Diploe cranica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diploe cranica
Gray564.png
Decorso delle vene diploiche nel cranio, una volta rimosso lo strato osseo esterno
Anatomia del Gray(EN) Pagina 80
Nome latinocanales diploici
Venavene diploiche
Identificatori
TAA02.1.00.035
FMA76630

La diploe cranica è uno strato di tessuto osseo spugnoso ben vascolarizzato, posto tra i tavolati esterno e interno delle ossa piatte del cranio[1]. Esso garantisce particolare resistenza ai traumi.

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Nella beta talassemia la diploe risulta essere ispessita a causa dell'iperplasia midollare presente[2]. Lo spessore della diploe è aumentato anche nella malattia ossea di Paget, dove assume alle indagini radiografiche aspetto a "sale e pepe", dovuto alla compresenza di lesioni osteolitiche e osteoblastiche che sovvertono la normale architettura trabecolare[3]. Nella sindrome di Down la diploe è sottile, per cui l'aspetto radiologico nel feto è trasparente[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diploe, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ F. Pakdel, N. Pirmarzdashty; MS. Sanjari; MB. Kashkouli; H. Sarhadi, Optic atrophy in thalassemia intermedia., in J Neuroophthalmol, vol. 31, nº 3, settembre 2011, pp. 252-4, DOI:10.1097/WNO.0b013e31821ee59d, PMID 21610515.
  3. ^ A. Van der Stappen, H. Degryse; L. van den Hauwe, Paget disease of the skull and temporal bone., in JBR-BTR, vol. 88, nº 3, pp. 156-7, PMID 16038240.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, Giuseppe Balboni, Pietro Motta, et al., Trattato di anatomia umana, Napoli, Edi. Ermes, 2006, ISBN 88-7051-285-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]