Diego Nargiso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diego Nargiso
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 82 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirato 2001
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 100-154
Titoli vinti 0
Miglior ranking 67º (10 ottobre 1998)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (1996)
Francia Roland Garros 2T (1992)
Regno Unito Wimbledon 3T (1988)
Stati Uniti US Open 3T (1988)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (1988)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 215-225
Titoli vinti 5
Miglior ranking 25º (5 marzo 1990)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (1993)
Francia Roland Garros 3T (1989)
Regno Unito Wimbledon 2T (1989, 1990, 1992, 1995, 1996, 2000)
Stati Uniti US Open QF (1993)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (1992)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 6-8
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros 2T (1990)
Regno Unito Wimbledon 2T (1995, 2000)
Stati Uniti US Open 3T (1995)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Diego Nargiso (Napoli, 15 marzo 1970) è un commentatore televisivo ed ex tennista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera tennistica[modifica | modifica wikitesto]

Salì alla ribalta del tennis internazionale vincendo il torneo Juniores di Wimbledon in singolare.

È il più giovane tennista italiano della storia ad aver disputato un incontro a livello di Grande Slam, all'età di 17 anni e 9 mesi, agli Australian Open del 1988.[1]

Grazie alle sue qualità nel gioco a rete divenne uno specialista di doppio con un gioco caratterizzato da palle corte sotto rete, e un servizio mancino molto insidioso soprattutto sulle superfici veloci.

In singolare fu nº 67 della classifica mondiale e raggiunse due finali del circuito maggiore. Nelle prove del Grande Slam, raggiunse il terzo turno a Wimbledon e a Flushing Meadows, sempre nel 1988.

In doppio conquistò 5 tornei ATP su 20 finali disputate, raggiungendo il 25º posto della classifica mondiale il 3 marzo 1990. Nelle prove del Grande Slam, si spinse fino ai quarti di finale degli US Open nel 1993.

Rappresentò ripetutamente l'Italia in Coppa Davis, soprattutto in doppio (in coppia sia con Omar Camporese sia con Andrea Gaudenzi) contribuendo, in due occasioni al raggiungimento della semifinale (1996 e 1997) e partecipando alla finale del 1998 persa a Milano contro la Svezia, in cui conquistò, sia pure a risultato acquisito, l'unico punto italiano sconfiggendo Magnus Norman. Sempre in rappresentanza dell'Italia, partecipò a tre edizioni dei Giochi olimpici estivi: nel 1988 a Seul, nel 1992 a Barcellona e nel 1996 ad Atlanta.

Il 19 settembre del 1993, sulla terra battuta di Bordeaux, raggiunse la prima delle sue due finali ATP in singolare, dove fu sconfitto per 7-5, 6-2 dallo spagnolo Sergi Bruguera. Nella seconda, disputata il 1º ottobre del 2000 sul rosso del torneo di Palermo, si arrese per 7-614, 6-1 al belga Olivier Rochus,

Abbandonò l'attività professionistica nel 2001.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

È stato candidato alle Elezioni europee del 1999 con Forza Italia e a quelle del 2004 nelle file di Alleanza Nazionale nella Circoscrizione Italia centrale, ma entrambe le volte non è risultato eletto: nella seconda occasione ha ottenuto 5.948 preferenze. Dal 2016 è commentatore per il canale televisivo Supertennis e, in occasione di eventi importanti, anche per Eurosport e Sky.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Finali perse (2)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Tour World Championships (0)
Super 9 (0)
Giochi olimpici (0)
ATP Championships Series (0)
ATP World Series (2)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 19 settembre 1993 Francia Bordeaux Open, Bordeaux Cemento Spagna Sergi Bruguera 5-7, 2-6
2. 1º ottobre 2000 Italia Campionati Internazionali di Sicilia, Palermo Terra battuta Belgio Olivier Rochus 614-7, 1-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (5)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Tour World Championships (0)
Super 9 / Masters Series (0)
Giochi olimpici (0)
ATP Championships Series / ATP International Series Gold (1)
ATP World Series / ATP International Series (4)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 11 febbraio 1990 Italia Milan Indoor, Milano Sintetico indoor Italia Omar Camporese Germania Udo Riglewski
Paesi Bassi Tom Nijssen
6–4, 6–4
2. 14 aprile 1991 Spagna Torneo Godó, Barcellona Terra battuta Argentina Horacio de la Peña Germania Boris Becker
Germania Eric Jelen
3-6, 7-6, 6-4
3. 17 gennaio 1993 Indonesia Jakarta Open, Giacarta Cemento Francia Guillaume Raoux Germania Jacco Eltingh
Paesi Bassi Paul Haarhuis
7-6, 6-7, 6-3
4. 30 marzo 1998 Marocco Grand Prix Hassan II, Casablanca Terra battuta Italia Andrea Gaudenzi Italia Cristian Brandi
Italia Filippo Messori
6-4, 7-6
5. 8 maggio 2000 Spagna Majorca Open, Maiorca Terra battuta Francia Michaël Llodra Spagna Alberto Martín
Spagna Fernando Vicente
7-62, 7-63

Finali perse (15)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Tour World Championships (0)
Super 9 / Masters Series (1)
Giochi olimpici (0)
ATP Championships Series / ATP International Series Gold (2)
ATP World Series / ATP International Series (12)
No. Anno Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 1988 Francia Bordeaux Open, Bordeaux Terra rossa Argentina Christian Miniussi Svezia Joakim Nyström / Italia Claudio Panatta 6-1, 6-4
2. 1988 Francia ATP Nizza, Nizza Terra rossa Svizzera Heinz Gunthardt Francia Guy Forget / Francia Henri Leconte 4–6, 6–3, 6–4
3. 1988 Paesi Bassi ABN AMRO Rotterdam, Rotterdam Sintetico indoor Svezia Magnus Gustafsson Germania Patrik Kühnen / Germania Tore Meinecke 7-6, 7-6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Pellegrini Perrone, Sinner si qualifica allo US Open! Per lui al primo turno Stan Wawrinka, su Ubitennis, 23 agosto 2019. URL consultato il 24 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]