Dino Ballarin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dino Ballarin
Dino Ballarin.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Carriera
Squadre di club1
1942-1944 Rovigo 2 (-6)
1945-1947 Clodia ? (-?)
1947-1949 Torino 0 (-0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Dino Ballarin (Chioggia, 23 settembre 1925Superga, 4 maggio 1949) è stato un calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1947 arrivò al Torino, "chiamato" dal fratello Aldo come terzo portiere.

Arrivava dai dilettanti e non giocò mai nessuna partita ufficiale col Torino. Si segnalò in squadra per la sua dedizione, che lo vedeva primo ad arrivare agli allenamenti ed ultimo ad andarsene. Come premio, il fratello Aldo convinse la società a portarlo a Lisbona, per l'amichevole col Benfica che sarà l'ultima partita del Grande Torino. La decisione suscitò anche una grossa delusione al secondo portiere, Renato Gandolfi, al quale la mancata convocazione venne comunicata all'ultimo minuto.[1] Gandolfi non sapeva che questo evento gli avrebbe salvato la vita: i due fratelli Ballarin morirono insieme nella Tragedia di Superga.

In ricordo della scomparsa di Dino e del fratello Aldo Ballarin, il comune di Chioggia ha intitolato il proprio stadio comunale con il nome dei due atleti. Lo stesso ha fatto il comune di San Benedetto del Tronto, che nel 1949 intitolò il campo sportivo, allora utilizzato dalla Sambenedettese, ai due fratelli.

Dino Ballarin è stato sepolto nel cimitero di Chioggia, vicino al fratello Aldo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Dino Ballarin è stato interpretato dall'attore Matteo Taranto nella miniserie TV Il Grande Torino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Ossola-F. Tavella, "Il romanzo del Grande Torino", Newton & Compton, Roma, 1993, pag. 281.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicoletta Perini e Davide Bovolenta, "Aldo e Dino Ballarin, uniti per sempre", Il Leggio, 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]