Delfshaven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Delfshaven
località
Delfshaven – Stemma
Delfshaven – Veduta
Il porto
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaFlag Zuid-Holland.svg Olanda Meridionale
ComuneRotterdam
Territorio
Coordinate51°54′26″N 4°26′54″E / 51.907222°N 4.448333°E51.907222; 4.448333 (Delfshaven)Coordinate: 51°54′26″N 4°26′54″E / 51.907222°N 4.448333°E51.907222; 4.448333 (Delfshaven)
Superficie5,96 km²
Abitanti75 835 (2017)
Densità12 723,99 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale1079, 2611, 2678, 2994, 3011–3016, 3021
Prefisso010
Fuso orarioUTC+1
Codice CBS1040
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Delfshaven
Delfshaven

Delfshaven è un quartiere di Rotterdam sulla riva destra della Nuova Mosa. Conta 75.835 abitanti su una superficie di 5,96 km². Si è sviluppato sul porto fluviale a circa 13 km a nord della città di Delft e nel 1811 divenne comune indipendente, per essere poi assorbito nel 1886 da Rotterdam, con la quale è cresciuto.[1]

Il porto di Delfshaven oggi non è più in servizio, ma funge da museo portuale. Lo circondano i vicini e numerosi musei e case antiche ristrutturate, cosicché Delfshaven è uno dei pochi quartieri di Rotterdam, che appartengono ancora a una Città vecchia intatta.

Particolari monumenti sono la chiesa dei Pellegrini, nella quale questi assistevano alla loro ultima Messa prima della partenza, il monumento a Piet Pieterszoon Hein, il cantiere della nave De Delft, nel quale la nave fu costruita dal modello originale del 1773 e il Dubbelde Palmboom, il museo della storia della città di Rotterdam. Nei dintorni sono presenti numerosi bar e ristoranti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il porto nacque nel 1389. Delft, che non è sul mare, costruì a 13 km a sud della città un porto, per poter partecipare direttamente al commercio marittimo e non dover più pagare dogana e tributi a Rotteram. Presupposto necessario per questo era la costruzione del Delfshavense Schie, un canale che collegasse Delft alla Nuova Mosa. La città patì per la guerra tra Hoeken e Kabeljauwen e poté iniziare a prosperare economicamente solo dall'inizio del XV secolo.

I rami economici più importanti erano la pesca, la caccia alla balena, la cantieristica navale e la distillazione del ginepro. Per questo la città aveva numerosi mulini per macinare segala e orzo, già andati distrutti dei quali uno fu ricostruito nel 1986, il mulino a vento De Distilleerketel.

La Compagnia olandese delle Indie orientali aveva importanti arsenali nel quartiere. Nel luglio 1620 una parte dei Padri Pellegrini lasciò Delfshaven con la nave Speedwell.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Una particolarità per la stessa Rotterdam è rappresentata dall'elevata quota di popolazione alloctona. A Delfshaven ammonta al 71,5 % (nel rione Spangen persino 87 %). I gruppi più numerosi sono i Turchi, i Marocchini e i Surinamesi, che costituiscono ciascuno circa il 20 % della popolazione.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN195367728
Olanda Portale Olanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Olanda