Diocesi di Arado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arado
Sede vescovile titolare
Dioecesis Aradiensis
Patriarcato di Antiochia
Sede titolare di Arado
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare Joseph Nafaa
Istituita XVIII secolo
Stato Siria
Diocesi soppressa di Arado
Suffraganea di Tiro
Eretta ?
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Arado (in latino: Dioecesis Aradiensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arado, collocata sull'isola omonima a 3 km da Tartus nell'odierna Siria, è un'antica sede vescovile della provincia romana della Fenicia Prima nella diocesi civile d'Oriente. Faceva parte del patriarcato di Antiochia ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Tiro, come attestato da una Notitia Episcopatuum del VI secolo.[1]

Nelle fonti le sedi di Arado e di Antarado sono in alcuni casi unite nella persona del medesimo vescovo.

Sono quattro i vescovi noti di questa diocesi. Mocimo partecipò al primo concilio di Costantinopoli nel 381. Museo prese parte al concilio di Efeso nel 431. Attico sottoscrisse la lettera dei vescovi della Fenicia Prima all'imperatore Leone (458) in seguito all'uccisione del patriarca alessandrino Proterio. Infine Asincrezio fu tra i padri del secondo concilio di Costantinopoli nel 553.

Oggi Arado sopravvive come sede vescovile titolare; l'attuale vescovo titolare è Joseph Nafaa, vescovo ausiliare di Joubbé, Sarba e Jounieh. Dal 1986 la sede è assegnata a vescovi della Chiesa maronita.

Cronotassi dei vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Mocimo † (menzionato nel 381)
  • Museo † (menzionato nel 431) (episcopus Aradi et Antaradi)
  • Attico † (menzionato nel 458)
  • Asincrezio † (menzionato nel 553)

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Echos d'Orient X, 1907, p. 94.
  2. ^ Negli Annuari Pontifici del 1859, 1860 e 1861 Maigret è indicato come vescovo titolare di Arata (Arathiensis) in Cappadocia; con l'Annuario Pontificio 1862 appare titolare della sede di Arat (Arathensis) in Arabia; la collocazione della sede in Arabia rimane almeno fino all'Annuario Pontificio 1882. Questo stesso Annuario riporta l'11 agosto 1833 come data di nomina di Maigret a questa sede.
  3. ^ L'Annuario Pontificio 1886 colloca la sede nella provincia della Palestina Terza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi