Diocesi di Termini Imerese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Termini Imerese
Sede vescovile titolare
Dioecesis Himerensis
Chiesa latina
Vescovo titolare Marco Salvi
Istituita 1968
Stato Italia
Regione Sicilia
Diocesi soppressa di Termini Imerese
Suffraganea di Siracusa
Eretta IV secolo
Soppressa X secolo
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Termini Imerese (in latino: Dioecesis Himerensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Termini Imerese fu un'antica sede vescovile della Sicilia. A partire dal VII secolo fu introdotta la liturgia in rito greco; nel IX secolo le Notitiae Episcopatuum l'annoverano fra le sedi suffraganee di Siracusa.

La cronotassi dei vescovi di Thermae Himerenses risulta incompleta e confusa con un'altra sede omonima menzionata dalle fonti (Thermas Selinuntias). Il primo vescovo attribuito a questa sede è Elpidio, che avrebbe preso parte al Concilio di Calcedonia nel 451. Due sono i vescovi certi di questa diocesi, Pasquale e Giovanni, che presero parte ai concili romani del 649 e del 680.

La sede vescovile rimase a Termini Imerese fino all'avvento dei Normanni.

Oggi Termini Imerese sopravvive come sede vescovile titolare; l'attuale vescovo titolare è Marco Salvi, vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Elpidio ? † (menzionato nel 451)[1]
  • Pasquale † (menzionato nel 649)
  • Giovanni † (menzionato nel 680)
  • Giorgio ? † (menzionato nel 787)[2]

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli atti del concilio di Calcedonia riportano diverse dizioni per la sede episcopale di questo vescovo, che variano nei testi in greco e in quelli in latino: Nelle versioni latine degli atti si trova Thermensis maioris o Thermarum oppure Myricenon Thermis. Lequien attribuisce questo vescovo alla diocesi di Mirica nella Galazia Seconda (Michel Lequien, Oriens christianus in quatuor Patriarchatus digestus, Parigi 1740, Tomo I, col. 497). Le stesse indicazioni sono riportate dalla Collectio Dionysiana nell'edizione dello Schwartz (1936), p. 163, dove il nome di Helpidios Myricenon Thermis appone la sua firma tra i vescovi della Galazia Seconda.
  2. ^ Questo vescovo è assegnato dagli editori dell'edizione critica degli atti del concilio del 787 alla diocesi di Terme in Cappadocia Prima. J. Darrouzès, Listes épiscopales du concile de Nicée (787), in «Revue des études byzantines» 33 (1975), p. 27; Erich Lamberz, Die Bischofslisten des VII. Ökumenischen Konzils (Nicaenum II), Bayerische Akademie der Wissenschaften, Phil.-hist. Klasse, Abhandlungen N.F. 124, München 2004.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi