Dharmakirti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dharmakīrti

Dharmakīrti (metà del VII secolo – ...) è stato un filosofo indiano di logica pramāṇa della scuola buddista di Yogacara.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in India in una famiglia di bramini del Sud, iniziò studiando la filosofia non buddista[1]. Allievo di Dharmapala, divenne egli stesso rettore dell'Università di Nalanda dove insegnò. Si dichiarò un Mahayana di obbedienza Yogacara (Cittamātra). È stato uno dei teorici dell'atomismo buddista, secondo cui gli unici elementi che hanno un'esistenza momentanea sono atomi e stati di coscienza. Reinterpretò l'opera logica di Dignaga ed è stato molto influente tra i logici indù e buddisti. Dharmakirti presentò la maggior parte delle sue idee sotto forma di commenti alle opere di Dignaga, anche se le sue teorie sono più tradizionali di quelle del suo ispiratore. A differenza di quest'ultimo, che pose l'evidenza come sola conclusione possibile, egli tornò agli elementi di prova dell'autorità delle parole del Buddha. Le sue teorie sono studiate in Tibet, dopo che le sue opere furono tradotte nell'VIII e XI secolo. Esse fanno parte del programma di base degli studi monastici, soprattutto nella scuola Gelugpa. Il risultato logico delle opinioni di Dharmakirti deriva dal sautràntika, ma egli dichiarò di rappresentare la scuola Yogacara (Cittamātra)[1].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Saṃbandhaparikṣāvrtti (Analisi delle relazioni)
  • Pramāṇaviniścaya (Affermazioni sulla conoscenza valida)
  • Pramāṇavarttikakārika (Commenti sul Compendium sur la connaissance valide di Dignāga)
  • Nyāyabinduprakaraṇa (Gocce di ragionamento)
  • Hetubindunāmaprakaraṇa (Gocce di ragioni)
  • Saṃtānātarasiddhināmaprakaraṇa (Prove della continuità)
  • Vādanyāyanāmaprakaraṇa (Ragionamenti per i dibattiti)
  • Rupavatara

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dictionnaire encyclopédique du Bouddhisme, Philippe Cornu, 2001, Éditions du Seuil.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fyodor Shcherbatskoy, Buddhist Logic (1932),
  • John D. Dunne, Foundations of Dharmakirti's Philosophy, Wisdom Publications, 2004, [1]
  • Georges B.J. Dreyfus, Recognizing Reality: Dharmakirti's Philosophy and Its Tibetan Interpretations, (S U N Y Series in Buddhist Studies), State University of New York Press, 1996, [2]
  • Georges B.J. Dreyfus (éd.), Les deux vérités selon les quatre écoles, VajraYogini, Marzens, 2000.
  • Tom Tillemans, Scripture, Logic, Language - Essays on Dharmakirti and His Tibetan Successors, 1999, [3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Tom Tillemans, Dharmakirti, su Stanford Encyclopedia of Philosophy. URL consultato il 6 giugno 2017.
Controllo di autorità VIAF: (EN37941273 · ISNI: (EN0000 0001 2128 5672 · LCCN: (ENn82054943 · GND: (DE118525077 · BNF: (FRcb12274140q (data) · BAV: ADV12097935
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie