Diclorofluoresceina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diclorofluoresceina
Dichlorofluorescein.svg
Nome IUPAC
2',7'-dicloro-3',6'-diidrossi-3H-spiro[2-benzofuran-1,9'-xanten]-3-one
Abbreviazioni
DCF
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC20H10Cl2O5
Massa molecolare (u)401,20
Aspettosolido giallo-arancio
Numero CAS76-54-0
Numero EINECS200-968-6
PubChem64944
SMILES
C1=CC=C2C(=C1)C(=O)OC23C4=CC(=C(C=C4OC5=CC(=C(C=C35)Cl)O)O)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione280 °C
Indicazioni di sicurezza
Frasi HH315-H319-H335
Consigli PP261-P305 + P351 + P338

La diclorofluoresceina (DCF) è un indicatore e un pigmento della famiglia delle fluoresceine, utilizzato nelle titolazioni precipitometriche e argentometriche dal metodo di Fajans,[1][2] con due atomi di cloro come sostituenti nelle posizioni 2 e 7.

Viene anche utilizzata nei test per misurare l'attività antiossidante cellulare (CAA, dall'inglese "cellular antioxidant activity"). La diclorofluoresceina viene infatti usato come una sonda e inserito nella cellula, dove può essere facilmente ossidato a dare un composto fluorescente. Il metodo misura quindi l'abilità di una molecola nel prevenire la formazione di questo composto.[3]

  1. ^ I. M. Kolthoff, W. M. Lauer e C. J. Sunde, The use of dichlorofluorescein as an adsorption indicator for the argentometric titration of chlorides, in Journal of the American Chemical Society, vol. 51, nº 11, 1° novembre 1929, pp. 3273–3277, DOI:10.1021/ja01386a014. URL consultato il 15 giugno 2016.
  2. ^ Karl Bambach e T. H. Rider, Volumetric Determinations of Halides: Use of Dichlorofluorescein as an Adsorption Indicator, in Industrial & Engineering Chemistry Analytical Edition, vol. 7, nº 3, 1° maggio 1935, pp. 165–166, DOI:10.1021/ac50095a012. URL consultato il 15 giugno 2016.
  3. ^ Kelly L. Wolfe e Rui Hai Liu, Cellular Antioxidant Activity (CAA) Assay for Assessing Antioxidants, Foods, and Dietary Supplements, in Journal of Agricultural and Food Chemistry, vol. 55, nº 22, 1° ottobre 2007, pp. 8896–8907, DOI:10.1021/jf0715166. URL consultato il 15 giugno 2016.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia