Digit ratio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Esempio di calcolo del digit ratio. Mano destra con il dito indice più breve dell'anulare, risultante in un piccolo 2D:4D ratio, ciò indicherebbe un'elevata esposizione al testosterone nell'utero materno.

Digit ratio è il termine col quale si indica il rapporto fra la lunghezza del dito indice e del dito anulare della mano destra: la misurazione avviene dal punto centrale della piega inferiore (dove il dito si unisce alla mano) sino alla punta del dito.[1] È stato suggerito da alcuni studi che il rapporto tra la lunghezza del 2° dito (l'indice) e il 4° (l'anulare), è influenzato dall'esposizione agli androgeni come il testosterone, all'interno dell'utero materno e che questo rapporto 2D:4D può essere considerato una misura approssimativa dell'esposizione prenatale agli androgeni, i rapporti bassi 2D:4D sembrerebbero correlare con una maggiore esposizione prenatale agli androgeni.[2][3]: un indice più lungo si tradurrà in un rapporto maggiore di 1, mentre un dito anulare più lungo si tradurrà in un rapporto minore di 1.

Il rapporto 2D:4D è anche indice di dimorfismo sessuale: mentre il secondo dito è tipicamente più corto sia nelle femmine che nei maschi, la differenza tra la lunghezze delle due dita è maggiore nei maschi rispetto alle femmine[4] Diversi studi hanno dimostrato una correlazione tra il 2D:4D e varie caratteristiche fisiche e comportamentali.[5][6]

Vi è da specificare che gran parte della voce si fonda su ipotesi basate su studi epidemiologici di tipo osservazionale con numeri di arruolati nell'ordine di diverse migliaia di soggetti: mancano ancora dati di studi a carattere prospettico su una popolazione adeguatamente numerosa, che sono a tutt'oggi in corso.

Tecniche di misura[modifica | modifica wikitesto]

I primi studi hanno adottato una misura tramite calibro direttamente sulla mano, studi successivi usano la fotocopia della mano. Un'analisi comparativa[7] evidenzia che la nuova tecnica tende a sottostimare il rapporto, sia tramite una misura "più corta" del dito indice, sia tramite una "più lunga" dell'anulare, e che le differenze crescono se cambiano i protocolli adottati per misurare la lunghezza, al punto da sconsigliare un confronto fra studi con tecniche di misura diverse, oppure di adottare due tecniche di misura nello stesso studio.[7] La differenza è attribuita a un differente accumulo di grasso nelle dita, variabile col sesso e l'orientamento sessuale.[7]

I campioni prendono in genere in considerazione persone in grado di muovere la mano e flettere le dita, per cui la lunghezza del dito è misurata sul piano con le dita chiuse. La convessità della mano o di una falange nel dito mignolo, la lunghezza delle unghie possono interessare tuttavia nella diagnosi prenatale di varia malattie genetiche (trisomia).

Relazione con i livelli ormonali[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza del dito indice risulta tanto maggiore quanto più è elevata la quantità di ormoni estrogeni nel feto durante i nove mesi di gravidanza, mentre la lunghezza del dito anulare è proporzionale alla concentrazione plasmatica di testosterone nel feto.

La verifica è stata effettuata riscontrando un coerente dimorfismo sessuale: il digit ratio nei neonati di sesso femminile è mediamente uguale a uno (cioè le dita sono di pari lunghezza), mentre quello dei neonati di sesso maschile è minore di uno (prevalenza del testosterone sugli ormoni estrogeni).[8].

Le madri hanno mostrato un digit ratio più alto di quello dei neonati maschi e femmine, con una differenza maggiore fra la madre e la figlia femmina. La concentrazione di ormoni nel plasma era coerente. Tuttavia i valori della popolazione femminile prossimi a uno non sono stati coerenti con quanto era predicibile dalla differenza nel rapporto androgeni/estrogeni fra uomo e donna: la differenza era pari a un ordine di grandezza, ovvero 10 volte inferiore nella donna rispetto all'uomo.

Distribuzione statistica del digit ratio[modifica | modifica wikitesto]

Una rappresentazione grafica della distribuzione: Uomini (in colore blu), Donne (verde), e la popolazione complessiva (rosso). Condotto dall'Università dell'Alberta, e ipotizzando una distribuzione normale.

Da uno studio condotto sulla mano destra 136 maschi e 137 femmine presso l'Università dell'Alberta risulta che[9]:

Supponendo una distribuzione normale, da questi dati si deduce che c'è una probabilità del 95% (detta anche livello di confidenza) che il valore del rapporto 2D:4D sia compreso tra 0,889-1,005 per i maschi, e che per le femmine cada nell'intervallo di valori 0,913-1,017.

Non sono noti studi comparativi della distribuzione del digit ratio condotti misurando e confrontando il valore per mano destra e mano sinistra tra loro e/o rispetto ai tratti somatici o psico-somatici di presunta correlazione, in modo da evidenziare quanto la parte destra rispetto alla sinistra si riveli un maggiore "marcatore" di tutto ciò che è stato associato a tale rapporto, sia nella popolazione maschile che in quella femminile.

Variabilità geografica e con i gruppi etnici[modifica | modifica wikitesto]

Manning e colleghi hanno dimostrato che il rapporto 2D:4D varia sensibilmente tra i diversi gruppi etnici: i bambini Han avevano i più alti valori medi di 2D: 4D (0,954 ± -0,032), seguiti dai Berberi (0.950 ± 0,033), dagli Uiguri (0.946 ± 0.037), mentre i bambini giamaicani avevano la media più bassa (0,935 ± 0,035).[10][11] Questa variazione è molto superiore rispetto alle a quelle esistenti fra i sessi; nelle parole di Manning, "È più alta della differenza tra un polacco e un finlandese, o tra un uomo e una donna"[12]

Tuttavia va notato che gli errori associati a ciascun dato 2D:4D non sono di entità tale da pensare che ci possano essere variazioni fra diverse etnie: infatti il rapporto per i bambini Han (0,954 ± -0,032) può considerarsi da 0,922, mentre il rapporto per i bambini giamaicani (0.935 ± 0.035) può raggiungere lo 0.970. Pertanto sono necessarie ulteriori ricerche, che garantiscano una misurazione quanto più accurata per stabilire se l'appartenenza etnica sia un fattore di variabilità per il rapporto 2D:4D.

Significato clinico[modifica | modifica wikitesto]

Il rapporto esprime la quantità di testosterone e estrogeni che la madre trasferisce nell'utero al feto durante il periodo gestazionale.

Gli studi clinici hanno mostrato che era alta la percentuale di individui col dito anulare più lungo dell'indice nei campioni maschili che avevano tratti psicosomatici che si definiscono durante la gravidanza e che sono attribuibili ad un alto livello di testosterone:

Il rapporto fra estrogeni e androgeni non è costante nel tempo perché la produzione di un ormone e del suo antagonista varia durante la vita anche e soprattutto con fattori ambientali e non genetici, come l'alimentazione, lo stile di vita, l'apporto dall'esterno di ormoni sintetici o di sostanze stimolanti la loro produzione, che possono modificare la funzionalità di una ghiandola endocrina (si pensi all'insulina e al diabete mellito di tipo 1).

Questi argomenti indurrebbero a ritenere che:

  1. il digit ratio del feto non è collegabile con quello della madre, che alla nascita poteva presentare un rapporto estrogeni/androgeni variabile nella vita fino al momento della gravidanza. Invece, sono stati rapportati negli studi comparativi fra madre e neonato;
  2. non è possibile stabilire dalla forma della mano quanto testosterone e quanti estrogeni hanno un uomo o una donna nel sangue al momento della misurazione: un digit ratio differente nel soggetto dalla sua media può al limite essere considerato un marcatore del rischio di scompensi "attuali" fra i livelli di estrogeni e testosterone, da verificare con altri esami, dato che tali livelli erano fuori range durante il periodo della gravidanza (digit ratio fuori dalla media), mentre questo aspetto non si sarebbe mostrato nel periodo prenatale nella popolazione adulta che presenta un rapporto fra i due ormoni generalmente nella norma.

Uno degli studi più vasti condotti in merito su 2.000 tra uomini e donne ha confermato che a più basso digit ratio non corrispondeva una più alta concentrazione di testosterone nell'uomo adulto.[22] Tuttavia gli studi di Manning (pioniere delle ricerche sul 2D:4D) su un campione di 500 sportivi, ha mostrato al contrario che il digit ratio basso è proporzionale alla performance sportiva in età adulta (in ordine decrescente: squadra nazionale/serie A/dilettanti/ giovanile /non-praticanti; senza avere tuttavia misurato i livelli plasmatici di testosterone)[23]: occorre allenarsi, ma campioni si nasce piuttosto che diventarlo.

Nel 2010 uno studio inglese ha scoperto di contro che un grande valore del rapporto 2D:4D indicano una positiva correlazione della psicopatia nelle femmine, e una positiva correlazione di insensibilità (psicopatia sub-scala) nei maschi.[24]

La valutazione globale di questi studi suggerisce che i fattori ambientali possono modificare il rapporto androgeni/estrogeni per valori inferiori o in linea con la media, non per valori superiori alla media, quale è la performance di un atleta. Date le differenze esistenti fra cervello maschile e femminile, che terminano la loro formazione nei nove mesi di gravidanza, e che si ipotizza essere governate dal rapporto fra ormoni androgeni ed estrogeni, si è tentato di correlare il digit ratio alla preferenza dell'omosessualità o dell'eterosessualità. Tuttavia, oltre alla mancata conferma di una correlazione fra digit ratio e testosterone in età adulta (per valori mediani o deficit di questo ormone), nessuna correlazione tra omosessualità e digit ratio alto è stata riscontrata sia per gli uomini, che per le donne.

Non esiste una spiegazione chimico-anatomico-fisiologica del fatto che il livello di estrogeni e testosterone debbano necessariamente portare nel feto a una determinata forma delle mani, così come tale meccanismo non è noto nemmeno per gli altri tratti psicosomatici differenti tra uomo e donna. Né è mai stato condotto in merito uno studio epidemiologico esteso, negli anni e su un campione di migliaia di individui. Uno studio del 2011[25] cerca di motivare il digit ratio con la maggiore attività nel dito anulare rispetto al medio, sia dei recettori di ormoni androgeni che dei recettori di estrogeni: l'inattivazione dei recettori di androgeni e l'apporto di estrogeni decrescono la lunghezza del dito 4, mentre l'inattivazione dei recettori di estrogeni e l'apporto di testosterone aumentano la lunghezza e quindi il digit ratio.[26]

Spiegazione degli effetti del digit ratio[modifica | modifica wikitesto]

Non è chiaro il motivo per cui il rapporto 2D:4D sia influenzato dagli ormoni prenatali. Sono noti in letteratura scientifica esempi che mostrano effetti simili, come le oto-emissioni acustiche, o il rapporto tra le lunghezze di braccio e tronco. Si è ipotizzato che un'unica comune famiglia di geni (Pleiotropia), quella dei geni Hox, fossero responsabili dello sviluppo sia del pene sia delle dita nella mano.[27]

Si è ipotizzata l'esistenza di un'azione diretta da parte degli ormoni sessuali sulla crescita ossea, con un'azione di regolazione dei geni Hox nello sviluppo delle dita, ovvero in una via indipendente da tali geni. Tuttavia non è ancora chiarito per quale motivo il rapporto 2D:4D sulla mano destra dovrebbe essere più evidente e marcato di quelli che sulla mano sinistra, come è indicato dalla maggiore differenza, fra uomini e donne, a destra piuttosto che a sinistra .[28] e, in modo trasversale a uomo e donna, per gli altri tratti psico-somatici che sono stati correlati ad alti o bassi livelli di 2D:4D.

Correlazione 2D:4D e tratti psico-somatici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Neuroscienze e orientamento sessuale § 2D:4D digit ratio.

Tabella esplicativa delle varie correlazioni.

Basso digit ratio (rapporto<1)

Alto digit ratio (rapporto>1)

Fisiologia e malattia
Disordini psichiatrici
  • Maggiore incidenza di ADHD nei maschi.[35][36][37]
  • Maggiore diffusione della sindrome di Asperger e di altri disordini riconducibili all autism spectrum (in studi "a doppio cieco", quando si confronta il 2D:4D con la normale popolazione di controllo).[38]
  • Ridotto rischio di anoressia nervosa nelle femmine[39] e di disordini alimentari nei maschi.[40]
Comportamento fisico e competitivo
  • Ridotta performance sportiva.[47]
  • Ridotta abilità nel trading finanziario.[48]
  • Ridotti skill relativi ad un leader autorevole.[49]
Capacità cognitive e personalità
  • Tratti di personalità correlati col digit ratio più alti quanto più si è "femminilizzati".[57][58]
  • Credenze su fatti paranormali e superstizioni negli uomini con digit ratio più alto.[59]
  • Punteggi più alti agli esami fra gli studenti maschi.[60]
Capacità di Management
Percezione sensoriale
Orientamento sessuale
  • Le lesbiche hanno un rapporto più basso, in media, rispetto alle donne eterosessuali.[66][67][68][69][70]
  • Gli uomini bisessuali hanno un digit ratio inferiore a quella degli uomini esclusivamente omosessuali e di volontari reclutati indipendentemente dall'orientamento.[71]
  • Nella popolazione femminile, preferenza sessuale verso uomini dai tratti più mascolini[66] e gay[72] con un più alto digit ratio; la preferenza per un tipo di viso mascolino significa un mentalità più "femminilizzata".
  • Le lesbiche hanno più probabilità di essere associabili a tratti femminili e meno probabilità di essere butch, se il digit ratio è alto.[73]
  • Omosessualità per gli uomini, secondo gli stessi studi.[70][74] Altri studi hanno contestato ciò: alcuni hanno dimostrato che il digit ratio negli uomini omosessuali è simile[67][68][69][75] o inferiore,[71] agli uomini eterosessuali. Uno studio concluse che le differenze dipendevano da variazioni geografiche.[76] Ma questo dato è stato messo in discussione in una meta-analisi di 18 studi che hanno suggerito che l'etnicità, piuttosto che la geografia, spiegano le differenze che in precedenza si attribuivano e misuravano fra uomini aventi orientamenti sessuali diversi. La meta-analisi ha concluso che non vi sono differenze significative nel rapporto 2D:4D tra gli uomini secondo l'orientamento sessuale.[77]

Nella popolazione transessuale MtF[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio condotto in Germania ha trovato una correlazione tra il rapporto 2D:4D e il transessualismo MtF (Male-to-Female). Donne trans sono state trovate ad avere un rapporto maggiore rispetto alla popolazione cisessuale maschile, ma che era paragonabile con la stessa popolazione di cisgender donne.[78]

Digit ratio e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali il 2D: 4D impatta sullo sviluppo umano e sulla crescita. Ronalds et al (2002) hanno mostrato che gli uomini che hanno avuto un peso della placenta sopra la media e lunghezza del cordone ombelicale minore avevano un maggiore 2D:4D nella età adulta. .[79] Inoltre, studi sulla correlazione con la forma del viso suggeriscono che l'esposizione al testosterone nei primi anni di vita può determinare alcune caratteristiche per lo sviluppo successivo.[80] Fink et al (2004) trovarono che uomini con basso 2D:4D (che indica alto tassi di testosterone) e le donne con alto 2D:4D (che indica alti tassi di estrogeni) esprimono maggiori livelli di simmetria del volto.[81]

Distanza ano-genitale[modifica | modifica wikitesto]

La distanza ano-genitale, come il digit ratio, è una misura usata per tradurre il livello di alcuni ormoni a cui l'individuo è stato esposto in utero e forse nella prima infanzia.[82] Questo metodo, dapprima sviluppato e utilizzato come modello dai biologi su animali da laboratorio o catturati in natura, è stato poi applicato anche sugli esseri umani nell'ambito di studi sugli interferenti endocrini.[82] La distanza ano-genitale è inoltre un marker di alterazione del sistema endocrino indicatore dei livelli androgeni/estrogeni, valutabili durante lo sviluppo o in età già adulta, quindi utilizzato come misura complementare al 2D:4D. Peraltro, è stata riscontrata una relazione positiva con la fertilità maschile, che sarebbe direttamente proporzionale alla distanza.[83]

L'importanza statistica di questa misura si basa sull'assunto che questa distanza aumenta nei ragazzi quando in utero il testicolo embrionale comincia a produrre testosterone. Nello sviluppo durante la pubertà questa distanza è ancora governata dagli ormoni sessuali. Negli esseri umani la distanza anogenitale sembra anche essere correlata a un aumentato rischio di anomalie che evocano anche una femminilizzazione, che invece è generalmente attribuita all'opera di interferenti endocrini durante la vita fetale, nel momento della formazione testicolare.[82].

Le altre dita della mano[modifica | modifica wikitesto]

Mano destra dove l'anulare non è della stessa lunghezza dell'indice

Un ruolo potenziale e non indagato quale segno (marcatore statistico) di altri tratti psico-somatici, malattie e/ o disordini psichiatrici, è dato dalle altre dita della mano destra o sinistra, e anche del piede (fattore studiato negli animali, ma non nell'uomo). Ciò è verificato in varie trisomie, mentre non indica nulla di particolare e non è usata per la diagnosi delle trisomie del cromosoma sessuale. Tuttavia, l'unico studio disponibile sulla correlazione 2D:4D e la sindrome di Klinefelter, evidenzia che i maschi con sindrome hanno 2D:4D medi come quelli della popolazione femminile sana.[84]

Nella Sindrome di Down è nota un'incidenza superiore al 55% di anomalia del quinto dito corto (clinodattilia), incurvato all'interno di mani corte e tozze[85], con la falange media del 5° dito che presenta un'unica plica di flessione; spazio eccessivo fra alluce e secondo dito del piede. Indice, medio e anulare tendono ad avere la stessa lunghezza, per cui il digit ratio tendendo a uno, sembra non avere impatto sull'incidenza della sindrome.

Un vasto studio del 2015 su 6.015 adolescenti, di cui una minoranza affetta da ASD, non evidenzia correlazione con 4 test psico-metrici usati come predittòri di Autism Spectrum Disorders[86]. Non si trova correlazione con anomalie degli ormoni sessuali in età puberale e adulta: i soggetti maschi hanno concentrazioni di ormoni ipofisari e testicolari paragonabili a quelle degli altri adolescenti maschi[87], mentre non si hanno studi riguardo alla fertilità.[88]

Nelle altre specie animali[modifica | modifica wikitesto]

  • Emma Nelson e Susanne Shultz stanno attualmente studiando come 2D:4D si riferisce alle strategie di accoppiamento dei primati e l'evoluzione della socialità umana.[89]
  • il gruppo di ricerca di Nancy Burley ha dimostrato il dimorfismo sessuale nel diamante mandarino, e ha trovato una correlazione tra il rapporto nelle femmine e l'intensità della loro preferenza sessuale per i tratti selezionati nei maschi.[90]
  • Alžbeta Talarovičová e collaboratori hanno scoperto che nei ratti elevati livelli di testosterone durante il periodo prenatale possono influenzare la lunghezza del quarto dito (4D), il rapporto 2D:4D, e l'attività motoria in campo aperto.[91]
  • Alcuni studiosi e i loro studenti hanno esaminato il rapporto 2D:4D nell'arto anteriore in linee di topi allevati selettivamente con lo scopo di far girare una ruota ad alta velocità. I topi che correvano a velocità più alta, possedevano un 2D:4D maggiore: questa femminilizzazione apparente è opposta a quanto visto negli esseri umani, fra il 2D:4D e la forma fisica, ed è difficile da conciliare con l'idea che il 2D:4D nel caso dei topi sia utilizzabile come una chiara evidenza della esposizione agli androgeni in età prenatale. Gli autori suggeriscono che 2D:4D può riflettere più accuratamente l'effetto di glucocorticoidi o di altri fattori che regolano l'espressione genica.[92]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ T M Mayhew et al., Human 2D (index) and 4D (ring) digit lengths: their variation and relationships during the menstrual cycle, in Journal of Anatomy, vol. 211, n. 5, Novembre 2007, pp. 630-638, DOI:10.1111/j.1469-7580.2007.00801.x, PMC 2375787, PMID 17764524.
  2. ^ Zhengui Zheng, Developmental basis of sexually dimorphic digit ratios, in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 108, n. 39, 27 settembre 2011, pp. 16289-16294, DOI:10.1073/pnas.1108312108, PMC 3182741, PMID 21896736.
  3. ^ Johannes Hönekopp et al., Second to fourth digit length ratio (2D:4D) and adult sex hormone levels: New data and a meta-analytic review, in Psychoneuroendocrinology, vol. 32, n. 4, 1º gennaio 2007, pp. 313-21, DOI:10.1016/j.psyneuen.2007.01.007, PMID 17400395.
  4. ^ John T. Manning, Digit Ratio: A Pointer to Fertility, Behavior, and Health, Rutgers University Press, 1º gennaio 2002, ISBN 978-0-8135-3030-7.
  5. ^ R. Wlodarski et al., Stay or stray? Evidence for alternative mating strategy phenotypes in both men and women, in Biology Letters, vol. 11, n. 2, 4 febbraio 2015, pp. 20140977-20140977, DOI:10.1098/rsbl.2014.0977, PMC 4360109, PMID 25652222.
  6. ^ Autori vari, Evoluzione della Mano Dita & Personalità - Mostrami la mano e ti dirò chi sei!, su antveral.wordpress.com. URL consultato il 1º aprile 2017.
  7. ^ a b c JT. Manning et al., Photocopies yield lower digit ratios (2D:4D) than direct finger measurements. (abstract), in Arch Sex Behav, vol. 34, n. 3, Jun 2005, pp. 329-33, DOI:10.1007/s10508-005-3121-y, PMID 15971015. URL consultato il 1º aprile 2017.
  8. ^ T. Ventura, MC. Gomes; A. Pita; MT. Neto; A. Taylor, Digit ratio (2D:4D) in newborns: influences of prenatal testosterone and maternal environment., in Early Hum Dev, vol. 89, n. 2, febbraio 2013, pp. 107-12, DOI:10.1016/j.earlhumdev.2012.08.009, PMID 23017880.
  9. ^ a b Bailey AA, Hurd PL e Hurd, Finger length ratio (2D:4D) correlates with physical aggression in men but not in women, in Biological Psychology, vol. 68, n. 3, March 2005, pp. 215-22, DOI:10.1016/j.biopsycho.2004.05.001, PMID 15620791.
  10. ^ J. T. Manning et al., The 2nd:4th digit ratio, sexual dimorphism, population differences, and reproductive success. evidence for sexually antagonistic genes?, in Evolution and Human Behavior, vol. 21, n. 3, May 2000, pp. 163-183, DOI:10.1016/S1090-5138(00)00029-5, PMID 10828555.
  11. ^ Manning JT et al., Sex and ethnic differences in 2nd to 4th digit ratio of children, in Early Human Development, vol. 80, n. 2, November 2004, pp. 161-8, DOI:10.1016/j.earlhumdev.2004.06.004, PMID 15500996.
  12. ^ J. Terrance et al., Finger-length ratios and sexual orientation, in Nature, vol. 404, n. 6777, 30 marzo 2000, pp. 455-456, DOI:10.1038/35006555, PMID 10761903., available on-line at Finger-length ratios and sexual orientation, su unl.edu, University of Nebraska-Lincoln (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2010).
  13. ^ LP. Kilduff et al., Digit ratio (2D:4D) and performance in male surfers., in J Strength Cond Res, vol. 25, n. 11, novembre 2011, pp. 3175-80, DOI:10.1519/JSC.0b013e318212de8e, PMID 21993037.
  14. ^ JT. Manning, L. Morris; N. Caswell, Endurance running and digit ratio (2D:4D): implications for fetal testosterone effects on running speed and vascular health., in Am J Hum Biol, vol. 19, n. 3, pp. 416-21, DOI:10.1002/ajhb.20603, PMID 17420996.
  15. ^ Finger length helps predict SAT exam results, study shows, su bath.ac.uk, UK University of Bath Press Release, 23 maggio 2007.
  16. ^ Emma Nelson, Campbell Rolian, Lisa Cashmore, and Susanne Shultz (2010) "Digit ratios predict polygyny in early apes, Ardipithecus, Neanderthals and early modern humans but not in Australopithecus," Proceedings of the Royal Society B, November 3, 2010
  17. ^ NU.nl, Neanderthalers hadden wisselende sekscontacten, 3 november 2010
  18. ^ N. Neave et al., Second to fourth digit ratio, testosterone and perceived male dominance., in Proc Biol Sci, vol. 270, n. 1529, ottobre 2003, pp. 2167-72, DOI:10.1098/rspb.2003.2502, PMID 14561281.
  19. ^ Digit Ratio: A Pointer to Fertility, Behavior and Health, vol. 2, Rutgers University Press, 9 ottobre 2002, pp. 418-423.
  20. ^ JT. Manning et al., The ratio of 2nd to 4th digit length: a predictor of sperm numbers and concentrations of testosterone, luteinizing hormone and oestrogen., in Hum Reprod, vol. 13, n. 11, novembre 1998, pp. 3000-4, PMID 9853845.
  21. ^ IH. Choi et al., Second to fourth digit ratio: a predictor of adult penile length., in Asian J Androl, vol. 13, n. 5, settembre 2011, pp. 710-4, DOI:10.1038/aja.2011.75, PMID 21725330.
  22. ^ DC. Muller et al., Second to fourth digit ratio (2D:4D) and concentrations of circulating sex hormones in adulthood., in Reprod Biol Endocrinol, vol. 9, 2011, p. 57, DOI:10.1186/1477-7827-9-57, PMID 21521531.
  23. ^ JT. Manning, RP. Taylor, Second to fourth digit ratio and male ability in sport: implications for sexual selection in humans., in Evol Hum Behav, vol. 22, n. 1, Jan 2001, pp. 61-69, PMID 11182575.
  24. ^ Alyson Blanchard, Minna Lyons, An investigation into the relationship between digit length ratio (2D: 4D) and psychopathy, in The British Journal of Forensic Practice, vol. 12, n. 2, 2010, pp. 23-31, DOI:10.5042/bjfp.2010.0183.
  25. ^ Z. Zheng, MJ. Cohn, Developmental basis of sexually dimorphic digit ratios., in Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 108, n. 39, settembre 2011, pp. 16289-94, DOI:10.1073/pnas.1108312108, PMID 21896736.
  26. ^ Y. Xu, Y. Zheng, The digit ratio (2D:4D) in China: A meta-analysis., in Am J Hum Biol, vol. 27, n. 3, pp. 304-9, DOI:10.1002/ajhb.22639, PMID 25284473.
  27. ^ Dickman S., HOX gene links limb, genital defects, in Science, vol. 275, n. 5306, Mar 1997, pp. 1568-9, DOI:10.1126/science.275.5306.1568, PMID 9072822.
  28. ^ Honekopp J, Watson S e Watson, Meta-analysis of digit ratio 2D:4D shows greater sex difference in the right hand, in American Journal of Human Biology, online, n. 5, 2010, pp. 619-30, DOI:10.1002/ajhb.21054, PMID 20737609.
  29. ^ Manning JT et al., The ratio of 2nd to 4th digit length: a predictor of sperm numbers and concentrations of testosterone, luteinizing hormone and oestrogen, in Human Reproduction, vol. 13, n. 11, November 1998, pp. 3000-4, DOI:10.1093/humrep/13.11.3000, PMID 9853845.
  30. ^ Manning JT, Bundred PE, The ratio of second to fourth digit length and age at first myocardial infarction in men: a link with testosterone?, in British Journal of Cardiology, vol. 8, n. 12, 2001, pp. 720-3, ISSN 0969-6113 (WC · ACNP).
  31. ^ Fink B et al., The 2nd-4th digit ratio (2D:4D) and neck circumference: implications for risk factors in coronary heart disease, in International Journal of Obesity, vol. 30, n. 4, April 2006, pp. 711-4, DOI:10.1038/sj.ijo.0803154, PMID 16261185.
  32. ^ Fergus Walsh, Index finger length prostate cancer clue, in BBC News, 1º dicembre 2010. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  33. ^ Ronalds G, Phillips DIW, Godfrey KM, Manning JT. The ratio of second to fourth digit lengths: a marker of impaired fetal growth? Early Hum. Dev. 2002;68:21–6.
  34. ^ Klimek M, et al., Digit ratio (2D:4D)as an indicator of body size, testosterone concentration and number of children in human males, in Ann Hum Biol., vol. 41, 2014, p. 1, DOI:10.3109/03014460.2014.902993, PMID 24766144.
  35. ^ Stevenson JC et al., Attention deficit/hyperactivity disorder (ADHD) symptoms and digit ratios in a college sample, in Am J Hum Biol, vol. 19, n. 1, 2007, pp. 41-50, DOI:10.1002/ajhb.20571, PMID 17160985.
  36. ^ Martel et al., Masculinized Finger-Length Ratios of Boys, but Not Girls, Are Associated With Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder, in Behavioral Neuroscience, vol. 122, n. 2, 2008, pp. 273-281, DOI:10.1037/0735-7044.122.2.273, PMC 2902868, PMID 18410167.
  37. ^ Martel, M.M., Conscientiousness as a mediator of the association between masculinized finger-length ratios and attention-deficit/hyperactivity disorder (ADHD), in J Child Psychol Psychiatry, vol. 50, n. 7, 2009, pp. 790-798, DOI:10.1111/j.1469-7610.2009.02065.x, PMID 19298468.
  38. ^ Manning JT et al., The 2nd to 4th digit ratio and autism, in Developmental Medicine and Child Neurology, vol. 43, n. 3, March 2001, pp. 160-4, DOI:10.1017/S0012162201000317, PMID 11263685.
  39. ^ Klump, K. L. et al., Preliminary evidence that gonadal hormones organize and activate disordered eating, in Psychol Med, vol. 36, n. 4, 2006, pp. 539-546, DOI:10.1017/S0033291705006653, PMID 16336745.
  40. ^ Smith, A. R. et al., The measure of a man: Associations between digit ratio and disordered eating in males, in Int J Eat Disord, vol. 28, n. 1, 2009, pp. 191-4, DOI:10.1002/eat.20736, PMID 19718667.
  41. ^ Allison A. Bailey, A. & Hurd, P. e Peter L. Hurd, Depression in men is associated with more feminine finger length ratios, in Personality and Individual Differences, vol. 39, n. 4, 2005, pp. 829-836, DOI:10.1016/j.paid.2004.12.017.
  42. ^ Arató M et al., Digit length pattern in schizophrenia suggests disturbed prenatal hemispheric lateralization, in Progress in Neuro-psychopharmacology & Biological Psychiatry, vol. 28, n. 1, January 2004, pp. 191-4, DOI:10.1016/j.pnpbp.2003.09.020, PMID 14687873.
  43. ^ A. Blanchard e Lyons, M., An Investigation into the Relationship between Digit Length Ratio and Psychopathy, in British Journal of Forensic Practice, vol. 12, n. 2, May 2010, pp. 23-31, DOI:10.5042/bjfp.2010.0183.
  44. ^ Kornhuber J et al., Low Digit Ratio 2D∶4D in Alcohol Dependent Patients, in Xiang Yang Zhang (a cura di), PLoS ONE, vol. 6, n. 4, April 2011, pp. e19332, DOI:10.1371/journal.pone.0019332, PMC 3081847, PMID 21547078.
  45. ^ J. Kornhuber, EM Zenses, B Lenz, C Stoessel, P Bouna-Pyrrou, F Rehbein, S Kliem, T Mößle (2013): Low digit ratio 2D:4D associated with video game addiction. PLoS ONE 2013; Vol. 8, Nr. 11: e79539
  46. ^ Evardone & Alexander, Anxiety, Sex-linked Behavior, and Digit Ratios, in Arch Sex Behav., vol. 38, n. 3, 2009, pp. 442-55, DOI:10.1007/s10508-007-9260-6, PMC 2768336, PMID 17943431.
  47. ^ Manning JT, Taylor RP, Second to fourth digit ratio and male ability in sport: implications for sexual selection in humans, in Evolution and Human Behavior, vol. 22, n. 1, January 2001, pp. 61-69, DOI:10.1016/S1090-5138(00)00063-5, PMID 11182575.
  48. ^ Coates JM, Second-to-fourth digit ratio predicts success among high-frequency financial traders, in Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, vol. 106, n. 2, January 2009, pp. 623-8, DOI:10.1073/pnas.0810907106, PMC 2626753, PMID 19139402.
  49. ^ Fink B et al., Second to fourth digit ratio and hand skill in Austrian children, in Biological Psychology, vol. 67, n. 3, November 2004, pp. 375-84, DOI:10.1016/j.biopsycho.2004.03.012, PMID 15294393.
  50. ^ A. Bosch-Domènech, P. Brañas-Garza; AM. Espín, Can exposure to prenatal sex hormones (2D:4D) predict cognitive reflection?, in Psychoneuroendocrinology, vol. 43, May 2014, pp. 1-10, DOI:10.1016/j.psyneuen.2014.01.023, PMID 24703165.
  51. ^ Benderlioglu Z, Nelson RJ, Digit length ratios predict reactive aggression in women, but not in men, in Hormones and Behavior, vol. 46, n. 5, December 2004, pp. 558-64, DOI:10.1016/j.yhbeh.2004.06.004, PMID 15555497.
  52. ^ John R. Beech e Isla C. MacKintosh, Do differences in sex hormones affect handwriting style? Evidence from digit ratio and sex role identity as determinants of the sex of handwriting, in Personality and Individual Differences, vol. 39, n. 2, July 2005, pp. 459-68, DOI:10.1016/j.paid.2005.01.024.
  53. ^ Burriss RP, Little AC, Nelson EC, 2D:4D and sexually dimorphic facial characteristics, in Archives of Sexual Behavior, vol. 36, n. 3, June 2007, pp. 377-84, DOI:10.1007/s10508-006-9136-1, PMID 17203400.
  54. ^ Vanessa A. Sluming e John T. Manning, Second to fourth digit ratio in elite musicians Evidence for musical ability as an honest signal of male fitness, in Evolution and Human Behavior, vol. 21, n. 1, January 2000, pp. 1-9, DOI:10.1016/S1090-5138(99)00026-4.
  55. ^ John V. C. Nye et al., 2D:4D Asymmetry and Gender Differences in Academic Performance, in PLoS ONE, vol. 7, n. 10, 2012, pp. e46319, DOI:10.1371/journal.pone.0046319, PMID 23056282. URL consultato il 20 settembre 2014.
  56. ^ Finger Ratio Predicts Maths Ability?, su ibmathsresources.com. URL consultato il 20 settembre 2014.
  57. ^ Elizabeth J. Austin, John T. Manning, Katherine McInroy e Elizabeth Mathews, A preliminary investigation of the associations between personality, cognitive ability and digit ratio, in Personality and Individual Differences, vol. 33, n. 7, November 2002, pp. 1115-24, DOI:10.1016/S0191-8869(02)00002-8.
  58. ^ Marc F. Luxen e Bram P. Buunk, Second-to-fourth digit ratio related to Verbal and Numerical Intelligence and the Big Five, in Personality and Individual Differences, vol. 39, n. 5, October 2005, pp. 959-66, DOI:10.1016/j.paid.2005.03.016.
  59. ^ Voracek, M., Who wants to believe? Associations between digit ratio (2D:4D) and paranormal and superstitious beliefs, in Personality and Individual Differences, vol. 47, n. 2, July 2009, pp. 105-109, DOI:10.1016/j.paid.2009.01.051.
  60. ^ Brosnan MJ, Digit ratio as an indicator of numeracy relative to literacy in 7-year-old British schoolchildren, in British Journal of Psychology, vol. 99, Pt 1, February 2008, pp. 75-85, DOI:10.1348/000712607X197406, PMID 17535470.
  61. ^ Derval, pp. 129-130.
  62. ^ Derval, pp. 129-135.
  63. ^ Derval, pp. 62-67.
  64. ^ Derval, pp. 112-122.
  65. ^ Derval, Diana (2011). "Hormonal Quotient and tactile sensitivity: a segmentation model to understand and predict individuals' texture preferences based on prenatal exposure to hormones". Proceedings of Society for Behavioral Neuroendocrinology 15th Annual Meeting, Queretaro, Mexico, p.125.
  66. ^ a b Csathó A et al., Sex role identity related to the ratio of second to fourth digit length in women, in Biological Psychology, vol. 62, n. 2, February 2003, pp. 147-56, DOI:10.1016/S0301-0511(02)00127-8, PMID 12581689.
  67. ^ a b Kraemer B et al., Finger length ratio (2D:4D) and dimensions of sexual orientation, in Neuropsychobiology, vol. 53, n. 4, 2006, pp. 210-4, DOI:10.1159/000094730, PMID 16874008.
  68. ^ a b Wallien MS et al., 2D:4D finger-length ratios in children and adults with gender identity disorder, in Hormones and Behavior, vol. 54, n. 3, August 2008, pp. 450-4, DOI:10.1016/j.yhbeh.2008.05.002, PMID 18585715.
  69. ^ a b Grimbos T et al., Sexual orientation and the second to fourth finger length ratio: a meta-analysis in men and women, in Behav Neurosci, vol. 124, n. 2, 2010, pp. 278-287, DOI:10.1037/a0018764, PMID 20364887.
  70. ^ a b Hirashi K et al., The second to fourth digit ratio (2D:4D) in a Japanese twin sample: heritability, prenatal hormone transfer, and association with sexual orientation, in Arch Sex Behav, vol. 41, n. 3, Jun 2012, pp. 711-24, DOI:10.1007/s10508-011-9889-z, PMID 22270254.
  71. ^ a b S.J. Robinson, J.T. Manning, The ratio of 2nd to 4th digit length and male homosexuality, in Evolution and Human Behavior, vol. 21, n. 5, 2000, pp. 333-345, DOI:10.1016/S1090-5138(00)00052-0, PMID 11053694.
  72. ^ McIntyre MH, Digit ratios, childhood gender role behavior, and erotic role preferences of gay men, in Archives of Sexual Behavior, vol. 32, n. 6, December 2003, pp. 495-6, DOI:10.1023/A:1026054625638, PMID 14627046.
  73. ^ Hiraishi K et al., The second to fourth digit ratio (2D:4D) in a Japanese twin sample: heritability, prenatal hormone transfer, and association with sexual orientation, in Archives of Sexual Behavior, vol. 41, n. 3, 2012, pp. 711-24, DOI:10.1007/s10508-011-9889-z, PMID 22270254.
  74. ^ Churchchill AJG, Manning JT, Peters M, The effects of sex, ethnicity, and sexual orientation on self-measured digit ratio (2D:4D), in Archives of Sexual Behavior, vol. 36, n. 2, 2007, pp. 251-260, DOI:10.1007/s10508-006-9166-8, PMID 17394056.
  75. ^ Yule MA, Brotto LA, Gorzalka BB., Biological markers of asexuality: Handedness, birth order, and finger length ratios in self-identified asexual men and women., su Arch Sex Behav., 2014. URL consultato il 2014.
  76. ^ M.V. Voracek et al., Digit ratio (2D:4D) in homosexual and heterosexual men from Austria, in Archives of Sexual Behaviour, vol. 34, n. 3, 2005, pp. 335-340, DOI:10.1007/s10508-005-3122-x, PMID 15971016.
  77. ^ Teresa Grimbos et al., Sexual Orientation and the Second to Fourth Finger Length Ratio: A Meta-Analysis in Men and Women (PDF), in Behavioral Neuroscience, vol. 124, n. 2, 2010, pp. 278-287, DOI:10.1037/a0018764.
  78. ^ Schneider HJ, Pickel J, Stalla GK, Typical female 2nd-4th finger length (2D:4D) ratios in male-to-female transsexuals-possible implications for prenatal androgen exposure, in Psychoneuroendocrinology, vol. 31, n. 2, February 2006, pp. 265-9, DOI:10.1016/j.psyneuen.2005.07.005, PMID 16140461.
  79. ^ G Ronalds et al., The ratio of second to fourth digit lengths: A marker of impaired fetal growth?, in Early human development, vol. 68, n. 1, 2002, pp. 21-6, DOI:10.1016/s0378-3782(02)00009-9, PMID 12191526.
  80. ^ Fink B, Second to fourth digit ratio and face shape, in Proceedings of the Royal Society B, vol. 272, n. 1576, October 2005, pp. 1995-2001, DOI:10.1098/rspb.2005.3179, PMC 1559906, PMID 16191608.
  81. ^ Bernhard Fink et al., Second to fourth digit ratio and facial asymmetry, in Evolution and Human Behavior, vol. 25, n. 2, March 2004, pp. 125-32, DOI:10.1016/S1090-5138(03)00084-9.
  82. ^ a b c « Fonction de reproduction, différences entre espèces : organes génitaux externes » in: Reproduction et environnement, Inserm, 2011
  83. ^ Michael L. Eisenberg et al., The Relationship between Anogenital Distance, Fatherhood, and Fertility in Adult Men, su journals.plos.org, 11 maggio 2011. URL consultato il 1º aprile 2017.
  84. ^ Manning JT, Kilduff LP, Trivers R, Digit ratio (2D:4D) in Klinefelter's syndrome, in Andrology, vol. 1, n. 1, 2013, pp. 94-9, DOI:10.1111/j.2047-2927.2012.00013.x, PMID 23258636.
  85. ^ Malattie Rare scheda della Regione Veneto
  86. ^ sul campione Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC), Digit ratio and autism spectrum disorders in the Avon Longitudinal Study of Parents and Children: a birth cohort study, su BMJ Open2015;5:e007433 doi:10.1136/bmjopen-2014-007433
  87. ^ Pueschel SM, Orson JM, Boylan JM, Pezzullo JC. Adolescent development in males with Down syndrome. AJDC 1985; 139: 236–38
  88. ^ ADPD sede di Taranto
  89. ^ Emma Nelson, Susanne Shultz, Digit ratios predict polygyny in early apes, Ardipithecus, Neanderthals and early modern humans but not in Australopithecus, su ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 1º aprile 2017.
  90. ^ An Eye for Detail: Selective Sexual Imprinting in Zebra Finches
  91. ^ Talarovičová A, Kršková L, Blažeková J, Testosterone enhancement during pregnancy influences the 2D:4D ratio and open field motor activity of rat siblings in adulthood, in Hormones and Behavior, vol. 55, n. 1, January 2009, pp. 235-9, DOI:10.1016/j.yhbeh.2008.10.010, PMID 19022257.
  92. ^ Yan RH, Malisch JL, Hannon RM, Hurd PL, Garland T, Selective Breeding for a Behavioral Trait Changes Digit Ratio, in Erik I. Svensson (a cura di), PLoS ONE, vol. 3, n. 9, 2008, pp. e3216, DOI:10.1371/journal.pone.0003216, PMC 2528935, PMID 18797502.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]