Dino Marsan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dino Marsan

Dino Marsan (Ferrara, 28 aprile 1955) è un illustratore e artista italiano. È considerato uno dei maggiori illustratori italiani di fantascienza.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 17 anni inizia a interessarsi di fotografia e fumetti. Esordisce negli anni settanta con la Edifumetto realizzando una decina di storie. Si dedica poi all'illustrazione di fantascienza[2] disegnando dal 1982 copertine per case editrici italiane come: Editrice Nord, Armenia Edizioni e Peruzzo Editore di Milano, Fanucci di Roma, Solfanelli di Chieti ed Elara libri di Bologna. Per case editrici straniere come: Bastei e Knaur (Germania), J'ai lu (Francia) e DAW (Stati Uniti). Alla fine degli anni 80 si dedica anche all'illustrazione di libri gialli per le case editrici Garden Editoriale di Milano e Compagnia del Giallo di Roma.

Successivamente ha collaborato con le case discografiche BMG Ariola, EMI e Full Time e altre etichette minori. Ha realizzato, per la Pubbliteam di Ferrara, la grafica di vari filmati.

A partire dall'anno 2000 partecipa a numerose mostre collettive e personali. Nel 2005 ha fondato l'associazione culturale IMPULSEART alla quale aderirono 1200 artisti e nella cui galleria virtuale erano presenti oltre 5000 opere. Dopo 10 anni di attività nel dicembre del 2015 IMPULSESART ha cessato l'attività.

Nel 2014 partecipa alla realizzazione del video istituzionale In volo con l'ippogrifo realizzando le grafiche 3D e le riprese con drone in collaborazione con Alessandro Bersanetti suo socio. Il progetto venne commissionato dalla Provincia di Ferrara nell'ambito del programma HerMan (Management of Cultural Heritage in the Central Europe Area) allo scopo di valorizzare il patrimonio culturale della città Estense attraverso un viaggio che toccava tutti i musei della città e della sua provincia.

Nel 2016 ha curato la regia e le scenografie dello spettacolo teatrale Mosaico d'Amore.

Nel 2017 realizza il progetto grafico "Il cart ad Fràra" dedicato a Ferrara, sua città natale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 - Premio Amatrix - Miglior artista
  • 1982 - Premio Italia - Miglior artista, secondo classificato
  • 1993 - Pixel Art Expò Roma - Immagine 3D - Secondo classificato
  • 1993 - Pixel Art Expò Roma - Animazione 2D - Terzo classificato
  • 1994 - Pixel Art Expò Roma - Animazione su videotape - Primo classificato
  • 1995 - Pixel Art Expò Roma - Animazione - Terzo classificato
  • 1997 - Immaginando 97 Grosseto - Rassegna internazionale di computer grafica - Secondo classificato
  • 2008 - Premio Italia - Miglior artista, vincitore[3]
  • 2014 - Premio Giornalistico Camera di Commercio Ferrara - Terzo classificato

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]