Diocesi di Legnica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Legnica
Dioecesis Legnicensis
Chiesa latina
St.peter and st. paul cathedral in legnica.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Breslavia
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Zbigniew Kiernikowski
Vicario generale Marek Mendyk
Ausiliari Marek Mendyk
Vescovi emeriti Stefan Cichy
Sacerdoti 515 di cui 412 secolari e 103 regolari
1.446 battezzati per sacerdote
Religiosi 104 uomini, 188 donne
Abitanti 828.000
Battezzati 745.000 (90,0% del totale)
Superficie 7.080 km² in Polonia
Parrocchie 239
Erezione 25 marzo 1992
Rito romano
Indirizzo ul. Jana Pawła II 1, 59-220 Legnica, Polska
Sito web www.diecezja.legnica.pl
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Polonia

La diocesi di Legnica (in latino: Dioecesis Legnicensis) è una sede della Chiesa cattolica in Polonia suffraganea dell'arcidiocesi di Breslavia. Nel 2016 contava 745.000 battezzati su 828.000 abitanti. È retta dal vescovo Zbigniew Kiernikowski.

Ha come patroni i santi apostoli Pietro e Paolo, san Giuseppe e sant'Edvige di Andechs.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la parte occidentale del voivodato della Bassa Slesia.

Sede vescovile è la città di Legnica, dove si trova la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo. Nella diocesi sorgono anche 4 basiliche minori: la basilica dei Santi Erasmo e Pancrazio a Jelenia Góra; la basilica di Sant'Edvige a Legnickie Pole; la basilica dell'Assunzione della Beata Vergine Maria a Krzeszów (voivodato della Bassa Slesia); e la basilica dell'Assunzione della Beata Vergine Maria e San Nicola a Bolesławiec.

Il territorio è suddiviso in 29 decanati e in 239 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi è stata eretta il 25 marzo 1992 da papa Giovanni Paolo II con la bolla Totus tuus Poloniae populus, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Breslavia.

Il 25 marzo 1993 è stato istituito il seminario maggiore diocesano.

Il 7 ottobre 1993, con la lettera apostolica Christifideles dioecesis, papa Giovanni Paolo II ha confermato i Santi Pietro e Paolo patroni principali della diocesi, e San Giuseppe, invocato con il titolo di «Custode del Redentore» (Redemptoris custos), patrono secondario.[1]

Nel mese di giugno del 1997 ha ricevuto la visita pastorale di papa Giovanni Paolo II.

Il 24 febbraio 2004 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Świdnica.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Tadeusz Rybak † (25 marzo 1992 - 19 marzo 2005 ritirato)
  • Stefan Cichy (19 marzo 2005 - 16 aprile 2014 ritirato)
  • Zbigniew Kiernikowski, dal 16 aprile 2014

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 828.000 persone contava 745.000 battezzati, corrispondenti al 90,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1999 1.111.685 1.141.308 97,4 529 436 93 2.101 103 303 291
2000 1.111.143 1.141.125 97,4 539 446 93 2.061 101 298 290
2001 1.111.123 1.140.021 97,5 552 454 98 2.012 106 300 294
2002 1.084.000 1.120.000 96,8 555 468 87 1.953 96 280 294
2003 983.840 1.051.984 93,5 574 476 98 1.714 110 260 294
2013 760.328 833.739 91,2 481 410 71 1.580 81 188 241
2016 745.000 828.000 90,0 515 412 103 1.446 104 188 239

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Lettera apostolica Christifideles dioecesis, AAS 86 (1994), p. 133.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi