Direzione centrale per i servizi antidroga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Direzione centrale per i servizi antidroga (in sigla DCSA) è l'ufficio nazionale attraverso il quale il Capo della polizia e direttore generale della pubblica sicurezza in base alle direttive ricevute dal ministro dell'interno assicura il coordinamento dei servizi di Polizia per la prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope. È un organo interforze, costituito in maniera paritetica da personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di finanza. La caratteristica componente interforze è sintetizzata nel motto della Direzione: "Trigemina vis, cor unum". È una delle Direzioni centrali che compongono il Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell'interno.[1]

Dal 1º luglio 2017 è diretta dal dirigente generale della Polizia di Stato dott. Giuseppe Cucchiara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Direzione centrale per i servizi antidroga nasce con il d.m. 7 gennaio 1976 che costituisce "l'Ufficio centrale di direzione e coordinamento dell'attività di polizia per la prevenzione e repressione del traffico illecito delle sostanze stupefacenti o psicotrope" in attuazione dell'articolo 7 della legge 685/75. Con decreto ministeriale in data 17 marzo 1976 l'ufficio assume la denominazione di Direzione antidroga (DAD). Successivamente, con decreto ministeriale del 14 marzo 1985 che recepisce i contenuti della legge 121/1981, l'ufficio assume il nome di Servizio centrale antidroga (SCA). Con la legge 15 gennaio 1991 n.16 viene decretata la soppressione del Servizio centrale antidroga e la contestuale istituzione della Direzione centrale per i servizi antidroga (DCSA) che ne assorbe compiti ed attribuzioni. Il quadro normativo si completa con il decreto interministeriale 15 giugno 1991 che ne determina l'articolazione interna e le funzioni.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La DCSA, sulla base delle direttive impartite dal Capo della polizia e direttore generale della pubblica sicurezza[2]:

  • attua i compiti del ministro dell'interno in materia di coordinamento e pianificazione delle Forze di Polizia e di alta direzione dei servizi di polizia per la prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti; o psicotrope;
  • mantiene e sviluppa, ai fini della necessaria cooperazione internazionale, i rapporti con i corrispondenti servizi delle polizie estere, avvalendosi anche dell'OIPC - INTERPOL, nonché con gli organi tecnici dei governi dei Paesi esteri operanti in Italia e con quelli internazionali interessati alla cooperazione nelle attività di polizia antidroga.

Inoltre, promuove, partecipa e contribuisce ad accordi internazionali multilaterali e bilaterali in tema di cooperazione nelle operazioni antidroga; esercita attività di consulenza tecnico-giuridica sugli atti normativi riguardanti il c.d. narcotraffico; contribuisce alla formazione specifica in tema antidroga delle Forze di Polizia italiane ed estere; mantiene e sviluppa i rapporti con gli omologhi uffici esteri e le organizzazioni internazionali dedite al contrasto del narcotraffico; cura la raccolta ed il monitoraggio dei dati relativi al fenomeno droga in Italia; cura il monitoraggio ed il controllo sui c.d. precursori e sulle nuove sostanze psicotrope (NPS); sviluppa e cura l'analisi strategica ed operativa dei dati; gestisce la rete degli esperti antidroga all'estero; promuove e coordina le attività investigative sul territorio nazionale e all'estero; dispone, dirige e coordina tecnicamente le "operazioni speciali antidroga" previste dalla legge; fornisce assistenza alle rogatorie e alle altre attività di cooperazione giudiziaria internazionale nel settore di competenza[3]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Alla direzione centrale è preposto, secondo un criterio di rotazione triennale, un dirigente generale della Polizia di Stato, un generale di divisione dell'Arma dei carabinieri o un generale di divisione della Guardia di finanza che abbia maturato specifica esperienza nel settore[4] Ai servizi sono preposti dirigenti superiori della Polizia di Stato e generali di brigata dei Carabinieri e della Guardia di finanza; alle Divisioni sono preposti primi dirigenti della Polizia di Stato e colonnelli dei Carabinieri e della Guardia di finanza[5].

La DCSA si articola in tre "Servizi" - ognuno dei quali è formato da due "Divisioni" - e in un "Ufficio di programmazione e coordinamento generale"; secondo le indicazioni del Decreto Interministeriale (Interno e Tesoro) del 15 giugno 1991 emanato al fine di procedere alla determinazione del numero e delle competenze degli uffici, dei Servizi e delle Divisioni in cui si articola la Direzione, le competenze degli Uffici di cui sopra sono le seguenti:

Servizio I - Affari generali ed internazionali

Divisione I: Affari generali - Consulenze tecnici-giuridiche e istruttorie degli atti di sindacato ispettivo parlamentare - Promozione di corsi di qualificazione e aggiornamento antidroga interforze per operatori delle forze di Polizia - Problematiche generali in materia di traffico illecito di droga e di abuso di sostanze stupefacenti e psicotrope - Rapporti di cooperazione con organismi stranieri per la prevenzione e repressione del traffico illecito di droga in raccordo con l'Ufficio per il Coordinamento e la Pianificazione delle Forze di Polizia - Collegamenti con i servizi antidroga esteri e con l'OIPC - Interpol.

Divisione II: Impiego automezzi e gestione mezzi speciali per le operazioni antidroga - Mezzi tecnici e telecomunicazioni per operazioni speciali - Dotazioni per gli uffici antidroga all'estero - Impiego di beni sequestrati in operazioni antidroga - Affari relativi all'impiego del personale assegnato alla Direzione centrale e agli Uffici antidroga all'estero - Segreteria di sicurezza - Traduttori ed interpreti - Predisposizione atti in materia contabile e di ragioneria[6]

Servizio II - Studi, ricerche ed informazioni

Divisione I: Studi, ricerche, analisi per la prevenzione e repressione del traffico illecito di droga, anche a livello internazionale, sulle persone e sulle organizzazioni implicate - Controllo del commercio di precursori e prodotti chimici di base - Collegamenti fra traffico illecito di droga e altre forme di criminalità: rapporti con la Direzione Centrale della Polizia Criminale e con i competenti Uffici e Comandi delle Forze di Polizia.

Divisione II: Raccolta, coordinamento, elaborazione ed archiviazione nel C.E.D. Interforze delle informazioni e dei dati riguardanti la produzione e traffico illecito di droga - Collegamento attraverso il TAI (trattamento automatico delle informazioni) con il CED Interforze per l'accesso alle banche dati italiane ed estere nelle materie di specifico interesse - Gestione informatizzata dei dati concernenti analisi chimiche di campioni di droghe e successiva memorizzazione degli stessi nel CED interforze - Memorizzazione ed elaborazione dei dati statistici secondo i programmi concordati con l'Ufficio per il Coordinamento e la Pianificazione delle Forze di Polizia - Archivio generale, biblioteca specializzata, pubblicazioni[6]

Servizio III - Operazioni antidroga

Divisione I: Promozione e coordinamento delle attività investigative sul territorio nazionale e all'estero - Disposizione, direzione e coordinamento delle operazioni speciali antidroga previste dalla legge - Rapporti operativi con gli uffici o comandi delle forze di Polizia, con gli Uffici dell'OIPC - Interpol e con le competenti strutture delle Polizie straniere - Assistenza alle rogatorie e ad altre attività di cooperazione giudiziaria internazionale nel settore di competenza.

Divisione II: Affari concernenti la cooperazione e l'assistenza tecnico-operativa a livello bilaterale e multilaterale, con gli organi di polizia dei Paesi interessati - Coordinamento dell'attività degli uffici antidroga presso le rappresentanze diplomatiche all'estero e con gli ufficiali di collegamento antidroga italiani e stranieri - Rapporti con le amministrazioni doganali e con il Consiglio di cooperazione doganale[6]

Ufficio di programmazione e coordinamento generale

Collaborazione con i competenti uffici del Dipartimento della pubblica sicurezza e delle altre Direzioni generali per la predisposizione unitaria delle linee di intervento del Ministero dell'Interno in materia di lotta alla droga e prevenzione delle tossicodipendenze - Raccordo delle attività di competenza della Direzione centrale con quelle dell'Osservatorio permanente istituito presso il Ministero dell'interno e con quelle delle prefetture - Rapporti con altre amministrazioni dello Stato, con enti pubblici e con associazioni in materia di prevenzione delle tossicodipendenze - Predisposizione e verifica dei programmi di potenziamento delle dotazioni e dell'attività della Direzione centrale e degli operatori all'estero[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ art.1 L. 15 gennaio 1991, n.16
  2. ^ art. 10 DPR 309/1990
  3. ^ Decreto Interministeriale 15 giugno 1991 concernente la determinazione del numero e delle competenze degli Uffici, dei Servizi e delle Divisioni della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga
  4. ^ art. 2 bis L. 15 gennaio 1991 n.16 così come modificato dall'art. 2 DL 23 ottobre 1996, n. 554
  5. ^ art. 2 Decreto Interministeriale 15 giugno 1991 concernente la determinazione del numero e delle competenze degli Uffici, dei Servizi e delle Divisioni della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga.
  6. ^ a b c d art. 1 D.I. 15 giugno 1991 citato

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]