Diocesi di Ahiara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Ahiara
Dioecesis Ahiarana
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Owerri
Sede vacante
Amministratore apostolico John Olorunfemi Onaiyekan
Vescovo eletto Peter Ebere Okpaleke
Vicario generale Clement O. Ebii
Sacerdoti 122 di cui 115 secolari e 7 regolari
4.008 battezzati per sacerdote
Religiosi 16 uomini, 112 donne
Abitanti 634.000
Battezzati 489.000 (77,1% del totale)
Superficie 425 km² in Nigeria
Parrocchie 73
Erezione 18 novembre 1987
Rito romano
Cattedrale Maria Madre della Chiesa
Indirizzo P.O. Box 205, Ogbe, Ahiara, Ahiazu Mbaise L.G.A., Imo State, Nigeria
Sito web www.ahiaradiocese.org
Dati dall'Annuario pontificio 2013 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Nigeria

La diocesi di Ahiara (in latino: Dioecesis Ahiarana) è una sede della Chiesa cattolica in Nigeria suffraganea dell'arcidiocesi di Owerri. Nel 2012 contava 489.000 battezzati su 634.000 abitanti. È attualmente sede vacante, retta dall'amministratore apostolico cardinale John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, in attesa che il vescovo Peter Ebere Okpaleke, nominato nel 2012, possa prendere possesso della diocesi, cosa fino ad oggi impedita per l'opposizione dei fedeli[1][2].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la regione chiamata Mbaise, che è parte dello stato nigeriano di Imo.

Sede vescovile è la città di Ahiara, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Madre della Chiesa.

Il territorio è suddiviso in 73 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi è stata eretta il 18 novembre 1987 con la bolla Dominici gregis di papa Giovanni Paolo II, ricavandone il territorio dalla diocesi di Owerri (oggi arcidiocesi).

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Onitsha, il 26 marzo 1994 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Owerri.

Alla nomina del secondo vescovo, Peter Ebere Okpaleke, avvenuta nel 2012, si è scatenata una situazione molto delicata: non essendo originario della diocesi e non appartenendo all'etnia mbaise, maggioritaria nella zona, i fedeli e il clero della diocesi si sono opposti alla successione; la consacrazione di monsignor Okpaleke è comunque avvenuta nella cattedrale di Owerri, ma egli non ha mai potuto prendere possesso della diocesi. Per cercare di dirimere la questione papa Francesco nel 2013 ha nominato amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis della diocesi il cardinale John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja[1][2].

Nel giugno del 2017 papa Francesco è intervenuto nella controversia ancora aperta, obbligando tutti i preti della diocesi a inviare a lui una lettera per chiedere perdono per il proprio comportamento e per accettare le decisioni del papa e la nomina del nuovo vescovo; per gli inadempienti, è prevista la sospensione a divinis e la perdita del proprio incarico pastorale[3]. Diverse fonti di stampa hanno annunciato che le lettere sono state inviate, ma i disordini sono continuati e rimane una situazione di stallo con fedeli e preti divisi su posizioni contrapposte[4][5][6].

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 634.000 persone contava 489.000 battezzati, corrispondenti al 77,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1990 331.443 391.430 84,7 52 52 6.373 24 23
1999 398.522 495.772 80,4 90 86 4 4.428 4 39 46
2000 407.522 508.166 80,2 94 92 2 4.335 4 39 48
2001 422.110 520.870 81,0 117 115 2 3.607 4 39 51
2002 392.968 490.288 80,2 109 106 3 3.605 7 41 52
2003 395.560 502.545 78,7 116 113 3 3.410 3 44 56
2004 401.506 510.623 78,6 115 112 3 3.491 3 51 62
2006 416.000 539.000 77,2 129 126 3 3.224 3 57 66
2012 489.000 634.000 77,1 122 115 7 4.008 16 112 73

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Le pape François face aux divisions ethniques de l’Afrique, su la-croix.com, 8 giugno 2017. URL consultato l'8 giugno 2017.
  2. ^ a b Contestazioni etniche a un vescovo nigeriano, interviene il Papa, su lastampa.it, 8 giugno 2017. URL consultato il 9 giugno 2017.
  3. ^ Parole del Santo Padre ai Membri della Delegazione della Diocesi di Ahiara (8 giugno), su press.vatican.va, 10 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Partial Victory For Pope In Ahiara Diocese, su leadership.ng, 8 luglio 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Pope begins answering priests from troubled Nigerian diocese, su cruxnow.com, 22 luglio 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  6. ^ (EN) Catholic Laity Council okays Pope's suspension sanction against Ahiara diocese, su dailytrust.com.ng, 24 luglio 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  7. ^ AAS 105 (2013), p. 937.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN307321200
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi