Dino Frescobaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«I versi di Dino sono sgombri della ruggine antica rare le viete parole le sforzate maniere ei sentimenti contorti[..]»

(Guasti, Storia del sonetto italiano corredata di cenni biografici e di note storiche.., Prato, 1839.)

Dino Frescobaldi (Firenze, 12711316 circa[1]) è stato un poeta italiano. Personaggio molto vicino a Dante Alighieri, è considerato uno dei maggiori esponenti dello stilnovismo[2]: viene citato e lodato da Pietro Bembo e Boccaccio come assai famoso poeta stilnovista[3]. Figlio di messer Lambertuccio Frescobaldi[3], discendente della ricca famiglia fiorentina dei Frescobaldi (dediti al commercio)[4].

Essendo molto apprezzato dai contemporanei, i suoi sonetti e le sue canzoni sono circolate in grande numero[3][5], quindi il corpus è piuttosto vasto. Amico di Dante, nel 1305 mandò egli stesso al marchese Morello Malaspina, presso cui alloggiava Dante, i primi sette canti della Divina Commedia, pregando Dante che continuasse l'opera.[3][5].

Dino Frescobaldi fu padre del poeta Matteo Frescobaldi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sonetti[5]
  • Lodi della sua Donna
  • La sua Donna è divenuta una stella nel Cielo d'Amore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina personale presso l'Università di Innsbruck Archiviato il 29 agosto 2004 in Internet Archive., progetto CulturaItalia Archiviato il 25 novembre 2007 in Internet Archive.
  2. ^ G. R. Ceriello, I rimatori del Dolce stil novo. Guido Guinizelli, Guido Cavalcanti, Lapo Gianni, Gianni Alfani, Dino Frescobaldi, Cino da Pistoia, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2003.
  3. ^ a b c d Francesco Trucchi, Poesie italiane inedite di dugento autori dall'origine della lingua infino al secolo decimosettimo, Prato, 1846.
  4. ^ Libroco.it. Ultimo accesso: 9 novembre 2007.
  5. ^ a b c Guasti, Storia del sonetto italiano corredata di cenni biografici e di note storiche.., Prato, 1839. Testo digitalizzato da Google

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39445932 · ISNI (EN0000 0000 6128 1652 · LCCN (ENn83056610 · GND (DE118535293 · BNF (FRcb12315260s (data) · CERL cnp01337716