Digimon Battle Spirit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Digimon Battle Spirit
videogioco
Digimon Battle Spirit.jpg
Logo del gioco, tratto dal video introduttivo
Titolo originaleDigimon Tamers: Battle Spirit
PiattaformaWonderSwan Color, Game Boy Advance
Data di pubblicazioneWonderSwan Color:
Giappone 5 ottobre 2001
Game Boy Advance:
Flags of Canada and the United States.svg 13 gennaio 2003
Zona PAL 5 settembre 2003
GenerePicchiaduro a incontri
TemaDigimon
SviluppoDimps
PubblicazioneBandai
SerieDigimon Battle Spirit
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
SupportoCartuccia
Fascia di etàESRB: E
PEGI: 3
USK: 0
EspansioniDigimon Tamers: Battle Spirit Ver. 1.5
Seguito daDigimon Battle Spirit 2

Digimon Battle Spirit, conosciuto in Giappone come Digimon Tamers: Battle Spirit (デジモンテイマーズ バトルスピリット Dejimon Teimāzu Batoru Supiritto?), è un videogioco picchiaduro a incontri sviluppato da Dimps e pubblicato da Bandai nel 2001. Il titolo uscì originariamente in madre patria per la console WonderSwan Color e fu poi convertito per Game Boy Advance per il mercato estero in Nord America e in Europa due anni dopo, nel 2003.

Il gioco presenta alcuni Digimon e i loro rispettivi Digiprescelti delle prime tre stagioni della omonima serie animata in uno scenario di combattimento semplificato.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo digitale, un mondo digitale parallelo al mondo reale, è la casa delle creature conosciute come "Digimon" è stato attacco da una forza malvagia e potente conosciuta come Millenniummon, che cerca di corrompere tutti i dati presenti nel il mondo e modificarlo per i propri progetti. In risposta, i Digimon e i loro compagni umani hanno deciso di sconfiggere Millenniummon ei suoi seguaci prima di qualsiasi danno irreparabile al mondo digitale.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Iniziali[modifica | modifica wikitesto]

Guilmon
È un po' debole fisicamente, ma è molto veloce. Il suo attacco speciale è Fireball (Sfera Pyro), una sfera di fuoco che viaggia dritta in avanti e ha un po' di rinculo. Possiede l'abilità di potenziare gli attacchi con qualche secondo di carica.
La sua Digievoluzione è Gallantmon.
Pro: Con la carica i suoi attacchi si possono rivelare potenti
Contro: Nettamente in svantaggio contro i Digimon veloci
Terriermon
Il suo attacco speciale è Fornace (Buster Bunny), è abbastanza limitato a distanza, ma il suo attacco in corsa è molto efficace. È anche il più piccolo dei combattenti, ma in realtà è abbastanza forte.
La sua Digievoluzione è MegaGargomon.
Pro: Utilissimo negli attacchi a distanza
Contro: La sua Digievoluzione è abbastanaza debole e come potenza viene superato da Lopmon.
Renamon
Il personaggi più veloce con grande efficacia gli attacchi normali. Il suo attacco speciale è Fox Leaf Arrowhead (Diamond Storm).
La sua Diegievoluzione è Sakuyamon.
Pro: Il più veloce nel colpire
Contro: Fragile se colpito da un altro Digimon potente
Veemon
Dispone di una serie di attacchi limitati ma potenti. I suoi attacchi speciali sono V-mon Head (Vee Headbutt) e Boom Boom Punch (Vee Punch) che possono causare ingenti danni.
La sua Digievoluzione è Imperialdramon Paladin Mode.
Pro: Forse il più forte nel togliere sfere
Contro: Il suo scatto può mettere in difficoltà
Wormmon
È un personaggio molto lento, ma equilibrato. Può arrampicarsi sulle pareti verticali e poi lanciarsi sotto. Il suo attacco in corsa si dimostra capace di contrastare qualsiasi attacco speciale.
La sua Digievoluzione è Imperialdramon Fighter Mode.
Pro: Può sbalzare il nemico da una parte all'altra dello schermo facilmente e l'unico che può contrastare l'attacco scottante di Impmon
Contro: Abbastanza fragile
Agumon
Dispone di un misto di attacchi sia deboli sia forti che possono sottrarre molte sfere al nemico, molto potente è la sua Flame Baby (Breath Pepper).
La sua Digievoluzione è WarGreymon.
Pro: Può non dare tregua al nemico con l'attacco in corsa
Contro: Proprio dopo l'attacco in corsa può perdere le sfere accumulate
Sukamon
Un personaggio debole e poco ortodosso, utile per disturbare e innervosire l'avversario. Il suo attacco speciale è lanciare il suo amico rosa Chuumon in un arco.
La sua Digievoluzione è Etemon ed è abbastanza potente.
Pro: Se usato bene si dimostra asfissiante
Contro: Molto debole

Sbloccabili[modifica | modifica wikitesto]

Questi sono personaggi che non sono disponibili in un primo momento, ma devono essere sbloccati soddisfacendo certe condizioni.

BlackAgumon
Una versione virus di Agumon, con un attacco più lento ma più potente.
La sua Digievoluzione è BlackWarGreymon.
Pro e contro: stessi di Agumon
Può essere sbloccato completando il gioco con 2 personaggi diversi.
Lopmon
Una variazione di Terriermon ma molto più forte.
La sua Digievoluzione è Cherubimon (Kerpymon).
Pro: Molto più potente di Terreriermon
Contro: Forse nessuno
Può essere sbloccato completando il gioco con tre personaggi distinti (ma non gli stessi usati per sbloccare BlackAgumon).
Gabumon
Un Digimon lento, ma molto offensivo.
La sua Digievoluzione è Omnimon.
Pro: Unica potenza
Contro: Piuttosto lento
Può essere sbloccato completando il gioco con tutti i personaggi normali, compresi BlackAgumon e Lopmon.
ExtraAgumon
Una versione speciale di Agumon con la capacità di fluttuare in aria.
La sua Digievoluzione è Omnimon.
Pro: Può volare
Contro: Quest'ultima piuttosto inutile
Può essere sbloccato completando il gioco con Gabumon.
Impmon
Potente e veloce, ma con gli attacchi limitati. A differenza degli altri personaggi negli attacchi tra le varie fasi, non ha una mossa sfera attraente.
È l'unico personaggio senza Digievoluzione.
Pro: Utile strategicamente
Contro: Per chi abituato con altri Digimon fisici è difficoltoso l'utilizzo.
Può essere sbloccato completando il gioco e raccogliendo 300 D-Spirits (punti).

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La IGN ha selezionato Digimon Battle Spirit come il runner-up per il gennaio 2003 il premio "Gioco GBA del mese", dietro a Crash Bandicoot 2: N-Tranced[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Craig Harris, GBA Game of the Month: January 2003, su IGN, 3 febbraio 2003. URL consultato il 15 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]