Derorhynchinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Derorhynchinae[1]
Immagine di Derorhynchinae mancante
Classificazione classica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Metatheria
Superordine Ameridelphia
Ordine Didelphimorphia
Famiglia Didelphidae
Sottofamiglia Derorhynchinae McKenna & Bell, 1997
Classificazione filogenetica
Famiglia Derorhynchidae

I Derorhynchinae (McKenna & Bell, 1997) erano considerati una sottofamiglia della famiglia Derorhynchidae (Paula Couto, 1962) di mammiferi marsupiali estinti, affine agli odierni opossum.[2] Successivamente ad una revisione tassonimoca, il nome scientifico risulta non più valido e vengono ricompresi come sinonimo della famiglia Didelphidae.[3]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La sottofamiglia Derorhynchinae ha tradizionalmente goduto del rango di famiglia: tuttavia una revisione tassonomica effettuata dagli studiosi McKenna e Bell ritenne più opportuno riclassificare le specie ascritte alla famiglia Derorhychidae come appartenenti a una sottofamiglia, Derorhychinae appunto, nell'ambito della famiglia dei Didelfidi.[4] Un ulteriore revisione fatta nel 1988 da Marshall and de Muizon, porta il taxon allo stato di "non valido" e desueto.[3]

Nella famiglia Derorhynchidae era presente Derorhynchinae come sola sottofamiglia, nella quale erano ricompresi due generi ed altrettante specie:

Alcuni reperti fossili ascrivibili a membri di questo taxon sono stati rinvenuti sull'Isola di Seymour, nella penisola antartica.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gardner, Alfred (November 16, 2005). Wilson, D. E., and Reeder, D. M. (eds) Mammal Species of the World, 3rd edition, Johns Hopkins University Press, 19-20. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b (EN) Derorhynchidae, The Paleobiology Database. URL consultato il 19 luglio 2015.
  3. ^ a b c (EN) Derorhynchinae (disused), The Paleobiology Database. URL consultato il 15 maggio 2013.
  4. ^ McKenna, M.C., y Bell, S.K. (1997). Classification of Mammals Above the Species Level. Columbia University Press, New York.
  5. ^ (EN) Minusculodelphis, su paleodb.org. URL consultato il 15 maggio 2013.
  6. ^ (EN) Francisco J. Goin, Judd A. Case e Michael O. Woodburne, New Discoveries of “Opposum-Like” Marsupials from Antarctica (Seymour Island, Medial Eocene), in Journal of Mammalian Evolution, vol. 6, nº 4, 1º dicembre 1999, pp. 335-365, DOI:10.1023/A:1027357927460. URL consultato il 19 luglio 2015.
Zoologia Portale Zoologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di zoologia