Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lingua montenegrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dialetto montenegrino)
Montenegrino
Crnogorski/Црногорски
Parlato in Montenegro
Locutori
Totale circa 140.000
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto cirillico e alfabeto latino
Tipo SVO
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue slave
  Lingue slave meridionali
   Lingua serba

La lingua montenegrina[1] (in montenegrino crnogorski jezik o црногорски језик) è la lingua štokavo-ijekava parlata in Montenegro.

Appartiene al gruppo occidentale delle lingue slave meridionali (appartengono a questo gruppo anche serbo, croato, bosniaco e sloveno)[2]. Dal punto di vista linguistico il montenegrino non si distingue molto da serbo, croato e bosniaco (in precedenza queste lingue erano conosciute come lingua serbo-croata)[2]. Le rispettive varianti linguistiche sono così vicine che sarebbe più corretto parlare di dialetti anziché di lingue vere e proprie, poiché le variazioni di pronuncia e di lessico sono minime[2].

Ancora oggi la controversia sull'esistenza o no di una lingua montenegrina indipendente è aperta, così come lo è, in parte, per il bosniaco.

In alcuni enti e istituzioni la lingua serba e quella croata, che per la maggior parte dei linguisti continuano ad essere la stessa lingua, vengono accorpate, insieme alla variante bosniaca, in un'unica dicitura. L'università di Vienna, città in cui è presente una grande comunità di persone provenienti dai Paesi dell'ex-Jugoslavia[3], ha inserito nei propri piani di studi il serbo, il croato e il bosniaco come un'unica lingua, chiamandola BKS (Bosnisch-Kroatisch-Serbisch) e tenendo le lezioni senza fare distinzione di titolo tra le tre varianti[4].

Il montenegrino è la lingua ufficiale del Montenegro da quando ha dichiarato l'indipendenza mentre in precedenza nelle istituzioni e nel sistema educativo era ufficiale il serbo sotto la dicitura di serbo-montenegrino.

Status ufficiale e considerazione dei parlanti[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione del Montenegro del 19 ottobre 2007[5] riconosce lingue ufficiali il montenegrino, il serbo, il croato, il bosniaco e l'albanese[2]. Lungo la costa adriatica viene parlato e compreso anche l'italiano, pur non avendo status ufficiale[2].

Secondo l'ultimo censimento del 2003, il 21,53% della popolazione del Montenegro dichiara che il montenegrino è la propria lingua madre. Il 63,5% della popolazione dichiara che il serbo è la propria lingua madre. Dato che il 32% della popolazione si dichiara di etnia serba, si può stimare che il 31,5% della popolazione dichiari di parlare serbo, ma non si dichiari appartenente all'etnia serba (si noti che i montenegrini sono il 42% di tutta la popolazione del Montenegro, e ciò significa che solamente la metà di coloro che si definiscono montenegrini considera il montenegrino come propria lingua madre, mentre l'altra metà considera tale lingua il serbo).

La questione linguistica è un problema dibattuto attualmente come in tutta l'area anche in Montenegro. Nel precedente censimento del 1991, la maggioranza dei cittadini montenegrini si dichiaravano locutori della lingua ufficiale di allora: il serbo-croato. Secondo la costituzione del Montenegro, la lingua ufficiale della repubblica, dal 1992, è il serbo secondo lo standard del dialetto stocavo-iecavo (quest'ultimo sottodialetto del serbocroato). Dopo la Seconda guerra mondiale e fino al 1992, la lingua ufficiale del Montenegro è stata il serbo-croato. Nell'ultima decade del XX e nei primi anni del XXI secolo sono cominciate ad apparire le prime organizzazioni per la promozione del montenegrino come lingua separata.

Alcuni comparano questa situazione con quella della lingua croata e con quella della lingua bosniaca rispetto al serbo, e arrivano alla conclusione che la posizione del montenegrino sia uguale a quella delle due suddette lingue. Ad ogni modo non ci sono differenze sostanziali tra le due lingue e tra il montenegrino e il serbo.

Fonologia[modifica | modifica wikitesto]

Il montenegrino, come serbo, croato e bosniaco, presenta una coincidenza tra scrittura e pronuncia: ogni lettera viene pronunciata così com'è scritta e viceversa[2].

Per quanto riguarda l'accentazione, la maggior parte delle parole ha l'accento sulla prima sillaba, mentre non può mai essere accentata l'ultima sillaba[2].

Sistemi di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Il montenegrino può essere scritto sia con l'alfabeto latino che con quello cirillico ed entrambi sono riconosciuti come ufficiali[2], anche se ormai in Montenegro si scrive quasi esclusivamente in alfabeto latino.

Considerazioni linguistiche[modifica | modifica wikitesto]

Sia nella fonetica che nel lessico il montenegrino si sta allontanando dal bosniaco, dal croato e dal serbo in modo maggiore di quanto queste tre lingue si differenziano tra loro.[6]

Le lettere Ś e Ź (che rappresentano rispettivamente i fonemi consonantici IPA [ç] e [ʝ]) sono una introduzione recente nella lingua e allontanano definitivamente l'ortografia montenegrina da quella delle altre tre lingue. Queste lettere sono standardizzate dalle pubblicazioni ufficiali dello Stato del Montenegro l'Ortografia e il Dizionario della lingua montenegrina[6]. I due nuovi grafemi sono rappresentazioni di fonemi che nel montenegrino e nel bosniaco esistono autonomamente, mentre nel serbo e nel croato sono presenti solo grazie all'assimilazione per sonorità[6]. Sono comunque grafemi già esistenti nel mondo slavo occidentale[6]. Non è stato introdotto un terzo grafema lo ӡ, presente anche nel bosniaco, nel croato e nel serbo ma solo come risultato dell'assimilazione[6].

La nuova Ortografia della lingua montenegrina sottolinea il cambiamento fonologico nella neo-lingua: il montenegrino si rifà soprattutto al proprio dialetto meridionale come una delle due basi lessicali, ma questo dialetto è alquanto distante dalla matrice stocava che era lo standard prebellico in Bosnia-Erzegovina, Croazia, Montenegro e Serbia[6].

Il dialetto prevalentemente parlato in Montenegro è il neoštokavo ijekavo, del quale esistono due sottodialetti:

  • il dialetto dell'Erzegovina orientale, che si usa nell'ovest del Montenegro, nella "Erzegovina antica" ("Stara Hercegovina");
  • il dialetto zetano, che si usa nelle altre parti del Montenegro ed è il più diffuso.

Il vocabolario del montenegrino ha alcune caratteristiche differenti da quelle degli altri dialetti, ma le parole che veramente differiscono sono poche (ad esempio sjutra viene usata in Montenegro al posto di sutra, usata nel serbo, nel croato e nel bosniaco standard).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ a b c d e f g h Peter Dragicěvić, Montenegro, EDT srl, 1° gennaio 2009, ISBN 9788860404879. URL consultato il 18 ottobre 2016.
  3. ^ Stadt Wien, Wiener Bevölkerung, wien.gv.at.
  4. ^ Universität Wien, Curriculum Bosnisch/Kroatisch/Serbisch, slawistik.univie.ac.at.
  5. ^ Ignazio Putzu e Gabriella Mazzon, Lingue, letterature, nazioni: centri e periferie tra Europa e Mediterraneo, FrancoAngeli, 1° gennaio 2012, ISBN 9788820408992. URL consultato il 18 ottobre 2016.
  6. ^ a b c d e f AA VV, Lezioni per l’Adriatico. Argomenti in favore di una nuova euroregione: Argomenti in favore di una nuova euroregione, FrancoAngeli, 20 luglio 2010, ISBN 9788856828214. URL consultato il 18 ottobre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE7669200-0