Diego De Siloé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Diego De Siloe)
Jump to navigation Jump to search
Sacra Famiglia (Sagrada Familia), Museo Nazionale di Scultura, Valladolid

Diego De Siloé (Burgos, 1495Granada, 22 ottobre 1563) è stato un architetto e scultore spagnolo del Rinascimento spagnolo, esponente dello stile plateresco, di cui la sua cattedrale di Granada è appunto uno degli esempi più importanti.

Figlio dello scultore Gil de Siloé, studia probabilmente a Firenze. La sua prima opera di cui abbiamo notizia è l'Altare della Cappella Caracciolo, realizzato fra il 1514 e il 1515 con Bartolomé Ordoñez per la Chiesa di San Giovanni a Carbonara a Napoli; in particolare è attribuita allo scultore spagnolo la statua raffigurante San Sebastiano e il bassorilievo con l'Adorazione dei Magi.

Negli anni successivi torna alla sua città natale, dove realizza progetti per numerosi altari e per la torre della chiesa di Santa Maria del Campo. Elabora uno stile che prende il nome di plateresco, influenzato dal rinascimento italiano, dal gotico e dal mudéjar, una corrente artistica spagnola musulmana, reinterpretando contemporaneamente sia Michelangelo che Donatello. A Burgos, per la cattedrale, realizza quella che è chiamata Scala dorata, una struttura imponente, ricoperta interamente di sculture raffiguranti cherubini, cotte d'armi e foglie.

Nell'aprile 1528 si trasferisce a Granada, dove inizia subito a lavorare alla cattedrale, alla quale contribuisce fino alla data della sua morte. In questa città si occupa anche di progetti per altre chiese e le rispettive decorazioni scultoree, attività che svolge anche in altre città spagnole, come Siviglia, Toledo e Salamanca.

Uno dei suoi ultimi lavori è il progetto della Sacra Capilla del Salvador, ad Úbeda, realizzata nel 1536 da Andrés de Vandelvira.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Abbate, Storia dell'arte nell'Italia meridionale: il Cinquecento, Donzelli Editore, 2001, ISBN 8879896539, 9788879896535

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27867738 · ISNI (EN0000 0000 8107 3148 · LCCN (ENno97031415 · GND (DE118797212 · BNF (FRcb167202992 (data) · ULAN (EN500025519 · CERL cnp00589288