Dipinti di Adolf Hitler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cortile della vecchia residenza di Monaco, quadro dipinto da Hitler nel 1914

Adolf Hitler fu anche un pittore[1][2] e un appassionato d'arte[1]: egli produsse centinaia di opere e per guadagnarsi da vivere vendette i suoi quadri e cartoline tra il 1908 e il 1913, durante i suoi anni viennesi. Tuttavia, a livello accademico, egli non ebbe successo. Un certo numero di suoi dipinti sono stati recuperati dopo la seconda guerra mondiale e venduti all'asta per decine di migliaia di dollari americani; altri sono stati sequestrati dall'esercito degli Stati Uniti e sono ancora detenuti dal governo di Washington.

Ambizioni artistiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel Mein Kampf Hitler scrisse che in gioventù desiderava diventare un pittore professionista, ma le sue aspirazioni furono distrutte dalla bocciatura all'esame di ammissione dell'Accademia delle Belle Arti di Vienna[3]. Il giovane austriaco fu respinto due volte dall'istituto, una volta nel 1907 e di nuovo nel 1908[4] in quanto, secondo la commissione esaminatrice, era più portato per l'architettura che per il disegno.

Uno dei professori, avendo valutato la situazione di Hitler e ritenendo che quest'ultimo avesse un po' di talento, gli suggerì di iscriversi alla Facoltà di Architettura: tuttavia ciò avrebbe comportato per il futuro Führer il ritorno nella scuola che in ben due circostanze lo aveva rifiutato e di conseguenza, per motivi d'orgoglio, non si rese disponibile[1]. Successivamente, quando iniziò a realizzare e vendere cartoline raffiguranti paesaggi viennesi[5], Hitler cominciò a frequentare i locali e i bar dove si riunivano artisti di Monaco di Baviera nella vana speranza che questi affermati maestri potessero aiutarlo nella sua ambizione di diventare un pittore[1][3].

Secondo quanto pubblicato dal Libro Blu pare che nell'agosto del 1939, cioè nei giorni caldi che precedettero lo scoppio del secondo conflitto mondiale, Hitler disse all'ambasciatore britannico Neville Henderson "Io sono un artista e non un politico. Una volta che la questione polacca sarà risolta, voglio finire la mia la vita come un artista"[1].

Periodo viennese e prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Quadro dipinto da Hitler nel 1913 raffigurante Maria e Gesù bambino

Dal 1908 al 1913 Hitler colorò cartoline, affrescò facciate di case per vivere e dipinse il suo primo autoritratto nel 1910, a 21 anni. Questo dipinto, insieme ad altri dodici suoi, fu scoperto dal Sergente Maggiore Willie J. McKenna nel 1945 a Essen, in Germania[4].

Samuel Morgenstern, un uomo d'affari austriaco e partner commerciale del giovane Hitler nel suo periodo viennese, acquistò molti suoi dipinti. Secondo lui, Hitler venne da lui per la prima volta all'inizio degli anni Dieci, sia nel 1911 sia nel 1912: quando entrò per la prima volta nel negozio di Morgenstern, che all'epoca faceva il vetraio, gli offrì tre delle sue realizzazioni. Il commerciante accettò l'offerta e iniziò a vendere i suoi dipinti, creando anche un archivio degli acquirenti: si poté così constatare che quasi tutti erano ebrei e uno di questi, l'avvocato Josef Feingold, comprò una serie di dipinti di Hitler raffigurante la vecchia Vienna[6].

Quando Hitler prese parte alla prima guerra mondiale (aveva 25 anni nel 1914) portò con sé le sue opere al fronte e nel tempo libero si dedicò alla pittura: queste sono le sue ultime opere prima di entrare in politica. I temi della sua pittura in tempo di guerra includevano case contadine e spogliatoi e, a differenza delle tele precedenti, furono caratterizzati da "flusso e sentimento"[5].

Analisi critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la rivista Life, che analizzò Hitler e i suoi quadri nel 1936 e nel 1939, egli dipinse centinaia di opere. La maggioranza degli esperti ritiene che le doti artistiche del Führer fossero scarse e che, ad es., non eseguisse quasi mai ritratti o rappresentazioni di persone o animali perché non ne era capace. I suoi quadri raffiguravano tendenzialmente oggetti architettonici come luoghi deserti, palazzi e case coloniche: durante la seconda guerra mondiale, il dittatore prese l'abitudine di dipingere acquerelli che avevano come tema edifici distrutti dai bombardamenti[1]. Tuttavia alcuni critici non concordano con questa analisi, ad esempio Frederic Spotts scrisse che egli "aveva un briciolo di talento"[7].

Secondo uno studio dal titolo I colori dell'acqua di Hitler: Opere d'arte recuperate - Omaggio a Rodolfo Siviero preparato dai Fratelli Alinari, gli acquerelli di Hitler dimostrano che egli fosse un pittore "triste"[2].

Valore economico[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di dipinti hitleriani furono sequestrati dall'esercito americano alla fine della seconda guerra mondiale ed attualmente sono ancora nelle mani del governo statunitense, che ha rifiutato di farli esporre[8]; altri erano invece tenuti da privati e nel 2000 un certo numero di essi cominciò a essere venduto all'asta[9]. Nel 2009 la casa d'aste Mullock dello Shropshire vendette 15 quadri di Hitler per un totale di $ 120.000[10] mentre la Ludlow (sempre di Shropshire) cedette 13 opere per oltre 100.000[11]. Infine, in un'asta tenutasi in Slovacchia nel 2012 una singola tela fu comprata per $ 42.300[12]. Da gennaio 2016, trascorsi settanta anni dalla morte di Hitler, è possibile riprodurre liberamente i suoi quadri in quanto divenuti di pubblico dominio.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Paintings by Adolf Hitler: The artist who turned statesman wants to pick up his brush again, in LIFE, Time Inc., 30 ottobre 1939, pp. 52–58, ISSN 00243019 (WC · ACNP). URL consultato il 4 marzo 2012.
  2. ^ a b Enzo Colotti e Riccardo Mariani, The water colours of Hitler: recovered art works : homage to Rodolfo Siviero ; with texts, Fratelli Alinari spa, 30 giugno 2005, p. 5, ISBN 978-88-7292-054-1. URL consultato il 4 Marzo 2012.
  3. ^ a b Adolf Hitler e Max Domarus, The essential Hitler: speeches and commentary, Bolchazy-Carducci Publishers, 1º aprile 2007, pp. 15–, ISBN 978-0-86516-627-1. URL consultato il 4 Marzo 2012.
  4. ^ a b David Wilkes, Face of a monster: Self-portrait of Hitler painted when he was just 21 revealed at auction, in Daily Mail, 25 marzo 2009. URL consultato il 13 marzo 2012.
  5. ^ a b Paintings by Adolf Hitler, in LIFE, Time Inc., 30 novembre 1936, pp. 42–43, ISSN 00243019 (WC · ACNP). URL consultato il 4 marzo 2012.
  6. ^ Brigitte Hamann e Hans Mommsen, Hitler's Vienna: A Portrait of the Tyrant as a Young Man, Tauris Parke Paperbacks, 3 agosto 2010, p. 356, ISBN 978-1-84885-277-8. URL consultato il 4 Marzo 2012.
  7. ^ Spotts, Frederic Hitler and the Power of Aesthetics (Overlook TP, 2004) ISBN 978-1-58567-507-4 p.172; Guarda anche Dipinti di Adolf Hitler
  8. ^ Marc Fisher, "The Art of Evil; Half a century later, the paintings of Adolf Hitler are still a federal case", The Washington Post, 21 aprile 2002, p. W.26
  9. ^ David Ng, Would you buy this painting by Adolf Hitler?, in Los Angeles Times, 30 gennaio 2012. URL consultato il 13 marzo 2012.
  10. ^ Hitler's art attracts big sale prices[collegamento interrotto], CNN, 23 aprile 2009. URL consultato il 13 marzo 2012.
  11. ^ Hitler paintings sold at British auction house, Deutsche Welle, 24 aprile 2009. URL consultato il 13 marzo 2012.
  12. ^ Hitler Painting Sold At Auction, NDJ World, 29 gennaio 2012. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]