Difenilammina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Difenilammina
formula di struttura
Nomi alternativi
N-fenilanilina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare(C6H5)2NH
Massa molecolare (u)169,23 g/mol
Aspettosolido giallo chiaro
Numero CAS122-39-4
Numero EINECS204-539-4
PubChem11487
SMILES
C1=CC=C(C=C1)NC2=CC=CC=C2
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)1,16 (20 °C)
Costante di dissociazione acida (pKa) a 298 K0.8
Solubilità in acqua~ 0,05 g/l (25 °C)
Temperatura di fusione53 °C (326 K)
Temperatura di ebollizione302 °C (575 K) (1013 hPa)
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma153 °C (~426 K) (vaso aperto)
Temperatura di autoignizione630 °C (~903 K)
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta pericoloso per l'ambiente tossico a lungo termine
pericolo
Frasi H301 - 311 - 331 - 373 - 410
Consigli P273 - 280 - 302+352 - 309 - 310 - 501 [1]

La difenilammina (o N-fenilanilina) è un'ammina aromatica.

A temperatura ambiente si presenta come un solido giallo chiaro dall'odore tenue.[2] È un composto tossico, pericoloso per l'ambiente.

Viene utilizzata come indicatore colorimerico per le reazioni di ossidazione con bicromato di potassio, reazione utilizzata per il dosaggio di determinati elementi, tra cui i sali ferrosi.

La balistite è ancora fabbricata come propellente solido per razzi, ma al posto della canfora si usa difenilammina, un composto chimicamente simile ma meno volatile.

Preparazione e reattività[modifica | modifica wikitesto]

La difenilammina è prodotta dalla deamminazione termica dell'anilina sui catalizzatori di ossido:

È una base debole, con un Kb di 10−14. Con acidi forti, forma sali. Ad esempio, il trattamento con acido solforico fornisce il bisolfato [(C6H5)2NH2]+[HSO4] - come polvere bianca o giallastra con p.f. 123-125 °C.

La difenilammina subisce varie reazioni di ciclizzazione. Con lo zolfo, fornisce la fenotiazina, un precursore dei prodotti farmaceutici.

Con iodio, subisce deidrogenazione per dare carbazolo, con rilascio di ioduro di idrogeno:

L'arilazione con iodobenzenetrifenilammina.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Inibitore di scottature di mele[modifica | modifica wikitesto]

La difenilammina viene utilizzata come inibitore delle ustioni pre o post-raccolta per le mele. La sua attività anti-scottatura è il risultato delle sue proprietà antiossidanti, che proteggono la buccia delle mele dai prodotti di ossidazione dell'α-farnesene durante la conservazione.[3] La scottatura della mela è una lesione fisica che si manifesta in macchie marroni dopo la rimozione della frutta dalla cella frigorifera.

Stabilizzatore per polvere infume[modifica | modifica wikitesto]

Nella produzione di polvere infume, la difenilammina viene comunemente utilizzata come stabilizzante.[4] La difenilammina agisce legando i prodotti di degradazione della nitrocellulosa (ad esempio NO, NO2 e acido nitrico), impedendo a questi prodotti di degradazione di degradarsi ulteriormente.[5]

Antiossidante[modifica | modifica wikitesto]

Le difenilammine alchilate agiscono come antiossidanti nei lubrificanti,[6] approvate per l'uso in macchine nelle quali non è escluso il contatto con alimenti.[7] Difenilammine alchilate e altri derivati sono usati come anti-ozonanti nella fabbricazione di prodotti in gomma, riflettendo la natura antiossidante dei derivati dell'anilina.[2][8]

Indicatore redox[modifica | modifica wikitesto]

Molti derivati della difenilammina sono usati come indicatori redox, particolarmente utili nelle titolazioni redox alcaline.[9] L'acido difenilamminesolfonico è un semplice prototipo di indicatore redox, grazie alla sua migliorata solubilità acquosa rispetto alla difenilammina.[10] Sono stati fatti tentativi per spiegare i cambiamenti di colore associati all'ossidazione della difenilammina.[11][12]

In un'applicazione correlata, la difenilammina viene ossidata dal nitrato per dare una colorazione blu simile nel test della difenilammina per i nitrati.

Coloranti[modifica | modifica wikitesto]

Diversi coloranti azoici sono derivati della difenilammina.

Regolamentazione[modifica | modifica wikitesto]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

La CE ha fissato i livelli massimi di residui di difenilammina nel 2005. (Allegato II e parte B dell'allegato III del regolamento (CE) n. 396/2005). La difenilammina è stata una delle 84 sostanze di un programma di revisione della Commissione europea (CE) coperto da un regolamento del 2002 che richiede all'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) su richiesta della CE di organizzare una revisione inter pares della valutazione iniziale, vale a dire un progetto di valutazione del rischio, e fornire una conclusione alla CE entro 6 mesi. La valutazione, ricevuta dall'EFSA nel 2007, ha avviato la revisione inter pares nell'ottobre 2007 inviandola per consultazione degli Stati membri della CE e dei richiedenti, i due produttori, Cerexagri s.a. , filiale italiana della United Phosphorus Ltd (UPL) e Pace International LLC. A seguito della revisione inter pares, per lo più privi di dati sui rischi per i consumatori, in particolare i livelli e la tossicità dei metaboliti non identificati della sostanza, la possibile formazione di nitrosammine durante la conservazione del principio attivo e durante la lavorazione delle mele trattate e la mancanza dei dati sul potenziale prodotto di degradazione dei residui di difenilammina nei prodotti trasformati, il 30 novembre 2009 la CE ha deciso di revocare le autorizzazioni per i prodotti fitosanitari contenenti difenilammina (2009/859 / CE).

La "Task force europea sulla difenilammina" ha presentato nuovamente una domanda alla CE con ulteriori dati e l'EFSA ha ricevuto una relazione aggiuntiva il 3 dicembre 2010. Il 5 dicembre 2011 l'EFSA ha concluso che la valutazione del rischio non ha eliminato le preoccupazioni, ha pubblicato questo parere nel 2012[13] ed è diventato legge nel 2013.[14]

Comitato misto OMS / FAO[modifica | modifica wikitesto]

Il comitato ha stabilito una dose giornaliera accettabile di 0,02 mg/kg/giorno in una riunione sui residui di pesticidi.[15]

EPA USA[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'approvazione del Food Quality Protection Act (FQPA) del 1996, l'Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente (EPA) aveva stabilito un livello di tolleranza per le mele a 10 ppm e per carne e latte a 0 ppm. Il LOAEL provvisorio era di 10 mg/kg/giorno.[16] Nel 1997 l'EPA ha approvato la nuova registrazione della difenilammina e ha stabilito che le tolleranze raccomandate soddisfacevano gli standard di sicurezza previsti dall'FQPA e che "dati adeguati indicano che le tolleranze per i residui nel latte e nella carne potrebbero essere aumentate da 0,0 ppm e stabilito come tolleranze separate impostato a 0,01 ppm".[17] Da allora l'EPA non ha riesaminato la difenilammina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda della difenilammina su IFA-GESTIS
  2. ^ a b P. F. Vogt, J. J. Gerulis, "Amines, Aromatic" in Ullmann’s Encyclopedia of Industrial Chemistry 2005, Wiley-VCH, Weinheim. DOI10.1002/14356007.a02_037
  3. ^ M Ingle e M. C. D'Souza, Physiology and control of superficial scald of apples: a review, in HortScience, vol. 24, n. 28, 1989, pp. 31.
  4. ^ Stanley G Cook, Determination of Diphenylamine in Smokeless Powders, in Industrial & Engineering Chemistry Analytical Edition, vol. 7, n. 4, 1935, pp. 250–255, DOI:10.1021/ac50096a019.
  5. ^ Oliver Drzyzga, Diphenylamine and derivatives in the environment: A review, in Chemosphere, vol. 53, n. 8, 2003, pp. 809–818, Bibcode:2003Chmsp..53..809D, DOI:10.1016/S0045-6535(03)00613-1, PMID 14505701.
  6. ^ Jun Dong e Cyril A. Migdal, 1. Antioxidants, in Leslie R. Rudnick (a cura di), Lubricant Additives: Chemistry and Applications, 2nd, CRC Press, 2009, pp. 3–50, ISBN 978-1-4200-5965-6.
  7. ^ Richard Canady, Richard Lane, Greg Paoli, Margaret Wilson, Heidi Bialk, Steven Hermansky, Brent Kobielush, Ji-Eun Lee, Craig Llewellyn e Joseph Scimeca, Determining the Applicability of Threshold of Toxicological Concern Approaches to Substances Found in Foods, in Crit Rev Food Sci Nutr, vol. 53, n. 12, Oct 2013, pp. 1239–1249, DOI:10.1080/10408398.2012.752341, PMC 3809586, PMID 24090142.
  8. ^ (EN) Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry, Weinheim, Wiley-VCH, DOI:10.1002/14356007.a23_365.pub3.
  9. ^ H. H Willard e G. D Manalo, Derivatives of Diphenylamine as Oxidation-Reduction Indicators in Alkaline Solution, in Analytical Chemistry, vol. 19, n. 3, 1947, pp. 167–170, DOI:10.1021/ac60003a011.
  10. ^ L. A Sarver e I. M Kolthoff, Diphenylamine Sulfonic Acid as a New Oxidation-Reduction Indicator, in Journal of the American Chemical Society, vol. 53, n. 8, 1931, pp. 2902–2905, DOI:10.1021/ja01359a010.
  11. ^ L. A Sarver e I. M Kolthoff, Electrochemical Properties of Diphenylbenzidine Sulfonic Acid, in Journal of the American Chemical Society, vol. 59, 1937, pp. 23–25, DOI:10.1021/ja01280a007.
  12. ^ K Sriramam, Mechanistic interpretation of the redox behaviour of diphenylamine, in Talanta, vol. 24, n. 1, 1977, pp. 31–36, DOI:10.1016/0039-9140(77)80181-1, PMID 18962017.
  13. ^ Conclusion on the peer review of the pesticide risk assessment of the active substance diphenylamine. European Food Safety Authority, in EFSA Journal, vol. 11, n. 3, 2012, pp. 2486–2527, DOI:10.2903/j.efsa.2013.3130.
  14. ^ EC, European Commission Regulation No 772/2012, 8 August 2013, amending Annexes II, III and V to Regulation (EC) No 396/2005 of the European Parliament and of the Council as regards maximum residue levels for diphenylamine in or on certain products, in Journal of the European Union., L 217/2, n. 3, 12 marzo 2013, pp. 3130, DOI:10.2903/j.efsa.2013.3130.
  15. ^ fao, 2007 JMPR Evaluation, Diphenylamine (030) 155-189 (PDF), su Joint FAO/WHO Meeting on Pesticide Residues, WHO, FAO, 2007, pp. 1–35. URL consultato il 29 aprile 2014.
  16. ^ EPA, Diphenylamine; Pesticide Tolerance; 40 CFR Part 180 (PDF), in Federal Register, vol. 64, n. 92, 13 maggio 1999, pp. 25842–25848. URL consultato il 28 aprile 2014.
  17. ^ diphenylamine Tolerance Actions 11/01, Federal Register, 4 dicembre 2011. URL consultato il 29 aprile 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia