Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie.
Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport
Uffici PCM - sport.jpg
Uffici del Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport
StatoItalia Italia
TipoDipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri
Istituito2012
Soppresso2016
SedeRoma
IndirizzoVia della Ferratella in Laterano, 51 - 00184 Roma
Sito web

Il Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri è stata una struttura di supporto al Presidente del Consiglio, operante nell'area funzionale dei rapporti del Governo con il sistema delle autonomie. Il Dipartimento è stato altresì la struttura di cui il Presidente si avvaleva per l'esercizio delle funzioni in materia di sport.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il Dipartimento per gli affari regionali, il turismo e lo sport è stato istituito nel 2012 ad opera del governo Monti. Precedentemente le competenze erano suddivise tra il Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie, il Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo e l'Ufficio per lo sport.

Dal 28 aprile 2013 le competenze del dipartimento sono suddivise tra i ministri Graziano Delrio (affari regionali e autonomie) e Josefa Idem (sport). Dopo le dimissioni del ministro Idem, il Consiglio dei ministri ha assegnato anche le competenze dello sport al ministro Delrio. Fino al 20 ottobre 2013 il dipartimento era anche competente per le materie inerenti al turismo, delegate al ministro Massimo Bray.

Nel 2013 il governo Letta ha previsto che le competenze in materia di turismo vengano trasferite al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Nel 2016 con il DPCM 7 giugno 2016[1] il Dipartimento è tornato ad avere la storica denominazione "Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie"; con lo stesso decreto, l'Ufficio per lo Sport è diventato un ufficio autonomo, articolato in due servizi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto