Diocesi di Posadas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Posadas
Dioecesis Posadensis
Chiesa latina
Catedral-posadas.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Corrientes
Vescovo Juan Rubén Martínez
Sacerdoti 64 di cui 38 secolari e 26 regolari
7.336 battezzati per sacerdote
Religiosi 30 uomini, 75 donne
Diaconi 33 permanenti
Abitanti 624.000
Battezzati 469.534 (75,2% del totale)
Superficie 6.426 km² in Argentina
Parrocchie 34
Erezione 11 febbraio 1957
Rito romano
Cattedrale San Giuseppe
Santi patroni Beata Maria Vergine di Itatí
Sant'Ignazio di Loyola
Indirizzo Felix de Azara 1604, 3300 Posadas [Misiones], Argentina
Sito web www.obposadas.org.ar
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Argentina

La diocesi di Posadas (in latino: Dioecesis Posadensis) è una sede della Chiesa cattolica in Argentina suffraganea dell'arcidiocesi di Corrientes. Nel 2016 contava 469.534 battezzati su 624.000 abitanti. È retta dal vescovo Juan Rubén Martínez.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende sette dipartimenti della provincia di Misiones: Apóstoles, Candelaria, Capital, Concepción de la Sierra, Leandro N. Alem, Libertador General San Martín e San Ignacio.

Sede vescovile è la città di Posadas, dove si trova la cattedrale di San Giuseppe.

Il territorio si estende su 6.426 km² ed è suddiviso in 34 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi è stata eretta l'11 febbraio 1957 con la bolla Quandoquidem adoranda di papa Pio XII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Corrientes (oggi arcidiocesi).

Il 18 febbraio 1958 Pio XII ha dichiarato la Beata Maria Vergine di Itatí patrona principale della diocesi, e sant'Ignazio di Loyola patrono secondario.[1]

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di La Plata, il 10 aprile 1961 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Corrientes.[2]

Il 16 giugno 1986 e il 13 giugno 2009 ha ceduto porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Puerto Iguazú e di Oberá.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Jorge Kémérer, S.V.D. † (13 marzo 1957 - 16 giugno 1986 ritirato)
  • Carmelo Juan Giaquinta † (16 giugno 1986 - 22 marzo 1993 nominato arcivescovo di Resistencia)
  • Alfonso Delgado Evers (25 febbraio 1994 - 29 marzo 2000 nominato arcivescovo di San Juan de Cuyo)
  • Juan Rubén Martínez, dal 25 novembre 2000

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 624.000 persone contava 469.534 battezzati, corrispondenti al 75,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1966 303.385 391.094 77,6 86 10 76 3.527 21 150 48
1970 ? 430.000 ? 105 12 93 ? 100 192 14
1976 424.442 487.865 87,0 106 14 92 4.004 102 207 57
1980 468.000 537.000 87,2 107 12 95 4.373 106 187 62
1990 398.580 493.076 80,8 79 18 61 5.045 7 67 171 40
1999 550.000 680.000 80,9 86 25 61 6.395 19 64 165 36
2000 550.000 680.000 80,9 91 25 66 6.043 29 68 165 36
2001 570.000 700.000 81,4 90 23 67 6.333 29 70 152 36
2002 550.000 680.400 80,8 86 25 61 6.395 28 64 155 36
2003 551.000 681.500 80,9 90 27 63 6.122 27 65 150 36
2004 552.890 769.000 71,9 90 32 58 6.143 26 60 165 37
2013 498.000 622.000 80,1 74 37 37 6.729 21 40 93 33
2016 469.534 624.000 75,2 64 38 26 7.336 33 30 75 34

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AAS 52 (1960), pp. 405-406.
  2. ^ AAS 54 (1962), p. 76.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi