Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto nizzardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nizzardo
Niçard/Nissart/Niçart
Parlato in Francia
Regioni Provenza-Alpi-Costa Azzurra, dipartimento delle Alpi Marittime
Locutori
Totale circa 250.000
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto latino
Tipo SVO sillabica
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Galloiberiche
     Galloromanze
      Occitano
       Nizzardo
Statuto ufficiale
Regolato da Conselh de la Lenga Occitana
Codici di classificazione
ISO 639-1 oc
ISO 639-2 oci
ISO 639-3 prv (EN)
Glottolog nica1249 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Toti li personas naisson libri e egali en dignitat e en drech. Son dotadi de rason e de consciéncia e li cau agir entre eli emb un esprit de fratelança.

Il nizzardo (nissart/niçard in nizzardo; nizzardo od anche nicese storicamente in italiano antico; niçois o talora nissart in francese) è un dialetto parlato nell'ex Contea di Nizza, oggi dipartimento francese delle Alpi Marittime.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto nizzardo è legato all'occitano, di cui viene talvolta indicato come dialetto o variante locale. Per le sue particolarità fonetiche, il nizzardo non è definibile come una variante del ligure, sebbene parlate liguri caratterizzino le vicine Monaco e Mentone, ma, secondo alcuni studiosi, anticamente lo era[1].

Infatti molti studiosi, come il tedesco Werner Forner, il francese Jean-Philippe Dalbera e l'italiana Giulia Petracco Sicardi, concordano sul fatto che il dialetto nizzardo possiede delle caratteristiche fonetiche, lessicali e morfologiche che sono comuni alla lingua ligure. Lo studioso francese Bernard Cerquiglini indica nel suo libro Les langues de France l'esistenza, ancora oggi, di una minoranza che parla la lingua ligure a Tenda, Roccabruna e Mentone.

Queste minoranze sono un retaggio della lingua ligure medioevale, il cui areale originario comprendeva anche Nizza e la sua regione. Pare che almeno fino all'XI sec., quando iniziarono le pressioni angioine sul comune di Nizza, la parlata locale non differisse affatto dalle vicine parlate liguri del Levante (soprattutto nella loro fase pregenovese), per poi trasformarsi con una pesante opera di provenzalizzazione proseguita fino al XIV, e poi ripresa con la francesizzazione, dopo l'annessione alla Francia del 1860, per rompere maggiormente i legami storici, culturali e linguistici con l'Italia.

E' sorprendente comunque l'ancora fortissima somiglianza del nizzardo con l'italiano, e giusto per dare un esempio altamente esplicativo, si propone qualche comparazione di declinazione verbale, soprattutto quasi identica a molte parlate italiche:

Prima coniugazione[modifica | modifica wikitesto]

Verbo cantar (it. cantare).

Indicativo Congiuntivo Condizionale
Presente Imperfetto Perfetto (Passato remoto) Futuro Presente Imperfetto Condizionale
canti cantavi cantèri canterai canti cantèssi canterii
cantes cantaves cantères canteràs cantes cantèsses canteries
canta cantava cantèt canterà cante cantèsse canteria
cantam cantavam canteriam canterem cantem cantessiam canteriavam
cantatz cantavatz canteriatz canteretz cantetz cantessiatz canteriavatz
cantan cantavan cantèron canteràn cantan cantèsson canterian

Seconda coniugazione[modifica | modifica wikitesto]

Verbo vender (it. vendere).

Indicativo Congiuntivo Condizionale
Presente Imperfetto Perfetto (Passato remoto) Futuro Presente Imperfetto Condizionale
vendi vendii vendèri venderai vendi vendèssi venderii
vendes vendies vendères venderàs vendes vendèsses venderies
vende vendia vendèt venderà vende vendèsse venderia
vendèm vendiavam venderiam venderem vendem vendessiam venderiavam
vendètz vendiavatz venderiatz venderetz vendetz vendessiatz venderiavatz
vendon vendian vendèron venderàn vendon vendèsson venderian

Verbo conóisser (it. conoscere).

Indicativo Congiuntivo Condizionale
Presente Imperfetto Perfetto Futuro Presente Imperfetto Condizionale
conoissi conoissii conoissèri conoisserai conoissi conoissèssi conoisserii
conoisses conoissies conoissères conoisseràs conoisses conoissèsses conoisseries
conoisse conoissia conoissèt conoisserà conoisse conoissèsse conoisseria
conoissèm conoissiavam conoisseriam conoisserem conoissem conoissessiam conoisseriavam
conoissètz conoissiavatz conoisseriatz conoisseretz conoissetz conoissessiatz conoisseriavatz
conoisson conoissian conoissèron conoisseràn conoisson conoissèsson conoisserian

Terza coniugazione[modifica | modifica wikitesto]

Verbo sentir (it. sentire).

Indicativo Congiuntivo Condizionale
Presente Imperfetto Perfetto (Passato remoto) Futuro Presente Imperfetto Condizionale
senti sentii sentèri senterai senti sentèssi senterii
sentes senties sentères senteràs sentes sentèsses senteries
sente sentia sentèt senterà sente sentèsse senteria
sentèm sentiavam senteriam senterem sentem sentessiam senteriavam
sentètz sentiavatz senteriatz senteretz sentetz sentessiatz senteriavatz
senton sentian sentèron senteràn senton sentèsson senterian

Verbo incoativo, come finir (it. finire).

Indicativo Congiuntivo Condizionale
Presente Imperfetto Perfetto (Passato remoto) Futuro Presente Imperfetto Condizionale
finissi finissii finissèri finisserai finissi finissèssi finisserii
finisses finissies finissères finisseràs finisses finissèsses finisseries
finisse finissia finissèt finisserà finisse finissèsse finisseria
finissèm finissiavam finisseriam finisserem finissem finissessiam finisseriavam
finissètz finissiavatz finisseriatz finisseretz finissetz finissessiatz finisseriavatz
finisson finissian finissèron finisseràn finisson finissèsson finisserian

La parabola del Figliuol prodigo in Nizzardo[modifica | modifica wikitesto]

Un hòme avìa doi enfants.
E lo plus jòve d'ellos diguèt au paire: "Paire, donatz-mi la part dei bens que mi tocca!" e li divisèt li sieus sostanças.
E pau de jòrs après l'enfant mendre, mes ensem tot seu que li venìa, s'en anèt en un paìs ben luènh, e aquì dissipèt tot lo sieu en vivent de libertin.
E cora auguèt tot manjat, li siguèt una gran carestìa en aqueu paìs, e eu commencèt a sentir lo besòn.
E s'anèt mettre au servici d'un particulier d'aqueu paìs, lo qual lo mandèt en una sieu campanha per guardar de puòrcs.
E aurìa vogut s'emplir lo ventre de li gruchas que manjavan li puòrcs, e degun non nhien donava.
Ma, revengut en eu, diguèt: "Quantos servitors en la maion de mon paire an de pan en abondança, e ieu aisì muòri dau fam!
M'auserai e aureai da mon paire e li dirai: Paire, ai pecat contra lo ciel e contra de vos;
Non mèriti plus lo nom de vuòstre enfant: tractatz-mi coma un dei vuòstres servitors".
S'ausèt e s'en anèt da son paire: era encora luènh, cora son paire lo veguèt e n'auguèt compassion; li corrèt au rescuòntre, li sautèt al cuòl e lo bachièt.
E l'enfant li diguèt: "Paire, ai pecat contra lo ciel e contra de vos, non mèriti plus lo nom de vuòstre enfant".
Lo paire diguèt ai servitors: "Vito, sortetz lo plus bei abilhament, vestetz-lo, mettetz-li l'aneu au det e causatz-lo!
E menatz lo vedeu gras e tuatz-lo, mangen e faguen un gran past!
Perquè aquesto mieu enfant era muòrt e es tornat en vida; s'era perdut e s'es retrovat". E commenceron lo gran past.
L'enfant mage era à la campanha, e au retorn, en s'avesinant de maion, sentèt la mùsica e li danças.
E sonèt un dei servitors, qui demandèt seu qu'era tot acho.
E aquesto li diguèt: "Vuòstre fraire es vengut e vuòstre paire a tuat lo vedeu gras, perquè li es retornat à sauvament".br> N'en siguèt endinhat e non volìa intrar. Per acho so paire, essent sortit fuòra, commencèt à lo pregar.
Ma eu, en respondent, diguèt à son paire: "Li a jà tantos an que ieu vos sièrvi e non ai jamai mancat ai vuòstre comand, e non m'avetz mai donat un cabrit per lo m'anar manjar embe i mieu amic.
Ma ahora qu'es vengut aquesto vuòstre enfant qu'a devorat li sieus sostanças embe de fremas de marrida vida, avetz tuat per eu lo vedeu gras".
Ma lo paire li diguèt: "Mon fieu, tu sies tojòrs emb ieu, e tot seu qu'ai t'apparten;
calià ben faire un gran past e si rallegrar perquè aquesto tieu fraire era muòrt e es tornat en vida; s'era perdut e s'es retrovat".
Giovenale Vegezzi-Ruscalla, La nazionalità di Nizza: ragionamento, 1860, pagg. 29-30

Una novella del Boccaccio in Nizzardo[modifica | modifica wikitesto]

Dio donca que ai temps dau premier rei de Chipri, après la conquista facha de la Tèrra Santa da Gottifré de Bolhon, arrivèt que ona nòbla frema de Gasconha anèt en pelegrinatge au Sepulcre, dedont en retornant, arrivada que foguèt a Chipri, siguèt da quauques òmes scelerats villanament outragiada. E si lamentant d'acquò sença minga de consolacion, ella pensèt de s'en anar planher dau rei; ma li foghet dich per quaucun que aurìa perdut la fatiga, perquè éu era d'ona vita tant libertina e tant pau de buòn que, non pas de vendicar li ontas dei autres amb justìcia, ansi on nùmero infinti d'aquellis fachos en éu, amb ona viltat desonoranta, nen sopportava; talament que quossigue que auguesse quauque resentiment, l'esfogava en li faguent quauque onta o despièch vergonhós. Sentent acquò la frema, desperada per la vendetta, per si consolar on pau de la siéu pena, pensèt de voler puènhe la viltat d'aquéu rei; e anant si pluerant davant d'éu, diguèt: "Miéu sinhor, iéu non veni a la tiéu presença per vendetta qu'aspèri de l'injúria que m'es estada facha ma, per soddisfacion d'aquesta injúria, ti pregui que mi muòstres come tu sòffres aquellis que iéu senti quei ti son fachos, a fin que lis emparant da tu, iéu pòsqui amb pasiença soportar la miéva; la quala, Diéu sau, se lo podèissi faire, volontier tei donerei, perquè tu lis sabes tant ben portar!".
Lo rei, que fin allora era stat long e pigre, coma se si revilhèisse dau suòn, en commençant da l'injúria commessa vers aquella frema, la quala vendiquèt severament, devenguèt on persecutor saverissimo de cadun que faguesse, d'allora en avant, qauqua rem còntra l'onor de le siéu corona.
Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 624-625

Principali differenze tra il nizzardo e l'occitano comune[modifica | modifica wikitesto]

1) Il nizzardo fa il plurale con cambio vocalico e non in S.

2) Il nizzardo usa Si e Non invece di O e Pas, per affermazione e negazione.

3) Non precede il verbo e non lo segue come il Pas provenzale, uguale all'italiano.

4) Il nizzardo è ricco di parole sdrucciole assenti in occitano (es làgrima piuttosto che lagrema alla provenzale), come in italiano.

5) Il nizzardo ha conservato le D intervocaliche latine ( creDer, veDer etc) come in italiano e contrariamente all'occitanico e/od al francese.

6) Usa l'articolo dinnanzi al possessivo alla maniera italiana, cosa impossibile in occitano.

7) Il nizzardo ha/aveva una fonetica italianeggiante.

8) Terminazione in ER dei paradigmi del futuro, alla maniera dell'Italiano, invece che in AR alla maniera del provenzale (parlERai contro parARai).

9) Mantenimento della distinzione tra V e B assente in Occitano, ma presente in italiano.

10) I finali femminili sono in A, come in italiano e nei suoi dialetti , piuttosto che in O come in Occitano moderno, anche se l'articolo plurale femminile è in "li" od "i" come in molte parlate italiche sia del nord che del sud.

11) Spesso le O del latino sono sostituite da dittonghi, cosa comune in Italiano o spagnolo, ma che in ambito occitano avviene solo per il provenzale marittimo e le parlate alpine (Porta diviene puarta).

12) Taluni aggettivi al plurale divengono irregolari per cui belles diviene bei, fenomeno che presenta una netta similitudine con l'italiano e i suoi dialetti, benché in nizzardo avvenga per il femminile.

13) Mantenimento di parole con N finale alla maniera dei dialetti alto italiani, mentre in occitano non esistono più termini che finiscono per N, essendo divenuta muta questa lettera.

14) La doppia LL si pronuncia come una doppia italiana, mentre in provenzale suona come una L singola.

15) Il nizzardo ha un ricchissimo vocabolario in comune con l'italiano ed i suoi dialetti, di termini assenti in occitano (es. "Anquei" dal piemontese "anch'heuj" o ligure "ancoi" per oggi, Brut, Capir, Calar, Countea e Plus, piuttosto che Mes o Mai, Bastiancontrari, Baci, Grattachecca, Ciapar, Ciapacan, Issa, Madona, Minga, Ramazza, Rumenta, Riturnella, Scoumessa, Stouffe, Testada, Testard, Zou ossia "su", "Ciucc" per ubriaco, popolarmente in italiano "ciucco", ecc).

Gli appellativi del nizzardo[modifica | modifica wikitesto]

Nella loro lingua materna, gli abitanti di Nizza (Nissa/Niça) si designano con l'etnonimo niçard, niçarda (grafia antica) o nissart nissarda/niçart niçarda (grafia moderna). Quale che sia la grafia utilizzata, si pronuncia in tutti i casi [niˈsaʀt(e), niˈsaʀda].

Nella forma maschile [niˈsaʀt(e)], la [t] è il risultato di una desonorizzazione di una d in finale. L'aggiunta facoltativa di un suono [e] finale d'appoggio, dopo [t] finale, è una particolarità della fonetica nizzarda (ma questa [e] non ha un valore fonologico e non è indicata nell'ortografia, che sia classica o mistraliana).

Esistono innumerevoli alternative grafiche a causa delle difficoltà di adottare una norma linguistica stabile: con -ç- o -ss-, con -d o -t (vedi -te).

In francese, per qualificare gli abitanti di Nizza l'etnonimo abituale è niçois. Nissart, di utilizzo crescente in francese, e più di rado niçard, si usano per designare tutto ciò che riguarda le tradizioni e la gente che parla la lingua di Nizza e della Contea di Nizza, in una forma di rinascita di questa cultura.

Norme, grafia e standardizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il nizzardo può utilizzare due norme, ciascuna suddivisa però internamente in sottonorme:

  • la norma classica, che privilegia le tradizioni autoctone della lingua. È stata sviluppata da Robert Lafont (Phonétique et graphie du provençal, 1951; L'ortografia occitana, lo provençau, 1972), successivamente da Jean-Pierre Baquié (Empari lo niçard, 1984) ed è oggi di competenza del Conselh de la Lenga Occitana. In questa norma il suono [u] è scritto o, come nella grafia tradizionale del lombardo occidentale o del piemontese. Nei dittonghi, è invece scritto u. Es.: buon, 'buono'.
  • la norma mistraliana, più vicina alle consuetudini del francese. L'utilizzo di quest'ultima è legato al contesto storico, ovvero all'annessione della Contea di Nizza alla Francia nel 1860. È stata regolata in principio dal Félibrige (ma esiste anche una Acadèmia Nissarda). Il suono [u] è scritto ou, come anche il suono [w]. Es.: bouon, 'buono'. Le autorità francesi hanno cercato di imporre codesta norma, anche per ridurre la distanza dal francese, e poter definire il nizzardo un patois del provenzale, spegnendo così i sentimenti particolaristici, quando non apertamente indipendentisti e antifrancesi della popolazione della contea di Nizza.

Sono esistite norme grafiche "italianizzanti" in passato, durante l'appartenenza ultrasecolare di Nizza e della sua Contea al Ducato di Savoia prima ed al Regno di Sardegna poi, fino al 1860, ma vennero fatte abbandonare dopo la cessione alla Francia nel 1860.

Con l'annessione e l'ingresso nel Secondo Impero francese, si è forzata l'assimilazione culturale del nizzardo al francese, con la cosiddetta francesizzazione, per rompere ogni legame tra i nizzardi e la patria italiana, cui erano stati legati sin dal tardo medioevo (1388), partecipando prima alle lotte tra le grandi famiglie feudali liguri, ed infine unendosi volontariamente al Ducato di Savoia, divenuto poi regno di Sardegna, con capitale Torino e conseguente uso ufficiale della lingua italiana.

Fu Joseph-Rosalinde Rancher, grande autore classico nizzardo, a porre nel 1830 la questione della grafia nell'opera "La Nemaida", molto prima di Mistral, con una scelta oggi considerata "italianizzante", poiché all'epoca Nizza apparteneva al Regno di Sardegna.

La prima completa grammatica della lingua nizzarda si deve a Giuseppe Miceu nel 1840, con la sua "Grammatica nissarda", un'eccellente opera che raffigura lo stato della lingua nizzarda precedentemente alla sua provenzalizzazione e francesizzazione, avvenute dopo l'annessione della città alla Francia.

Notevoli sono stati gli sforzi da parte francese per sottoporre il nizzardo all'autorità del Conselh de la lengua Occitana, per poter abbassarlo e ridurlo al livello di mero patois, piuttosto che di lingua.

Ultimamente il consiglio regionale della Provenza ha abdicato al tentativo di vedere nel nizzardo un dialetto provenzale, riconoscendogli piena autonomia, sebbene nell'ambito delle parlate occitaniche.

I nizzardi, invece, non si riconoscono quale occitani, e notevoli sono, di fatto le differenze tra occitano e nizzardo, anche per la forte influenza dell'italiano sul lessico di Nizza, tanto che si potrebbe definire una lingua ponte tra i dialetti liguri e i dialetti occitani. Difficile è anche stabilire precisi confini, giacché il ligure, il piemontese occidentale e l'occitano (soprattutto nella sua variante alpina-occidentale) hanno oltre il 90% di affinità linguistica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Barberis, Nizza Italiana'

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]