Diclorofluoresceina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diclorofluoresceina
Dichlorofluorescein.svg
Nome IUPAC
2',7'-dicloro-3',6'-diidrossi-3H-spiro[2-benzofuran-1,9'-xanten]-3-one
Abbreviazioni
DCF
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC20H10Cl2O5
Massa molecolare (u)401,20
Aspettosolido giallo-arancio
Numero CAS76-54-0
Numero EINECS200-968-6
PubChem64944
SMILES
C1=CC=C2C(=C1)C(=O)OC23C4=CC(=C(C=C4OC5=CC(=C(C=C35)Cl)O)O)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione280 °C
Indicazioni di sicurezza
Frasi HH315-H319-H335
Consigli PP261-P305 + P351 + P338

La diclorofluoresceina (DCF) è un indicatore e un pigmento della famiglia delle fluoresceine, utilizzato nelle titolazioni precipitometriche e argentometriche dal metodo di Fajans,[1][2] con due atomi di cloro come sostituenti nelle posizioni 2 e 7.

Viene anche utilizzata nei test per misurare l'attività antiossidante cellulare (CAA, dall'inglese "cellular antioxidant activity"). La diclorofluoresceina viene infatti usato come una sonda e inserito nella cellula, dove può essere facilmente ossidato a dare un composto fluorescente. Il metodo misura quindi l'abilità di una molecola nel prevenire la formazione di questo composto.[3]

  1. ^ I. M. Kolthoff, W. M. Lauer e C. J. Sunde, The use of dichlorofluorescein as an adsorption indicator for the argentometric titration of chlorides, in Journal of the American Chemical Society, vol. 51, nº 11, 1º novembre 1929, pp. 3273–3277, DOI:10.1021/ja01386a014. URL consultato il 15 giugno 2016.
  2. ^ Karl Bambach e T. H. Rider, Volumetric Determinations of Halides: Use of Dichlorofluorescein as an Adsorption Indicator, in Industrial & Engineering Chemistry Analytical Edition, vol. 7, nº 3, 1º maggio 1935, pp. 165–166, DOI:10.1021/ac50095a012. URL consultato il 15 giugno 2016.
  3. ^ Kelly L. Wolfe e Rui Hai Liu, Cellular Antioxidant Activity (CAA) Assay for Assessing Antioxidants, Foods, and Dietary Supplements, in Journal of Agricultural and Food Chemistry, vol. 55, nº 22, 1º ottobre 2007, pp. 8896–8907, DOI:10.1021/jf0715166. URL consultato il 15 giugno 2016.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia