Disastro della LoveParade 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disastro della LoveParade
Unterführung in Duisburg am ehemaligen Güterbahnhof DSCF0640.jpg
Immagine del 2008 del tunnel dove è avvenuta la strage.
Data24 luglio 2010
LuogoDuisburg
Stato  Germania
Coordinate51°25′13.2″N 6°46′20.78″E / 51.420333°N 6.772439°E51.420333; 6.772439
Conseguenze
Morti21
Feriti510

Il disastro della LoveParade è una tragedia avvenuta il 24 luglio 2010 nel corso della diciannovesima edizione della LoveParade svoltasi a Duisburg in Germania in cui morirono 21 persone e ne rimasero ferite altre 510.[1]

Le cause del disastro sono state oggetto di un'inchiesta archiviata il 4 maggio 2020 da parte della procura di Duisburg. In seguito all'incidente gli organizzatori della LoveParade hanno annunciato che quella del 2010 sarebbe stata l'ultima edizione della manifestazione.[2]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: LoveParade.

La LoveParade era un popolare festival di musica dance gratuito nato a Berlino nel 1989. Il festival prevedeva esibizioni su palchi e aveva come principale caratteristica la presenza di una parata in giro per le strade con DJ e ballerini che si muovevano in mezzo al pubblico. L'edizione del 2010 venne svolta a Duisburg, come parte delle manifestazioni per celebrare la scelta della Ruhr come Capitale europea della cultura. Fu la prima a svolgersi in uno spazio chiuso, nell'area di una vecchia stazione merci. La capacità della stazione era limitata a 250.000 persone sebbene, sulla base dell'esperienza delle edizioni precedenti, fossero attese oltre un milione di persone.[3]

Dinamica del disastro[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della Love Parade 2010: Il 3 rappresenta l'ingresso del tunnel

L'entrata nella stazione iniziò alle 12:00 CEST (10:00 UTC) attraverso un tunnel di 240 metri dal lato est e da una serie di sottopassaggi dal lato ovest. Entrambi gli ingressi si riunivano poi su una rampa che era l'unico punto di ingresso e di uscita dall'area del festival.[4]

Alle 15:30, a causa del sovraffollamento, gli organizzatori chiesero alla polizia di bloccare l'afflusso dei partecipanti. La polizia annunciò tramite altoparlanti alle persone in attesa che non era più consentito l'ingresso e chiuse l'accesso all'area del festival.[5][6] La folla continuò a entrare dall'altro lato del tunnel, ignorando l'avvertimento, e in breve tempo l'area all'uscita del tunnel divenne sovraffollata.[7][8]

A causa del sovraffollamento la situazione divenne presto insostenibile e nacque una calca improvvisa che causò le morti e i feriti.[9] La maggior parte delle morti avvenne per schiacciamento della cassa toracica.[10] Per evitare ulteriori scene di panico la manifestazione fu proseguita sino al termine, senza informare il resto della folla della tragedia appena avvenuta.[9]

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Nazionalità Morti Età
  Germania 14 18-38
  Spagna 2 21-22
  Paesi Bassi 1 22
  Australia 1 27
  Cina 1 38
  Italia 1 21
  Bosnia ed Erzegovina 1 21[11]
Totale 21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Duisburg-Ticker: Trauerzug durch den Tunnel - Kraft fordert indirekt Rücktritt, su spiegel.de, Der Spiegel, 28 luglio 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  2. ^ (EN) Cathrin Schaer, David Crossland, The World from Berlin: Love Parade Stampede 'Was a Tragedy Waiting to Happen', su spiegel.de, Der Spiegel, 26 luglio 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  3. ^ (DE) Rede von Minister für Inneres und Kommunales Ralf Jäger (PDF), su spiegel.de.
  4. ^ Catastrophe point: 25 metre long mouth of the Karl-Lehr-Strassen Tunnel underpass area with Ostrampe (east-ramp) especially around the small stairs; see also (DE) video at 17.00 clock.
  5. ^ Stampede at German Love Parade festival kills 19, su bbc.co.uk, BBC News, 24 luglio 2010. URL consultato il 24 luglio 2010.
  6. ^ 19 killed in stampede at Love Parade street party, su france24.com, France 24, 24 luglio 2010. URL consultato il 24 luglio 2010.
  7. ^ Michael Sohn e Vanessa Gera, 18 killed in mass panic at Germany's Love Parade [collegamento interrotto], su washingtonpost.com, The Washington Post, 24 luglio 2010. URL consultato il 24 luglio 2010.
  8. ^ (DE) interview: crowd manager Carsten Walter
  9. ^ a b Duisburg, 19 morti alla Love Parade, su corriere.it, Corriere della Sera, 24 luglio 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  10. ^ (DE) Heftige Vorwürfe gegen Veranstalter der Loveparade, su sueddeutsche.de, Süddeutsche Zeitung, 28 luglio 2010.
  11. ^ (EN) Articolo sulle vittime della LoveParade

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di catastrofi