Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Detective Conan: Trappola di cristallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Detective Conan: Trappola di cristallo
Detective Conan- Trappola di cristallo.png
Conan Edogawa, Ai Haibara e i Detective Boys in una scena del film
Titolo originale 名探偵コナン 天国へのカウントダウン
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2001
Durata 100 min
Genere animazione, giallo
Regia Kenji Kodama
Sceneggiatura Kazunari Kōchi
Produttore Michihiko Suwa, Masahito Yoshioka
Casa di produzione TMS Entertainment, Shogakukan, Yomiuri TV, Universal Music
Distribuzione: Toho
Distribuzione (Italia) Mediaset
Fotografia Takashi Nomura
Montaggio Michihiko Suwa
Effetti speciali Yoshimi Hayashi
Musiche Katsuo Ōno
Storyboard Kenji Kodama
Art director Yukihiro Shibutani
Character design Masatomo Sudō
Animatori Masatomo Sudō, Akio Kawamura, Masahiko Itojima
Sfondi Kayoko Nishi

Detective Conan: Trappola di cristallo (名探偵コナン 天国へのカウントダウン Meitantei Konan - Tengoku e no kauntodaun?, lett. "Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso"), conosciuto anche con il titolo internazionale Detective Conan: Countdown to Heaven, è il quinto lungometraggio d'animazione dedicato al quinto anniversario della serie anime Detective Conan, uscito in Giappone il 21 aprile 2001[1]. È il primo in cui compare l'Organizzazione nera, principale antagonista della serie. In Italia il film è stato trasmesso per la prima volta il 5 marzo 2005 su Italia 1 e successivamente replicato su Italia Teen Television, Hiro e Italia 2.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un giorno in campeggio, Conan, Ai, Agasa e i Detective Boys fanno visita alle due avveniristiche torri gemelle di Nishitama, famose per essere "le più vicine al paradiso", dove vi trovano anche Kogoro, Ran e Sonoko, invitati da una vecchia amica di Kogoro, Mio Tokiwa, erede di un importante gruppo industriale. Uno spietato assassino uccide uno per uno alcuni responsabili della costruzione delle torri, lasciando sempre sui luoghi dei delitti una tazzina da sake rotta.

Gin e Vodka intercettano delle telefonate che Ai fa alla segreteria telefonica della sorella maggiore Akemi per sentire la sua voce, ma non riescono a capire dove si trova la ragazzina. I due malviventi però riescono a scoprire che Sherry sarà alla festa per l'inaugurazione delle due torri di Nishitama.

Durante l'inaugurazione Mio viene trovata morta impiccata dalla stessa collana di perle che indossava. Purtroppo, nello stesso momento, esplode una bomba nella sala dei computer e in quella dei comandi elettrici (torre A). Tutti vengono allontanati dalla torre tramite l'ascensore dell'osservatorio; Conan vede Gin che punta un laser contro Sonoko pensando che fosse Sherry ma Conan la avverte e purtroppo l'ascensore si blocca e allora decidono di scendere le scale e arrivare al ponte di collegamento. Il ponte crolla e Ran e Conan rimangono nella torre A ma fortunatamente si salvano lanciandosi dalla torre legati alla canna dell'acqua.

Conan ritorna nella torre A per salvare i suoi amici. Risalendo al salone delle feste con Ai e chiedendo loro di raggiungerlo (l'eliporto era stato dato alle fiamme per impedire all'elicottero di salvataggio d'atterrare) scoprono di essere in compagnia del responsabile degli omicidi: Hohsui Kisaragi, l'anziano maestro di disegno di Mio Tokiwa, il quale aveva ucciso la donna e gli altri suoi due collaboratori perché con la costruzione delle due torri avevano rovinato per sempre la vista del Monte Fuji che si poteva ammirare da casa sua e che aveva sempre riportato nei suoi dipinti (la tazzina da sake spezzata rappresentava il Fuji diviso a metà dalle torri).

Poco dopo Ai scopre che sotto a ogni tavolo ci sono delle bombe e allora Conan decide di usare la macchina vinta da Kogoro per saltare dall'altra torre dove c'è una piscina olimpionica. Tuttavia occorre che l'auto riesca a sfruttare l'energia dell'esplosione, altrimenti non potrebbe riuscire a coprire tutta la distanza con la scarsa velocità raggiungibile. Così, grazie all'abilità di Ayumi nell contare con precisione 30 secondi, i ragazzi riescono a mettersi in salvo partendo al momento giusto e atterrando, come previsto, nella piscina.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore giapponese Doppiatore italiano
Conan Edogawa Minami Takayama Irene Scalzo
Shinichi Kudo Kappei Yamaguchi Davide Garbolino
Ran Mori Wakana Yamazaki Debora Magnaghi
Kogoro Mori Akira Kamiya Oliviero Corbetta
Hiroshi Agasa Ken'ichi Ogata Maurizio Scattorin
Ai Haibara Megumi Hayashibara Tosawi Piovani
Shiho Miyano
-
Ayumi Yoshida Yukiko Iwai Federica Valenti
Mitsuhiko Tsuburaya Ikue Ōtani Cinzia Massironi
Genta Kojima Wataru Takagi Luca Bottale
Sonoko Suzuki Naoko Matsui Sonia Mazza
Juzo Megure Chafūrin Riccardo Rovatti
Wataru Takagi Wataru Takagi Francesco Orlando
Ninzaburo Shiratori Kazuhiko Inoue Claudio Ridolfo
Kazunobu Chiba Isshin Chiba Diego Sabre
Tome Toshihiko Nakajima Alberto Sette
Gin Yukitoshi Hori Alberto Olivero
Vodka Fumihiko Tachiki Pino Pirovano
Akemi Miyano Sakiko Tamagawa Jolanda Granato
Teiji Moriya[nota 1]
-
Okamoto[nota 1]
-
  1. ^ a b Erano comparsi nel primo film.

Personaggi originali del film[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Ruolo Età Doppiatore giapponese Doppiatore italiano
Mio Tokiwa proprietaria delle torri di Nishitama, terza vittima impiccata 36 anni[nota 1] Toshiko Fujita Marcella Silvestri
Chinami Sawaguchi segretaria privata di Mio, salvata dalla polizia 29 anni[nota 2] Aya Hisakawa Renata Bertolas
Hosui Kisaragi[nota 3] famoso professore d'arte giapponese, colpevole incastrato da Conan e arrestato da Takagi per duplice omicidio[nota 4] 60 anni Ichirō Nagai[nota 5] Enrico Bertorelli
Iwamatsu Oki membro del consiglio di Nishitama, prima vittima pugnalata al petto 55 anni Takeshi Watabe Antonio Paiola
Hidehiko Kazama architetto, ex studente di Teiji Moriya, progettista delle torri di Nishitama e realizzatore del metraggio notturno della ruota panoramica di Tropical Land, salvato dalla polizia 41 anni Jūrōta Kosugi Gianluca Iacono
Yoshiaki Hara principale programmatore informatico di videogiochi al comando della TOKIWA Executive, membro dell'Organizzazione nera, proprietario di una Toyota Crown Majesta S150 grigio chiaro del 1995, seconda vittima uccisa da Gin con un colpo di pistola in pieno petto 32 anni[nota 6] Kōichi Hashimoto Stefano Albertini
Hajime Tsukamoto capo della sicurezza delle torri di Nishitama 51 anni Jun'ichi Sugawara
Kanenari Tokiwa defunto padre di Mio -
-
Sawaguchi defunto padre di Chinami, giornalista investigativo di Nishitama -
-
Kazama figlio unico di Hidehiko, bambino della scuola elementare di Nishitama -
-
capo pompiere di Tokyo - Hidenari Ugaki
pompiere di Tokyo - Katsuyuki Konishi
impiegati delle torri di Nishitama - Katsuyuki Konishi
Takayuki Inoue
coroner - Kazuya Ichijō
madre del neonato - Asako Dodo
commessa per ciambelle - Mie Akagi
  1. ^ È morta la sera di sabato 24 marzo.
  2. ^ È nata nell'anno del Cinghiale.
  3. ^ Il character design è stato realizzato da Gōshō Aoyama.
  4. ^ Secondo l'articolo 199 del codice penale giapponese, nei casi di omicidio plurimo viene sempre applicata la pena di morte mediante impiccagione.
  5. ^ Fu proprio Aoyama a raccomandarlo come doppiatore.
  6. ^ È morto tra le cinque e le sei di sera di giovedì 22 marzo.

Collegamento con altri casi[modifica | modifica wikitesto]

Viene citato il primo film. Infatti, una volta a Nishitama, Conan ricorda lo scandalo provocato dalla soluzione di un suo caso, che fece perdere la carica al sindaco di Nishitama, e la conseguente interruzione di un progetto di Teiji Moriya, il dinamitardo.

Il caso in cui non riuscì a impedire il suicidio di Seiji Aso (volume 7, file 2-7; episodio speciale 11 dell'anime, 11-12 secondo la numerazione italiana), continua a tormentare il piccolo detective. Infatti, dopo aver addormentato il colpevole, come detective si scusa per non potergli permettere di morire.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Colonne sonore di Detective Conan.

Il musicista Katsuo Ōno ha realizzato quarantotto nuove tracce sonore, utilizzate in seguito anche nel corso della serie televisiva. La sigla finale è Always, di Mai Kuraki, ed è una delle due sigle usate sia per un film sia per la serie televisiva (sigla finale degli episodi da 233 a 247). L'altra è Don't Wanna Lie, dei B'z (sigla iniziale degli episodi da 613 a 626 e finale del quindicesimo film).

Note sulla produzione[modifica | modifica wikitesto]

Pur non essendoci mai coerenza nelle ambientazioni temporali di Detective Conan visto che i personaggi non invecchiano, il film si svolge nel 2001. Gli episodi da 222 a 224 (da 241 a 243 secondo la numerazione italiana) sono ambientati a gennaio 2001, quindi il film inizia e finisce due mesi dopo.

Le torri sono basate su tre grattacieli di Tokyo: la Saint Luke's Tower, il Governo metropolitano di Tokyo e lo Spazio di coworking a Kōtō.[2] La tragedia nel film fu un ignaro preludio al Twin Tower Building sette mesi dopo.

Versione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il film è stato solo trasmesso in televisione. Il titolo italiano del lungometraggio fa riferimento a quello del film Trappola di cristallo (1988), di John McTiernan. Nonostante l'unico doppiaggio, che non è censurato, esistono tre diverse versioni per quanto riguarda il montaggio video.

La prima versione è andata in onda per la prima volta il 5 marzo 2005 in prima serata su Italia 1, quando non era ancora stato trasmesso il primo film, cui si fa riferimento in questo. Questa versione presenta la prima sigla italiana della serie televisiva, Detective Conan di Giorgio Vanni, sia in apertura che in chiusura, su immagini prese da vari film, e non ha l'introduzione che riassume l'inizio della storia del manga, presente in ogni film seppur con qualche differenza. L'epilogo è collocato prima della sigla finale anziché dopo come in originale. Sono presenti alcune censure video: è stata tagliata parte di una scena in cui si vede un cadavere impiccato, con una dissolvenza chiaramente visibile nel momento della censura, e ci sono alcune modifiche minori su altre scene con il sangue o i cadaveri. Inoltre, per questa trasmissione fu eliminata la scena dell'indovinello creato da Agasa per i Detective Boys.

La seconda versione è stata trasmessa per la prima volta su Italia Teen Television il 31 dicembre 2005 e replicata su Hiro e per la prima volta in chiaro su Italia 2 il 14 novembre 2012. Questa versione è senza censure, ha la sigla originale con le relative immagini e come la versione originale non ha sigla iniziale. È stata mantenuta l'introduzione e l'epilogo si trova dopo la sigla di chiusura come in originale. Solo alla trasmissione su Italia 2 la sigla finale aveva l'audio delle parole abbassato, facendo sentire quasi solo la musica.

Infine esiste una versione divisa in cinque parti da venti minuti circa, trasmessa su Italia 2 dal 27 al 31 luglio 2012. Questa versione ha la prima sigla italiana come sigla di apertura e chiusura di ogni parte, nella prima versione video usata per la serie televisiva. Sono presenti le stesse censure della trasmissione su Italia 1, e anche in questa versione manca l'introduzione e l'epilogo è stato spostato prima della sigla finale.

Nel doppiaggio italiano di questo e del primo film, il distretto di Nishitama viene chiamato West Tama City. Inoltre, nel doppiaggio è presente un errore: Ai misura un'accelerazione in metri al secondo (in realtà l'unità di misura della velocità) anziché in metri al secondo quadrato. È stata modificata anche una frase detta da Genta quando salva Ai: nell'originale fa riferimento all'indovinello inventato all'inizio del film da Agasa, dicendo che sua madre gli ha detto che gli dei lo puniranno se lascerà cadere anche un solo chicco di riso; nella versione italiana dice invece che sua madre gli ha detto di non lasciare mai indietro nessuno e aiutare il prossimo anche con la forza, e in questo modo non si crea un'incoerenza nella versione trasmessa da Italia 1, priva della scena dell'indovinello. Anche la scena in cui Ai lo ringrazia è stata modificata: nella versione originale gli chiede se lei è solo un pezzo di riso, mentre in quella italiana lo ringrazia di averla salvata anche se l'ha fatto solo per compiacere sua madre.

Errori e inesattezze[modifica | modifica wikitesto]

  • La descrizione dell'APTX4869 sul computer di Ai nell'introduzione è stata sostituita dalla storia in romaji sulla fiaba Momotarō.
  • Kazama dice che nessuno usa più tavoli da disegno, invece Agasa ne ha uno in casa.
  • Il numero di targa dell'ambulanza giunta alle torri, una Toyota Himedic H100 del 1992, è "81-19", ma poi "81-10".
  • Il numero di targa di un'autopompa dei vigili del fuoco, una Hino Super Dolphin del 1981-83, è "新宿 88, • 1-19". Era apparsa prima nel primo film, ma avevano erroneamente riportato .

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato circa 2 miliardi e 900 milioni di yen, ovvero circa 20 milioni di euro, classificandosi al settimo posto dei film giapponesi con il maggior incasso in patria nel 2001.[3]

Home video[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone il film è stato pubblicato da Shogakukan in DVD il 21 dicembre 2001[4] e in VHS il 10 aprile 2002[5]. Dopodiché, il film è stato pubblicato da Being con l'etichetta B-vision in una nuova edizione in DVD il 25 febbraio 2011[6] e in Blu-ray Disc il 23 settembre 2011[7]. In Italia non è mai stato pubblicato per l'home video.

Versione a fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Con i fotogrammi del film è stato prodotto un anime comic in due volumi dal titolo Gekijōban Meitantei Conan - Tengoku e no kauntodaun (劇場版 名探偵コナン 天国へのカウントダウン Gekijōban Meitantei Konan - Tengoku e no kauntodaun?, "Detective Conan - Il film - Conto alla rovescia verso il Paradiso"). La "prima parte" ( ?) è stata pubblicata da Shogakukan il 17 novembre 2001[8] (ISBN 4-09-124879-9), la "seconda parte" ( ge?) il 18 dicembre dello stesso anno[9] (ISBN 4-09-124880-2). Un'edizione in volume unico è stata poi pubblicata sempre da Shogakukan il 17 marzo 2006[10] (ISBN 4-09-120309-4).

Un manga tratto dal film e con lo stesso titolo, disegnato da Yutaka Abe e Denjirō Maru, disegnatori anche di alcuni volumi di Detective Conan Special Cases, è in pubblicazione sulla rivista Shōnen Sunday Super dal 25 gennaio 2016.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso, allcinema.net. URL consultato il 25 settembre 2010.
  2. ^ (JA) 名探偵コナン劇場版「天国へのカウントダウン」の聖地一覧, syunsukechin1.web.fc2.com. URL consultato il 16 marzo 2017.
  3. ^ (JA) Film con il maggior incasso nel 2001, eiren.org. URL consultato il 13 maggio 2008.
  4. ^ (JA) Film - Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso (DVD), shogakukan.co.jp. URL consultato il 3 aprile 2014.
  5. ^ (JA) Videocassetta - Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso, conan.aga-search.com. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  6. ^ (JA) Film - Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso [DVD], amazon.co.jp. URL consultato il 3 aprile 2014.
  7. ^ (JA) Film - Detective Conan - Conto alla rovescia verso il Paradiso (Blu-ray Disc), amazon.co.jp. URL consultato il 3 aprile 2014.
  8. ^ (JA) Detective Conan - Il film - Conto alla rovescia verso il Paradiso - Prima parte, skygarden.shogakukan.co.jp. URL consultato il 21 febbraio 2010.
  9. ^ (JA) Detective Conan - Il film - Conto alla rovescia verso il Paradiso - Seconda parte, skygarden.shogakukan.co.jp. URL consultato il 21 febbraio 2010.
  10. ^ (JA) Detective Conan - Il film - Conto alla rovescia verso il Paradiso, skygarden.shogakukan.co.jp. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  11. ^ (JA) Shōnen Sunday S (Super) - Numero di marzo, shogakukan.co.jp. URL consultato il 27 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]