [9]
Dalian (2 oleodotti) Porto mercantile di Dalian, Cina 16 luglio 2010 1.500 [10][11][12][13][14][15]
Collisione tra Bunga Kelana 3 (nave cisterna) e Mt Waily (nave cargo) al largo di Singapore, Malaysia 24 maggio 2010 2.000 [16]
Disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon Golfo del Messico, Louisiana 20 aprile - 15 luglio 2010 414.000–1.186.000 [17][18][19][20][21][22][23][24]



Naufragio nave cargo cinese Sheng Neng sulla barriera corallina Great Keppel Island, Australia 4 aprile 2010 950 (Ne è fuoriuscita solo una parte) [25][26]




Disastro petrolifero della West Cork Costa meridionale dell'Irlanda Febbraio 2009 300
Disastro petrolifero del New Orleans New Orleans, Louisiana, Stati Uniti d'America 28 luglio 2008 8.800
Disastro petrolifero di Statfjord Mare norvegese, Norvegia 12 dicembre 2007 4.000
Disastro petrolifero di Hebei Spirit Mare Giallo, Corea del sud 7 dicembre 2007 10.800 [27][28]
Disastro petrolifero dello stretto di Kerč Stretto di Kerč, Ucraina e Russia 11 novembre 2007 1.000 [29]
Disastro petrolifero del 2007 della Baia di San Francisco San Francisco 7 novembre 2007 188 [30]
Disastro petrolifero di Guimaras Filippine 11 agosto 2006 172–1.540 [31]
Disastro petrolifero della centrale di Jiyeh Libano 14 luglio 15 luglio, 2006 20.000–30.000 [32][31]
Raffineria di Citgo Lago Charles 19 giugno 2006 6.500 [33]
Prudhoe Bay Alaska North Slope 2 marzo 2006 866 [34]
MV Selendang Ayu Isola di Unalaska, Alaska 8 dicembre 2004 1.560 [35][36]
Athos 1 Fiume Delaware, USA 26 novembre 2004 860 [37]
Tasman Spirit Karachi, Pakistan 28 luglio 2003 28.000–30.000 [38][39][40]
Bouchard No. 120 Buzzards Bay, Massachusetts 27 aprile 2003 320 [41]
Prestige Galizia, Spagna 13 novembre 2002 63.000 [42][43]
Bombardamento della nave Limburg Golfo di Aden 6 ottobre 2002 12.200
Jessica Isole Galapagos gennaio del 2001 568 [44][45]
Disastro petrolifero di Amorgos Costa meridionale del Taiwan 14 gennaio 2001 1.150 [46]
Treasure Cape Town, Sudafrica giugno del 2000 1.400 [45]
Rottura della condotta di Guanabara Bay Guanabara Bay, Rio de Janeiro gennaio del 2000 1.100 [45]
Erika Baia of Biscaglia, Francia 12 dicembre 1999 15.000–2.500 [45][36][47]
Disastro petrolifero della Mobil in Nigeria Nigeria 12 gennaio 1998 5.500 [36]
Nakhodka (petroliera) Mare del Giappone dicembre del 1997 19.000 [45]
Julie N. Portland (Maine) 27 settembre 1996 586 [48]
Sea Empress Galles, Regno Unito 15 febbraio 1996 40.000–72.000 [42][36]
North Cape Rhode Island 19 gennaio 1996 2.500 [49]
Seki (petroliera) Emirati Arabi Uniti 31 marzo 1994 15.900 [36]
Braer Isole Shetland, Regno Unito 5 gennaio 1993 85.000 [42]
Disastro petrolifero della Aegean Sea La Coruña, Spagna 3 dicembre 1992 74.000 [42]
Katina P Maputo, Mozambico 1992 72.000 [42]
Disastro petrolifero della Valle di Fergana Uzbekistan 2 marzo 1992 285.000 [36]
Kirki (petroliera) Oceano Pacifico, lontano dalle coste occidentali dell'Australia 21 luglio 1991 17.280 [50]
ABT Summer a 1.300 chilometri dalla costa dell'Angola 28 maggio 1991 260.000 [42]
M/T Haven Mare Mediterraneo vicino Genova 11 aprile 1991 144.000 [42]
Disastro petrolifero della Guerra del Golfo Golfo persico 23 gennaio 1991 780.000–1.500.000 [45][36][51]
American Trader Spiaggia pubblica Bolsa Chica, California 1990 980 [36][52]
Mega Borg Golfo del Messico, 57 miglia a sud-est di Galveston, Texas 1990 16.500 [53]
Exxon Valdez Prince William Sound, Alaska 24 marzo 1989 37.000 [42][54]
Khark 5 220 chilometri al largo della costa atlantica del Marocco 1989 70.000–80.000 [42][36]
Odyssey a 1.300 chilometri dalla costa della Nuova Scozia, Canada 10 novembre 1988 132.000 [42]
Disastro petrolifero di Ashland Floreffe, Pennsylvania 2 gennaio 1988 10.000 [55][56]
Grand Eagle Delaware (fiume), Marcus Hook, Pennsylvania 28 settembre 1985 1.400
Nova (petroliera) Isola Off Kharg Golfo dell'Iran 1985 70.000 [42]
Castillo de Bellver Baia di Saldanha, Sudafrica 6 agosto 1983 252.000 [42]
Piattaforma Nowruz Field Golfo persico 4 febbraio 1983 260.000 [57]
Tanio Bretagna, Francia 7 marzo 1980 13.500 [58]
Irenes Serenade Baia Navarino, Grecia 1980 100.000 [42]
MT Independenţa Bosforo, Turchia 15 novembre 1979 95.000 [42]
Burmah Agate Galveston Bay, Texas 1º novembre 1979 8.440 [59]
Atlantic Empress / Aegean Captain Trinidad e Tobago 19 luglio 1979 287.000 [42][60]
Pompa petrolifera Ixtoc I Golfo del Messico 3 giugno 1979 - 23 marzo, 1980 454.000–480.000 [61][62]
Amoco Cadiz Bretagna, Francia 16 marzo 1978 223.000 [42][36][63][64][36]
Campo petrolifero di Ekofisk Mare del Nord 22 aprile 1977 81.000
Hawaiian Patriot 600 chilometri al largo di Honolulu, Hawaii 26 febbraio 1977 95.000 [42][36]
Argo Merchant Isola Nantucket, Massachusetts 15 dicembre 1976 25.000 - 28.000 [65][66]
Urquiola La Coruña, Spagna 12 maggio 1976 100.000 [42]
Corinthos Delaware (fiume), Marcus Hook, Pennsylvania 31 gennaio 1975 35.700
Jakob Maersk Oporto, Portogallo 29 gennaio 1975 88.000 [42]
Metula Stretto di Magellano, Cile 9 agosto 1974 50.000-51.000 [67]
Sea Star Golfo di Oman 19 dicembre 1972 115.000 [42][36]
Othello (petroliera) Baia di Tralhavet, Svezia 20 marzo 1970 50.000–60.000 [36][45]
Keo Massachusetts 5 novembre 1969  ?
(fuoriuscita da un serbatoio) Sewaren, New Jersey 4 novembre 1969  ?
Disastro petrolifero del 1969 a Santa Barbara Santa Barbara, California 28 gennaio 1969 10.000-14.000 [68]
Betelgeuse (petroliera) Bantry Bay, Irlanda 13 giugno 1968 64.000
World Glory Durbans, Sudafrica 8 gennaio 1968 43.000 [69]
Torrey Canyon Isole Scilly, Regno Unito 18 marzo 1967 80.000–119.000 [42][36]
African Queen Ocean City, Maryland 30 dicembre 1958  ?
Disastro petrolifero di Brooklyn Newtown Creek, Greenpoint, Brooklyn, New York anni quaranta e anni cinquanta 55.200–97.400 [70]
Lakeview Gusher Kern County, California 14 marzo 1910 1.230.000 [71]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ UCSB Hydrocarbon Seeps Project
  2. ^ C. Michael Hogan (2008) Magellanic Penguin, GlobalTwitcher.co.m, ed. N. Stromberg
  3. ^ Dunnet, G., Crisp, D., Conan, G., Bourne, W. (1982) "Oil Pollution and Seabird Populations [and Discussion]" Philosophical Transactions of the Royal Society of London. B 297(1087): 413–427
  4. ^ Untold Seabird Mortality due to Marine Oil Pollution, Elements Online Environmental Magazine.
  5. ^ Guasto a piattaforma Shell: petrolio nel Mare del Nord, La Repubblica, 15 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  6. ^ Continua la fuoriuscita di petrolio: "Peggior incidente nell'area dal 2000", La Repubblica, 16 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  7. ^ Scozia, si allarga la macchia di petrolio nel Mare del Nord, La Repubblica, 16 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  8. ^ Exxon, disastro ecologico in Montana, Il Corriere della Sera, 4 luglio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  9. ^ India, scontro tra petroliera e cargo. Marea nera al largo di Mumbai, Repubblica.it, 9 agosto 2010. URL consultato il 9 agosto 2010.
  10. ^ Un incendio lungo 15 ore invade il porto di Dalian, Repubblica.it, 16 luglio 2010. URL consultato il 17 luglio 2010.
  11. ^ Fonte: Reuters, 20.07.2010, "Cina recluta 500 navi pesca contro fuoriuscita petrolio a Dalian"
  12. ^ Foto Marea nera in Cina, salvataggio shock - 1 di 9 - Repubblica.it
  13. ^ Cina: esplosioni nel terminal petrolifero di Dalian, chiusi i moli | Radiocor, lunedi' 19 luglio 2010 (articolo 832270)
  14. ^ Cina. Marea nera nel nord est, lanciata bonifica d'urgenza- LASTAMPA.it
  15. ^ Fonte: Reuters, foto disastro Dalian
  16. ^ Singapore, collisione tra navi ancora del greggio in mare, Repubblica.it, 25 maggio 2010. URL consultato il 25 maggio 2010.
  17. ^ USA, disastro marea nera, ASAnotizie.it, 9 dicembre 2010. URL consultato il 9 maggio 2010.
  18. ^ http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/201005141747-eco-rt10260-marea_nera_esperti_12_volte_oltre_stime_bp_e_piccola
  19. ^ http://www.libero-news.it/news/423205/Marea_Nera__Toppa_la__top_Kill___Ora_si_profila_un_nuovo_piano.html Fonte: Libero News, 31.05.2010, "Marea Nera Toppa la top Kill. Ora si profila un nuovo_piano"]
  20. ^ Estimated gallons leaked
  21. ^ Tom Breen / Seth Borenstein, BP spill nears a somber record as Gulf's biggest, Associated Press, 1º luglio 2010. URL consultato il 1º luglio 2010.
  22. ^ CNN, Oil disaster by the numbers in CNN, 1º luglio 2010. URL consultato il 1º luglio 2010.
  23. ^ marée noire dans le golfe du Mexique, plateforme Deepwater Horizon - 20 avril 2010
  24. ^ Consumer Energy Report, Internal Documents: BP Estimates Oil Spill Rate up to 100,000 Barrels Per Day in Consumer Energy Report, 20 giugno 2010. URL consultato il 20 giugno 2010.
  25. ^ Cargo finisce sulla barriera corallina Rischio di disastro ecologico in Australia, Il Corriere della Sera, 4 aprile 2011. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  26. ^ Australia, si arena cargo cinese: allarme per la barriera corallina, La Repubblica, 4 aprile 2011. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  27. ^ BBC News, 9 dicembre 2007.
  28. ^ Marée noire, Daesan - Corée du Sud - Hebei Spirit - 7 décembre 2007
  29. ^ Fuel spill disaster reported in waters near Russia, CNN International, 11 novembre 2007. URL consultato il 16 novembre 2008.
  30. ^ Spill closes bay beaches as oil spreads, kills wildlife, San Francisco Chronicle, 9 novembre 2007. URL consultato il 16 novembre 2008.
  31. ^ a b Oil spills - Philippines, Indian Ocean and Lebanon, Greenpeace, 18 agosto 2006. URL consultato il 16 novembre 2008.
  32. ^ coordination-maree-noire http://coordination-maree-noire.eu/spip.php?rubrique400&lang=it
  33. ^ CITGO Oil Spill (PDF), Louisiana Department of Environmental Quality, 25 luglio 2006. URL consultato il 16 novembre 2008.
  34. ^ Oil spill is the North Slope's biggest ever, Anchorage Daily News, 10 marzo 2006. URL consultato il 16 novembre 2008.
  35. ^ Selendang Ayu - Unalaska - 7 décembre 2004
  36. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Oil Spill History, The Mariner Group. URL consultato il 2 novembre 2008.
  37. ^ Athos I - Delaware River - USA - 26 novembre 2004
  38. ^ http://www.itopf.com/information-services/data-and-statistics/case-histories/index.html#tasman-spirit
  39. ^ WWF - Oops! we can't find the page you are looking for
  40. ^ Tasman Spirit - 27 juillet 2003 - Karachi, Pakistan
  41. ^ Information on the Bouchard April 2003 Buzzards Bay Oil Spill
  42. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Major Oil Spills, International Tanker Owners Pollution Federation. URL consultato il 2 novembre 2008.
  43. ^ WWF - Oops! we can't find the page you are looking for
  44. ^ Oil Spills
  45. ^ a b c d e f g Major Oil Spills. URL consultato il 2 novembre 2008.
  46. ^ Cabinet frees Greek crew - Taipei Times
  47. ^ La marée noire de l'Erika - 12 décembre 1999 - Bretagne
  48. ^ http://www.cascobay.usm.maine.edu/pdfs/Toxics%20Chapter%203.pdf
  49. ^ Rhode Island Oil Spill Is More Serious Than Initially Thought - New York Times
  50. ^ Major Oil Spills - Kirki
  51. ^ Arabian Gulf Spills, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 3 novembre 2008.
  52. ^ http://www.dfg.ca.gov/ospr/spill/nrda/nrda_amtrader.html
  53. ^ M/V Mega Borg, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 16 novembre 2008.
  54. ^ Sprol » Cruel, Crude
  55. ^ http://www.awma.org/enviro_edu/fact_sheets/oil_spills1.html
  56. ^ Environment: Nightmare on The Monongahela - TIME
  57. ^ Oil Spills and Disasters. URL consultato il 16 novembre 2008.
  58. ^ http://www.itopf.com/information-services/data-and-statistics/case-histories/index.html#tanio
  59. ^ Burmah Agate, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 16 novembre 2008.
  60. ^ Atlantic Empress, Centre de Documentation de Recherche et d'Expérimentations. URL consultato il 10 novembre 2008.
  61. ^ IXTOC I, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 3 novembre 2008.
  62. ^ Ixtoc 1 oil spill: flaking of surface mousse in the Gulf of Mexico, Nature Publishing Group. URL consultato il 3 novembre 2008.
  63. ^ Amoco Cadiz, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 16 novembre 2008.
  64. ^ http://www.itopf.com/information-services/data-and-statistics/case-histories/index.html#amoco-cadiz
  65. ^ http://www.itopf.com/information-services/data-and-statistics/case-histories/index.html#argo-merchant
  66. ^ Argo Merchant, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato il 16 novembre 2008.
  67. ^ http://www.itopf.com/information-services/data-and-statistics/case-histories/index.html#metula
  68. ^ County of SB : Energy Division
  69. ^ Fonte: www.incidentnews.org, "World Glory"
  70. ^ Greenpoint, Maspeth Residents Lobby To Get 55-Year-Old Oil Spill Cleaned Up - The New York Sun
  71. ^ California's legendary oil spill, Los Angeles Times, 13 giugno 2010. URL consultato il 14 luglio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]