Dieci piccoli indiani (film 1965)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dieci piccoli indiani
Dieci piccoli indiani 1965.png
Una scena del film
Titolo originale Ten Little Indians
Lingua originale inglese
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1965
Durata 92 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1.66 : 1
Genere giallo, thriller
Regia George Pollock
Soggetto Agatha Christie
Sceneggiatura Peter Welbeck, Peter Yeldham, Erich Kröhnke, Enrique Llovet
Produttore Harry Alan Towers
Produttore esecutivo Oliver A. Unger
Fotografia Ernest Steward
Montaggio Peter Boita
Musiche Malcolm Lockyer
Scenografia Ernest Steward
Costumi John McCorry
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dieci piccoli indiani è un film del 1965 diretto da George Pollock, basato sull'omonimo romanzo di Agatha Christie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In una villa in cima ad una montagna, priva di mezzi di comunicazione e raggiungibile solo con una teleferica, vengono invitate dieci persone; la prima sera, subito dopo il termine della cena, una voce proveniente da un registratore azionato dal domestico Joseph Grohmann, ed appartenente ad un misterioso Mr. Owen (la voce nell'originale è dell'attore Christopher Lee) accusa gli invitati di gravi colpe che avrebbero commesso, spiegando loro il motivo per cui sono stati riuniti in quel luogo, e promettendo loro una punizione.

Gli invitati iniziano a morire a uno a uno, e ciascuna morte è simboleggiata da una scultura raffigurante le statuette di "dieci piccoli indiani", dalla quale via via scompaiono le figure che la compongono. I superstiti, e potenziali prossime vittime, dapprima cercano l'assassino nella villa e, avendo riscontrato di essere gli unici occupanti della casa, si rendono conto che l'assassino è tra di loro.

Gli ospiti ad uno ad uno confessano i loro peccati, ma questo non ferma l'assassino che continua nella sua opera; il giudice Arthur Cannon ed il dottor Edward Armstrong, rimasti in compagnia durante un esperimento di spegnimento delle luci, si autoescludono dalla responsabilità, formando un'alleanza per scoprire l'assassino: il giudice finge di essere ucciso per avere la possibilità di individuare Mr. Owen, al riparo dai sospetti dei quattro superstiti (oltre al dottore, il detective William Blore, Hugh Lombard ed Ann Clyde).

Hugh ed Ann, a dispetto della situazione, si scoprono innamorati l'uno dell'altra. Dopo aver trascorso insieme una notte d'amore, si confidano e ciascuno sostiene la propria innocenza: lei nega con forza l'addebito ascrittole da Mr. Owen, mentre lui confessa di non essere Hugh Lombard ma un suo amico, Charles Morley. Dopo aver provocato la morte della fidanzata, il vero Lombard si era suicidato, vinto dal senso di colpa e dai rimorsi. Morley, frugando tra le carte di Lombard dopo la sua morte, aveva trovato l'invito di Mr. Owen e, spinto dalla curiosità, si era recato alla villa al posto dell'amico defunto.

Dopo la morte del dottore e di Blore, i due amanti restano soli ed Ann spara a Charles con la pistola dell'uomo; al rientro nella villa trova il giudice, che in realtà aveva solo finto la propria morte, il quale ha predisposto per lei un cappio che, secondo la sua teoria, Ann utilizzerà per suicidarsi: il giudice infatti, dopo averle spiegato le ragioni della propria finta morte, le confessa il suo antico sogno di commettere un omicidio e che, ormai malato senza speranza di guarigione, sta per togliersi la vita con il veleno, lasciandola sola, unica superstite e quindi responsabile della morte di tutti gli ospiti, ad affrontare il giudizio che la vedrà ovviamente colpevole.

Appena il giudice ingerisce il veleno, Charles compare sulla porta, incolume, poiché Ann poco prima aveva solo finto di sparargli. Prima di morire, il giudice si rende conto che l'amore dei due giovani li ha portati a fidarsi l'uno dell'altro e questo evento, da lui imprevisto, li ha salvati. Solo allora ha la consapevolezza che il suo piano è fallito e nessun altro sarà punito.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]