Delitto e castigo nella Bibbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Bibbia Ebraica contiene un gran numero di eventi e leggi che sono approvate e prescritte dal Dio di Israele, così come altre portate da altre persone. L'Ebraismo insegna che la Torah contiene 613 comandamenti eterni, molti dei quali riguardano la legge e le punizioni, su scala individuale e nazionale. Il Cristianesimo ha adattato e fatte proprie molte di queste direttive. Inoltre, il testo usa espressamente eventi nazionali ed individuali come racconti morali e per illustrare la potenza di Dio.

Un esempio significativo lo troviamo in 1 Samuele:

« Poi Samuele disse a Saul: «L'Eterno mi ha mandato per ungerti re sopra il suo popolo, sopra Israele; ora dunque ascolta le parole dell'Eterno. Così dice l'Eterno degli eserciti: Io punirò Amalek per ciò che fece a Israele quando gli si oppose per via, mentre usciva dall'Egitto. Ora va', colpisci Amalek e vota allo sterminio tutto ciò che gli appartiene senza avere alcuna pietà di lui, ma uccidi uomini e donne, fanciulli e lattanti, buoi e pecore cammelli e asini». »   (1 Samuele 15,1-3)

Nel libro dell'Esodo[modifica | modifica wikitesto]

Mosè, prima dell'esodo dall'Antico Egitto, di cui era a capo il Faraone, in cui vediamo le piaghe d'Egitto (Esodo 7-11).

I Midianiti[modifica | modifica wikitesto]

Il popolo di Midian insieme a Moab cominciarono ad interagire col popolo di Israele, relazioni sessuali comprese:

« Mentre Israele si trovava a Scittim, il popolo cominciò a darsi alla fornicazione con le figlie di Moab. Esse invitarono il popolo ai sacrifici dei loro dèi, e il popolo mangiò e si prostrò davanti ai loro dèi. »   (Num 25,1-2)

Per queste trasgressioni, i Midianiti furono attaccati da Mosé ed i suoi seguaci. Gli uomini e le donne non vergini furono uccisi, le vergini furono fatte prigioniere:

« Poi l'Eterno parlò a Mosè, dicendo: «Vendica i figli d'Israele contro i Madianiti; poi sarai riunito al tuo popolo». Allora Mosè parlò al popolo, dicendo: «Alcuni uomini fra di voi si armino per la guerra e marcino contro Madian per eseguire la vendetta dell'Eterno su Madian. Manderete in guerra mille uomini per tribù, di tutte le tribù d'Israele». Così furono reclutati fra le divisioni d'Israele mille uomini per tribù, cioè dodicimila uomini, armati per la guerra. Mosè li mandò quindi in guerra, mille uomini per tribù, assieme a Finehas, figlio del sacerdote Eleazar, che aveva in mano gli strumenti sacri e le trombe d'allarme. E combatterono contro Madian come l'Eterno aveva ordinato a Mosè, e uccisero tutti i maschi. Assieme alle vittime da loro fatte, essi uccisero anche i re di Madian: Evi, Rekem, Tsur, Hur e Reba, i cinque re di Madian; uccisero pure con la spada Balaam, figlio di Beor. I figli d'Israele presero prigioniere anche le donne di Madian e i loro fanciulli, e depredarono tutto il loro bestiame, tutte le loro greggi e tutti i loro beni; poi incendiarono tutte le città dove abitavano e tutte le loro fortezze, e presero tutte le spoglie e tutta la preda, gente e bestiame; quindi portarono i prigionieri, la preda e le spoglie a Mosè, al sacerdote Eleazar e all'assemblea dei figli d'Israele, accampati nelle pianure di Moab, presso il Giordano, sulla sponda opposta a Gerico. Mosè, il sacerdote Eleazar e tutti i principi dell'assemblea uscirono ad incontrarli fuori dell'accampamento. Ma Mosè si adirò contro i comandanti dell'esercito, capi di migliaia e capi di centinaia, che tornavano da quella spedizione di guerra. Mosè disse loro: «Avete lasciato in vita tutte le donne? Furono esse, dietro suggerimento di Balaam, a far peccare i figli d'Israele contro l'Eterno, nel fatto di Peor per cui scoppiò la calamità nell'assemblea dell'Eterno. Or dunque uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che ha avuto rapporti sessuali con un uomo, ma conservate in vita per voi tutte le fanciulle che non hanno avuto rapporti sessuali con uomini.  »   (Num 31,1-18)

Il testo non descrive in modo specifico in quale modo le vergini siano state trattate successivamente.

Punizioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

La moglie di Lot
  • Canaan fu condannato a diventare uno schiavo (un servitore di un servitore) da Noé. Questo come punizione per Ham, padre di Canaan per aver visto la nudità di suo padre, cioè la nudità di Noé. Secondo alcune opinioni tradizionali, questa frase Biblica è un eufemismo significante stupro o castrazione. Molti moderni critici della Bibbia, tuttavia, negano ciò.
  • La moglie di Lot fu trasformata in una statua di sale, si presume ad opera di Dio, per aver guardato dietro mentre fuggiva da Sodoma. La famiglia di Lot era stata avvertita in modo specifico di non guardare la distruzione delle malvagie genti di Sodom.
  • Onan fu ucciso da Dio per aver rifiutato di portare avanti la linea familiare nel contesto del proprio matrimonio con la vedova di Er, praticando invece il coito interrotto. (Libro della Genesi 38:5)

Esempi di pena di morte[modifica | modifica wikitesto]

La bibbia prescrive la pena di morte per le seguenti attività, tra le altre:

Punto di vista contemporaneo[modifica | modifica wikitesto]

Da un punto di vista contemporaneo, alcune delle punizioni e leggi descritte nella Bibbia sono viste come moralmente discutibili, e/o addirittura ripugnanti. Alcuni tipici punti di critica del codice legale biblico includono:

  • tacito consenso per alcune forme di schiavitù; contiene molte leggi e procedure che riguardano gli schiavi;
  • severità sui rapporti omosessuali, vista come fuori luogo da alcuni gruppi;
  • sostegno verso la pena di morte e la sua restrizione ai casi di adulterio femminile sono spesso visti sotto una luce simile;
  • permissività verso la poligamia.

Anche tra i sostenitori della pena di morte, molti dei crimini che la Bibbia cataloga come punibili con la morte non sono visti come giustificanti tale punizione. Alcuni esempi sono l'adorazione degli idoli, così come il crimine di insultare o parlar male dei propri parenti.

Molte delle punizioni militari registrate nella Bibbia sarebbero oggi viste come crimini di guerra o crimini contro l'umanità, o comunque non giustificabili ed eccessive. Questi eventi sono a volte etichettati come atrocità dai critici della Bibbia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]