Diocesi di Manado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Manado
Dioecesis Manadoensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Makassar
Sede vacante
Vescovo eletto Benedictus Estephanus Rolly Untu, M.S.C.
Vescovi emeriti Joseph Theodorus Suwatan, M.S.C.
Sacerdoti 138 di cui 91 secolari e 47 regolari
984 battezzati per sacerdote
Religiosi 190 uomini, 437 donne
Abitanti 6.062.706
Battezzati 135.857 (2,2% del totale)
Superficie 90.000 km² in Indonesia
Parrocchie 59
Erezione 19 novembre 1919
Rito romano
Cattedrale Cuore Immacolato di Maria
Indirizzo Jl. Sam Ratulangi 66, Kotak Pos 73, Manado 95002, Sulawesi Utara, Indonesia
Sito web keuskupanmanado.org
Dati dall'Annuario pontificio 2014 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Indonesia

La diocesi di Manado (in latino: Dioecesis Manadoensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Makassar. Nel 2013 contava 135.857 battezzati su 6.062.706 abitanti. La sede è vacante, in attesa che il vescovo eletto Benedictus Estephanus Rolly Untu, M.S.C., ne prenda possesso.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi copre le province indonesiane di Sulawesi Settentrionale, Gorontalo e Sulawesi Centrale nella parte settentrionale dell'isola di Celebes.

Sede vescovile è la città di Manado, dove si trova la cattedrale del Cuore Immacolato di Maria.

Il territorio si estende su 90.000 km² ed è suddiviso in 59 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prefettura apostolica di Celebes fu eretta il 19 novembre 1919 con il breve apostolico Nobis supremum di papa Benedetto XV, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Batavia (oggi arcidiocesi di Giacarta).

Il 1º febbraio 1934 la prefettura apostolica fu elevata a vicariato apostolico con la bolla Magno perfundimur di papa Pio XI.

Il 13 aprile 1937 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Makassar (oggi arcidiocesi) e contestualmente assunse il nome di vicariato apostolico di Manado.

Il 3 gennaio 1961 il vicariato apostolico è stato elevato a diocesi con la bolla Quod Christus di papa Giovanni XXIII.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerard Vesters, M.S.C. † (dicembre 1919 - 16 febbraio 1923 nominato vescovo titolare di Dioclezianopoli di Palestina)
  • Joannes Walter Panis, M.S.C. † (12 giugno 1923 - marzo 1947 dimesso)
  • Nicolas Verhoeven, M.S.C. † (13 marzo 1947 - 26 giugno 1969 dimesso)
  • Theodorus Hubertus Moors, M.S.C. † (26 giugno 1969 - 8 febbraio 1990 ritirato)
  • Joseph Theodorus Suwatan, M.S.C. (8 febbraio 1990 - 12 aprile 2017 ritirato)
  • Benedictus Estephanus Rolly Untu, M.S.C., dal 12 aprile 2017

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2013 su una popolazione di 6.062.706 persone contava 135.857 battezzati, corrispondenti al 2,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 32.740 1.400.000 2,3 34 3 31 962 18 84 3
1970 66.457 2.500.000 2,7 51 4 47 1.303 68 111 23
1980 88.230 3.145.000 2,8 56 13 43 1.575 107 129 6
1990 122.110 4.500.000 2,7 57 24 33 2.142 158 156 6
1998 123.948 4.332.770 2,9 92 56 36 1.347 180 136 43
2013 135.857 6.062.706 2,2 138 91 47 984 190 437 59

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi