Diego Dalla Palma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Diego Dalla Palma (Enego, 24 novembre 1950) è un truccatore, scrittore, imprenditore e personaggio televisivo italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Diego Dalla Palma ha iniziato a lavorare a diciotto anni a Milano, come costumista e scenografo in alcune produzioni teatrali, specializzandosi nel frattempo anche come truccatore[1], e facendosi un nome in ambito televisivo, al punto di essere soprannominato dal New York Times come "Il profeta del make up made in Italy".[2]

Nel 1978 ha aperto a Milano il Make Up Studio, un laboratorio d'immagine[2], e di lì a breve una propria linea di cosmetici, chiamata semplicemente Diego Dalla Palma. Nel corso della sua carriera ha scritto numerosi manuali sul trucco e sulla bellezza, e curato diverse rubriche televisive (come l'Almanacco del giorno dopo o Il trucco c'è) e radiofoniche (su Radio 105), collaborando pure con alcune testate giornalistiche.[1]

Nella sua autobiografia, dal titolo A Nudo, ha rivelato anche le molestie subite durante l’infanzia nel periodo di permanenza in collegio: “Quando ero un ragazzino e stavo in collegio, per due anni e mezzo un prete ha abusato sessualmente di me. Era un uomo grosso e grasso e veniva tutte le sere nella mia camera a chiedermi prestazioni sessuali”.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Diego Dalla Palma
  2. ^ a b Dizionario della moda