Derby dell'Etruria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Derby calcistici in Italia.

Posizione di Arezzo e Perugia, rispettivamente città sedi delle squadre di calcio dell'Arezzo e del Perugia. Pur non essendo un derby in senso letterale, la sfida pone di fronte due società distanti geograficamente poco più di 90 km.

Il derby dell'Etruria è la definizione colloquiale sotto cui ricade ogni incontro calcistico che vede contrapposte le formazioni dell'Arezzo e del Perugia.

Pur non essendo un derby nel senso stretto del termine, costituisce una delle maggiori rivalità sportive dei rispettivi club, per via della relativa vicinanza delle due città – le quali, nonostante l'odierna appartenenza a due diverse regioni, in passato ricadevano entrambe sotto lo storico territorio dell'epoca augustea. Comunemente chiamato anche derby umbro-toscano, è segnato da un antagonismo molto sentito da ambedue le parti, nato nel 1975 per ragioni prettamente sportive.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'Arezzo del 1973-1974

Dalla metà degli anni 1970 ogni sfida calcistica tra Arezzo e Perugia è intesa come un derby a causa d'una rivalità sorta per motivi unicamente calcistici – dato che precedentemente c'erano perfino buoni rapporti tra le due tifoserie. Questa affonda le radici nella sfida dell'11 maggio 1975, quando entrambe le formazioni militavano in Serie B.

Tifosi perugini negli anni 1970

Nella stagione precedente il presidente aretino Montaini contribuì a evitare ai perugini una possibile retrocessione a tavolino, testimoniando a favore della società biancorossa per scagionarla dall'accusa di tentativo d'illecito in cui era finita quando, nell'ultima giornata del campionato cadetto 1973-1974, fu ritrovata a Parma una valigetta contenente venti milioni di lire: quei soldi, secondo l'accusa del giudice sportivo, sarebbero serviti ai grifoni per "comprare" la partita contro il Parma, che gli umbri, in piena lotta salvezza, vinsero, risultato decisivo per la loro permanenza in B. Montaini dichiarò di trovarsi quel giorno lui stesso a pranzo col presunto intermediario biancorosso, e che quindi quei soldi erano del tutto estranei alla gara di Parma. Tutto ciò evitò al Perugia possibili conseguenze penali.

Nel torneo di Serie B 1974-1975 le due squadre si ritrovarono quindi nuovamente nella stessa categoria. A fine campionato era in programma Perugia-Arezzo allo stadio Santa Giuliana del capoluogo umbro: in quell'11 maggio i padroni di casa erano lanciati verso la prima promozione in Serie A della loro storia, mentre gli ospiti avevano bisogno di almeno un punto per potersi salvare da un'incombente caduta in Serie C1; la partita finì 3-2 per i biancorossi, dopo che gli amaranto erano passati due volte in vantaggio, risultato che decretò di fatto la promozione degli umbri e la retrocessione dei toscani. Da quell'incontro scaturì un'incomprensione che divise per sempre le due città, dato che gli aretini chiedevano una sorta di restituzione del "favore" dell'anno precedente, mentre i perugini inseguirono il sogno della massima serie, scatenando una coda di polemiche senza fine.

Ultras aretini negli anni 1970

Si dovrà aspettare otto anni prima di rivedere di fronte i due club, nella stagione cadetta del 1982-1983, e quando ciò avvenne nulla fu più come prima, tra rancori e sete di "vendetta". Nella Serie B 1985-1986 i ruoli s'invertirono: il 15 giugno allo stadio Renato Curi di Perugia, quando le squadre si affrontarono nell'ultima giornata di campionato, stavolta erano gli umbri ad aver bisogno di vincere per sperare nella permanenza in cadetteria, ma i gol di Ugolotti e Facchini diedero la vittoria ai toscani nonostante non fossero più in corsa per nessun obiettivo, condannando il Perugia alla retrocessione. Nell'estate di quella stessa annata, i biancorossi vennero poi ulteriormente declassati in Serie C2 per il loro coinvolgimento nello scandalo del Totonero-bis.

Il Perugia del 1974-1975

Le compagini si ritrovarono nella Serie C1 1990-1991 prima di una lunga pausa durata quattordici anni, fino al campionato di Serie B 2004-2005 in cui il Perugia tornava dopo una discreta presenza in Serie A. Questa volta il derby fu appannaggio dei biancorossi che vinsero sia l'andata sia il ritorno; la vittoria ad Arezzo avvenne peraltro proprio il giorno dell'inaugurazione della nuova curva Sud degli ultras amaranto (intitolata allo scomparso calciatore aretino Minghelli). In quell'occasione tutta la città toscana venne letteralmente blindata come se si trattasse di una partita di massima serie, dato l'alto pericolo di scontri tra i tifosi delle due fazioni.

Nell'estate del 2010 entrambe le società fallirono e si ritrovarono a dover ricominciare dalla massima categoria dilettantistica, assieme, nel girone E della Serie D 2010-2011. Nella partita di andata in Toscana il Perugia vinse di nuovo, dopo quella del 2004, per 0-1. A fine stagione i biancorossi tornarono subito tra i professionisti vincendo il campionato, mentre l'Arezzo rimase bloccato nei dilettanti. L'ultima sfida rimane la partita di ritorno di quel torneo, giocata in Umbria il 13 marzo 2011 e finita 1-1.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati di tutti gli incontri tra i due club, a partire dalla nascita della rivalità nel 1975, sono i seguenti:

Arezzo-Perugia 1-1
Perugia-Arezzo 3-0
Perugia-Arezzo 1-1
Arezzo-Perugia 0-0
Arezzo-Perugia 1-0
Arezzo-Perugia 0-0
Perugia-Arezzo 0-0
Arezzo-Perugia 1-0
Perugia-Arezzo 0-2
Arezzo-Perugia 0-0
Perugia-Arezzo 2-1
Arezzo-Perugia 1-2
Perugia-Arezzo 1-0
Perugia-Arezzo 0-0 (3-4 dcr)
Perugia-Arezzo 1-1
Arezzo-Perugia 1-0
Perugia-Arezzo 1-0
Arezzo-Perugia 0-0
Perugia-Arezzo 0-0
Arezzo-Perugia 1-1
Arezzo-Perugia 0-1
Perugia-Arezzo 1-1

con l'aggiunta di altri eventuali incontri nella Coppa Italia Serie C 1989-1990.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Gare a Perugia Gare ad Arezzo Totale
Competizione Gare Vittorie Perugia Pareggi Vittorie Arezzo Reti Perugia Reti Arezzo Gare Vittorie Arezzo Pareggi Vittorie Perugia Reti Arezzo Reti Perugia Gare Vittorie Perugia Pareggi Vittorie Arezzo Reti Perugia Reti Arezzo
Serie B 5 2 2 1 5 3 5 1 3 1 3 3 10 3 5 2 8 6
Serie C1 4 2 2 0 4 2 4 1 3 0 2 1 8 2 5 1 5 4
Totale campionati professionistici 9 4 4 1 9 5 9 2 6 1 5 4 18 5 10 3 13 10
Serie D 1 0 1 0 1 1 1 0 0 1 0 1 2 1 1 0 2 1
Totale campionati 10 4 5 1 10 6 10 2 6 2 5 5 20 6 11 3 15 11
Coppa Italia 1 0 1 0 0 0 1 1 0 0 1 0 2 0 1 1 0 1
Totale competizioni professionistiche 10 4 5 1 9 5 10 3 6 1 6 4 20 5 11 4 13 11
Totale 11 4 6 1 10 6 11 3 6 2 6 5 22 6 12 4 15 12

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Sciurpa, 20 pezzi da 100 - Perugia e Arezzo: origini di una rivalità, Città di Castello, Edimond, 2012, ISBN 88-500-0541-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]