Dioscoreales

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dioscoreales
Tamus communis02.jpg
Dioscorea communis
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Dioscoreales
R.Br.
Classificazione Cronquist
Deletion icon.svg taxon non contemplato
Famiglie:

Dioscoreales R.Br. è un ordine di piante angiosperme monocotiledoni.[1]

Fra le famiglie comprende la Dioscoreaceae, che include le piante del genere Dioscorea (yam, "igname"), utilizzata come importante fonte alimentare in molte regioni del Mondo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine Dioscoreales include piante che sono in grado di formare un organo sotterraneo per l'accumulo di nutrienti, cosa comune a molte altre monocotiledoni. Un'eccezione è costituita dalla famiglia Burmanniaceae, che è interamente micoeterotrofica e include specie che sono prive di capacità fotosintetiche.

Le Dioscoreaceae includono principalmente rampicanti (Dioscorea) e altre specie striscianti (Epipetrum). D'altra parte la famiglia Nartheciaceae è composta da piante erbacee, con un aspetto piuttosto simile al giglio (Aletris), mentre la famiglia Burmanniaceae è un gruppo interamente micoeterotrofico.

Tutte le specie, tranne i generi assegnati alla famiglia Nartheciaceae, esprimono una microsporogenesi simultanea. Le piante delle Nartheciaceae, invece, mostrano microsporogenesi successive, cosa che è uno dei tratti che dimostrano che questa famiglia è un gruppo fratello rispetto a tutte le altre famiglie incluse nell'ordine.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le specie di questo ordine sono presenti in tutti i continenti ad eccezione dell'Antartide. I rappresentanti di questo ordine sono principalmente specie tropicali, ma vi sono comunque membri delle famiglie Dioscoreaceae e Nartheciaceae che vivono nelle regioni più fresche dell'Europa e dell'America Settentrionale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questo raggruppamento non era contemplato dal sistema Cronquist che assegnava la maggior parte delle famiglie in esso incluse all'ordine Liliales.[2]

L'ordine, introdotto dal sistema APG del 1998, è collocato nel clade monocotiledoni e includeva le famiglie Burmanniaceae, Dioscoreaceae, Taccaceae, Thismiaceae e Trichopodaceae.[3]

Nel sistema di classificazione APG II del 2003, la famiglia Thismiaceae è stata inclusa nella famiglia Burmanniaceae e le famiglie Taccaceae e Trichopodaceae sono state incluse nella famiglia Dioscoreaceae; è stata inclusa nel raggruppamento anche la famiglia Nartheciaceae.[4]

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Narthecium ossifragum - asfodelo della palude

I dati relativi all'evoluzione dell'ordine sono stati raccolti da analisi molecolari[5], dal momento che finora non sono state individuate specie fossili. Si è stimato che le Dioscoreales e il suo clade fratello Pandanales si divisero circa 121 milioni di anni fa, al principio del Cretaceo, quando si formò lo stem group. Quindi ci vollero circa 3-6 milioni di anni perché il crown group si differenziasse nel medio Cretaceo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1–20.
  2. ^ (EN) Cronquist A., An integrated system of classification of flowering plants, New York, Columbia University Press, 1981, ISBN 9780231038805.
  3. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An Ordinal Classification for the Families of Flowering Plants (PDF), in Annals of the Missouri Botanical Garden, vol. 85, n. 4, 1998, DOI:10.2307/2992015, JSTOR 2992015 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2011).
  4. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG II, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 141, 2003, pp. 399–436.
  5. ^ (EN) Vincent Merckx, Suzy Huysmans, Erik Smets, Cretaceous Origins of Myco-Heterotrophic Lineages in Dioscoreales, in: Seberg, Petersen, Barfod e Davis (a cura di), Diversity, Philogeny and Evolution in the Monocotyledons, Aarhus University Press, Danimarca, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica