Dipartimento per l'innovazione tecnologica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dipartimento per l'innovazione tecnologica
StatoItalia Italia
TipoDipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri
Istituito1983
Soppresso2012
daGoverno Monti
SuccessoreAgenzia per l'Italia digitale e poi Dipartimento per la trasformazione digitale
Sito web

Il Dipartimento per l'innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei ministri è stato un organo del Governo Italiano preposto alla definizione e all'attuazione delle politiche per lo sviluppo della società dell'informazione, nonché delle connesse innovazioni tecnologiche per le pubbliche amministrazioni, i cittadini e le imprese.

Inizialmente si trattava di una struttura di cui si avvaleva il Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione. Nel Governo Berlusconi IV è stato unito al Dipartimento per la funzione pubblica all'interno del Dipartimento per la pubblica amministrazione e l'innovazione. Nel Governo Monti è stato nuovamente scorporato, delegato al ministro Francesco Profumo e successivamente accorpato all'Agenzia per l'Italia digitale.

Nel 2019 il Governo Conte I ha istituito un nuovo Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) con competenze analoghe a quelle del fu DIT.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]