Dio è morto (se Dio muore, è per tre giorni poi risorge)/Per fare un uomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dio è morto (se Dio muore, è per tre giorni poi risorge)/Per fare un uomo
Artista Nomadi
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1967
Dischi 1
Tracce 2
Genere Beat
Etichetta Columbia, SCMQ 7046
Formati 45 giri
Nomadi - cronologia

Dio è morto (se Dio muore, è per tre giorni poi risorge)/Per fare un uomo è un 45 giri dei Nomadi, pubblicato nel 1967.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Entrambe le canzoni sono scritte da Francesco Guccini ed inserite nell'album Per quando noi non ci saremo.

Dio è morto[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del brano riprende il celebre aforisma di Friedrich Nietzsche, ma per stessa ammissione di Guccini la canzone ha attinto al poema Urlo di Allen Ginsberg, almeno per quanto riguarda l'incipit. È la prima canzone depositata alla Siae a nome di Guccini (che nel frattempo aveva superato i due esami come autore di testi e come musicista non trascrittore) sia per il testo che per la musica, è sicuramente una delle sue canzoni più famose.

Con questo brano il gruppo partecipò al Cantagiro 1967 per poi includerla, nello stesso anno, nell'album Per quando noi non ci saremo. Il pezzo, ritenuto blasfemo dalla Rai e subito censurato, fu invece messo in onda da Radio Vaticana, non nuova ad azioni di questo tipo[1].

Dio è morto è senza dubbio uno dei pezzi più conosciuti dei Nomadi, tanto che viene suonata ininterrottamente nei loro concerti a partire dal 1967 ed è stata più volte reincisa, sia in studio che live.

Le cover[modifica | modifica wikitesto]

Per fare un uomo[modifica | modifica wikitesto]

La canzone non è mai stata incisa in studio dal suo autore ma solamente dal vivo nel disco Album concerto, realizzato con i Nomadi.

Le cover[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dio è morto (se Dio muore, è per tre giorni poi risorge) – 2:42
  2. Per fare un uomo – 2:50

Durata totale: 5:32

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Enrico Deregibus), Dizionario completo della canzone italiana, Giunti editore (2006)
  • Fausto Pirito - In viaggio con i Nomadi, Giunti Editore 2000
  • Beppe Carletti, Massimo Cotto - Sempre Nomadi, Sperling & Kupfer Editori 2002
  • Beppe Carletti, Massimo Cotto - Nomadi, Augusto ed altre storie, Mondadori 2004
  • Ricky Tricomi - Noi popolo nomade, 2004
  • Antonio Ranalli - Nomadi 1965-2005 canzoni senza patria e senza tempo, Editori Riuniti 2005
  • Massimo Masini, Carlo Savigni - Nomadi, l'inizio del viaggio, Mediane 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock